Loading Content...

Occhi sono la porta

Loading...


Unique profiles
93
Most used tags
Total likes
0
Top locations
Like + Comment, Comune Di Monticello, Graz, Austria
Average media age
979.8 days
to ratio
32.3
Che bello sentirsi...toccarsi..reciprocamente amarsi:.voler possedere di quella persona ...
Media Removed
Che bello sentirsi...toccarsi..reciprocamente amarsi:.voler possedere di quella persona Tutto...il suo corpo...la pelle....ma,piu' di tutto la Sua testa e cuore. Quando si e' capaci di Amare si ama come viene. I pregiudizi di chi crede che l'Amore debba,essere in un certo modo e,dire ... Che bello sentirsi...toccarsi..reciprocamente amarsi:.voler possedere di quella persona Tutto...il suo corpo...la pelle....ma,piu' di tutto la Sua testa e cuore.
Quando si e' capaci di Amare si ama come viene. I pregiudizi di chi crede che l'Amore debba,essere in un certo modo e,dire determinate cose viene distrutto...ci si riconosce in quella passione e amore.
Si' xche' l'Amore e' anche passione e la passione senza Amore e Amare non e'nulla....se non carne che brucia e il cui risultato e' sofferenza e tanto fumo.
L'Amore e' spontaneita'...e' naturalezza...e' un insieme di ingredienti che mischisti produce magia.
Non ci sono parole ...non ci sono regole e formule magiche x dire l'Amore cosa debba,essere e quando si debba accendere o spegnere.
L'Amore va' semplicemente vissuto...sentito.
Chiudi gli occhi
Apri la porta del Tuo cuore
Non vergognarti di sentire nascere in te il desiderio della,travolgente passione che solo l'Amore conosce: due corpi caldi...due cuori impazziti che si cercano...due labbra in cerca di un bacio caldo ...un abbraccio forte che la faccia,sentire sempre protetta.
QUESTO X ME E' AMORE (Tratto dal romanzo di Elyarcobaleno)
Read more
Loading...
Perché la nonna è amore, coccole, casa. È quell’abbraccio in cui chiudi gli occhi per stringerla ...
Media Removed
Perché la nonna è amore, coccole, casa. È quell’abbraccio in cui chiudi gli occhi per stringerla a te, in cui cerchi di trasmetterle tutto l’amore che hai. Sono quelle mani eternamente calde anche quando fuori c’è la neve, perché saranno sempre pronte a scaldare le tue che invece sono ... Perché la nonna è amore,
coccole,
casa.
È quell’abbraccio in cui chiudi gli occhi per stringerla a te, in cui cerchi di trasmetterle tutto l’amore che hai. Sono quelle mani eternamente calde anche quando fuori c’è la neve, perché saranno sempre pronte a scaldare le tue che invece sono gelide. Sono quei pranzi per dieci persone anche se si è solo in cinque, perché lei cucina anche ‘in caso di imprevisto’, per quei parenti che potrebbero sbucare improvvisamente dalla porta della cucina, ad ora di pranzo. La nonna è un sentimento che ti riscalda l’anima, sia d’inverno che d’estate, con la pioggia o con il sole, perché se la guardi ti vien solo da sorriderle, riconoscente di quanto lei faccia per te ogni giorno. ❤️ #bellissime #viamotantotanto💘
Read more
Ieri, con l'aiuto dei miei piccoli aiutanti di lana, ho chiuso gli ultimissimi pacchettini per ...
Media Removed
Ieri, con l'aiuto dei miei piccoli aiutanti di lana, ho chiuso gli ultimissimi pacchettini per i vostri regali di Natale e per questo vi voglio dire un immenso G R A Z I E perché lasciate che un pezzetto di me, del mio lavoro, del mio sogno, diventi parte della vostra quotidianità; perché ... Ieri, con l'aiuto dei miei piccoli aiutanti di lana, ho chiuso gli ultimissimi pacchettini per i vostri regali di Natale e per questo vi voglio dire un immenso
G R A Z I E
perché lasciate che un pezzetto di me, del mio lavoro, del mio sogno, diventi parte della vostra quotidianità;
perché scorgere i vostri occhi a cuoricino quando guardate i miei amigurumi è impagabile;
perché regalate ai vostri bimbi un oggetto che è frutto di tante ore di lavoro e di tanto amore;
perché i "guarda dove ho appeso la giostrina" e "il mio bimbo porta la tua giraffina ovunque" e "ne hanno regalata una quando è nata la mia bimba e adesso ne regalo io una a mia sorella che sta per partorire" sono i più bei regali che possa ricevere ❤
.
Per i prossimi giorni prenderò una brevissima pausa dall'uncinetto per passare le feste con la mia famiglia e i miei amici e spero che tutti voi possiate fare lo stesso 🎅
Read more
A differenza di Biro, ho sempre avuto un pessimo rapporto col sonno. ~ Da bambina pregavo i miei ...
Media Removed
A differenza di Biro, ho sempre avuto un pessimo rapporto col sonno. ~ Da bambina pregavo i miei di lasciare la luce accesa in corridoio dicendo che avevo paura, ma in realtà mi mettevo in fondo al letto, accanto alla porta, a leggere finché non mi si chiudevano gli occhi. ~ Intorno ai vent'anni, ... A differenza di Biro, ho sempre avuto un pessimo rapporto col sonno.
~
Da bambina pregavo i miei di lasciare la luce accesa in corridoio dicendo che avevo paura, ma in realtà mi mettevo in fondo al letto, accanto alla porta, a leggere finché non mi si chiudevano gli occhi.
~
Intorno ai vent'anni, quando ho attraversato il mio primo momento di depressione, ogni notte avevo incubi terribili. Iniziai a fare di tutto per addormentarmi il più tardi possibile, ad esempio preparare gli esami fino alle sei del mattino.
~
Poi sono arrivati il lavoro, lo stress, l'affitto, le bollette, l'ansia da prestazione, il femminismo e Netflix: la situazione è precipitata e l'insonnia è diventata la mia migliore e inseparabile nemica.
~
Ora, però, qualcosa sta cambiando. Tornare ad avere un letto matrimoniale, dopo un mese in cui fingevi di stare comoda in due in una piazza e mezzo, sicuramente aiuta. Ma vivere di nuovo in una casa che senti nido è quello che fa davvero la differenza. 😴

#sonnonuntetemo #bestbed #kingsize #sonno #sleeping #sleepingbeauty #insomnia
Read more
 #Pensiero #Positivo per iniziare bene la giornata! Oggi celebriamo la Legge #Spirituale del ...
Media Removed
#Pensiero #Positivo per iniziare bene la giornata! Oggi celebriamo la Legge #Spirituale del MINIMO SFORZO Che cosa vuole dire Responsabilità? Deepak Chopra ci ha dato una nuova definizione : l'abilità di rispondere alla vita, riconoscere che ogni situazione è un'opportunità ... #Pensiero #Positivo per iniziare bene la giornata!

Oggi celebriamo la Legge #Spirituale del MINIMO SFORZO ❤

Che cosa vuole dire Responsabilità?

Deepak Chopra ci ha dato una nuova definizione :
l'abilità di rispondere alla vita,
riconoscere che ogni situazione è un'opportunità per sanare, trasformare e risvegliare il nostro vero Io.

La Legge Spirituale del MINIMO SFORZO ci ricorda di accettare la responsabilità per le scelte e le azioni che abbiamo preso nel passato e per quelle che sono disponibili nel presente.
Senza aver bisogno di sforzare gli eventi

METTERE IN PRATICA :
Siediti in modo comodo e chiudi gli occhi
Porta la tua attenzione al tuo respiro
Non giudicare i tuoi pensieri, non giudicare il tuo respiro
Rimani nel momento presente cosi come è...
Senza sforzare

Apriti alla tua abilità di rispondere alla vita!

Ad una vita con meno #stress più #vitalità e più #gioia ! 😍
Buon mercoledi ad amare te stessa!
Namaste ॐ 💖

Sophia
www.sophialuypaert.com
Read more
Guardami negli occhi e spiegami la vita che sono 25 anni che non l’ho capita.. Come si comprende ...
Media Removed
Guardami negli occhi e spiegami la vita che sono 25 anni che non l’ho capita.. Come si comprende il tempo ed il futuro. Cosa costruire ? Perché costruire ? Guardami negli occhi e spiegami le cose.. ..perché faccio litigate con chi mi vuol bene , dimmi perché il vento non porta via il dolore ... Guardami negli occhi e spiegami la vita che sono 25 anni che non l’ho capita..
Come si comprende il tempo ed il futuro.
Cosa costruire ?
Perché costruire ?
Guardami negli occhi e spiegami le cose.. ..perché faccio litigate con chi mi vuol bene , dimmi perché il vento non porta via il dolore mai !
Guardami negli occhi spiegami l’amore, dicono che è autentico se sopravvive non al tempo ma a tutte le ferite. 🖤

#A.A #10
Read more
Loading...
M’immagino questo groviglio di alberi come se fossero tante diverse strade. C’è la strada che ...
Media Removed
M’immagino questo groviglio di alberi come se fossero tante diverse strade. C’è la strada che porta a Nord, quella che porta a Sud, c’è la strada che tutti prendono, quella della sicurezza, hai infinite possibilità.. Infinite avventure da vivere. Io mi sono trovata ad un bivio e ho scelto ... M’immagino questo groviglio di alberi come se fossero tante diverse strade.
C’è la strada che porta a Nord, quella che porta a Sud, c’è la strada che tutti prendono, quella della sicurezza, hai infinite possibilità..
Infinite avventure da vivere.
Io mi sono trovata ad un bivio e ho scelto la strada meno sicura.
È tortuosa, pericolosa, devi camminarci con gli occhi belli aperti perché è tutto un punto interrogativo.
Ma alla fine è proprio questo il bello, no?
Ripercorrere la stessa strada, per anni e anni, non sapendo mai cosa accadrà, ma con la consapevolezza che è l’unica strada che porta alla felicità.
La prima strada dove ho camminato, l’unica che voglio continuare a percorrere per il resto della mia vita.

#lastradapervederlestelle✨
Read more
Non sono come credi E tra certi modi ingenui ho chiuso un universo che Tu non riesci a decifrare ...
Media Removed
Non sono come credi E tra certi modi ingenui ho chiuso un universo che Tu non riesci a decifrare in nessun caso Sono un rompicapo da risolvere (Ma non riesci a capire) Lo so che spesso divago E che alle volte sparisco E non ho la fama di un mago. Se hai dubbi chiedi Ma non spero di convincere ... Non sono come credi
E tra certi modi ingenui ho chiuso un universo che
Tu non riesci a decifrare in nessun caso
Sono un rompicapo da risolvere
(Ma non riesci a capire)
Lo so che spesso divago
E che alle volte sparisco
E non ho la fama di un mago.

Se hai dubbi chiedi
Ma non spero di convincere nessuno a parte me
L'equazione porta a più di un risultato
Ed il caso non te lo fa scegliere
(E non riesci a capire)

Ed ho una lista di ansie lunga più di una limousine
A che eravamo rimasti
Ho dei problemi con l'ego
Mi ami ma intanto detesti
Che quando chiami mi nego.

Ognuno in fondo ha qualche cosa da nascondere.

Sono il tuo criminale emozionale
Apri gli occhi se sto vicino
Percepisco che vuoi difenderti
Ma se faccio click, sono TNT
E te lo giuro che perfetto non lo sono stato mai
La gente crede nell'aspetto e nell'effetto che gli fai
E l'illusione che dai
(E l'impressione che fai)
Dell'illusione che dai.
#criminaleemozionale #ghemon #musica #music #spotify #playlist #song #indieitalia @ghemonofficial
Read more
Loading...
Brutta cosa sono gli ex. E le ex. Che ti tolgono un sacco di modi di essere. Ti tolgono le foto su ...
Media Removed
Brutta cosa sono gli ex. E le ex. Che ti tolgono un sacco di modi di essere. Ti tolgono le foto su Facebook in due. Ti tolgono i sorrisi più forti. Alle nuove coppie, che vengono dopo, tolgono un sacco di leggerezza. Ti regalano molto anche. La paura per esempio. La paura di non essere ... Brutta cosa sono gli ex.
E le ex.
Che ti tolgono un sacco di modi di essere.
Ti tolgono le foto su Facebook in due.
Ti tolgono i sorrisi più forti.
Alle nuove coppie, che vengono dopo, tolgono un sacco di leggerezza.
Ti regalano molto anche.
La paura per esempio.
La paura di non essere all’altezza.
La paura che tutto si rompa.
Il senso del ‘già successo’ che brama, un pasto dopo l’altro, un bicchiere rotto. Aspetta di nascosto e attacca quando sposti un piatto.
‘Forse dovremo lasciarci’ ti dici, perché è già successo.
Ti regalano brutti sogni, tutti uguali, l’incapacità di lasciarsi andare.
Brutta storia sono le ex.
E gli ex.

Sono fortunata io, che me ne fotto del passato perché il passato non esiste e la tua faccia la vorrei appendere sull’uscio della mia porta di casa per dire a tutti “Guardate gente, mi sono innamorata!”
Ma non lo faccio perché so che al ricordo delle tue ex darebbe fastidio e finirebbe che ci disegnerebbero sopra un pisello o i baffi e io ci tengo alla tua faccia.

Allora mi tengo stretta negli occhi tutte le canzoni che ti canterò e le poesie che mi dedicherai per quando saremo abbastanza grandi e abbastanza vicini da non avere più quello spazio a cuscino tra me e te che si chiama ‘controllo’. Che è un’altra cosa che ti lasciano, insieme a quella vecchia tazza, gli ex e le ex, poggiato sulla stessa mensola, accanto alla foto degli ananas. {La foto è uno splendido scatto di Federica Micoli: @closetteblog}
Read more
Day 4: il fisico non risponde più. Sonno e etanolo misti ad una stanchezza latente sono gli ingredienti ...
Media Removed
Day 4: il fisico non risponde più. Sonno e etanolo misti ad una stanchezza latente sono gli ingredienti per il perfetto disastro. Ed è così che #zallo decide di salire in cattedra e tornare agli antichi fasti di Pag. Dopo un quantitativo non indifferente di vino e birra trova la sua vecchia ... Day 4: il fisico non risponde più. Sonno e etanolo misti ad una stanchezza latente sono gli ingredienti per il perfetto disastro. Ed è così che #zallo decide di salire in cattedra e tornare agli antichi fasti di Pag. Dopo un quantitativo non indifferente di vino e birra trova la sua vecchia nemica,la vodka. Se c'è una cosa da non lasciare mai in mano a zallo,e per nessuna ragione al mondo,è proprio il super alcolico russo. Appena usciti di casa la situazione è chiara:non tornerà con le sue gambe.
Resiste in ogni modo,ma alla fine cade,eroico su una panchina. Al suo fianco non trova i soliti amici ma un gruppo di Salerno,che cercava un telefono. #Alio si era ritirato prematuramente,mentre ciccio #zioly e il #divino decidevano di rovinare la serata ad una coppietta che cercava intimità sulla spiaggia con qualsiasi mezzo.
Il risveglio è stato un calvario,malox e biochetasi gli unici strumenti a disposizione per combattere i postumi.
Ed è nel tragitto che ci porta all'oceanografico,dove siamo stati a portare altri 11 pesci,nelle vasche,che #Ciccio regala una delle sue perle,sfoggiando una conoscenza scientifica che nessuno gli attribuirebbe: "a za,l'unico modo pe non ave i postumi,è continua a beve".
Inutile dire che zallo quando ha aperto gli occhi aveva un cimitero in bocca,e che ancora a quest'ora ha gli occhi gialli.
Se chi legge questo post,segue @felicemaduro99 sa quanto possa essere stata estrema questa notte..
WE ARE BACK!🚀🔥🌊 #Valenciaga #Zsm
Read more
Ci terrei tanto che la si smettesse di vedere ogni singola cosa con una tale superficialità che nessuno, ...
Media Removed
Ci terrei tanto che la si smettesse di vedere ogni singola cosa con una tale superficialità che nessuno, al giorno d’oggi, dovrebbe possedere. Sono tanti i messaggi che mi sono arrivati in questi giorni riguardanti la situazione che si è creata e tanti di più sono quelli che riguardano il ... Ci terrei tanto che la si smettesse di vedere ogni singola cosa con una tale superficialità che nessuno, al giorno d’oggi, dovrebbe possedere.
Sono tanti i messaggi che mi sono arrivati in questi giorni riguardanti la situazione che si è creata e tanti di più sono quelli che riguardano il mio rapporto con Greta.
Evitiamo di dire che sono qui solo per ricevere attenzioni da lei, evitiamo di dire che è assurdo che io le stia “ancora appresso” (parole vostre).. perché qui il problema lo create voi, non affatto io.
Smentiamo questa folle idea che un rapporto non possa crearsi se ad ostacolarlo ci sono dei chilometri, cosa è la distanza se c’è un sentimento di mezzo? Nulla, è letteralmente pari al nulla.
È iniziato tutto per caso, mai avrei pensato di poter arrivare a tutto ciò.. ho imparato a non considerarla più solo un personaggio pubblico, bensì Greta.. neanche Greta Menchi, solo Greta. E mai, dico mai, da quando è entrata a far parte della mia vita, ho pensato di lasciarla andare.
Apprezzare i contenuti portati su YouTube ed apprezzare la persona che li porta sono due cose completamente diverse, ricordatevelo. Non è questione di esserle ancora appresso, è questione di esserci e basta.
Se vuoi bene a qualcuno, non lo lasci neanche se te lo chiede. Non importa cosa decida di fare, quale strada decida di intraprendere, che decida di cantare, ballare, suonare... che decida di cucinare o di aprire un negozio da parrucchiere. Se vuoi bene ad una persona, chiunque essa sia, fai la promessa di esserci qualsiasi cosa accada.
Sapete, volevo anche parlare del nome della pagina... la perfezione.
È un qualcosa di nettamente retorico... Pff, chi è perfetto? Esiste davvero la perfezione? Molto probabilmente no, e se esistesse sarebbe veramente noiosa, ma per me lei ha sempre rappresentato il canone di bellezza ideale, quello che vorrei raggiungere un giorno, perché secondo i miei occhi e il mio cuore, non ha nulla che non va. È stata, ed è, il mio punto di riferimento ed il mio esempio più grande: disponibilità, purezza, onestà.
m a g i a.
Detto ciò, vorrei solo ricordarvi di non fermarvi mai all’apparenza, perché inganna... Dio se inganna. -Fiby x
Read more
Piccola mia, oggi è il tuo compleanno. Non riesco ancora a crederci eppure oggi fai un anno. 10 mesi ...
Media Removed
Piccola mia, oggi è il tuo compleanno. Non riesco ancora a crederci eppure oggi fai un anno. 10 mesi fa sei entrata nella mia vita e l’hai stravolta completamente, cambiando l’ordine delle mie priorità e piazzandoti al primo posto. Quando ti ho vista per la prima volta eri talmente spaventata ... Piccola mia, oggi è il tuo compleanno. Non riesco ancora a crederci eppure oggi fai un anno. 10 mesi fa sei entrata nella mia vita e l’hai stravolta completamente, cambiando l’ordine delle mie priorità e piazzandoti al primo posto. Quando ti ho vista per la prima volta eri talmente spaventata da non voler uscire da sotto il tavolo e in quel momento ho pensato che non saresti stata affettuosa e dolce, ma mi sbagliavo... In poco tempo sono diventata il rifugio a cui accudisci sempre quando hai paura. Mi hai insegnato com’è essere una mamma, a preoccuparmi per te, a prendermi cura quando stai male, a ridere, a vedere tutto con i tuoi occhi e ad amarti con tutta l’anima. Ricordo ancora le prime notti in cui ti vedevo così piccola e fragile che avevo paura di addormentarmi e schiacciarti. Mi hai dato la possibilità di conoscere la forma più pura dell’amore, un amore disinteressato, un amore incondizionato, profondo che viene dal cuore. Tu piccola mia riesci a spogliarmi di quella corazza che indosso nella mia quotidianità, comprendi le mie parole e soprattutto i miei silenzi. Tu mi dai sempre un motivo per sorridere anche quando tutto è nero e non c’è cosa più bella di dormire abbracciata a te e sentire il tuo cuoricino battere forte forte contro la mia mano. Quando non sono vicina a te non faccio altro che pensare al momento in cui torno a casa e tu sei lì, accanto alla porta pronta a saltarmi in braccio e a farmi le feste. Non ci sono parole per esprimere ciò che provo. Sei parte di me e ti amo come non avrei mai pensato di farlo, sei la mia bambina, il mio tutto, sei perfetta e hai gli occhi più innocenti del mondo. Ti auguro una vita lunga e felice accanto alla tua mammina. Sai è proprio vero che quando Dio finisce le ali ci invia angeli con la coda. Buon Compleanno Elif♥️🐶 #happybirthday #dogbirthday #happybirthdayelif #elif #myangel #cute #iloveyousomuch
Read more
Loading...
Non sono solita fare questo tipo di discorsi e non sono solita vantarmi (anche perché sarei più tranquilla ...
Media Removed
Non sono solita fare questo tipo di discorsi e non sono solita vantarmi (anche perché sarei più tranquilla se facesse il ragioniere) di avere un fidanzato, che come tutti, svolge il suo lavoro e lo ha svolto e lo svolgerà lontano dalla sua famiglia, lontano dagli amici, lontano dal suo letto, ... Non sono solita fare questo tipo di discorsi e non sono solita vantarmi (anche perché sarei più tranquilla se facesse il ragioniere) di avere un fidanzato, che come tutti, svolge il suo lavoro e lo ha svolto e lo svolgerà lontano dalla sua famiglia, lontano dagli amici, lontano dal suo letto, lontano da me. Non sono solita, e non scrivo per questo, elogiare le persone più del dovuto.
Ma ci tenevo a descrivere tutto quello che IO e solo io vedo negli occhi di questo ragazzo quando lo vedo guardarmi, quando mi manda foto come queste prima di andare a lavoro: in questi occhi ci vedo la stanchezza, in questi occhi ci vedo le umiliazioni di tutti quelli che credono che sia un pagliaccio solo perché, ringraziando Dio non ha mai dovuto usare le sue armi, ci vedo lo sconforto, ci vedo la rabbia di non essere compreso, ci vedo l’amore per quello che fa.
L’amore che ci mette quando aiuta un immigrato, anche se a detta sua dovrebbe tornare a casa propria, ma non é quello che pensa davvero; l’amore che ci mette quando si veste e porta orgoglioso i suoi indumenti; l’amore che ci mette quando sostituisce un amico a lavoro rinunciando ad un sabato con me e i suoi amici. Ci vedo l’amore di un ragazzo che si spoglia fisicamente dell’uniforme scout per indossare gli abiti da lavoro e aiuta gli altri. Tutti i lavori sono dignitosi e nessuno più di un altro. Lui questo se lo é scelto, l’ho sentito dire troppe volte come a dire “tanto adesso sono cazzi suoi” ma questo non vuol dire che é giusto biasimare le scelte degli altri, dobbiamo essere più empatici, dobbiamo metterci nei panni degli altri, dobbiamo imparare a vedere dietro le maschere che le persone si costruiscono per apparire più forti, pur rimanendo veri ed integri.
Ti amo, ti basti sapere che sono fiera di quello che sei soprattutto, più di ciò che fai perché per me eri sei anni fa e sei adesso la persona di cui ho più stima, perché ti conosco, ho imparato a leggere nei tuoi occhi e so quello che sei davvero.
#work #proud #ilmiobello
Read more
Quest’anno ho viaggiato tanto per il mondo grazie alla lettura: sono stata nelle Filippine con ...
Media Removed
Quest’anno ho viaggiato tanto per il mondo grazie alla lettura: sono stata nelle Filippine con i racconti sulle “Famiglie ombra” di Mia Alvar (@racconti_ed ) , sono stata in Nigeria con “Culo nero” di Igoni Barrett e in SudAfrica con Hortensia “la signora della porta accanto” di Yewande ... Quest’anno ho viaggiato tanto per il mondo grazie alla lettura: sono stata nelle Filippine con i racconti sulle “Famiglie ombra” di Mia Alvar (@racconti_ed ) , sono stata in Nigeria con “Culo nero” di Igoni Barrett e in SudAfrica con Hortensia “la signora della porta accanto” di Yewande Omotoso (@66thand2nd )ho scrutato le vite nei paesini della provincia argentina grazie ai racconti di Federico Falco (@falco_fed @edizionisur @giulia_zavagna ) e poi ancora in Algeria presso “la libreria della rue charras” (@lormaeditore ) ma verso la fine dell’anno ho avuto voglia di casa, di capirci di più della mia Sicilia, e questo libro è riuscito nell’intento di farmi scoprire una Sicilia fuor da qualsiasi stereotipo - il calore dell’accoglienza, la caponatina, gli occhi azzurri dei normanni, la villetta al mare. La Sicilia è un luogo che viaggiatori di ogni secolo non hanno mai smesso di esplorare ma che deve ancora essere scoperta per davvero. Per questi motivi credo che sia il libro perfetto per #viaggiatori e #giramondi. Ma anche tutti i libri precedenti e “l’inventario delle meraviglie del mondo” sono perfetti! #libriniregalini #libriniregalini3 #minimufax #sicilia #adventcalendar #mariofillioley #neldubbioleggi #leggereindipendente #ceindipendenti #leggeresempre #iointantoleggo #indiebooks #libribelli #continuiamoaleggere #consiglidilettura
Read more
Dovrei dirti che non manchi E che ora non mi tocchi Che ormai sono andato avanti E che ho riaperto ...
Media Removed
Dovrei dirti che non manchi E che ora non mi tocchi Che ormai sono andato avanti E che ho riaperto gli occhi E invece vedo a malapena Provo a scordare quei ricordi, anche se troppi Ma ho pezzi sparsi di te incastrati negli occhi Ultimamente ho preso strane strade Quelle più sbagliate Quelle ... Dovrei dirti che non manchi
E che ora non mi tocchi
Che ormai sono andato avanti
E che ho riaperto gli occhi
E invece vedo a malapena
Provo a scordare quei ricordi, anche se troppi
Ma ho pezzi sparsi di te incastrati negli occhi
Ultimamente ho preso strane strade
Quelle più sbagliate
Quelle più lontane dalla principale
Ultimamente è sempre troppo tardi, troppo avanti
Punto a farmi male pur di non guardare solo vecchi tagli
Non ho mai chiesto nulla di speciale
Questo già lo sai
Ma uno come me porta soltanto guai
Non ho mai voluto farti male, e adesso ci stai male
Come era, frate? "Fottitene, corri e vai?"
Sii te stesso
M'hanno sempre detto "Sii te stesso"
Io ho sempre scelto di essere diverso
A volte pure dal diverso stesso
Io non sono come tutti gli altri
Sbaglio, e adesso sono peggio
Parlami di nuovo almeno tu
Che io non mi parlo più
Parlami per non sentirti sola, ancora
Parlami di nuovo almeno tu
Che io non mi parlo più
Chiedimi un colore e dirò "verde" o "blu"
Parlami di nuovo almeno tu
Che io non mi parlo più
Parlami per non sentirti sola, ancora
Parlami di nuovo almeno tu
Che io non mi parlo più
Oggi ho il culo sul divano ma ho la testa altrove
Nato umano ma col cuore di un gigante come John Q
Certe cose non passano più
Tu che le hai lasciate dove stanno, non ci pensi
Sono ipocrita e bugiardo, forse
Ormai ci ho messo il cuore
Tante di quelle volte che se mai ti ho fatto a pezzi
È perché l'hanno fatto a me
Il male fa il suo giro come un boomerang
E bang, bang!
Non far caso ai colpi, tanto meno a chi colpisce
Sai, dovrei essere forte, non lasciarmi andare a bisce
Viscide come serpenti con il dente avvelenato
Ti aspettano che ti stendi per l'agguato
Sono fendenti sotto al costato
E quanto mi è costato?
Per ogni colpo preso ho un colpo dato
Ma è un conto che non ho saldato
Tanto che ho imparato la lezione
Sta vita non è fatta di cose e di chi
È fatta di "quando" e di "come"
Parlami di nuovo almeno tu
Che io non mi parlo più
Parlami per non sentirti sola, ancora
Parlami di nuovo almeno tu
Che io non mi parlo più
Chiedimi un colore e dirò "verde" o "blu"
Parlami di nuovo almeno tu
Read more
Loading...
Perché ti sale il veleno con certi markettoni delle influencer? Oggi nelle Spories ho spiegato ...
Media Removed
Perché ti sale il veleno con certi markettoni delle influencer? Oggi nelle Spories ho spiegato il disagio che proviamo, e il perché. I social non sono supporti pubblicitari univoci come radio, tv, cartelloni, stampa: sono social. E questo significa che sono posti dove le persone chiacchierano ... Perché ti sale il veleno con certi markettoni delle influencer?
Oggi nelle Spories ho spiegato il disagio che proviamo, e il perché. I social non sono supporti pubblicitari univoci come radio, tv, cartelloni, stampa: sono social. E questo significa che sono posti dove le persone chiacchierano e scambiano info o esperienze fra di loro in modo privatamente allargato.
Se tu stai chiacchierando con un’amica non ti piace che arrivi un omino Michelin ad interrompervi li a casa davanti a un té e vi dica:”Compra le mie gomme!” perché t’incazzi: sei a casa tua con un’amica e non si deve permettere. E infatti il porta a porta snerva le persone proprio perché interrompe dinamiche private.
Ecco perché i messaggi pubblicitari diretti e univoci, quelli coi verbi imperativi: “compra bevi siamo i migliori” non attaccano.
Altra cosa è l’amica con cui sei che ti racconta dello smalto che ha e ti dice: “È fighissimo, si asciuga subito e hanno un botto di colori”. È un messaggio di passaparola fra privati ed ha la potenza della fiducia che tu hai nella tua amica.
.
Gli influencer dovrebbero fare la stessa identica cosa: essere sinceri su prodotti che gli sono piaciuti e che approvano, raccontandoteli a modo loro. E questo non impedisce di essere pagati per lo storytelling, anzi: è un’arte delicatissima di equilibrio.
Il problema inizia quando i brand e agenzie cominciano a dirigere e orientare discorso e parole dell’influencer per trasformarli nel cartellone pubblicitario univoco e imperativo: e lì va tutto a puttane.
Prendete le agenzie di viaggi che mandano le influencer ai tropici: credete che convertano 5000 fan e un botto di prenotazioni come ho fatto con Marta? Manco per idea, la gente spesso non si ricorda il nome e guardano solo le foto fighe e patinate per rifarsi gli occhi.
Quel che ho fatto con Marta è storytelling proattivo col cliente, mettendo entrambe le mani in pasta, insieme, per raccontare davvero un’esperienza che differisce dalle altre nei modi che ho individuato i lei e in me, e che messo in avanti dopo l’analisi e progettazione. Ora in molte vogliono fare un viaggio con lei perché avete visto la sua realtà e il suo modo di lavorare.
.
Stay in pasta, stay figa.
Read more
"Le pazzie vanno fatte. I baci vanno dati. I "vaffanculo" vanno urlati. Le parole dolci vanno ...
Media Removed
"Le pazzie vanno fatte. I baci vanno dati. I "vaffanculo" vanno urlati. Le parole dolci vanno dette guardando negli occhi. I "mi manchi" vanno sostituiti con "apri la porta,sono qua fuori". Impariamolo e smettiamola di fare i coglioni." "Le pazzie vanno fatte.
I baci vanno dati.
I "vaffanculo" vanno urlati.
Le parole dolci vanno dette guardando negli occhi.
I "mi manchi" vanno sostituiti con "apri la porta,sono qua fuori".
Impariamolo e smettiamola di fare i coglioni." 🐠
I 'vaffanculo' vanno urlati. Le parole dolci vanno dette guardando negli occhi. I 'mi manchi' ...
Media Removed
I 'vaffanculo' vanno urlati. Le parole dolci vanno dette guardando negli occhi. I 'mi manchi' vanno sostituiti con 'apri la porta, sono qua fuori' Impariamolo e smettiamo di fare i coglioni. I 'vaffanculo' vanno urlati.
Le parole dolci vanno dette guardando negli occhi.
I 'mi manchi' vanno sostituiti con 'apri la porta, sono qua fuori'
Impariamolo e smettiamo di fare i coglioni.🎀
Loading...
ma gli innamorati a volte non lo dicono di amarsi,se lo tengono dentro l'amore,quasi a nascondersi, ...
Media Removed
ma gli innamorati a volte non lo dicono di amarsi,se lo tengono dentro l'amore,quasi a nascondersi, perché a volte l'orgoglio e la paura sono più forti. a volte chi si ama non lo dice,a volte chi si ama ha paura,paura delle conseguenze che l'amore porta. ci si ama con gli occhi,con la bocca,con ... ma gli innamorati a volte non lo dicono di amarsi,se lo tengono dentro l'amore,quasi a nascondersi, perché a volte l'orgoglio e la paura sono più forti.
a volte chi si ama non lo dice,a volte chi si ama ha paura,paura delle conseguenze che l'amore porta.
ci si ama con gli occhi,con la bocca,con le mani,ma anche con le parole.
bisogna parlarsi,ricordarsi che qualsiasi cosa accada,c'è sempre un po' d'amore.
non sempre chi si ama sta insieme.
non sempre l'amore vince,si perde a volte,si aspetta a volte,altre volte invece si urla e basta.
urlatelo,urlamelo addosso,ti amo.
Read more
Dalla cima de La Caldera a Isla de Lobos si riescono a toccare le Dune di Corralejo. Sono proprio lì, ...
Media Removed
Dalla cima de La Caldera a Isla de Lobos si riescono a toccare le Dune di Corralejo. Sono proprio lì, tendi il braccio e le tocchi. Non puoi violare le leggi della fisica e allora ti aiuta il vento. La sabbia delle dune te la porta lui. Che poi ti vada negli occhi è un'altra storia... . . . #canarie ... Dalla cima de La Caldera a Isla de Lobos si riescono a toccare le Dune di Corralejo. Sono proprio lì, tendi il braccio e le tocchi.
Non puoi violare le leggi della fisica e allora ti aiuta il vento. La sabbia delle dune te la porta lui.
Che poi ti vada negli occhi è un'altra storia... .
.
.
#canarie #islascanarias #isladelobos #mirandofuerteventura #globetrotter #traveller #instago #instatraveller #lanzarote @turismolzt @lanzaroteworld #ig_canarias #ilovetravelling #onthetopoftheworld #viaggiare #siviaggiare #throwback #latergram
Read more
Sono rimasto sempre affascinato dai colori spenti, dalle persone che restano in silenzio e che ...
Media Removed
Sono rimasto sempre affascinato dai colori spenti, dalle persone che restano in silenzio e che si raccontano con gli occhi. Sono stato sempre attratto dall'autunno e dalle due infinite Nostalgiche sfumature . Da sempre ho fatto mia l'energia che c'è tra i vicoli stretti, dalle finestre ... Sono rimasto sempre affascinato
dai colori spenti, dalle persone che restano in silenzio e che si raccontano con gli occhi.
Sono stato sempre attratto dall'autunno e dalle due infinite Nostalgiche sfumature . Da sempre ho fatto mia l'energia che c'è tra i vicoli stretti, dalle finestre semiaperte e dalle porte chiuse.
Penso che sia facile attraversare un luogo già battuto, entrare da una porta già aperta.
È semplice intraprendere il percorso seguendo le impronte di altri,  più difficile è percorrere quella strada che gli altri evitano, risulta più complesso lasciare le proprie di impronte e fare la differenza .
Read more
Sei mia sorella e quello che sono lo devo un po' anche a te... Abbiamo i cuori e le anime comunicanti ...
Media Removed
Sei mia sorella e quello che sono lo devo un po' anche a te... Abbiamo i cuori e le anime comunicanti ogni cosa tua è anche un po' mia, mi porto sulle spalle parte del tuo peso e voglio proteggerti da tutto quello che ti ferisce. Ti riesco a vedere nel profondo della tua anima anche se continui ... Sei mia sorella e quello che sono lo devo un po' anche a te...
Abbiamo i cuori e le anime comunicanti ogni cosa tua è anche un po' mia, mi porto sulle spalle parte del tuo peso e voglio proteggerti da tutto quello che ti ferisce.
Ti riesco a vedere nel profondo della tua anima anche se continui a nasconderti dietro la forza del tuo carattere fragile e ho pianto con te, riso con te e raccontato le cose più profonde che possiedo. Adoro stare stesa sul letto con te con la musica che si diffonde e le nostre parole che fluttuano senza mai scontrarsi perché sanno di essere accettate dall'altra nonostante gli sbagli. È così bello poter dire di avere una sorella e dire che si chiama Viola, che ha un mondo che tiene solo per lei e che fa entrare solo me.
Ci sarò alla fine di una brutta giornata, nel giorno più felice della tua vita, dopo un amore finito, ci sarò quando avrai gli occhi pieni di gioia e piangeremo insieme, ci sarò quando mi chiederai di visitare una città nuova... ci sarò alla fine di ogni giorno, la porta sarà aperta e la luce sempre accesa, le braccia tese e una parte del mio cuore sarà sempre e solo per te.
Read more
"Tutti abbiamo dei sogni e a volte non possiamo fare altro che guardali da lontano, lasciandoli ...
Media Removed
"Tutti abbiamo dei sogni e a volte non possiamo fare altro che guardali da lontano, lasciandoli riposare in quelle terre promesse, che hanno il sapore del paradiso terrestre, ma le emozioni dentro al cuore lasciano sempre trapelare la verità, che è spesso capace di metterci in bilico tra ... "Tutti abbiamo dei sogni e a volte non possiamo fare altro che guardali da lontano, lasciandoli riposare in quelle terre promesse, che hanno il sapore del paradiso terrestre, ma le emozioni dentro al cuore lasciano sempre trapelare la verità, che è spesso capace di metterci in bilico tra rassegnazione e coraggio verso ciò che è possibile fare, essa ci sussurra che per raggiungere e tramutare i sogni in realtà occorre coraggio e perseveranza, occorre trovare la forza per sbagliare e trasgredire verso ciò che è proibito, per seguire ciò che desideriamo a volte bisogna combattere e tramutarsi in guerrieri capaci di conivolgere il cuore nelle battaglie, portando con se mappe e sogni negli occhi, perché a volte l'unico modo per trovare la chiave che apra la porta alla fantasia verso il livello della realtà, è quello di oltrepassare il limite, raggiungendo la propria stella, per poter dire al mondo, ci sono anch'io, imparando che ciò che conta davvero è il risultato finale, il quale é sempre in bilico fino all'ultimo respiro e può essere deciso dalle nostre azioni, da tutto il cuore e il coraggio che mettiamo in esse"



💎👑🌟⚡🏞🍀✈💫⏳❤💥🔫
Read more
• «Signorina Carpenter. La prego. Conosco i miei doveri, - disse il giovanotto. - Tu devi solo tenere ...
Media Removed
• «Signorina Carpenter. La prego. Conosco i miei doveri, - disse il giovanotto. - Tu devi solo tenere gli occhi aperti per il caso che passi qualche pescebanana. Questo é un giorno ideale per i pescibanana». Salinger. Mi domando praticamente sempre cosa ne penserebbe lui adesso di questo ... • «Signorina Carpenter. La prego. Conosco i miei doveri, - disse il giovanotto. - Tu devi solo tenere gli occhi aperti per il caso che passi qualche pescebanana. Questo é un giorno ideale per i pescibanana».
Salinger. Mi domando praticamente sempre cosa ne penserebbe lui adesso di questo mio ultimo aggiornamento letterario. Se lo ridicolizzerebbe come a suo tempo era solito fare quando, già sulla porta, smontava Dumas e Tolstoj o se invece, mi lascerebbe soffrire in punta di sedia mentre, con una certa precisione chirurgica, demolisce la recensione che mi ha appena costretta a fare.
Ho spesso avuto il forte sospetto che, in fondo, gli piacesse proprio tanto travestirsi da Socrate per giocare a fare della maieutica, e d’altra parte, non si può certo biasimarlo se in me trovava allora il paziente ideale. Oh che bella novità: Poros che incontra Penía al banchetto per la nascita di Afrodite. L’ermeneutica platonica dell’amore che nasce dalla percezione di una mancanza.
Eppure, senza timore d’esagerazione, a posteriori non mi sento di negare che, finché sono durate, le cose tra noi non siano andate effettivamente così. Io avevo un divorante bisogno di qualcuno arrogante come lui che, viaggiando su un livello di esperienze intellettuali infinitamente superiore al mio e non scomodandosi mai per compiacermi, mi insegnasse a riflettere sulle cose che leggevo, che ascoltavo e che imparavo.
In questo senso, un po’ imitando Sartre, posso dire con relativa sicurezza che non incontrerò mai più niente né nessuno che mi ispiri una simile passione. O forse, più semplicemente, non ci sarà nessun altro che in una foto come questa veda qualcosa che somigli alla Battersea Power Station dei Pink Floyd.
Un visionario. Era così brillante, che a volte era persino difficile non finire a fissarlo pieni di ammirazione. Anche se lui, da bravo insicuro, se ne stupiva regolarmente.
Per quanto fossimo agli antipodi é una qualità che non ho mai smesso di ammiragli. Ovunque fosse andato, si fosse accoppiato, fosse stato costretto a indossare la cravatta, avessimo smesso di parlarci lui sarebbe stato sempre i miei fiori gialli di Margherita. Rideva allora. Nascosto, riderebbe anche adesso. •
Read more
Non ho paura, dirigi Tu I miei passi, non sono solo, Tu vegli su di me, la tua parola è il faro dei miei ...
Media Removed
Non ho paura, dirigi Tu I miei passi, non sono solo, Tu vegli su di me, la tua parola è il faro dei miei occhi, Sul mio cammino è luce. Sono con Te, mi scruti e mi conosci proteggi Tu il cammino e il riposo. Ti sono note tutte le mie vie, meravigliose le tue opere (dal salmo 139) Il pellegrinaggio ... Non ho paura, dirigi Tu I miei passi, non sono solo, Tu vegli su di me, la tua parola è il faro dei miei occhi, Sul mio cammino è luce. Sono con Te, mi scruti e mi conosci proteggi Tu il cammino e il riposo. Ti sono note tutte le mie vie, meravigliose le tue opere (dal salmo 139)

Il pellegrinaggio ci insegna che non c'e un' unica strada che "porta a Roma"

#sullastradaversocasa #sinodogiovani2018 #xmillestrade
Read more
Amo da sempre raccontare storie buone e chi mi conosce e mi segue lo sa. Oggi vi racconto una storia ...
Media Removed
Amo da sempre raccontare storie buone e chi mi conosce e mi segue lo sa. Oggi vi racconto una storia di pomodoro, attraverso una ricetta che i miei bambini adorano, un piatto che mi porta nell' amata Bologna, la mia città natale. Un piatto che preparavo con la mia nonna la domenica, il giorno ... Amo da sempre raccontare storie buone e chi mi conosce e mi segue lo sa. Oggi vi racconto una storia di pomodoro, attraverso una ricetta che i miei bambini adorano, un piatto che mi porta nell' amata Bologna, la mia città natale. Un piatto che preparavo con la mia nonna la domenica, il giorno di festa, il giorno della lentezza, il giorno tutto nostro.
Se chiudo gli occhi rivedo ancora il ragù profumato che borbotta nella pentola, lei che tira la sfoglia, io che l’aiuto con le piccole manine cicciottelle. “ti faccio due tagliatelle al ragù, cocca” le sue parole che ho stampate nel cuore.
E per questo viaggio ho scelto un compagno speciale: la Salsa Datterini Mutti, dal sapore dolce e dalla consistenza polposa. Quando la creatività in cucina si sposa alla tradizione, al ricordo, con il giusto tempo e il dolce ingrediente diamo vita alla poesia.
E queste tagliatelle al ragù sono la mia poesia per voi.
E voi, volete diventare Ambassador Mutti? Raccontate la vostra ricetta del cuore, postando sui vostri canali social una foto del piatto creato con una della Salse Mutti con l'hashtag #storiedipomodoro e potreste vedervi pubblicati sulla piattaforma www.storiedipomodoro.it
#storiedipomodoro #storiebuone @mutti_pomodoro #mutti #muttigram
Read more
Ciao, mi chiamo Mario e ho 7 anni 7 e mezzo per la precisione. Mi piace il sole, l’amicizia, le persone ...
Media Removed
Ciao, mi chiamo Mario e ho 7 anni 7 e mezzo per la precisione. Mi piace il sole, l’amicizia, le persone buone, il calcio, le canzoni allegre ed il profumo buono della pelle di mia madre. Papà mio è da qualche mese che non torna ma guai a parlarne con qualcuno specialmente con la mamma perché si ... Ciao, mi chiamo Mario e ho 7 anni
7 e mezzo per la precisione. Mi piace il sole, l’amicizia, le persone buone, il calcio, le canzoni allegre ed il profumo buono della pelle di mia madre. Papà mio è da qualche mese che non torna ma guai a parlarne con qualcuno
specialmente con la mamma perché si sente male
grida, piange e non la smette più e per tre giorni si nasconde e non si fa vedere. Ma oggi è un giorno felice che qui è arrivato un pallone e finalmente potrò diventare forte e fare il calciatore
so già palleggiare
con i sassi è diverso
ma sono avvantaggiato perché corro forte come il vento. E allora volo alla radura
insieme agli altri bambini
chi arriva ultimo in porta
sai che rottura di co…
arrivo primo, come sempre
e allora sono attaccante scarto, driblo, tiro in porta ed il portiere non può farci niente
poi da più lontano sento
‘Mario vieni qua
prendiamo tutto quel che abbiamo
e raggiungiamo papà’
mamma, proprio adesso, sto tirando un rigore
ma non c’è verso
ce ne andiamo, meglio non polemizzare
Stiamo tutti bene, tutto molto bene
come si conviene
Stiamo tutti bene
non c’è nulla per cui ci dobbiamo preoccupare
e scomodare
Ma guarda te a jella proprio a me doveva capitare
quattro giorni su sta barca, intorno ancora solo mare. Ma ti pare giusto uno va in vacanza per la prima volta e quelli lì davanti son capaci di sbagliare rotta che poi a chiamarla barca
ci vuole un bel coraggio
stare in tre seduti in mezzo metro di spazio
è come me e gli altri 200
tutti intenti a pregare ed io vorrei soltanto alzarmi e palleggiare
Ma se soltanto sporgo anche di un centimetro il piede
questo davanti si sveglia
e inizia a dire che ha sete
io ho pure sete, fame, sonno
e mi fa male la schiena
ma non c’è mica bisogno
di fare tutta sta scena
E poi c’è questo di fianco
che ha chiuso gli occhi non li apre più
è da due giorni che dorme che pare non respiri
non ho mai visto nessuno dormire così tanto
ho chiesto a mamma e ha detto che era proprio stanco
Boh, tre giorni fa ne hanno buttato una ventina in mare
mamma dice che volevano nuotare
io li sentivo gridare e non sembravano allegri ma almeno adesso ho un po’ di spazio per i piedi @mirkoeilcane
Read more
●capitolo 2● • La persona davanti a me continuava a guardarmi come se mi conoscesse da anni, come ...
Media Removed
●capitolo 2● • La persona davanti a me continuava a guardarmi come se mi conoscesse da anni, come se mi stesse aspettando da tempo. 《Scusi, lei chi è?》 chiedo. 《Il mio nome è Andreas, ma puoi chiamarmi Andy, e tu sei...Michael?》 Ok, sono sicuro che sia la "ragazza" del sito...ma a quanto ... ●capitolo 2●

La persona davanti a me continuava a guardarmi come se mi conoscesse da anni, come se mi stesse aspettando da tempo.
《Scusi, lei chi è?》 chiedo.
《Il mio nome è Andreas, ma puoi chiamarmi Andy, e tu sei...Michael?》
Ok, sono sicuro che sia la "ragazza" del sito...ma a quanto pare non è una ragazza, perciò...
《No, scusi, ci dev'esser stato un malinteso. Sto aspettando una donna...》
《Si...è proprio questo che vorrei spiegarti...bhe ecco...sono io "Adelina"...》 risponde l'uomo.
Per un minuto rimango a fissarlo, a studiarlo. È abbastanza alto, non quanto me, ma quasi. I suoi capelli tra il biondo e il rossiccio lo rendono interessante...se fossi una donna, certo.
Continua 《Mi dispiace per aver mentito, ma sai, mi farebbe piacere conoscerti...》
《Ma a me non piacciono gli uomini!》 rispondo urlando infastidito.
Subito esce un uomo dal bar pregandoci di non fare baccano, quindi mi giro e lascio Andreas dietro di me, non avevo intenzione di perdere tempo.
Mi dirigo verso la macchina, e ad un certo punto cerco le chiavi in tasca, ma non le trovo.
Mi volto e noto il ragazzo che sventola delle chiavi, e corro da lui.
《Cercavi queste?》 chiede con un sorrisetto stampato.
《Cosa vuoi? Già mi hai rovinato la giornata, dammi quelle chiavi.》 mi innervosisco sempre di più.
《Mhm...cosa ci guadagno?》
《Niente, sono mie!》
Il ragazzo dai capelli rossicci inizia a darmi proprio dando sui nervi!
《Te le darò indietro se...passerai una giornata con me...domani.》 "contratta" lui.
《Non se ne parla, come torno a casa?!》 mi imbufalisco, cosa vuole da me?
《Tranquillo...ci penso io...》
Inizia a guardarmi con gli occhi di un bambino, come quando cercano di avere un giocattolo nuovo.
《Quindi?》 《Ci sto ma ad una condizione...che domani offra tu.》
Ho il frigo e la dispensa vuoti, quindi ci guadagno, no?
Andreas accetta e mi porta a casa, dove mi butto sul letto a giurarmi che non mi caccerò più in tali casini...quando squilla il telefono.
《Pronto? Chi è?》
《Sono la mamma, amore...volevo dirti che ho intenzione di venirti ad aiutare questa settimana, per il concerto a Londra...》
Me n'ero totalmente scordato! È domani! Come farò con "l'appuntamento"?!

Spazio autrice nei commenti👇
Read more
La Sala delle Udienze del Nobile Collegio del Cambio di Perugia è un luogo dal fascino senza tempo. ...
Media Removed
La Sala delle Udienze del Nobile Collegio del Cambio di Perugia è un luogo dal fascino senza tempo. Questo è indubbiamente dovuto all’eleganza dei dipinti di Pietro Perugino, che sono bellissimi. Come bellissimi sono gli stalli lignei, riccamente decorati delle pareti, lavoro di artigiani ... La Sala delle Udienze del Nobile Collegio del Cambio di Perugia è un luogo dal fascino senza tempo. Questo è indubbiamente dovuto all’eleganza dei dipinti di Pietro Perugino, che sono bellissimi. Come bellissimi sono gli stalli lignei, riccamente decorati delle pareti, lavoro di artigiani degni di nota. Tutto aiuta a creare un’atmosfera che con facilità porta a viaggiare con gli occhi della mente e proietta l’uomo contemporaneo in un’epoca che chiaramente ci appartiene solo nel DNA. Ma non è questa la vera particolarità del luogo, bensì la devozione del custode. Un uomo che con la semplicità della propria professione
ed una passione degna di un ricercatore riesce ad affascinare anche i più scettici, ed intendo tutti coloro che si sono ritrovati là, a comando, solo perché «non puoi non visitare la Sala delle Udienze», spiegando per filo e per segno tutta la decorazione, la sua evoluzione e soprattutto qualche dettaglio che anche ai più informati potrebbe essere sfuggito. Viva gli italiani che ancora vogliono bene a questo paese. •


•Decorazione ad affresco della volta e delle lunette della Sala delle Udienze del Collegio del Cambio, Pietro Perugino, 1496-1500 • Perugia •



#igersperugia #collegiodelcambio #volgoumbria #igersumbria #ig_umbria #vivoumbria #loves_united_umbria #ig_italia #vivoperugia #likes_umbria # yallersumbria #borghipiubelliditalia #umbria_super_pics #beniculturali30 #volgoperugia #faiumbria #tesori_italiani #umbria #umbriameravigliosa #don_in_italy #best_italiansites #beautifulitaly #italiainunoscatto_hdr #umbriatourism #visit_perugia #thehub_umbria
Read more
"Ti devo chiedere un favore: resta speciale. Lo so che la vita certe volte fa male, e che non si ...
Media Removed
"Ti devo chiedere un favore: resta speciale. Lo so che la vita certe volte fa male, e che non si è abbastanza forti da resistere,che ci sono cose belle, ma anche brutte, e sono quelle che poi ti cambiano da dentro, ti rendono diverso, arrabbiato, concentrato su te stesso e ti impediscono ... "Ti devo chiedere un favore:
resta speciale.
Lo so che la vita certe volte fa male,
e che non si è abbastanza forti da resistere,che ci sono cose belle, ma anche brutte, e sono quelle che poi ti cambiano da dentro, ti rendono diverso, arrabbiato, concentrato su te stesso e ti impediscono di vedere tutto quel che c'è di bello, ti cambiano in peggio, ti portano a smettere certe volte anche di chiedere a qualcuno un abbraccio, solo così per stare un po' al caldo,ti portano a non sentirti più giusto da nessuna parte e a rifiutare l'aiuto di tutti e a sorridere un po' meno,
lo so che va così ma tu resisti, perché dei tuoi sorrisi questo mondo ne ha veramente bisogno.
Resta speciale,
non farti toccare dal tempo che passa
e dalle delusioni che porta
e da chi vuole solo farti sentire sbagliato perché non lo sei, in nessun caso, TU SEI DIVERSO,che è diverso...!
Non parli solamente per parlare,
aspetti il tuo turno per dire la tua perché non vuoi disturbare e non gridi, sussurri perché pensi che non puoi costringere mica qualcuno ad ascoltare:
ascoltare è una scelta
ed essere ascoltato non dev'essere una pretesa.
E poi se hai qualcosa da dire
se ne accorgono tutti pure se stai zitto
perché i tuoi occhi parlano,
e non sei vuoto, come il resto della gente,
ti porti dentro così tante scoperte
che ti hanno sconfitto però tanto tu ti sei rialzato sempre.
Resta speciale, non farti cambiare
dagli eventi e dagli sconvolgimenti
continua a cercare sempre il lato buono delle cose,continua a sognare a occhi aperti il mondo che vorresti e a non farti toccare dalla cattiveria degli altri,
continua a credere che bisogna essere buoni senza un motivo preciso, solo per esserlo e basta e mica per un tornaconto.Continua a non credere a chi ti dice che fallirai,continua a fregartene della gente e a fare solamente quello che vuoi,e ad essere distante da quelli che non ti sanno capire, perché non vogliono vedere oltre quel che vedono e si perdono tutto di te...! Continua a ridere...Continua a darti così spontaneamente come solo tu sai fare...Ti devo chiedere un favore:
nonostante tutto, tu devi rimanere raro come sei, com'eri quando ti ho visto,quando ti ho vissuto..6 Speciale! ❤
Read more
Briga:❝Poteva succedere a chiunque...ma perchè non mi hai chiamato subito? Sono arrabbiato per ...
Media Removed
Briga:❝Poteva succedere a chiunque...ma perchè non mi hai chiamato subito? Sono arrabbiato per questo!❞ Emma:❝Eri col produttore..non volevo disturbarti...❞ Briga:❝Disturbarmi?! Stai scherzando? Si tratta di te e di mio figlio! A fanculo il produttore! Prima di tutto venite voi ... Briga:❝Poteva succedere a chiunque...ma perchè non mi hai chiamato subito? Sono arrabbiato per questo!❞
Emma:❝Eri col produttore..non volevo disturbarti...❞
Briga:❝Disturbarmi?! Stai scherzando? Si tratta di te e di mio figlio! A fanculo il produttore! Prima di tutto venite voi due! Sei un'idiota! Una stupida!❞
Emma non risponde.. Abbassa lo sguardo e con le mani si copre la faccia...Mattia anche se è arrabbiato, si sente in colpa per come le si è rivolto...
Briga:❝Dai..adesso dobbiamo pensare a lui..deve per forza resistere...(le tolgo le mani che ha davanti la faccia, le prendo il viso e asciugandole le lacrime la bacio...) Lotteremo insieme...non ti lascerò neanche per un attimo...capito?❞
Emma:❝(singhiozzando...) Ma i produttori, gli eventi...❞
Briga:❝Non voglio saperne nulla..annullo tutti gli appuntamenti...non mi interessa... per prima viene la vita di mio figlio...❞
Emma:❝Mi dispiace così tanto...❞
Briga:❝Ci rialzeremo...noi ci rialziamo sempre.❞
Passano il resto della giornata insieme..Mattia non si allontana neanche per un secondo...quando Emma si addormenta, lui esce dalla stanza e fa mille telefonate annullando tutti i suoi programmi, poi chiama sua madre, la madre di Emma, avvisa tutti...dice di non creare confusione in ospedale e che non appena avrebbero avuto notizie sarebbe stato lui stesso ad informare tutti...Sono entrambi distrutti..Mattia passa la notte senza chiudere occhio...l'indomani riceve una telefonata...
Briga:❝Pronto?❞
Klaudia:❝Matti sono Klaudia..scusami...ma ho saputo! Vorrei venire a trovare Emma...è un problema?❞
Briga:❝Se vieni da sola..no, non lo è, vieni pure..❞
Klaudia:❝Ok, in mattinata arrivo...❞
I dottori fanno altre visite ad Emma quella mattina, dicendole che la situazione ancora non è cambiata...Emma non sorride più, e neanche Mattia...poi tornano in stanza...bussano alla porta...Mattia esce dalla stanza...è Klaudia!
Klaudia:❝Matti...(lo abbraccio, lui ha gli occhi lucidi, Dio mio, è distrutto) coraggio, andrà bene...posso entrare?❞
Briga:❝Si..entra, Emma è sveglia...❞
Klaudia entra in stanza...
Emma:❝Kla...❞
Klaudia:❝Tesoro...(la abbraccio forte..non le chiedo come sta, si vede dal viso che sta malissimo..)❞
Read more
Più volte i ragazzi dello staff si sono avvicinati a me ed in tono preoccupato mi hanno chiesto se ...
Media Removed
Più volte i ragazzi dello staff si sono avvicinati a me ed in tono preoccupato mi hanno chiesto se stavo bene. Forse sono sembrata annoiata, asociale o semplicemente una tipa strana. La verità è che questa è stata la prima volta che ho realizzato che fuori dalla porta di casa c'è un mondo. Ogni ... Più volte i ragazzi dello staff si sono avvicinati a me ed in tono preoccupato mi hanno chiesto se stavo bene. Forse sono sembrata annoiata, asociale o semplicemente una tipa strana. La verità è che questa è stata la prima volta che ho realizzato che fuori dalla porta di casa c'è un mondo. Ogni piccolo dettaglio di qualsiasi cosa io vedessi doveva essere assimilato dalla mia mente e studiato per diversi minuti prima di poter mettere di nuovo un piede davanti all'altro e proseguire. Questa scena ai loro occhi è sicuramente apparsa bizzarra, lenta e noiosa, ma nella mia testa c'erano tante piccole esplosioni che ho dovuto assecondare per assorbire con calma la maestosità delle meraviglie che avevo davanti agli occhi.
#Egypt #Travel #ViewOfLife
Read more
Una settimana fa ho ricevuto da @biofficinatoscana i due nuovi struccanti ai frutti rossi (grazie ...
Media Removed
Una settimana fa ho ricevuto da @biofficinatoscana i due nuovi struccanti ai frutti rossi (grazie Biofficini! ️). Inizialmente pensavo che mi sarei buttata a capofitto sullo struccante bifasico essendo già grande fan di quello “classico”. Ero poco struccata, ma con tanta voglia di ... Una settimana fa ho ricevuto da @biofficinatoscana i due nuovi struccanti ai frutti rossi (grazie Biofficini! ❤️). Inizialmente pensavo che mi sarei buttata a capofitto sullo struccante bifasico essendo già grande fan di quello “classico”. Ero poco struccata, ma con tanta voglia di provare qualcosa 😅, ho quindi optato per il burro struccante. È ovviamente presto per una recensione e devo provarlo con le situazioni di trucco più disparate, ma per ora, dopo una settimana di uso quotidiano, le prime impressioni sono ottime 😍. La consistenza è un misto tra un burro e una mousse che a contatto con la pelle (umida o asciutta) diventa una morbida crema facilissima da passare sugli occhi e che si porta via in un attimo il trucco. Pensavo mi lasciasse la zona unta (come fa per esempio l’olio di cocco) e invece si sciacqua via facilmente senza lasciare residui. Che magia è mai questa?! 😱 Purtroppo mi fa bruciare un pochino gli occhi (specifico che a me brucia quasi tutto però) per cui devo stare attenta a non farlo entrare negli occhi. Peccato perché massaggiarlo sugli occhi è proprio piacevole e rilassante 😌
Vi aggiornerò più avanti, ma se eravate un dubbio, PRENDETELOH!
.
.
#biofficinatoscana #skincare #skincarejunkie #makeup #makeupremover #faceroutine #beautyroutine #greencosmetics #vegancosmetics #greenbeauty #veganbeauty #madeinitaly #italianbrand #beautiblogger #buoninci #cosmesiverde #cosmesinaturale #cosmesi
Read more
Penso che un sogno così non ritorni mai più Mi dipingevo le mani e la faccia di blu Poi d'improvviso venivo dal vento rapito E incominciavo a volare nel cielo infinito Volare oh, oh Cantare oh, oh Nel blu dipinto di blu Felice di stare lassù E volavo, volavo felice più in alto del sole Ed ... 💙 Penso che un sogno così non ritorni mai più
Mi dipingevo le mani e la faccia di blu
Poi d'improvviso venivo dal vento rapito
E incominciavo a volare nel cielo infinito
Volare oh, oh
Cantare oh, oh
Nel blu dipinto di blu
Felice di stare lassù
E volavo, volavo felice più in alto del sole
Ed ancora più su
Mentre il mondo pian piano spariva lontano laggiù
Una musica dolce suonava soltanto per me
Volare oh, oh
Cantare oh, oh
Nel blu dipinto di blu
Felice di stare lassù
Ma tutti i sogni nell'alba svaniscon perché
Quando tramonta la luna li porta con sé
Ma io continuo a sognare negli occhi tuoi belli
Che sono blu come un cielo trapunto di stelle
Volare oh, oh
Cantare oh, oh
Nel blu degli occhi tuoi blu
Felice di stare quaggiù
E continuo a volare felice più in alto del sole
Ed ancora più su
Mentre il mondo pian piano scompare negli occhi tuoi blu
La tua voce è una musica dolce che suona per me
Volare oh, oh
Cantare oh, oh
Nel blu degli occhi tuoi blu
Felice di stare quaggiù
Nel blu degli occhi tuoi blu
Felice di stare quaggiù
Con te
💙 @ericapelosini @louisleemandesign
Read more
Stamani ho visto un babbo davanti all’asilo sistemare il grembiulino alla figlia e nascondersi ...
Media Removed
Stamani ho visto un babbo davanti all’asilo sistemare il grembiulino alla figlia e nascondersi per non far vedere le lacrime. Erano lacrime belle, di commozione pura. In quegli occhi c’era lo sguardo di un padre che vede oltre il momento. Vede la figlia alzarsi, le gonne accorciarsi, ... Stamani ho visto un babbo davanti all’asilo sistemare il grembiulino alla figlia e nascondersi per non far vedere le lacrime.
Erano lacrime belle, di commozione pura.
In quegli occhi c’era lo sguardo di un padre che vede oltre il momento.
Vede la figlia alzarsi, le gonne accorciarsi, il sorriso trasformarsi in broncio e poi di nuovo in sorriso..
Vede uno zaino diventare un trolley e un bermuda prendere la forma di un jeans skinny
Sempre più stretto
Più aderente
A mostrare le forme
Prima nascoste
Poi esibite
Come un passaporto per il mondo delle donne
Perché è vero che quando nasce un bambino nasce una madre
Ma è vero che nasce anche un padre
Ed io ho pensato a te amore mio
Che sei stato un padre migliore di me
Che madre forse lo sono diventata dopo di te
Ci sono donne che nascono per essere madri
Io lo sono diventata con il tempo
Perché quando il corpo si trasforma
Tu ti trasformi con lui
Ma tu no.
Tu sei diventato babbo quando hai visto il test colorarsi di rosa
Spaventato
Confuso
Felice
Soprattutto felice
Mi hai fatto sentire bella
Sempre
Anche quando la pancia cresceva
Ed io mi sentivo un’incubatrice
Sempre meno donna
Sempre più mamma
Ma solo a parole
Tu mi hai presa per mano
Hai cucinato cornetti con la crema fatta in casa
Montato chiare a neve così dure da poterle sbattere sul muro
Hai continuato a farmi sentire bella
Anche con le trecce
Quando sembravo più simile ad Obelix che ad un essere di sesso femminile
E quando nostra figlia è nata tu sei stato lì
Respirando con me
Tenendomi la mano
Facendomi urlare
Facendoti pure picchiare
Sei stato la mia roccia sempre
E allora diciamolo che ci sono padri meravigliosi
Che si fanno le notti guardando con un occhio Luna Rossa
Con l’altro vostra figlia
Mentre tu dormi con le tette in fuorigioco
E il corpo che cambia di nuovo
Non è il pancione a farti diventare un genitore buono
Ma l’istinto
Quello che ti salva
Sempre
Da tutto
Anche da te stessa
Mi sono fasciata il seno per non allattare più
Per tornare al lavoro
Trent’anni
Cinque mesi di e con figlia
Il primo lavoro
E tu che mi saluti sulla porta con lei in braccio
La mamma va al lavoro
Saluta la mamma... continua nel primo commento #daddy #daddyday #babbo
Read more
“Mia madre mi ha donato la femminilità, l’amore e la passione imparando che la purezza dell’anima ...
Media Removed
“Mia madre mi ha donato la femminilità, l’amore e la passione imparando che la purezza dell’anima la si guarda soltanto con gli occhi del cuore”. Le cicatrici del cuore sono sempre lì, le si proteggono con cura e le si accarezza. Si fanno sentire portatrici di dolore soprattutto la notte quando ... “Mia madre mi ha donato la femminilità, l’amore e la passione imparando che la purezza dell’anima la si guarda soltanto con gli occhi del cuore”. Le cicatrici del cuore sono sempre lì, le si proteggono con cura e le si accarezza. Si fanno sentire portatrici di dolore soprattutto la notte quando i poeti non dormono e scrivono, quando gli artisti ballano e compongono, quando i pittori dipingono i sogni, quando le menti si illuminano portando tutti capolavori e bellezze. Le cicatrici del cuore sono gli occhi con cui si guarda e si affronta il mondo. “Ciascuno vede ciò che si porta nel cuore”.
Read more
«Te ne importa qualcosa? Davvero? — e io non dico niente e mi rendo conto che in realtà ha ragione lui, ...
Media Removed
«Te ne importa qualcosa? Davvero? — e io non dico niente e mi rendo conto che in realtà ha ragione lui, non me ne importa poi molto e all'improvviso mi sento stupido, davvero stupido. Mi rendo anche conto che andrò da Julian al Saint Marquis. Che voglio vedere con i miei occhi se cose del genere ... «Te ne importa qualcosa? Davvero? — e io non dico niente e mi rendo conto che in realtà ha ragione lui, non me ne importa poi molto e all'improvviso mi sento stupido, davvero stupido. Mi rendo anche conto che andrò da Julian al Saint Marquis. Che voglio vedere con i miei occhi se cose del genere succedono davvero. E mentre l'ascensore ci porta giù, oltre il secondo piano, oltre il primo, ancora più giù, mi rendo conto che i soldi non c'entrano. Che quello che voglio è toccare il fondo»
Romanzo d'esordio di Bret Easton Ellis, pubblicato nel 1985 e immediatamente caso letterario, perché scandaloso, senza filtri. Uno stile diretto, niente sentimentalismi, in perfetto accordo con i pensieri di un giovane dell'alta borghesia americana degli anni '80. Le parole vi avvolgono come una coperta che non serve né a scaldare né a proteggere, ma solo a bendarvi. Non vedrete i colpi scagliati da queste pagine, ma vi assicuro che li sentirete arrivare, inesorabili, uno dopo l'altro, fino a quando non vorrete anche voi, come Clay, "sparire qui".
Immaginate Los Angeles, le vacanze estive e un gruppo di ragazzi ricchi e talmente belli da sembrare finti. Cosa potrebbe mai mancare? Hanno tutto! Giusto?! Adesso avvicinatevi. Abbassate il volume dei video di MTV, andate oltre le macchine costose e le piscine immense, cosa vedete adesso? Quello che rimane è un vuoto di cui sentirete nello stomaco tutta la vertigine."Everything means less than zero". È tutto qui. L'impossibilità di provare qualcosa di nuovo. Tutto ormai ha perso sapore, come una gomma masticata troppo a lungo. Un padre che compila assegni da dare ai figli per natale. Vi fa incazzare questa immagine? Loro non riescono a provare nemmeno questo, anche la rabbia è stata buttata via, sotto a tutto, per riaffiorare solo in pianti nervosi di cui tanto non si accorgerà nessuno. Tutto ha un prezzo. E allora paghiamo,non sono di certo i soldi il problema. Pagare per avere una primavera dell'anima, un'illusione che non lascia niente se non il fango dei temporali invernali incrostato addosso.
⬇️⬇️⬇️⬇️⬇️
#bookphotography #booksofinstagram #read #igreads #librichepassione #libriconsigliati #bookgeek #booknerd #bookgram #mustread #tic
Read more
Resta viva. Non accontentarti. Porta i tuoi occhi a fare una passeggiata, appena puoi. Non rinunciare ...
Media Removed
Resta viva. Non accontentarti. Porta i tuoi occhi a fare una passeggiata, appena puoi. Non rinunciare ai tramonti, alla speranza. Accetta la sofferenza. Accetta la felicità. Accetta la forza che a volte ti pervade. Non lasciarti schacciare da quello che è stato, da quello che non ... Resta viva.
Non accontentarti.
Porta i tuoi occhi a fare una passeggiata, appena puoi.
Non rinunciare ai tramonti, alla speranza.
Accetta la sofferenza. Accetta la felicità. Accetta la forza che a volte ti pervade.
Non lasciarti schacciare da quello che è stato, da quello che non hai. Non farti portar via la gentilezza, la curiosità, la fantasia.
Continua a saltare nelle pozzanghere, se ti va.
Cambia pettinatura, cambia pelle. Cambia modo di vestirti e di truccarti, cambia abitudini, amicizie, luoghi e sogni.
Cambia spesso, ma lotta fino alla fine per non perderti.
Abbi cura di te,soprattutto quando tornerai ad amare. Abbi cura del modo in cui guardi gli altri.
Abbi cura del tuo amore, soprattutto adesso. Soprattutto quando non saprai a chi donarlo. Non gettarlo. Non sprecarlo. Tienilo da parte, ti servirà.
Piangi pure; piangi quando vuoi. Ricordati di farlo ogni tanto.
Ricorda che la cura, se davvero ne esiste una, sono le persone.
Non dimenticarti di loro. Delle loro mani. Dei loro guai. Delle loro storie piccole ma grandiose.
Non precluderti niente solo perché potrebbe distruggerti. Non sparire.
Resta, goditi lo spettacolo.
Resta coraggiosa.
Resta dolce.
Testa alta,
cuore in mano.
#testaalta #cuoreinmano #girl #shining #italian #summer #frasi #estate2k18 #nonsprecaretempo #blonde #baby
Read more
 #blank_ice_ff<span class="emoji emoji1f448"></span> porta di apre e dietro di essa c'è una donna di mezza età, con un dolce sorriso sulle ...
Media Removed
#blank_ice_ff porta di apre e dietro di essa c'è una donna di mezza età, con un dolce sorriso sulle lande e la divisa e il distintivo dei ranger. Poliziotta: Oddio ragazzi entrate starete congelando la fuori. Si fa da parte e ci fa entrare. Finalmente sono al caldo dentro una baita, mi ... #blank_ice_ff👈 porta di apre e dietro di essa c'è una donna di mezza età, con un dolce sorriso sulle lande e la divisa e il distintivo dei ranger.

Poliziotta: Oddio ragazzi entrate starete congelando la fuori.
Si fa da parte e ci fa entrare.
Finalmente sono al caldo dentro una baita, mi faccio sfuggire un sospiro

Meson: lei è mia sorella Elis, lui è il mio Nuoro Fred, ed io sono Marcus.
Poliziotta: un piacere io sono Jane, scommetto che vi siete persi nel bosco la che ci facevate fuori con questo tempaccio ?

Volevo urlare e gridarle che mi avevano preso in ostaggio e che volevano scappare, ma Shoun che come sempre riesce a capire le miei intenzioni mi lancia un occhiataccia.
Ricevuto il messaggio: devo attenermi al piano se voglio sopravvivere.

Shoun: bada ai convenevoli, dice sorridendo in un modo inquietante e tirando fuori dalla tasca dei pantaloni una pistola.

Jane non ha neanche tempo di pronunciare una sola parola che Shoun le spara.

Le si legge negli occhi il suo terrore e disgusto verso Shoun e anche se sta perdendo molto sangue apre bocca puntando gli occhi vedo Shoun.

Jane: non la passerete liscia. Vi troveranno, so che siete i due ricercati, purtroppo me ne sono accorta troppo tardi però.
E con questo cadde a terra ormai morta.

Hey gente che ve ne pare?🌹
-Totta💖
Continuo a 10 commenti
Read more
Pov's Riki Ci svegliamo ed andiamo a lezione. Sono il primo a tornare dallo studio e vedo un pacco ...
Media Removed
Pov's Riki Ci svegliamo ed andiamo a lezione. Sono il primo a tornare dallo studio e vedo un pacco blu sopra il tavolino, davanti al divano. Vado e ci trovo anche una lettera di Maria, la leggo e dopo apro il pacco e dentro c'è il mio disco!!! Cioè non ci credo, il mio primo disco, arrivano Andre ... Pov's Riki
Ci svegliamo ed andiamo a lezione.
Sono il primo a tornare dallo studio e vedo un pacco blu sopra il tavolino, davanti al divano.
Vado e ci trovo anche una lettera di Maria, la leggo e dopo apro il pacco e dentro c'è il mio disco!!!
Cioè non ci credo, il mio primo disco, arrivano Andre e Fede, mostro il cd, Andre mi salta addosso buttandomi sul divano , mi alzo con le lacrime agli occhi e vado dalla mia principessa, la prendo in braccio e la bacio, nel mentre Andre ha messo il disco nello stereo e appena partita "polaroid", inizio a girare su me stesso sempre con Fede in braccio.
Andre da vero fan inizia a cantare urlando le mie canzoni, e intanto balla.
Fede scende da me e mi trascina a ballare con loro
Pov's Fede
Dio sono super felice per Riki, ci scateniamo, non ho mai visto Riki cosi felice, parte "perdo le parole", sono sul divano, Riki abbassa lo stereo al minimo e inizia a cantarla guardandomi, inizio a cantare con lui con lo sguardo fisso su di lui , finita mi avvicino, e inizio a baciarlo fino a quado non arriva Andre che alza di nuovo il volume dello stereo e tira Riki per un braccio e lo porta fuori in giardino.
Mentre quei due sono fuori a cantare le canzoni , mi arriva un messaggio da Eli e mi chiede se io e Riki potevamo andare in studio che vuole parlarci.
Vado da Riki e gli dico che dobbiamo andare, prende i suoi fogli con le canzoni e andiamo.
Arrivati in studio Eli si cogratla con Riki per il cd e ci chiede se questa settimana volevamo cantare l'ultimo bacio, annuiamo entrambi.
Iniziamo a provarla, ma ad un certo punto bussano alla porta.
Pov's Riki
Siamo a provare " l'ultimo bacio" quando entra Maria, che mi chiede se posso uscire un attimo.
Uscito mi chiede il motivo per l'uscita che avevo chiesto per tutta domenica prossima con in più la prenotazine di un una camera d'hotel, le dico che è una sorpresa per Fede, le dico inoltre che queste spese sono tutte a mio carico, che voglio fare qualcosa di carino per lei.
Lei sorride e mi dice mentre va via" fossero tutti come te!" Io sorrido e rientro in aula, so già che tornati in casetta Fede vorrà sapere cosa mi ha chiesto Maria.
Ora cosa mi invento?
Read more
Non ho mai saputo di avere un sogno, fino al giorno in cui ho scoperto che cio' che volevo eri tu. La ...
Media Removed
Non ho mai saputo di avere un sogno, fino al giorno in cui ho scoperto che cio' che volevo eri tu. La solitudine mi portava per mano in strade sbagliate, cercavo di camminare, di sopravvivere, ma sono caduta ed ho pensato di andarmenevia, ma non ho mai trovato una porta che valesse la pena oltrepassare. Mi ... Non ho mai saputo di avere un sogno, fino al giorno in cui ho scoperto che cio' che volevo eri tu.
La solitudine mi portava per mano in strade sbagliate, cercavo di camminare, di sopravvivere, ma sono caduta ed ho pensato di andarmenevia, ma non ho mai trovato una porta che valesse la pena oltrepassare.
Mi sono illusa di poter vivere senza amore: non desideravo camminare tra le stelle, non ho mai mirato alla luna, semplicemente continuavo a percorrere quelle stelle strade, meravigliandomi di girare nell'oscurita', finchè ho chiuso gli occhi e come un fulmine che rischiara il fondo dell'oceano, sei comparso tu!
La mia ragione, la mia luce, la mia salvezza, il mio perche', la mia nuova vita.
E' stato li', il momento in cui ho capito che sarei stata bene, che forse non andro' in paradiso, ma che ci saro' un po' piu' vicina ogni volta che starai accanto a me.
Ogni notte senza te e' come un sogno perduto, ogni notte con te e' un mondo di fantasia e non voglio addormentarmi perche' so che mi mancheresti, non voglio perdermi niente di te.
C'e' qualcosa nei tuoi occhi che ha fatto cadere ogni mia difesa, ogni mio limite. Sono diventati un punto fermo su cui porre le mie certezze.
Il tempo che mi dedichi, le dolci parole, i tuoi baci, le tue carezze, la fiducia che mi dai, quella a cui mi aggrappo nei giorni in cui ne ho abbastanza... Tu rendi belle tutte le cose che tocchi, mi hai dato, per la prima volta, la possibilità di sognare e di crederci e anche se non sono sicura di dove stiamo andando, so che ci arriveremo insieme perche' adesso il mio sogno e' di trovare al nostro amore un posto in cui rifugiarsi. #8mesi #tiamo #amoremio #06/01/16❤️❤️❤️❤️❤️❤️❤️❤️❤️
Read more
Pensavo a come potervi trasmettere un po’ di magia della Grecia; ci sono talmente tante cose belle ...
Media Removed
Pensavo a come potervi trasmettere un po’ di magia della Grecia; ci sono talmente tante cose belle qui che mi perdo tra pensieri e parole, arrotolata in una matassa di sensazioni e riflessioni. E iniziare non è semplice... Ci provo. Grecia è per me uno scalino su cui sedere per ascoltare ... Pensavo a come potervi trasmettere un po’ di magia della Grecia; ci sono talmente tante cose belle qui che mi perdo tra pensieri e parole, arrotolata in una matassa di sensazioni e riflessioni. E iniziare non è semplice...
Ci provo.
Grecia è per me uno scalino su cui sedere per ascoltare il rumore del silenzio.
Un paesino di un bianco così candido e acciecante che fatico a tenere gli occhi aperti.
Un vestito lungo a fiori che mi mette subito di buon umore.
Un respiro profondo che mi avvolge.
Un paesino arroccato da scoprire lentamente.
Una porta celeste e la borsa di paglia che mi piace tanto.
Una bouganville che mi riempie di colore all’improvviso.
È trattenere il fiato ammirando la magia del tramonto, con il sole che scompare nel mare.
La Grecia mi fa ridere di niente e mi regala ogni giorno un nuovo motivo per essere felice.
#valeingreece #sorridiallavita🤘🏻
Read more
"L'ESTRANEO" Io vi consiglio questo thriller psicologico che ho letto qualche settimana fa, ...
Media Removed
"L'ESTRANEO" Io vi consiglio questo thriller psicologico che ho letto qualche settimana fa, secondo me bellissimoo Trama: Immagina di essere sola in casa, avvolta in un accappatoio, mentre ti asciughi i capelli dopo un bagno caldo. Improvvisamente senti un rumore al piano di sotto, ... "L'ESTRANEO"
Io vi consiglio questo thriller psicologico che ho letto qualche settimana fa, secondo me bellissimoo😍
Trama:
Immagina di essere sola in casa, avvolta in un accappatoio, mentre ti asciughi i capelli dopo un bagno caldo. Improvvisamente senti un rumore al piano di sotto, uno strano tintinnio, poi un cassetto che si apre e si richiude. Scendi le scale, ti avvicini alla porta della cucina e d'un tratto ti trovi davanti un estraneo: occhi azzurri, capelli scuri, spalle larghe. Sei paralizzata dalla paura, inizi a gridare. Ma lui non scappa. E, cosa ancora più inquietante, ti chiama per nome, sostiene di essere il tuo fidanzato e non capisce come tu possa non riconoscerlo. Tu però non l'hai mai visto prima, afferri un fermacarte e glielo scagli contro. Chi è quell'uomo? Perché dice di conoscerti? Stai forse diventando pazza?
Immagina di tornare a casa una sera: entri in cucina, ti versi un succo d’arancia e... vedi la tua ragazza che comincia a gridare: è convinta che tu sia un ladro o un assassino. Ti scaglia addosso un fermacarte e corre a chiudersi in camera. Non riesci a capire, ti guardi intorno e all'improvviso realizzi un fatto agghiacciante: le tue cose non ci sono più. Le tue giacche, che di mattina erano appese nel guardaroba, sono sparite. Non c'è più niente di tuo in quella casa. Stai forse diventando pazzo?
Siete entrambi intrappolati in un incubo. E l'unico modo per uscirne è fidarsi l'uno dell'altra...
Una morsa di paranoia e follia che stringe il lettore fin dalla primissima pagina.
~
Se pensate che potrebbe piacervi mi raccomando compratelo e poi ditemi cosa ne avete pensato🖒
Read more
So già che questo sarà il mio posticino preferito di casa ..ieri abbiamo comprato piano cottura ...
Media Removed
So già che questo sarà il mio posticino preferito di casa ..ieri abbiamo comprato piano cottura e lavastoviglie ma soprattutto.. il cactus ha trovato il suo posto in cucina! Ma voi lo sapevate che il cactus porta bene? Molti di voi mi hanno scritto che si chiama anche “sedile di suocera” e ... So già che questo sarà il mio posticino preferito di casa ..ieri abbiamo comprato piano cottura e lavastoviglie ma soprattutto.. il cactus 🌵 ha trovato il suo posto in cucina! Ma voi lo sapevate che il cactus porta bene? Molti di voi mi hanno scritto che si chiama anche “sedile di suocera” e si porta nelle nuove case per scacciare il malocchio 👀🌶🤘 io questa proprio non la sapevo 😂😂 Quindi calza a pennello perché sono 35 anni che sogno una cucina così e sto sognando ad occhi aperti 🤩🤩🤩 anche se c’è ancora tanto da fare... #mammagycambiacasa -
-
-
-
-
-
#myfamilyrocks #bloggerstyle #familygoals #bestfamily #mycommunity #buildingcommunity #findjoythejourney #ourcommunity #mommy #momlife #mom_hub #enjoinglife #lifestyleblogger #everydaymotivation #beautifulthought #positivevibration #positively # #myeverdaymagic #sheisnotlost #todaysdetails #styleshoot #naturally_imperfect #allwhatsbeautiful -
#scattandolavita #wearthisnext #cucinemoderne #enjoyed_alot #enjoyment #bhgfood
Read more
Pov.Draco Sono andato a trovare la mezzosangue ogni singolo giorno...mi sento troppo in colpa...oggi ...
Media Removed
Pov.Draco Sono andato a trovare la mezzosangue ogni singolo giorno...mi sento troppo in colpa...oggi le ho dato un bacio sulla fronte...non dovevo farlo!non dovevo proprio farlo!ho toccato una mezzosangue...non è stato così schifoso come pensavo...aspetta...sto diventando gentile ... Pov.Draco
Sono andato a trovare la mezzosangue ogni singolo giorno...mi sento troppo in colpa...oggi le ho dato un bacio sulla fronte...non dovevo farlo!non dovevo proprio farlo!ho toccato una mezzosangue...non è stato così schifoso come pensavo...aspetta...sto diventando gentile con lei?...no non può essere...non posso...voglio andare nella sala comune di serpeverde,mi fermo davanti al dipinto
D:serpensortia-il ritratto si apre e io entro,Piton come punizione per aver fatto del male alla Granger mi ha dato una punizione da passare con lui nel suo ufficio tra qualche minuto,giusto il tempo di mettere giù le mie cose e poi ci vado,faccio quello che devo fare e poi mi dirigo nel suo ufficio,busso alla porta
D:permesso professore?-
S:venga pure avanti signorino Malfoy-ha una voce lenta e calma...mi fa saltare i nervi...entro e mi siedo sulla poltrona difronte a lui
S:allora?-
D:cosa professore?-
S:lei è il mio studente preferito...tuttavia...ha fatto del male alla grifondoro e non va bene...-tiro il viso in una smorfia
D:lei non ha alcuna importanza per me
S:si invece,non ho potuto fare a meno di notare che la va a trovare ogni giorno... le chiede scusa...oggi le ha dato un bacio
D:come lo sa!?-
S:come lo so non importa, lei signorino Malfoy deve prestare attenzione al compito che le ha dato Voldemort!-
D:io non lo voglio fare!-
S:devi!vuoi essere ucciso?chissà quanto può essere sublime il pensiero di essere ucciso da Lord Voldemort...accade solo una volta nella vita no?-
D:non è una cosa di cui vantarsi-
S:se ne vada...non ho voglia di farle fare una stupida punizone-
mi allontano,non posso... non ci riesco, corro di nuovo dalla Granger...mi siedo in lacrime accanto a lei
D:ho bisogno di sfogarmi con qualcuno...e dato che tu sei incosciente e non mi senti...-
H:ti sento invece-lei si gira,apre gli occhi e mi guarda
D:Ti sei svegliata!-la abbraccio con impeto... me ne accorgo...mi tolgo subito...
D:bleah non so cosa mi sia preso!-
H:vattene allora, se mi odi cosa ci fai qui?-ci penso su...no...non la odio
D:...nulla di importante...-mi alzo e me ne vado poi sento lei che da lontano mi urla
H:se hai un cuore torna domani!ti devo parlare-corro via...
Read more
Una volta ti ho chiesto “Ma cos’è che ci trovi di così speciale in me?” Tu mi hai guardato sorridendo m’hai ...
Media Removed
Una volta ti ho chiesto “Ma cos’è che ci trovi di così speciale in me?” Tu mi hai guardato sorridendo m’hai dato un bacio dalla spalla al mento e mi hai risposto “Sai sempre come fare a trovare qualcosa di buono quando tutto va male, sei brava a sbagliare ma la migliore a rimediare, con ... Una volta ti ho chiesto “Ma cos’è che ci trovi di così speciale
in me?”
Tu mi hai guardato sorridendo
m’hai dato un bacio
dalla spalla al mento
e mi hai risposto
“Sai sempre come fare
a trovare qualcosa di buono quando tutto va male,
sei brava a sbagliare
ma la migliore a rimediare,
con le sorprese ci sai fare,
con il dolore ci sai fare,
sai,
lo sai fermare
lo sai capire
lo trasformi in parole e trasformi la mia tristezza
in buonumore. Quando mi abbracci hai paura che finisca e non ti stacchi, e così mi fai sentire che sono speciale. Sei brava a ridere di nascosto come quella volta che a casa tua hanno bussato alla porta e mi hai nascosto nell’armadio, mezzo nudo, e mi hai raggiunto poco dopo.
Le persone si affezionano a te
perché sei testarda però mai codarda
perché quando loro sono imbarazzate
tu diventi rossa al posto loro e così si crea un certo clima
di dolcezza.
Tu non lo sai che sei speciale. Ed è questo che ti rende speciale. “
Io ho abbassato gli occhi. “Non ci credo mica” ho sorriso
e mi hai risposto col solletico. Ti ho detto smettila e mi hai risposto smettila di fare la stupida. Mi sono nascosta dietro la tua nuca. Ti ho chiesto scusa se chiedo sempre scusa. “Cosa c’è di speciale in te?” hai fatto tu “Niente. Solo che rendi speciale tutto quanto. “
Io avevo gli occhi rossi tra il sonno e il pianto, ripensavo ad ogni sconfitta, ad ogni rimpianto
ad ogni giorno perso dietro alle cose che poi ho perso tra le paranoie e la confusione, tra la testa e il cuore
o troppa testa o troppo cuore,
ripensavo a come non sono capace di dire “ti voglio bene”
a come sono brava a tagliar fuori le persone
dal mio dolore
e poi a dargli la colpa
della mia solitudine
maledetta.
Mi hai strattonato. “Oh? Ti ho convinta?” -
L’altro giorno mi hanno chiesto perché ci siamo lasciati. Io ho risposto “Solite cose. Caratteri diversi. Incompatibilità.” La verità è che nemmeno io sapevo la verità. È che ci sono tante cose sotto le cose
e alla fine vedi solo la superficie.
Poi ho capito.
Ci siamo lasciati perché non conta niente quanto tu mi ami se io non sono capace di amare me stessa.
#Quotes #ioteeilmare #perpochi 🔥💋❤️👑
Read more
Voglio ricordarmi così, con un sorriso. Gli occhi sinceri, l’anima fragile. Non mi sento uguale ...
Media Removed
Voglio ricordarmi così, con un sorriso. Gli occhi sinceri, l’anima fragile. Non mi sento uguale agli altri, mi sento vicina a tutti al punto da assomigliare a molte persone. È contorto, difficile, fuori dalla mente umana. Solo io lo capisco. Mi amo e amo essere ME STESSA. Anche se questo ... Voglio ricordarmi così, con un sorriso.
Gli occhi sinceri, l’anima fragile.
Non mi sento uguale agli altri, mi sento vicina a tutti al punto da assomigliare a molte persone. È contorto, difficile, fuori dalla mente umana. Solo io lo capisco. Mi amo e amo essere ME STESSA. Anche se questo porta alla solitudine. Ho bisogno di staccare, di spegnere il mondo e piangere con me, ridere con me, innamorarmi di me.
Così tante parole, troppi pensieri. Sono un universo. Sono tutto. Non sono niente.
C’è chi non capisce, chi fa finta. Solo tu sai la tua verità, dirla farà del male...l’ignoto spaventa, crea cattiveria, paura di non sopravvivere. Lasciati andare...sii chi sei veramente, solo tu sai, solo tu starai con te. Fino alla fine.
Read more
“Per Anna, da Anna. Resta viva. Non accontentarti. Porta i tuoi occhi a fare una passeggiata, ...
Media Removed
“Per Anna, da Anna. Resta viva. Non accontentarti. Porta i tuoi occhi a fare una passeggiata, appena puoi. Non rinunciare ai tramonti, alla speranza. Accetta la sofferenza. Accetta la felicità. Accetta la forza che a volte ti pervade. Non lasciarti schiacciare da quello che è stato, ... “Per Anna, da Anna.
Resta viva.
Non accontentarti.
Porta i tuoi occhi a fare una passeggiata, appena puoi.
Non rinunciare ai tramonti, alla speranza.
Accetta la sofferenza. Accetta la felicità. Accetta la forza che a volte ti pervade.
Non lasciarti schiacciare da quello che è stato, da quello che non hai. Non farti portar via la gentilezza, la curiosità, la fantasia.
Continua a saltare nelle pozzanghere, se ti va.
Cambia pettinatura, cambia pelle. Cambia modo di vestirti e truccarti, cambia abitudini, amicizie, luoghi e sogni.
Cambia spesso, ma lotta fino alla fine per non perderti.
Abbi cura di te, soprattutto quando tornerai ad amare.
Abbi cura del modo in cui guardi gli altri.
Abbi cura del tuo amore, soprattutto adesso. Soprattutto quando non saprai a chi donarlo. Non gettarlo. Non sprecarlo. Tienilo da parte, ti servirà.
Piangi pure, piangi quando vuoi. Ricordati di farlo, ogni tanto.
Ricordati che la cura, se davvero ne esiste una, sono le persone.
Non dimenticarti di loro. Delle loro mani. Dei loro guai.
Delle loro storie piccole ma grandiose.
Non precluderti niente solo perché potrebbe distruggerti. Non sparire.
Resta, goditi lo spettacolo.
Resta coraggiosa.
Resta dolce.
Testa alta,
cuore in mano”.
Read more
Prometto che litigheremo, che ti detesterò circa un miliardo di volte, che ti sbatterò la porta ...
Media Removed
Prometto che litigheremo, che ti detesterò circa un miliardo di volte, che ti sbatterò la porta in faccia e penserò di aver fatto la scelta peggiore. Prometto che avrò da ridire su molte cose, che odierò quella tua fastidiosissima gelosia, che a volte guarderò la libertà nella vita degli ... Prometto che litigheremo, che ti detesterò circa un miliardo di volte, che ti sbatterò la porta in faccia e penserò di aver fatto la scelta peggiore.
Prometto che avrò da ridire su molte cose, che odierò quella tua fastidiosissima gelosia, che a volte guarderò la libertà nella vita degli altri con nostalgia.
Prometto che non sarà facile, che ci saranno volte in cui mi perderò in un bicchiere d’acqua, in cui parleremo senza mai incontrarci.
Ma ti assicuro che avrò una voglia matta di riaverti tra le mie braccia subito dopo averti mandato al diavolo, che ci sarò in ogni istante tu abbia bisogno anche solo di un respiro silenzioso con cui condividere i tuoi perché.
Ci sarò, dovesse cascare il mondo, e sarà con te, perché non riesco ad immaginare nulla senza te, e non so più chi sono senza specchiarmi nei tuoi occhi.
Non potrà esserci notte in cui andrò a dormire senza dirti che ti amo mentre tu ti stringi a me, e non potrà esserci giorno in cui io non ringrazierò il Cielo per avermi dato te, il tuo sorriso, la tua bocca e le tue mille manie.
Andrà tutto bene, te lo prometto…
A modo nostro, ce la faremo. Sempre.🏡🔐❤️
#TiAmo❣️
#LaMiaVita👑
Read more
Oggi finalmente torno a parlarvi di libri e lo faccio con un romanzo che ho letto ben due volte, ovvero ...
Media Removed
Oggi finalmente torno a parlarvi di libri e lo faccio con un romanzo che ho letto ben due volte, ovvero " #Aprigliocchi" di Severino Cirillo. Ammetto che la prima volta che lo lessi fui influenzata dal giudizio di alcuni bookblogger (che lo hanno definito inverosimile), ma dopo una rilettura ... Oggi finalmente torno a parlarvi di libri e lo faccio con un romanzo che ho letto ben due volte, ovvero " #Aprigliocchi" di Severino Cirillo.
Ammetto che la prima volta che lo lessi fui influenzata dal giudizio di alcuni bookblogger (che lo hanno definito inverosimile), ma dopo una rilettura con una mente più aperta e libera ho capito che c'è molto di più di un hashtag in questo romanzo.
Vi racconto un po' la trama per farvi capire meglio il libro e il mio parere.

La protagonista è una adolescente di nome Elisa, che si sente a disagio nel mondo e con i suoi coetani, tutti concentrati e attratti dai likes, social e follower. Elisa però trova il modo di evadere da tutto ciò grazie alla lettura e alla sua migliore amica Diana, ma improvvisamente giunge un nuovo personaggio che la porterà completamente fuori da questa realtà.
Questo personaggio è Davide, un ragazzo misterioso, molto più grande di lei che la "corteggia" con Seta di Baricco e la porta con sè in viaggio, senza conoscerla e facendola praticamente scappare dalla sua famiglia.
Questo viaggio improvviso fa sì che lei cresca e riesca a trovare la sua strada e i suoi sogni. Scopre non solo se stessa, ma anche quanto sono deboli e immaturi i suoi genitori e soprattutto quanto la vita sia imprevedibile e difficile.
Come vedete tratta l'adolescenza e garantisco che lo fa con semplicità e con un linguaggio spesso diretto, vero e forte, che trascina nella quotidianità di un qualsiasi adolescente problematico. Nulla in questo libro è diverso dalla cruda realtà della vita e potrebbe sembrare estremamente assurdo che una ragazza scappi con uno sconosciuto (abbastanza stolker), ma non mi scandalizzerei da lettrice, perchè noi lettori siamo capaci di credere a maghi, vampiri, paesaggi insistenti e filosofie varie, ma non riusciamo ad accettare un'evento inventato e immorale per sole 300 pagine. Non dico assolutamente che sia giusto e si debba fare (anzi "lo condanno"), ma mentre lo si legge si devono aprire gli occhi per trovare, oltre gli stereotipi narrati, un messaggio personale. Bisogna sognare con Elisa e non fermarsi alle apparenze, vedere le paure e le speranze, senza tralasciare i propri doveri.
Read more
Scusate ieri se non ho postato ma sono stata male<span class="emoji emoji1f64f"></span>. Capitolo 9. L'abbraccio sembra non finire mai. Voglio ...
Media Removed
Scusate ieri se non ho postato ma sono stata male. Capitolo 9. L'abbraccio sembra non finire mai. Voglio solo perdermi tra le sue braccia,e non tornare più indietro. Sto singhiozzando ancora nella sua spalla. Per la prima volta mi accorgo di quanto sia minuta contro il mondo,contro ... Scusate ieri se non ho postato ma sono stata male🙏. Capitolo 9.
L'abbraccio sembra non finire mai.
Voglio solo perdermi tra le sue braccia,e non tornare più indietro.
Sto singhiozzando ancora nella sua spalla.
Per la prima volta mi accorgo di quanto sia minuta contro il mondo,contro lui.
Il mio pianto diminuisce lentamente.
Così lui si stacca e mi guarda.
"Tutto bene?"mi chiede.
Faccio cenno di sì.
Si é alzato in piedi e mi sta porgendo la mano per aiutarmi.
La predo incerta e mi alzo.
"Ti devo accompagnare a casa?" Mi chiede gentilmente.
"Si..grazie"
Mi avvio verso casa mia con il ragazzo a fianco.
Quando sono davanti al portone prendo tremante le chiavi dalla tasca e apro la porta.
Entro dentro casa,ma poi mi accorgo che non si sentono altri passi dopo i miei così mi volto verso di lui.
É in piedi davanti al portone.
Non fa un passo.
"Non entri?"chiedo asciugandomi gli occhi.
"Non volevo farlo senza il tuo consenso"dice accennando un sorriso.
"Scusami,scusami ..emh..entra allora"dico.
Così entra in casa chiudendosi la porta alle spalle.
"Grazie per avermi accompagnato a casa"dico.
"Di nulla tranquilla"
"Io ora vado,ci vediamo"
"..ciao" dico.
Apre la porta e quando sta per uscire lo trattengo leggermente per la maglietta dal dietro.
Perché sto piangendo?
"Umh?"fà lui.
"Ti..prego..non andare"dico in lacrime.
"Ti prego".
Richiude la porta e si gira.
Mi sposta i capelli dal viso e mi fà
"E chi se ne va più"
Lo abbraccio lentamente e rimaniamo in quel modo un pó.
Poi mi stacco.
"La tua maglietta!"Dico
"Te l'ho bagnata tutta di lacrime"continuo.
"Fà nulla"dice lui sorridendo.
"Comunque credo che..le formalità siano necessarie"dice accennando un sorriso.
Dio che sorriso.
"Piacere,sono Luca"dice sorridendo.
Mi asciugo le lacrime sorridendo a mia volta.
"Piacere,sono Anna"sorrido.
Read more
<span class="emoji emoji1f305"></span> Le giornate si sono accorciate di già, me ne rendo conto quando la mattina, aprendo la porta di casa, ...
Media Removed
Le giornate si sono accorciate di già, me ne rendo conto quando la mattina, aprendo la porta di casa, vedo l’alba tardare sempre un pochino di più. E me ne accorgo perché il pomeriggio in spiaggia, dopo esser stata sul lettino gran parte della giornata (), ad un certo punto arriva un venticello ... 🌅 Le giornate si sono accorciate di già, me ne rendo conto quando la mattina, aprendo la porta di casa, vedo l’alba tardare sempre un pochino di più. E me ne accorgo perché il pomeriggio in spiaggia, dopo esser stata sul lettino gran parte della giornata (😅), ad un certo punto arriva un venticello fresco e comincio a coprirmi, prima copricostume e poi asciugamano (alla fine torno a casa che sembro un albero di Natale). Ma nonostante mi accorga di questi piccoli ed inevitabili cambiamenti che ci portano verso una nuova ricca stagione non riesco a salutare l’estate, non riesco a separarmi da questi luoghi e da questa routine. Per questo ieri sera, me ne sono rimasta al mare fino a tardi, imbacuccata come l’albero di Natale di cui sopra per tenermi l’estate ancora un po’ se non sulla pelle, almeno negli occhi e nel cuore.
Buona domenica pasticcini 🍪
#WHPdailylife .
.
.
.
.

#morningscenes #colazionesana #colazione_italia #coffeeaddicted #breakfastisserved #breakfastlover #colazione #creativityinmybreakfast #coffeeandseasons #mybreakfast #coffeelover #colazionetime #goodmorning #buongiornocosi #morninglikethese #buongiorno #healthybreakfast #weekend #tramonto #tarquinia #tarquinialido #instacolazione #sunset #sunday #sundayfunday #weekend #summer #estate #estate2018
Read more
Finalmente si torna a casa. Oggi è stata una giornataccia. Al lavoro il PC è andato in crash e non sono ...
Media Removed
Finalmente si torna a casa. Oggi è stata una giornataccia. Al lavoro il PC è andato in crash e non sono riuscito a sbrigare tutte le faccende, e come se non bastasse mi sono rovesciato il caffè sulla camicia nuova. Sono stanco morto, ho la vista talmente appannata che a malapena vedo la strada. ... Finalmente si torna a casa. Oggi è stata una giornataccia. Al lavoro il PC è andato in crash e non sono riuscito a sbrigare tutte le faccende, e come se non bastasse mi sono rovesciato il caffè sulla camicia nuova.
Sono stanco morto, ho la vista talmente appannata che a malapena vedo la strada.
Sto morendo di fame, ma devo ancora cucinare. Al massimo mangio un panino al volo, non ho voglia di fare niente oggi.
E pensare che fino a qualche mese fa c'eri tu ad aspettarmi in quella casa che ormai, senza te, sembra così vuota.
Non vedevo l'ora di tornare ogni giorno. Salire le scale e sentire quel profumino che, ancora oggi, al solo pensiero mi fa venire l'acquolina in bocca.
Era così bello tornare stanco morto da lavoro ma trovare te dietro la porta che mi sorridevi, e con quegli occhietti vispi, mi parlavi: 'come è andata oggi? È già pronto a tavola, vai a lavarti le mani, ho preparato il tuo piatto preferito'. Dio. Avrei potuto morire in quegli occhi, e dire di aver visto il paradiso.
Era così confortante sedersi sul divano a guardare un film e tenerti tra le mie braccia, sentirti mia. Eri la mia forza.
Apro la porta. Nessun profumino invitante. Nessun sorriso. Niente TV accesa. Nessun 'bentornato amore!'. Non ci sei più.
Dentro di me buio totale, un po' come in questa casa.
È che ormai anche queste quattro mura sentono la tua mancanza.
È che ormai, senza te, non mi sento a casa nemmeno a casa mia.

#poetry #versi #frasi #parole #amore #scrittori #leggilo #art #street #contemporanei #streetart #live #streetpoetry #poesiadistrada #libri #reading #eventi #cabaret #show #paroledamore #inopia #spettacolo #teatro #frasibelle #staseracosì #pensieritumblr #scrittura
Read more
Lasciami stare, te lo chiedo io va bene? Lasciami perdere se non puoi amarmi come si deve. Lasciami ...
Media Removed
Lasciami stare, te lo chiedo io va bene? Lasciami perdere se non puoi amarmi come si deve. Lasciami stare e basta se tanto è uguale se sono io oppure è un’altra lasciami stare se non sono la prima persona che ti viene voglia di raggiungere quando ti succede qualcosa di bello ma sono sempre ... Lasciami stare, te lo chiedo io
va bene?
Lasciami perdere
se non puoi amarmi come si deve.
Lasciami stare e basta
se tanto è uguale se sono io oppure è un’altra
lasciami stare se non sono la prima persona che ti viene voglia di raggiungere quando ti succede qualcosa di bello ma sono sempre la prima se si tratta di dover raccontare qualcosa che ti fa male,
di doverti sfogare.
Se devi ancora farmi male, allora è meglio se mi lasci stare.
Ho letto in giro: o con amore, o niente
e io voglio tutto
e con amore,
sono così stanca delle mezze verità
delle mezze misure,
sono stanca di dovermi sdoppiare, di dover diventare due
per qualcuno che non ha nemmeno voglia di dividere il suo tempo con me. Sono stanca di essere sempre lì per chi per me non c’è,
stanca di essere quella che sta zitta e soffre in silenzio e nessuno se ne accorge,
e allora ti dico sinceramente
che non voglio discutere né arrabbiarmi,
e né voglio che ti arrabbi
voglio solo che esci dalla mia vita
che chiudi la porta
che non mi guardi mentre te ne vai
che mi lasci fare la drastica
che capisci ciò che intendo se ti dico che ti amo ma così non ce la faccio,
ti uccide un sentimento se non è corrisposto.
Se devi amarmi male, lasciami andare
non importa se mi farà male
io me la caverò
ma non voglio più essere quella delle fitte allo stomaco che non può controllare
non voglio più essere quella che non ha lo stesso valore che tu hai per lei, guarda che è importante
pensi che sia una cosa da niente?
Lasciami perdere.
Lasciami da sola
lasciami smettere di sperarci,
smetti di accarezzarmi.
Se non puoi rispondere al cellulare quando serve
e se non puoi notare i miei malumori, e se non riesci a vedere nei miei occhi ciò che vorrei dirti ma proprio non riesco
se non fai attenzione ai dettagli
se tanto io sono solo io e mai niente di diverso dal resto,
se devi farmi piangere
te lo chiedo per favore
proprio adesso che non ce la faccio più
potresti lasciarmi perdere?
Sai, è per il mio bene.
Se mi vuoi bene come dici
se non puoi amarmi come si deve
ti prego,
allora lasciami andare. #ioteeilmare @ioteeilmare #marziasicignano
Read more
Pov's Riki Ok ci siamo, sono agitatissimo, usciamo e andiamo in casetta a prendere le due borse ...
Media Removed
Pov's Riki Ok ci siamo, sono agitatissimo, usciamo e andiamo in casetta a prendere le due borse con i cambi, dopo 10 minuti ci viene a prendere una macchina, Fede vuole sapere dove andremo, ma io non le rispondo e la bacio. Dopo 30 minuti arriviamo davanti a un ristorante elegante e appena ... Pov's Riki
Ok ci siamo, sono agitatissimo, usciamo e andiamo in casetta a prendere le due borse con i cambi, dopo 10 minuti ci viene a prendere una macchina, Fede vuole sapere dove andremo, ma io non le rispondo e la bacio.
Dopo 30 minuti arriviamo davanti a un ristorante elegante e appena scesi Fede si stupisce di dove l'ho portata.
Entriamo e ci portano in una stanzetta da soli, almeno cosi avremmo avuto la nostra privacy.
Ci portano dei buonissimi piatti a base di pesce , finito di mangiare andiamo a fare una passeggiata e dopo risaliamo in macchina che ci porta all'hotel, questo è lo stesso hotel dove alloggiavamo prima del serale.
Appena scende Fede mi guarda con un sorriso malizioso, io ricambio .
Entriamo ed è per me inevitabile ricordarmi tutte le giornate passate nell'atrio con gli altri, a ripensarci mi viene nostalgia.
Ci danno le chiavi della camera e prendiamo l'ascensore, arriviamo ,apriamo la porta e in tutta la stanza ci sono candele, facendo cosi una atmosfera romantica, Fede si gira e mi dice " Hai pensato proprio a tutto..." io sorrido e la bacio.
Mi viene in braccio e si avvinghia con le braccia e le gambe a me, la porto sul letto, qua però lei si ferma e mi dice che vuole farsi un bagno e se voglio posso farlo con lei...
Io senza pensarci due volte annuisco la riprendo in braccio e ci trasferiamo in bagno.
Ho chiesto a Fede più di una volta se è sicura di volerlo fare lei continua a dirmi che mi preoccupo troppo e di divertirmi anche perche in casetta non saremo soli e non potremo farlo quando vogliamo, io sorrido, non ho mai amato una persona cosi tanto da perderci la testa come per Fede.
Pov's Fede
È stata la notte più bella della mia vita, Riki ha messo me davanti a tutto e tutti questo mi fa sentire bene, ora capisco che lo amo veramente tanto, mi basta vederlo per stare bene.
Dopo aver fatto il bagno insieme siamo andati in camera da letto, e diciamo che ci siamo divertiti ancora un po' ahahahhaha
Mi sveglio verso le nove sono tra le braccia di Riki e lo sveglio dolcemente con dei grattini e dei baci lui apre leggermente gli occhi ,mi sorride e mi bacia Mi sto per alzare, ma lui mi tira verso di se, ributtandomi nel letto e...
Read more
IL CONFORTO Se questa città non dorme  Allora siamo in due Per non farti scappare  Chiusi la ...
Media Removed
IL CONFORTO Se questa città non dorme  Allora siamo in due Per non farti scappare  Chiusi la porta e consegnai la chiave a te Adesso sono certa della differenza tra  Prossimità e vicinanza Eh, è il modo in cui ti muovi  In una tenda in questo mio deserto Sarà che piove da luglio  Il ... IL CONFORTO
Se questa città non dorme 
Allora siamo in due
Per non farti scappare 
Chiusi la porta e consegnai la chiave a te
Adesso sono certa della differenza tra 
Prossimità e vicinanza
Eh, è il modo in cui ti muovi 
In una tenda in questo mio deserto
Sarà che piove da luglio 
Il mondo che esplode in pianto
Sarà che non esci da mesi 
Sei stanco e hai finito i sorrisi soltanto
Per pesare il cuore con entrambe le mani ci vuole coraggio 
E occhi bendati, su un cielo girato di spalle 
La pazienza, casa nostra, il contatto, il tuo conforto 
Ha a che fare con me 
È qualcosa che ha a che fare con me
Se questa città confonde 
Allora siete in due
Per non farmi scappare 
Mi chiuse gli occhi e consegnò la chiave a te
Adesso sono certo 
Della differenza tra distanza e lontananza
Sarà che piove da luglio 
Il mondo che esplode in pianto
Sarà che non esci da mesi 
Sei stanco e hai finito i sorrisi soltanto
Per pesare il cuore con entrambe le mani 
Ci vuole coraggio 
E occhi bendati su un cielo girato di spalle 
La pazienza a casa nostra il coraggio il tuo conforto 
Ha a che fare con me 
È qualcosa che ha a che fare con me
Sarà la pioggia d’estate 
O Dio che ci guarda dall’alto 
Sarà che non esci da mesi sei stanco 
Hai finito e respiri soltanto
Per pesare il cuore con entrambe le mani mi ci vuole un miraggio 
Quel conforto che
Ha a che fare con te 
Quel conforto che ha a che fare con te 
Per pesare il cuore con entrambe le mani ci vuole coraggio 
E tanto tanto troppo troppo troppo amore
#TizianoFerro #CarmenConsoli
Read more
Che certe persone sono proprio speciali me ne rendo conto dal primo istante. Da come varcano la porta ...
Media Removed
Che certe persone sono proprio speciali me ne rendo conto dal primo istante. Da come varcano la porta di una mia classe o stanze della mia vita. Da come mi guardano negli occhi. Più da quello che non dicono rispetto a quello che vogliono far sapere. Con alcuni il rapporto è una danza: mi cercano ... Che certe persone sono proprio speciali me ne rendo conto dal primo istante. Da come varcano la porta di una mia classe o stanze della mia vita.
Da come mi guardano negli occhi.
Più da quello che non dicono rispetto a quello che vogliono far sapere.
Con alcuni il rapporto è una danza: mi cercano perché capiscono di potersi fidare, poi fuggono impauriti non da me ma da loro stessi. Si spaventano dello specchio davanti al quale li costringo a guardarsi.
Io li sfido a conoscere loro stessi.
Li sfido a sgretolarsi e ricostruirsi da soli.
Li metto davanti al tanto che già hanno che è bello e anche buono.
E che troppo spesso non guardano più.
Io aggiungo, mai sottraggo.
Guardo oltre la corazza, il muro, la patina scura.
Scavo a fondo come un becchino per sotterrare insieme solo le cose negative e ormai inutili. Il dolore, il rimpianto, la recriminazione, la rabbia, il biasimo, le paure: tutte zavorre inutili che diventano con il tempo concime fertile per l’anima.
Quando li lascio hanno altri visi ma sono ancora storditi.
Quando li rincontro, dopo un pò di tempo, leggo consapevolezza, ascolto fiducia, percepisco crescita e ricerca.

Sono sull’ennesimo treno e torno a casa.
Sono stanca, tantissimo, così stanca che mi lacrimano gli occhi.
Ma non rinuncerò mai alla gioia che provo ogni volta che so di aver fatto la differenza.
.
.
.
.
.
#beautiful #beauty #cool #cute #greeneyes #fashion #blonde #longhairdontcare #fun #girl #girls #hair #longhair #igers #cool #instagirl #instagood #instagramers #lady #love #me #picoftheday #pretty #smile #style #newday #sweet #motivation #coach #feliceognigiorno #backhome
Read more
Tutti i capitoli #dreaming_bookff - SCUSATE, NON RIESCO A TAGGARVI<span class="emoji emoji1f62d"></span> - Commentate se volete ...
Media Removed
Tutti i capitoli #dreaming_bookff - SCUSATE, NON RIESCO A TAGGARVI - Commentate se volete essere taggate (se ci riesco) la prossima volta - CAPITOLO 6° Ci alziamo e ci chiudiamo nelle nostre camere. In realta' lui si chiude in camera sua, io in una stanza a caso. Cosa posso farci ... Tutti i capitoli #dreaming_bookff
-
SCUSATE, NON RIESCO A TAGGARVI😭
-
Commentate se volete essere taggate (se ci riesco) la prossima volta✋
-
CAPITOLO 6°
Ci alziamo e ci chiudiamo nelle nostre camere.
In realta' lui si chiude in camera sua, io in una stanza a caso.
Cosa posso farci se non conosco niente di qui?
E soprattutto, cosa posso farci se sono fatta cosi'?
Non e' colpa mia.
Ho un carattere di merda, lo ammetto.
Sono aggressiva, impulsiva, strafottente, stronza, e parlo troppo.
Pero' posso essere anche dolce, timida, divertente, romantica...bisogna solo conoscermi.
Ripercorro un po' la giornata, e penso che, forse, abbiamo sbagliato entrambi.
Devo chiedere scusa?
Si.
No.
Non so.
Forse.
Sono incasinata.
Non so che fare...ho deciso.
Si.
-
Mi avvio in camera sua...o almeno credo.
Probabilmente si, c'e un cartello "vietato entrare".
Austin non lo metterebbe mai, nella sua testa ci sono solo gentilezza e fiorellini.
Busso.
"Austin, non rompere!"
Oddio, cosa dico?
Sapevo che non era una buona idea!
Stupida mente!
"Ci sei?" dice Bryan.
Entro senza rispondere e mi chiudo la porta alle spalle.
E' steso sul letto...Kate, non guardare!
"Che ci fai qui?" dice senza guardarmi.
"Emh..." "Non accetto le tue scuse." dice.
Cosa? Arrogante.
"Non volevo chiederti scusa!" invento.
"Cosa vuoi allora?"
"Sapere dov'e la mia stanza" invento di nuovo.
"Non lo so."
Lo uccido.
Lo uccido.
Lo uccido.
"Puoi andare" dice.
Fermo i miei pensieri omicidi.
"Stronzo" sussurro.
Mi volto, apro la porta per uscire, e me la ritrovo sbattuta in faccia, con il suo braccio vicino la mia testa.
Mi volto piano, alzando gli occhi verso di lui.
"Cosa?" sussurra.
"Niente..." sussurro a mia volta.
Cerco di spostarmi, ma non ci riesco...le sue braccia mi fanno da barriera.
-
#qotd Cosa ne pensate di Bryan?
Read more
CAPITOLO 50 Io: ti-amo-da-impazzire Sussurrai tra un bacio e l'altro. Jorge: io sono già pazzo Sorrise ...
Media Removed
CAPITOLO 50 Io: ti-amo-da-impazzire Sussurrai tra un bacio e l'altro. Jorge: io sono già pazzo Sorrise sulle mie labbra prima di mordere dolcemente il mio labbro inferiore. Jorge: cazzo Martina sposami Esclamò d'un tratto. Sgranai gli occhi pensando di aver capito male. Io: ... CAPITOLO 50
Io: ti-amo-da-impazzire
Sussurrai tra un bacio e l'altro.
Jorge: io sono già pazzo
Sorrise sulle mie labbra prima di mordere dolcemente il mio labbro inferiore.
Jorge: cazzo Martina sposami
Esclamò d'un tratto.
Sgranai gli occhi pensando di aver capito male.
Io: cosa?
Balbettai sicura di essermi immaginata tutto
Jorge: sposami Martina
Ripeté.
Sgranai gli occhi un'altra volta e sorrisi quando mi resi conto di tutto quello che stava succedendo.
Forse sarebbe un gesto troppo affrettato, impulsivo sposarlo adesso, dopo che è scomparso per più di tre mesi.
Forse sarebbe da stupidi sposare un ragazzo che ti ha lasciato da sola, mentre portavi in grembo suo figlio.
Forse sarebbe una cazzata, una grossa cazzata, forze la più grande che avessi potuto fare.
Un errore, forse sarebbe stato un fortuitissimo errore, ma sicuramente il più bell'errore della mia vita.
Io: si, ti sposerò
Esclamai baciandolo nuovamente.
Jorge: ti amo tanto
Disse tra un bacio e l'altro.
Io: anch'io
Risposi intrecciando le mie mani con i sui capelli tirandone le punte.
Jorge: anche tu cosa?
Chiese ridacchiando.
Io: anche io ti amo
Risposi sorridendo prima di essere interrotta da qualcuno che bussava alla porta.
Xx: Martina!
Mercedes ovvio.
Mi alzo svogliatamente e apro la porta di pochi centimetri.
Io: Mechi sai la novità?
Chiesi.
Io: mi sposo
Continuai facendola gridare.
Mechi: aspetta un attimo, con chi ti sposi?
Chiese dopo svariati urli un po' confusa.
Certo la capisco perfettamente fino al giorno prima ero decisa ad andarmene per dimenticarmi di Jorge e adesso le dico che mi sposo, crederà che sono pazza.
Non risposi e mi limitai ......
CONTINUO A 100 LIKE E 100 COMMENTI😘💋
Read more
Capitolo 17 {parla Mattia} C: no matti devi assolutamente lasciare Ludovica!! B: non è così facile! ...
Media Removed
Capitolo 17 {parla Mattia} C: no matti devi assolutamente lasciare Ludovica!! B: non è così facile! {parla Emma} Sento parlare Cristian e Mattia sentiamo cosa dico! (Mi avvicino alla porta e ascolto) C: E se Emma lo scopre? B: se non glielo dici non lo scoprirà mai! Così Mattia mi tiene ... Capitolo 17 {parla Mattia}
C: no matti devi assolutamente lasciare Ludovica!! B: non è così facile! {parla Emma}
Sento parlare Cristian e Mattia sentiamo cosa dico! (Mi avvicino alla porta e ascolto)
C: E se Emma lo scopre?
B: se non glielo dici non lo scoprirà mai!
Così Mattia mi tiene nascosto qualcosa è?! Vabbè tanto la prende lui nel culo 'sta volta e non io perché ora gli devo dire una cosa dura!! Faccio finta di niente e torno all'entrata
(BUSSO)
E: buongiorno
B: buongiorno Emma!
C: buongiorno coach!
E: Mattia puoi venire un attimo?
B: Emh.. Ok.. Andiamo in giardino
E: si
B: dimmi
E: domani si completeranno le squadre e poi tutti andrete in casetta... Lì ci saranno le telecamere in tutta la casetta e anche nelle sale e credo che venga troppo complicata la nostra storia.. Poi se devo essere sincera non sono sicura di provare qualcosa per te... B: .... E: rispondimi almeno!
B: che vuoi che ti dica!! Hai detto tutto tu! Ciao Emma... Se ne va e io mi sento molto in colpa.. Non è vero che non provo niente, in ogni suo bacio senti i brividi percorrermi la schiena e i suoi occhi.. Cazzo io suoi occhi sono qualcosa di meraviglioso, qualcosa di indescrivibile! Però me lo devo levare dalla testa... Decido di andare in camera e non trovo più ne margherita ne Teresa!!! Chiama impaurita checco
E: checco Teresa e margherita sono li?
C: si sono tornate da pochissimo! Grazie per esserti presa cura di loro ti voglio bene
E: anche io ti voglio bene! Salutamele!
C: ok ciao!
E: ciao un bacio
Ora che sono da sola sto ancora peggio mi stendo sul letto e comincio a piangere... Per fortuna mi sono fermata in tempo prima di innamorarmi... Credo,.. Continuo a 250 Koke e 30 commenti ❤️
Read more
Nella foto Akito il protagonista maschile del racconto. Ha i capelli biondi e i occhi verdi.(akito ...
Media Removed
Nella foto Akito il protagonista maschile del racconto. Ha i capelli biondi e i occhi verdi.(akito non porta i orecchini) CAPITOLO 2 Akito: Capitolo 2 X: Carina? Lei? Ma fatemi il piacere! È solo una sbadata! Non è per niente bella! Aya: *alza lo sguardo e vede il ragazzo di prima che la ... Nella foto Akito il protagonista maschile del racconto. Ha i capelli biondi e i occhi verdi.(akito non porta i orecchini)
CAPITOLO 2 Akito:
Capitolo 2
X: Carina? Lei? Ma fatemi il piacere! È solo una sbadata! Non è per niente bella!
Aya: *alza lo sguardo e vede il ragazzo di prima che la guarda con il suo sguardo gelido* °E LUI CHE CI FA QUI!!!!° *si arrabbia* °so bene di non essere bella, ma potrebbe almeno stare zitto. Insopportabile! Non voglio avere niente a che fare con lui°
Aya lo ignora.
X: cosa? *sorpreso e si offende * ehi tu! Mi ignori! Ma chi ti credi di essere.
Aya: °ma cosa vuole adesso?lasciami in pace, ma in fondo...° *si gira verso di lui guardandolo nei occhi seria* sei libero di pensare quello che vuoi di me come io di te e sei gelido. Devi provare ad aprirsi un può con le persone! Sei antipatico!Antipatico!!!
X:*la guarda indifferente* tsh... *la ignora*
Aya: *Arrabbiata* °non lo supporto proprio. È meglio stargli alla larga.°
Prof:*tesso* Yamazaki siediti pure qui.
Aya: *si ricorda di essere in classe*...*si inchina ripetutamente* chiedo scusa per prima!! Mi scusi!!
Prof:Tranquilla. Akito Takahashi provoca spesso guai. Non è colpa tua.
Hana: È vero. Anche se è strano che si interessi a una ragazza
Akito:... *indiferente*
Aya: *si siede vicino a Hana* interessato? Io direi tutto il contrario comunque piacere Aya Yamazaki
Hana: Piacere mio Aya-san io sono Hana.
Aya: *sorride* Hana-san.
Hana: *sorride* amiche? *Tende la mano*
Aya:*Stringe la mano* amiche
Sorridono.
Akito guarda con la coda del occhio Aya mentre sorride.
Akito:...
Prof:Vedo che ti sei già ambientata Yamazaki.
Aya:Si. *Sorride* credo proprio che mi troverò bene qua.
Hana:Ne sono sicura.
Aya: *sorride*
X:Accidenti se è carina! Credo proprio che ci provero con lei
Akito sente il discorso di un compagno e si alza. Cammina verso la porta
Prof: Takahashi dove vai?
Akito:Affari miei. *Esce*
Aya: *lo guarda andare via* che ragazzo °un mistero. So che dovrei stargli alla larga,ma c'è qualcosa che mi attira verso di lui.° *guarda dalla finestra e lo vede* °chi sa se il presentimento che avevo riguarda lui?° e chi lo sa! *lo guarda pensierosa*
akito: *si gira e la guarda*
CONTINUO SOTTO
Read more
Nathan si gira verso di me e mi guarda. Mi calmo e si avvicina a me. <tutto bene?> mi sussurra guardandomi. ...
Media Removed
Nathan si gira verso di me e mi guarda. Mi calmo e si avvicina a me. mi sussurra guardandomi. balbetto. Cazzo Alice, perché balbetti? Non devi balbettare. Capisco che le sue labbra morbide e carnose siano a due centimetri da te e che i suoi occhi sono immersi nei tuoi. ... Nathan si gira verso di me e mi guarda. Mi calmo e si avvicina a me. <tutto bene?> mi sussurra guardandomi. <s-si..> balbetto.
Cazzo Alice, perché balbetti? Non devi balbettare. Capisco che le sue labbra morbide e carnose siano a due centimetri da te e che i suoi occhi sono immersi nei tuoi. Ma non puoi e non devi balbettare. <hai fatto un brutto sogno?> mi sussurra. <bruttissimo.> dico sussurrando mentre abbasso lo sguardo.
A quelle parole Nathan mi abbraccia, sprofondo fra le sue braccia attorcigliandogli le mie al suo collo. Mi sento come quando mi abbracciavo mio padre.. cosa può significare? Mio padre mi diceva sempre “quando ti sentirai protetta e al sicuro fra le braccia di qualcuno tienilo stretto perché sarà la persona più importante della tua vita.” Che significa tutto ciò? Non capisco. Sono così confusa.
Mi stacco di pochi centimetri da lui e lo guardo fisso negli occhi passando da essi alla bocca. Ci avviciniamo piano piano e siamo a due centimetri. Si apre la porta e mi stacco subito. Sento le guance andare a fuoco guardo verso la porta e vedo un dottore sui 20 anni più o meno, bello e giovane, ma che dico bello.. troppo FICO. <buongiorno signorina Davis. Come sta?> mi chiede avvicinandosi a me. <molto bene adesso, grazie.> dico io fissandolo negli occhi. <mi fa piacere. L’altro dottore ha dato il foglio con il numero dello psicologo a quel signore. > mi dice sfoderando un sorriso. <grazie> dico io ricambiando il gesto.
Ad un certo punto lui si avvicina a me e mi lascia un pezzo di foglio. <aprilo quando esco.> mi sussurra all’orecchio.
Annuisco curiosa. Appena esce guardo il bigliettino ma Nathan mi precede e me lo leva dalle mani aprendolo. <che cazzo fa questo cretino? Ti lascia il numero?> mi dice urlando. <ma cosa t’importa! Dimmi cosa te ne frega!> dico io quasi urlando. <hai ragione, non me ne frega un cazzo.> dice lanciandomi il foglio e uscendo sbattendo la porta.
Perché fa così? Cosa gli prende? Non ha senso questa sua reazione. Non lo capisco proprio. Vedo il bigliettino e c’è scritto il numero e il nome. Si chiama Bryan. Che faccio? Lo chiamo? Quante domande che mi pongo. E quante risposte non date. SOTTO
Read more
Pov's Fede Sto continuando a piangere, vado da Eli che so che è in sala 5, mi vede in lacime e subito ...
Media Removed
Pov's Fede Sto continuando a piangere, vado da Eli che so che è in sala 5, mi vede in lacime e subito pensa a Riki. Le dico che ho fatto una cazzata e che molto probabilmente ora lui non riuscirà a guardarmi neanche più in faccia perche non ho avuto fiducia in lui , nelle sue parole, nel suo amore... Le ... Pov's Fede
Sto continuando a piangere, vado da Eli che so che è in sala 5, mi vede in lacime e subito pensa a Riki.
Le dico che ho fatto una cazzata e che molto probabilmente ora lui non riuscirà a guardarmi neanche più in faccia perche non ho avuto fiducia in lui , nelle sue parole, nel suo amore...
Le chiedo se era possibile evitare di cantare il nostro duetto perche non è la situazione adatta,Eli annuisce e cambiamo scaletta.
Mentre torno in casetta vedo che Riki sta andando verso lo studio, arrivati uno davanti all'altra io lo guardo lui mi scansa e continua a camminare, continuo a guardarlo, anche se sfocato essendo che ho gli cchi pieni di lacrime, finche non entra nello studio, entro in casetta , sono sola, vado in bagno, l'unico posto senza telecamere e inizio a piangere.
Pov's Riki
Eli mi vuole per provare in sala 5, ho paura di incontrare Fede per il tragitto, esco di casetta e con la mia solita fortuna me la ritrovo davanti, vedo che lei si è fermata, io la supero senza guardarla negli occhi.
Entro in studio incazzatissimo, Eli mi guarda e mi dice che sa tutto, che Fede è appena stata da lei per chiedergli di non farci cantare il duetto perche non le sembra la condizione più adatta , annuisco.
Provo le canzoni, mi vengono tutte male,ma sinceramente non vedo l'ora di tornarmene in casetta, Eli ha capito che sono stanco e mi lascia andare anche se non canto come gli altri giorni.
In casetta c'è solo Fede in camera sua, entro nella mia senza salutare e mi chiudo, appena lei sente che chiudo la porta inizia a piangere più forte tanto he mi viene da piangere anche a me...
SABATO SERALE
Con Fede non ci siamo più parlati, questa sera non sono pronto ho la testa troppo confusa , vabbhe iniziamo ad esibirci, io non sono affatto fiero di come ho cantato, infatti sono il primo eliminato provvisorio...
Prima di uscire guardo Fede che ha le mani sulla faccia e Andre la sta consolando.
Dopo più di un'ora mi vengono a chiamare sono contro Shady...
Le carte iniziano a girare... SONO SALVO!!!!
Abbraccio Shady e corro incontro ad Andre, finito l'abbraccio con lui vado verso Fede e...
Read more
La freneticità della vita che faccio impedisce alla memoria di sedimentarsi come dovrebbe. Questa freneticità, sovente, non mi da neanche il tempo di fermarmi e godermi alcuni momenti e/o soddisfazioni. Oggi però mi fermo un attimo a pensare,prima dell’ennesimo aereo da prendere; Guardo ... La freneticità della vita che faccio impedisce alla memoria di sedimentarsi come dovrebbe. Questa freneticità, sovente, non mi da neanche il tempo di fermarmi e godermi alcuni momenti e/o soddisfazioni. Oggi però mi fermo un attimo a pensare,prima dell’ennesimo aereo da prendere; Guardo queste immagini che scorrono e penso a quanto io sia fortunato. Questo piccolo video è stato girato poco tempo fa in Uruguay, si in Uruguay dall’altra parte del mondo rispetto a dove sono nato. Oggi dovrebbe essere scontato girare il mondo per me, ma non lo è ancora e mai lo sarà. Guardo l’Ilario di adesso e penso all’Ilario che, rinchiuso nella sua cameretta sognava questo, mentre faceva musica in cuffia, tutto il giorno, tutti i giorni. Vorrei tornare indietro nel tempo, entrare in quella stanza e guardarmi, guardare quegli occhi pieni di speranza ,passione pura e genuina. Vorrei incrociare quello sguardo, perché sono sicuro che è lo stesso di adesso. Perché sono sicuro che guardandoci sorrideremmo, per poi capire che quella parentesi lì, sulla faccia, tendente all’insù, è lì solo ed esclusivamente grazie alla musica. Chiudo la porta del passato immaginario e torno nel presente, dove ringrazio tutti voi per l’emozioni che mi date quando vi vedo felici ballare con me. ❤️
#ilarioalicante #uruguay #montevideo #dj #djlife
Video : @themarcosrivero
Read more
1° CAPITOLO Mi chiamo Leonardo, Leonardo Decarli, sono di Milano. Sono alto, atletico, mi piace ...
Media Removed
1° CAPITOLO Mi chiamo Leonardo, Leonardo Decarli, sono di Milano. Sono alto, atletico, mi piace fare sport. Ma la cosa che più mi caratterizza sono gli occhi: sono di un azzurro opaco, che vira verso il grigio a seconda del mio umore. È mezzanotte passata, vado a dormire, domani mi tocca ... 1° CAPITOLO
Mi chiamo Leonardo, Leonardo Decarli, sono di Milano.
Sono alto, atletico, mi piace fare sport.
Ma la cosa che più mi caratterizza sono gli occhi: sono di un azzurro opaco, che vira verso il grigio a seconda del mio umore.
È mezzanotte passata, vado a dormire, domani mi tocca andare a scuola.
ORE: 6:10 A.M
DRIINN
Spensi la sveglia. Mi alzai: faticosamente, mi trascinai fino al bagno ed entrai nella doccia.
Mi infilai poi una felpa nera, con la zip aperta, da cui si intravedeva una maglietta blu a maniche corte. Indossai un paio di jeans grigi.
Allacci all star rosse, agguantai una spallina dello zaino e uscii.
Aspettai per più di venti minuti alla fermata dell'autobus. Accesi la schermata del telefono e mi balenò agli occhi la data: quel giorno c'era lo sciopero degli autobus!
Corsi a casa, maledicendo in tutte le lingue quegli inutili mezzi.
Quell'anno avevo fatto troppe assenze: non potevo mancare pure quel giorno!
Entrai in casa: mi guardai intorno. Dietro la porta d'ingresso giaceva uno skateboard che avevo comprato qualche anno prima.
Lo afferrai, sbattei con violenza la porta alle mie spalle e ci saltai sopra.
Ero assai barcollante e mi sentivo ridicolo.
Tirai fuori il cellulare dalla tasca della felpa. Ore: 7:58.
Stavo richiudendo la lampo quando...
[CONTINUO A 8 COMMENTI POSITIVI E A 80 LIKES]
#capitolidecarli
Read more
"Siamo tutti viaggiatori nati. Abbiamo polvere di stelle nelle vene, cartine geografiche con ...
Media Removed
"Siamo tutti viaggiatori nati. Abbiamo polvere di stelle nelle vene, cartine geografiche con strade d’argento negli occhi e istruzioni per viaggiare..." ~ ️🌍🗺 { La felicità che ho ogni volta che organizzo un viaggio non è paragonabile a nulla. L’adrenalina e la curiosità mi animano, ... "Siamo tutti viaggiatori nati. Abbiamo polvere di stelle nelle vene, cartine geografiche con strade d’argento negli occhi e istruzioni per viaggiare..." ~ ❤️🌍🗺 { La felicità che ho ogni volta che organizzo un viaggio non è paragonabile a nulla. L’adrenalina e la curiosità mi animano, e lo staccare la spina dalla quotidianità mi fa sentire libera. Se potessi avrei sempre una valigia pronta dietro la porta di casa, un biglietto di aereo per qualsiasi destinazione, in tasca un sorriso e via lontano! Per il momento sono appena ritornata 😬 e allora rivivo e faccio rivivere nuovamente anche a voi tutte le mete visitate. 💙 Come? Caricando il primo video del mio viaggio on the road su IGTV con le prime due città: #Graz e #Bratislava 💙 In foto sono in uno dei posti più caratteristici di Graz la torre dell’orologio che si affaccia sull’intera cittadina! 😍 In questi giorni pubblicherò anche tutti gli altri video!😊 Intanto fatemi sapere se questo vi è piaciuto! 😊🙈Felice domenica Ig! ☀️
Read more
"Poi la porta si spalancò. Ed entrò quella donna. Tutto quello che posso dirvi è che ci sono miliardi ...
Media Removed
"Poi la porta si spalancò. Ed entrò quella donna. Tutto quello che posso dirvi è che ci sono miliardi di donne, sulla terra, giusto? Certune sono passabili. La maggior parte sono abbastanza belline, Ma ogni tanto la natura fa uno scherzo, mette insieme una donna speciale, incredibile. Cioè, ... "Poi la porta si spalancò. Ed entrò quella donna. Tutto quello che posso dirvi è che ci sono miliardi di donne, sulla terra, giusto? Certune sono passabili. La maggior parte sono abbastanza belline, Ma ogni tanto la natura fa uno scherzo, mette insieme una donna speciale, incredibile. Cioè, guardi e non ci puoi credere. Tutto è un movimento ondulatorio perfetto, come l'argento vivo, come un serpente, vedi una caviglia, un gomito, un seno, un ginocchio, e tutto si fonde in un insieme gigantesco, provocante, con magnifici occhi sorridenti, bocca leggermente piegata in giù , labbra atteggiate in modo che sembrano scoppiare in una risata alla tua sensazione di impotenza. E sanno vestirsi, e i loro lunghi capelli incendiano l'aria. Troppo di tutto, accidenti." #laPrimavera #Botticelli
Read more
 #GOTTAPEE!!! Prima regola degli #Onironauti? ... i BAGNI nei SOGNI sono delle TRAPPOLE!!! Se ...
Media Removed
#GOTTAPEE!!! Prima regola degli #Onironauti? ... i BAGNI nei SOGNI sono delle TRAPPOLE!!! Se un Onironauta va in bagno dentro un sogno diventa un Urinauta! [Risate registrate] Se ci cascate le conseguenze saranno parecchio imbarazzanti! Vi racconto cosa mi è successo tanto perché ... #GOTTAPEE!!!
Prima regola degli #Onironauti? ... i BAGNI nei SOGNI sono delle TRAPPOLE!!! Se un Onironauta va in bagno dentro un sogno diventa un Urinauta!
[Risate registrate]
Se ci cascate le conseguenze saranno parecchio imbarazzanti!
Vi racconto cosa mi è successo tanto perché mi piace essere preso per il culo.
Soffrire di #enuresi notturna (fare la pipì a letto) è normale nell'infanzia, niente di cui vergognarsi, ci siamo passati tutti.
Se accade in età adulta eh eh eh è imbarazzante!
Allora, qualche settimana fa stavo chattando nel mio #letto (si, i cuscini sono rosa, quando ho comprato le #lenzuola da Ikea non vedevo le #federe) quando vengo assalito dall'abbraccio di #Morfeo.
Avevo trovato la posizione perfetta e gli occhi hanno iniziato a chiudersi.
Solo che (come succede sempre) devo andare in bagno.
Già una volta avevo perso il sonno per andare a lavarmi i denti... Fa un freddo cane fuori dalle coperte!
Ma mi scappa!
Ma ho sonno!
Ma mi scappa!
HAI VINTO VESCICA!
Allora decido di alzarmi, vado in bagno, accendo la luce, abbasso i pantaloni del pigiama e... ATTENZIONE! L'AMMIRAGLIO ACKBAR ENTRA NEL BAGNO SFONDANDO LA PORTA!!!
"IT'S A TRAP!!!!!!!!"
Mi risveglio, sono nel mio letto, avevo sognato di alzarmi e andare in bagno... Era tutto un #sogno... Tutto tranne il fatto di aver fatto la pipì.
CAMBIAMO ARGOMENTO!
No ok... Erano due gocce, ho un po' esagerato la storia.
Niente, alla prossima puntata con "Polluzioni notturne e altri rimedi medioevali". #art #illustration #drawing #draw #picture #photography #artist #sketch #sketchbook #creative #graphic
Read more
4° CAPITOLO Fede: facciamo un gioco Io: va bene Fede: chiudi gli occhi e pensa al posto piú bello ...
Media Removed
4° CAPITOLO Fede: facciamo un gioco Io: va bene Fede: chiudi gli occhi e pensa al posto piú bello su questo mondo.. Io: dai fede.. Fede: ti prego Martina..ascoltami.. Io: o-kk Fede: chiudi gli occhi e pensa al posto piú bello... Poi... *bacia* Io: oddiooo *scappo a casa mia, entro ... 4° CAPITOLO
Fede: facciamo un gioco
Io: va bene
Fede: chiudi gli occhi e pensa al posto piú bello su questo mondo..
Io: dai fede..
Fede: ti prego Martina..ascoltami..
Io: o-kk
Fede: chiudi gli occhi e pensa al posto piú bello... Poi...
*bacia*
Io: oddiooo *scappo a casa mia, entro in casa e corro in camera mia a scrivere sul mio diario quello che era successo e mi accorsi di non aver salutato Fede e di essere corsa via come se tutto ciò non mi piaceva..*
Fede: ciao Marco come va?
Marco: a me bene..ma tu hai una faccia..
Fede: bhe ho baciato Martina ma lei è corsa via.. La chiamo al cellulare ma non risponde...
Marco: raggiungila questo è il suo indirizzo..
Fede: grazie Marco sei un amico.
*arrivo fuori casa sua suono il campanello e trovo proprio lei che mi apre la porta sorpresa*
Io: Fede.. Scusa
Fede: non ti è piaciuto?
Io: è ovvio che mi è piaciuto ma ero emozionata e sono corsa via..
Fede: ah allora posso farti una domanda?
Io: si dimmi... A 20 like posto il capitolo 5 fatemi sapere come sempre se vi è piaciuto...😍❤
#fslc @TagsForLikes #followshoutoutlikecomment #TagsForLikesFSLC #follow #shoutout #followme #comment #TagsForLikes #f4f #s4s #l4l #c4c #followback #shoutoutback #likeback #commentback #love #instagood #photooftheday #pleasefollow #pleaseshoutout #pleaselike #pleasecomment #teamfslcback #fslcback
Read more
Sento la porta di casa sbattere, lui è qui. Si toglie la giacca,si siede di fronte a me e mi guarda. ...
Media Removed
Sento la porta di casa sbattere, lui è qui. Si toglie la giacca,si siede di fronte a me e mi guarda. Mi solleva sorridendo e mi mette sulle  sue gambe. Mi viene da ridere ogni volta che lo fa. Ha gli occhi chiari,  i capelli ricci sempre arruffati. Mi sorride e mi accarezza. Mentre mi accarezza,  ... Sento la porta di casa sbattere, lui è qui.
Si toglie la giacca,si siede di fronte a me e mi guarda. Mi solleva sorridendo e mi mette sulle  sue gambe. Mi viene da ridere ogni volta che lo fa.
Ha gli occhi chiari,  i capelli ricci sempre arruffati. Mi sorride e mi accarezza.
Mentre mi accarezza,  guarda il mio viso attentatamene e sbuffa, se n’è accorto. Mi prende la mano delicatamente  e me la sposta verso l’alto… tremo.
Tutti i miei pixel tremano…
Eh gia… sono un computer portatile,  innamorata del mio padrone.
Un virus però, mi ha reso molto molto debole ed instabile.
Ho sbalzi d’umore, a volte chiudo i programmi senza volerlo. Ci metto tanto a svegliarmi la mattina, dopo che mi accende…
Lui si arrabbia e dice che sono lenta, ma lo so… lui non può amarmi…
Per lui sono solo  la sua complice, quando guarda le altre ragazze su facebook, o sono costretta a chiudere gli occhi quando va sui dei siti con delle donne tutte nude.
Ho paura, perché vedete, nella mia vecchia casa, il negozio di computer, c’era una parola, di cui tutti avevamo paura : Formattazione.
Per guarirti, ti cancellano la memoria. Tabula rasa, tutto da zero.
No! Io non voglio dimenticarlo. E se poi non lo potessi più amare?
Cazzo anche questo dottor-antivirus, mi dice che non si può fare più niente, bisogna formattare.
Lui, prende il telefono, sento che parla con un amico.. Sento la parola formattazione. Tremo.
Come poteva amarmi?  Mi prende per mano e mi porta verso l’arresto del sistema. Prima quando mi spegneva ero felice, perché sapevo che l’avrei rivisto il giorno dopo.
Faccio in tempo per guardare la sua stanza, i suoi occhi tristi.Apro di colpo il blocco note e gli scrivo ti amo. Lui fissa il computer esterrefatto.
Poi riparte, forse crede sia il virus. Arresta il sistema. Riapro gli occhi. Mi fa male la testa, non ricordo nulla. Cosa è successo?
C’è uno sconosciuto che mi guarda. Tento di coprirmi, sono nuda… e  mi sento molto leggera.Non so chi sia questa persona, mi ha guarito,  ma non so chi sia.
Mi sorride, e mi guarda. Quegli occhi li conosco. E’ lui, è tornato. Di colpo ricordo tutto. Backup Completato.
Mi prende per mano, ed io continuo ad innamorarmi, ad ogni accensione.
Read more
Ciao piccolo eserino , Ti avverto non sono brava con le parole quindi forse sbaglierò qualcosa. ...
Media Removed
Ciao piccolo eserino , Ti avverto non sono brava con le parole quindi forse sbaglierò qualcosa. Dopo una lunga attesa abbiamo scoperto che finalmente eri riuscito a varcare la porta della pancia della tua mamma ero felicissima , via via che crescevi nel pancione facevi sempre più confusione ... Ciao piccolo eserino ,
Ti avverto non sono brava con le parole quindi forse sbaglierò qualcosa.
Dopo una lunga attesa abbiamo scoperto che finalmente eri riuscito a varcare la porta della pancia della tua mamma ero felicissima , via via che crescevi nel pancione facevi sempre più confusione e quando hai iniziato a scalciare lì si che mi divertivo facevi dei bozzi giganteschi nel pancione con quel piedino .. ho immaginato tante volte come fossero le tue manine , i tuoi occhi , ma quando sei nato le mie aspettative sono scomparse lasciando spazio a quel nasino all’insù e quegli occhioni a strafottente, sei un ometto straordinario anche se ogni tanto vieni in camera mia mentre sono a sistemare e apri i cassetti e cominci a rantolare le cose in terra o quando entri in casa dopo giorni che non mi vedi mi guardi facendo finta che non ci sia nessun’altro intorno e urli “DEDDE” o quando giochiamo a pallina e urliamo e la Marilù si arrabbia perché disturbiamo i vicini.
Ti amo da morire !!!
Buon compleanno piccolo nano del mio 💙
Un anno immenso di te 😍 #buoncompleanno #nanetticrescono #tiamo❤️ #scricciolinomio
Read more
Pov.Hermione Non appena arriviamo sulla torre di astronomia io comincio a controllare se ci sia ...
Media Removed
Pov.Hermione Non appena arriviamo sulla torre di astronomia io comincio a controllare se ci sia qualcuno che non è nei dormitori, Draco rimane invece a guardare le stelle appoggiato alla ringhiera H:vuoi continuare a guardare le stelle o andiamo giù per controllare?- D:non mi rompere ... Pov.Hermione
Non appena arriviamo sulla torre di astronomia io comincio a controllare se ci sia qualcuno che non è nei dormitori, Draco rimane invece a guardare le stelle appoggiato alla ringhiera
H:vuoi continuare a guardare le stelle o andiamo giù per controllare?-
D:non mi rompere mezzosangue- rimane a guardare le stelle quasi rapito da essere,mi avvicino a lui e le guardo anche io,intravedo il segno zodiacale del sagittario,mi si illuminano gli occhi
H: perché le guardi così?-
D: non sono affari tuoi- incrocio le braccia e lo guardo male
H:Eddai Malfoy!perché ne sei così affascinato!?sono solo stelle-
D: non sono solo stelle per me,l'anno scorso venivo spesso qua a guardarle e mi sentivo sempre meglio...- io mi dirigo verso la porta e la apro
D: dove vai?-
H: Vado a fare il giro di ronda e devi venire anche tu-
D: va bene,ma non ti arrabbiare!- io lo guardo male,esco dalla porta e 2 secondi dopo arriva anche lui,comincio a camminare verso la sala grande per controllarla,Draco è dietro di me con le mani in tasca e il passo veloce
D: ti è mai capitato di sentirti...sbagliata?emarginata?-
H: si,vengo emarginata da te, perciò si,mi succede ogni giorno-
D: io non ti emargino,ti dico solo Su- mi fermo e mi metto davanti a lui
H: e ti sembra poco!?mi sento uno schifo quando lo fai!e lo fai sempre!- lui non mi guarda male,anzi,sembra dispiaciuto...e mi viene da dire...che cucciolo!
D:e tu!?mi chiami sempre furetto!e ci sto male!-
H:oh! ma fammi il piacere!- continuo a camminare mentre lui con faccia triste mi segue.Non riesco a credere che mi abbia chiesto se mi sento emarginata quando lui mi fa sentire così praticamente ogni volta che lo vedo...e io ci sto male...anche perché in fondo in fondo...al lui...ci tengo un pochino...
Read more
Passare il cancello e scendere il ciottolato arrivando davanti la porta. Tre serrature, l’ultima ...
Media Removed
Passare il cancello e scendere il ciottolato arrivando davanti la porta. Tre serrature, l’ultima fa le bizze ma forzandola un po’ scatta anche lei. Sono dentro. Mi faccio prendere da un misto di curiosità ed eccitazione come per ogni novità. L’odore di chiuso che riempie le stanze fa da contraltare ... Passare il cancello e scendere il ciottolato arrivando davanti la porta. Tre serrature, l’ultima fa le bizze ma forzandola un po’ scatta anche lei. Sono dentro. Mi faccio prendere da un misto di curiosità ed eccitazione come per ogni novità. L’odore di chiuso che riempie le stanze fa da contraltare al vuoto totale. Solo qualche mensola in legno. Sarebbe una libreria perfetta penso. Il camino sulla parete a sinistra domina la scena. Mi attira, mi ispira più il calore del suo significato che non il pensiero della legna che potrebbe ardere. Il legno, bello e liscio quello del parquet che calpesto. Non si lamenta, nemmeno uno scricchiolio.
Fuori la vista è incredibile. Gli occhi arrivano al Resegone. Finalmente lo vedo fuori dal libro di Manzoni, imbiancato. Il giardino è una giungla. Ci sono ricci ovunque, nemmeno una castagna, qualche caco a terra, una vigna secca. Apriamo una specie di cappelletta. Ragnatele enormi ricoprono buona parte dello spazio. Entro comunque. Due credenze di chissà quale epoca con un po’ di vasellame e qualche sedia impilata. Ma è un cesto di ciliegie di Vignola che attira la mia attenzione. Mi viene da ridere ma è un senso di incompiuto a cogliermi. Come di qualcosa che poteva essere, ma non sarà. Mai!
Chissà se ci hai mai messo piede tu. Se hai giocato tra quelle stanze. Se hai corso su quest’erba. Magari quelle ciliegie gliele hai fatte conoscere tu? Domande che non avranno mai risposta. “Andiamo?” E mi riprendo dai pensieri. Esco e sono ricoperto di ragnatele ma non mi importa, nemmeno mi pulisco. Le ragnatele saltano via dai capelli mentre sono in doccia. Sono a casa, ma sempre intento a pensare. Pensare che tra un paio di giorni ne avresti fatti 60 tondi. Invece resterai per sempre fermo a “44 da fare” così come io resterò sempre col dubbio di sapere se i tuoi occhi abbiano mai visto quel panorama che fino a qualche ora prima ero intento ad ammirare.
Forse avrei dovuto davvero portarmi via quella scatolina di plastica inutile con su scritto Vignola.

#home #mood #cold
Read more
Ho sempre avuto la percezione che fossi più vecchio dell’età che effettivamente avevi. <span class="emoji emoji1f474"></span>🏻Sono ...
Media Removed
Ho sempre avuto la percezione che fossi più vecchio dell’età che effettivamente avevi. 🏻Sono nata poco prima che compissi 62 anni, ma per me eri più grande, più saggio di quell’età. Al contempo, ti consideravo eterno, pensavo non ci avresti mai lasciato. L’ho sperato, soprattutto. ... Ho sempre avuto la percezione che fossi più vecchio dell’età che effettivamente avevi. 👴🏻Sono nata poco prima che compissi 62 anni, ma per me eri più grande, più saggio di quell’età.
Al contempo, ti consideravo eterno, pensavo non ci avresti mai lasciato.
L’ho sperato, soprattutto.
Oggi sono 90 nonno e chissà cosa avremmo fatto se fossi stato ancora qui.
Chissà se lo vedi come sta per cambiare il tuo “magazzeno”, se lo sai che qui si sente ancora il profumo del tuo vino ogni volta che apriamo la porta.
Chissà se lo sai che ieri come ho fatto le scale di casa tua, mi sono emozionata al pensiero che stia accadendo davvero.
E chissà se percepisci il dolore perché non ci sarai a vedermi andare all’altare.
Io me l’immagino come avresti studiato Simone, perché non avresti mica accettato così facilmente che mi sposassi “uno qualunque”. Poi però l’avresti conosciuto e ne avresti ammirato il carattere e i modi.
E ti saresti commosso, come ti capitava ogni tanto anche se facevi finta di niente.
Se chiudo gli occhi sento ancora la tua voce, il tuo profumo, la sensazione della tua pelle e il tuo respiro affaticato degli ultimi tempi.
Sono 90 oggi nonno, ma spero sempre tu mi guardi con quegli occhi innamorati di questa foto.
E mi immagino di danzare con te ancora una volta. ♥️
Read more
Cap 1 #twitterNH "Mamma ti prego posso?" le chiesi per l'ennesima volta quasi in ginocchio "No ...
Media Removed
Cap 1 #twitterNH "Mamma ti prego posso?" le chiesi per l'ennesima volta quasi in ginocchio "No tesoro mi dispiace ma non possiamo permettercelo" "Mamma ti prego" "Tesoro lo so che ci tieni a partecipare a quel concerto ma non puoi , adesso vai a mettere a letto i tuoi fratelli?" "No mamma ... Cap 1 #twitterNH "Mamma ti prego posso?" le chiesi per l'ennesima volta quasi in ginocchio
"No tesoro mi dispiace ma non possiamo permettercelo" "Mamma ti prego"
"Tesoro lo so che ci tieni a partecipare a quel concerto ma non puoi , adesso vai a mettere a letto i tuoi fratelli?"
"No mamma , con sto cavolo " dissi correndo per le scale e sbattendo la porta buttandomi sul letto
Cosa c'è che non va in me? sono Hope , una ragazza di 16 italiana anni con i capelli e gli occhi castani , fin qui tutto normale
Ma si io vivo in una casa sperduta nel nulla , ciò è niente vicini rompi balle , no aspetta i miei due fratelli minori Theo e Mark prendono il suo posto , niente cani che abbaiano , niente litigate dei vicini che non ti fanno chiudere occhio la notte
No io qua devo pulire , accudire Mark e Theo , curare il giardino , cavalcare Fuy ...
Ma con gli One Direction mi sento normale , avanti sono gli idoli che tutte le ragazze sognano belli , talentuosi ,famosi , belli , fighi , l'ho già detto belli ?
Sta di fatto che mi sono buttata sul letto a peso morto e la mia gatta Molly è venuta a cinsolarmi ,mi capisce sempre , lei è una genia !
Metto le mie inseparabili cuffie , faccio partire a ripetizione little things cintinuo a piangere , fino a quando gli occhi non si chiudono .
Read more
Piccolo Grande Amore mio ancora non mi sembra di essere la tua mamma, sono cosi' fortunata! Tu mi ...
Media Removed
Piccolo Grande Amore mio ancora non mi sembra di essere la tua mamma, sono cosi' fortunata! Tu mi riempi le giornate di una gioia fortissima! E sono passati gia' tre mesi da quando ho incontrato i tuoi occhi per la prima volta! Auguri piccolino mio . . . Copertina @babylinoitalia Catenella ... Piccolo Grande Amore mio ancora non mi sembra di essere la tua mamma, sono cosi' fortunata! Tu mi riempi le giornate di una gioia fortissima! E sono passati gia' tre mesi da quando ho incontrato i tuoi occhi per la prima volta! 💙Auguri piccolino mio💙 .
.
.
Copertina @babylinoitalia
Catenella porta ciuccio e koala @babygioielli
Completino @prenatal
Read more
L’allenamento è finito, con il braccio piegato che regge il borsone ti fermi a guardare la vasca… acqua ...
Media Removed
L’allenamento è finito, con il braccio piegato che regge il borsone ti fermi a guardare la vasca… acqua e linee immaginarie… acqua e linee immaginarie che ti hanno fatto uscire sangue… che ti hanno fatto capire cos’è il cloro da molto prima che lo trovassi su una tavola periodica... che ... L’allenamento è finito, con il braccio piegato che regge il borsone ti fermi a guardare la vasca…
acqua e linee immaginarie…
acqua e linee immaginarie che ti hanno fatto uscire sangue…
che ti hanno fatto capire cos’è il cloro da molto prima che lo trovassi su una tavola periodica...
che ti hanno dato tanta gioia...
acqua e linee immaginarie che sono la tua casa..
Cosa ti spinge ad iniziare ogni anno una nuova stagione..
”Nel weekend mi piace dormire” ti dicono quelli che frequentano le palestre…
”Non stiamo mai insieme” ti dice il tuo ragazzo (quando avrai il tempo per averlo)
“Meglio la pallavolo, il ballo \ il calcio” ti dicono gli amici \ le amiche
“Pensa allo studio” ti dicono i tuoi genitori…
Ci pensi e sorridi, cosa ne sanno loro di cosa vuol dire la Pallanuoto per te…
Che ne sanno della tensione che non ti fa dormire la notte prima di un incontro...
Delle partite che hai giocato da infortunato o fisicamente non in forma..
Di quello che provi quando fai segnare una tua compagna compagno di squadra a porta vuota..
E del suo immediato sguardo che ti dice tutto..
Che ne sanno delle corse che hai fatto per non arrivare tardi agli allenamenti..
Che ne sanno di quella palla che hai salvato sulla linea di porta… ma che lo senti come se lo avessi fatto ora..
Che ne sanno di quanta forza ti dà la pacca sulla spalla di una tua compagna di squadra dopo gli scatti che ti hanno stremato..
Che ne sanno di come trattieni il fiato quando il coach dà i convocati o i primi sette.
Che ne sanno di quanto è dolce la carezza che, senza guardarti, chi gioca dall'inizio ti dà mentre sei seduto in panchina e le lacrime agli occhi.
Che ne sanno di cosa si prova a stare sopra di un goal a 20 secondi dalla fine con la palla in mano all'avversario..
Che ne sanno di come riesci a capirti con le tue compagne di squadra con solo uno sguardo che dura meno di un secondo..
Che ne sanno di cosa ti passa per la mente mentre ti riscaldi prima della partita.
Che ne sanno dello stomaco che si stringe quando segna quello che stavi difendendo. Che ne sanno delle gomitate e dei calci che hai preso. Che ne sanno quanto ami questo sport, a quanto ami questa squadra😍
Io ho fatto la mia scelta!❤
Read more
-buon<span class="emoji emoji1f338"></span>giorno- • finalmente l'iPad si è acceso e non ho dovuto spaccarlo<span class="emoji emoji1f602"></span>stasera vado a vedere ...
Media Removed
-buongiorno- • finalmente l'iPad si è acceso e non ho dovuto spaccarlostasera vado a vedere il carnevale estivo ma ora vi lascio al.... • C A P I T O L O 9 -terzastagione- C:Gaia guardami meglio occhi e dimmi che NON MI AMI ~io inizia a bagnare le mie guance con le lacrime così mi girai ... -buon🌸giorno-

finalmente l'iPad si è acceso e non ho dovuto spaccarlo😂stasera vado a vedere il carnevale estivo ma ora vi lascio al....

C A P I T O L O 9 -terza💘stagione-

C:Gaia guardami meglio occhi e dimmi che NON MI AMI
~io inizia a bagnare le mie guance con le lacrime così mi girai per andarmene ma Christian mi pese il braccio e mi tirò a se~
G:Christian lasciami~mi staccai~
C:dimmi che non mi ami in faccia
G:non posso
C:allora perché mi hai lasciato
G:Christian non possiamo stare insieme okay*alzando il tono*
~mi mise le mani al collo mi guardò dritto negli occhi e mi baciò fu bellissimo io non posso stare senza di lui io lo amo..mi staccai e caddi a terra singhiozzando~
G:Christian:Matilda e Luke mi hanno obbligato a lasciarti sennò facevano male a mia sorella~Christian si mise seduto accanto a me abbracciandomi~
C:Gaia sai che ne nessuno potrà mai separarci prima dovranno passare sul mio cadavere
G:promesso
C:promesso~mi baciò sulla guancia~
C:ora andiamo a fare un discorsetto a Matilda
G:no ti prego fallo per me non andare
C:va bene ti porto a casa~mi prese per la mano e andammo a casa arrivati apri la porta e trovai.....
👑piaciuto?👑•|sono finalmente riuscita a postarlo yeep|•
Read more
Capitolo Finale: Greta è una ragazza bellissima. Greta sono le Sue labbra rosse La scia di profumo che lascia per casa Il rumore delle Sue risate Greta è lo stampo del rossetto sul collo È la pioggia dopo una giornata di sole Greta è il rumore della primavera Greta è il silenzio Il rumore ... Capitolo Finale:
Greta è una ragazza bellissima.
Greta sono le Sue labbra rosse
La scia di profumo che lascia per casa
Il rumore delle Sue risate
Greta è lo stampo del rossetto sul collo
È la pioggia dopo una giornata di sole
Greta è il rumore della primavera
Greta è il silenzio
Il rumore dei respiri che si mescolano nel letto
Greta è una litigata
Un piatto che si spacca
La porta che si chiude
Greta sono le cazzate
Le risate
Telefonate
I messaggi
Gli urli
I baci
Gli occhi e le lacrime
Greta siete voi
Greta è tutto ciò che siamo.
——
Tra due settimane giriamo il video.
Presto news
Presto con voi
#greta
Read more
Ho una solitudine così affollata così piena di nostalgie e di volti di te di congedi passati o ...
Media Removed
Ho una solitudine così affollata così piena di nostalgie e di volti di te di congedi passati o baci benvenuti alla prima occasione e in ultimo termine ho una solitudine così affollata che posso organizzarla come fosse un corteo per colori misure e promesse per epoche per ... Ho una solitudine
così affollata
così piena di nostalgie
e di volti di te
di congedi passati
o baci benvenuti
alla prima occasione
e in ultimo termine
ho una solitudine
così affollata
che posso organizzarla
come fosse un corteo
per colori
misure
e promesse
per epoche
per tatto
e per sapore …..
senza esitare
mi abbraccio alle tue assenze
che vengono e mi assistono
col mio volto di te
sono pieno di ombre
di notti e desideri
di molte risa e qualche
disappunto
i miei ospiti accorrono
giungono come sogni
con i loro rancori
l’assenza di purezza
io metto una scopa
dietro la porta
perché voglio stare solo
col mio volto di te
ma il volto di te
guarda da un’altra parte
con gli amorosi occhi
che non m’amano più
come viveri
che cercano la fame
guardano e guardano
e spengono il mio giorno
i muri se ne vanno
resta la notte
la nostalgia va via
non resta nulla
il mio volto di te
ormai chiude gli occhi
ed è una solitudine
tanto desolata.
Read more
~ Poi la porta si spalancò. Ed entrò quella donna. Tutto quello che posso dirvi è che ci sono miliardi ...
Media Removed
~ Poi la porta si spalancò. Ed entrò quella donna. Tutto quello che posso dirvi è che ci sono miliardi di donne, sulla terra, giusto? Certune sono passabili. La maggior parte sono abbastanza belline, ma ogni tanto la natura fa uno scherzo, mette insieme una donna speciale, incredibile. Cioè, ... ~ Poi la porta si spalancò. Ed entrò quella donna. Tutto quello che posso dirvi è che ci sono miliardi di donne, sulla terra, giusto? Certune sono passabili. La maggior parte sono abbastanza belline, ma ogni tanto la natura fa uno scherzo, mette insieme una donna speciale, incredibile. Cioè, guardi e non ci puoi credere. Tutto è un movimento ondulatorio perfetto, come l'argento vivo, come un serpente, vedi una caviglia, un gomito, un seno, un ginocchio, e tutto si fonde in un insieme gigantesco, provocante, con magnifici occhi sorridenti, bocca leggermente piegata in giù, labbra atteggiate in modo che sembrano scoppiare in una risata alla tua sensazione di impotenza. E sanno vestirsi, e i loro lunghi capelli incendiano l'aria. Troppo di tutto, ACCIDENTI. 🍬🍭🍬 #thinkingofyou @cionino_n1 #tornaprestoamoremio #magic #hope #rebelsoul #candies #incastri #charlesbukowski #citazioni #ragazza #italiangirl #empoli #toscana #homesweethome #manchi #tua #bymyside #little #giovedi #myboyfriendisbetterthanyours #hope #beautifulgirls #frasi #lovemyboy
Read more
Fonte: @newsuominiedonne Si parte da #SaraAffiFella e si parte da come eravamo rimasti nella ...
Media Removed
Fonte: @newsuominiedonne Si parte da #SaraAffiFella e si parte da come eravamo rimasti nella puntata precedente. Viene mandato un video, quindi, che mostra le immagini della scorsa puntata e in particolare il momento in cui, dopo l’esterna tra #Sara e #LuigiMastroianni in cui si baciano ... Fonte: @newsuominiedonne
Si parte da #SaraAffiFella e si parte da come eravamo rimasti nella puntata precedente. Viene mandato un video, quindi, che mostra le immagini della scorsa puntata e in particolare il momento in cui, dopo l’esterna tra #Sara e #LuigiMastroianni in cui si baciano una seconda volta, #LorenzoRiccardi chiede di uscire un attimo. #MariaDeFilippi in studio afferma che è giusto che il pubblico veda quello che è successo quando Sara ha rincorso il corteggiatore fuori. Quindi viene mandato un altro filmato in cui si vede Sara raggiungere Lorenzo fuori lo studio e provare a parlare con lui. Lorenzo è molto duro con lei e dice : ”vattene, mi stai dando fastidio”, lei prova a parlare con lui, ma Lorenzo prima le chiede di andarsene attraverso la porta e poi quando lei riesce ad entrare, le rivolge a stento la parola e anzi si alza per aprirle la porta e farla uscire. Sara si infastidisce e quindi esce, ma si accomoda sugli scalini, ed è evidente che fosse parecchio scossa e turbata. Infatti continua a ripetere:”lui è convinto che io ho già la scelta, ma non è così, non mi lascia spiegare”. Lorenzo con gli occhi lucidi chiede di essere lasciato un po’ da solo dalla redazione, quindi si chiude in bagno e da lì si sentono i singhiozzi del corteggiatore che stava piangendo. In studio le opinioni su questa reazione sono discordanti: #GianniSperti pensa che Lorenzo sia sincero, e afferma che la sua reazione è comprensibile dal momento che un po’ di puntate prima Sara aveva ammesso che non avrebbe baciato più nessuno e se l’avesse fatto, quel bacio avrebbe avuto un valore aggiunto. Sara nega e dice che non ha mai detto che non avrebbe più baciato nessuno ma ha ammesso di volersi limitare. #MarioSerpa invece è convinto che la reazione di Lorenzo sia esagerata e spropositata rispetto all’interesse che ha dimostrato nei confronti delle troniste. Maria poi decide di mandare in onda l’esterna di Luigi con Sara. I due si trovano su un prato vicino ad un lago e vivono un’atmosfera romantica in cui Luigi si sente di dire a Sara delle cose importanti.. #CONTINUA nel prossimo post ➡️
Read more
CAPITOLO 51 Mechi: aspetta un attimo, con chi ti sposi? Chiese dopo svariati urli un po' confusa. Certo ...
Media Removed
CAPITOLO 51 Mechi: aspetta un attimo, con chi ti sposi? Chiese dopo svariati urli un po' confusa. Certo la capisco perfettamente fino al giorno prima ero decisa ad andarmene per dimenticarmi di Jorge e adesso le dico che mi sposo, crederà che sono pazza. Non risposi e mi limitai ad aprire ... CAPITOLO 51
Mechi: aspetta un attimo, con chi ti sposi?
Chiese dopo svariati urli un po' confusa.
Certo la capisco perfettamente fino al giorno prima ero decisa ad andarmene per dimenticarmi di Jorge e adesso le dico che mi sposo, crederà che sono pazza.
Non risposi e mi limitai ad aprire completamente la porta lasciando che la mia amica vedesse la figura di Jorge distesa sul letto.
Machi: Jorge?
Chiese con gli occhi spalancati avvicinandosi di poco
Jorge: si proprio io
Rispose passandosi una mano tra i capelli.
Sorrisi leggermente mordendomi il labbro inferiore e ricevendo uno sguardo perverso da parte del mio ragazzo
Mechi: bentornato allora
Sorrise guadagnandosi un cenno col capo da parte di Jorge.
mechi: possiamo parlare?
Continuò rivolgendosi a me questa volta
Io: certo, andiamo in camera tua?
Chiesi avviandomi di già.
Mechi fece un cenno col capo e mi seguì senza dire niente.
Entrammo e dopo aver chiuso la porta iniziò a parlare
Machi: hai davvero intenzione di sposarlo?
Chiese sorpresa.
Mi stupii per quella domanda, credevo fosse felice per me.
Io: ovvio
Risposi secca senza neanche pensarci.
Mechi: sei così ingenua Martina
Io: che intendi dire
La fissai perplessa
Mechi: Ti ha già abbandonato una volta, perché credi che non lo possa rifare di nuovo?
Io: aveva bisogno di tempo, di pensare
Mechi: e magari mentre pensava .....
CONTINUO A 100 LIKE E 30 COMMENTI😘💋
Read more
Piero è il mio vicino di casa, in verità non è proprio il mio dirimpettaio ma abita 4-5 case più in là. ...
Media Removed
Piero è il mio vicino di casa, in verità non è proprio il mio dirimpettaio ma abita 4-5 case più in là. Piero è stata la prima persona che ho conosciuto appena ci siamo trasferiti, ricordo perfettamente la mattina in cui uscendo con le mie figlie l’ho incontrato, occhi azzurri, cappello grigio ... Piero è il mio vicino di casa, in verità non è proprio il mio dirimpettaio ma abita 4-5 case più in là. Piero è stata la prima persona che ho conosciuto appena ci siamo trasferiti, ricordo perfettamente la mattina in cui uscendo con le mie figlie l’ho incontrato, occhi azzurri, cappello grigio argento, alto e atletico, abbronzato pensavo fosse appena tornato dalle vacanze dopo un lungo viaggio in barca, invece la sua abbronzatura è data dal fatto che Piero è un signore super attivo, tu passi davanti a casa sua e lo vedi sempre fuori, che sistema, che pulisce, che gira di qua e di la ...e ti saluta, ti accoglie con un sorriso immenso, Piero mi ha aperto la porta di casa sua senza il minimo problema, inevitabile che dopo 3 anni sia nata un’amicizia fatta di saluti, di chiacchierate al volo, di pacche sulle spalle. Erano due settimane che passando davanti a casa sua non lo vedevo mai fuori, persino mio marito che lavorando torna a casa la sera mi faceva notare questa cosa. L’altro giorno sono andata dal mio medico di base per ritirare un impegnativa e ho trovato l’amico di Piero (il compagno di merende come si fa chiamare simpaticamente lui) non ci eravamo ancora presentati e così in maniera molto naturale abbiamo cominciato a chiacchierare mi dice che Piero è a casa con un problema ad un piede che non può camminare per due mesi, lo guardo e ci capiamo subito... Piero fermo? Avevo altri programmi per la mattinata ma sono corsa a casa ho preparato un dolce e appena sfornato io e le bambine siamo andate dal nostro amico Piero. Non se l’aspettava di sicuro la nostra visita, ci ha accolto con il solito entusiasmo quasi commosso del fatto che fossimo li, ci ha come al solito aperto la sua casa mentre la moglie cercava di tenerlo seduto, ma lui voleva farmi vedere le novità tra cui la nuova riserva speciale di passata di pomodoro fatta con le sue mani (un quintale di pomodori nostrani dei nostri colli) 100 barattoli di puro oro rosso! Inutile dirvi che mi ha regalato diversi vasetti e io lo tengo cari come il più prezioso dei doni. Certe persone portano il meglio nelle vite degli altri, credo che da oggi e per i prossimi due mesi (continua sotto)
Read more
Vieni dal cielo profondo o esci dall’abisso, Bellezza? Il tuo sguardo, divino e infernale, dispensa ...
Media Removed
Vieni dal cielo profondo o esci dall’abisso, Bellezza? Il tuo sguardo, divino e infernale, dispensa alla rinfusa il sollievo e il crimine, ed in questo puoi essere paragonata al vino. Racchiudi nel tuo occhio il tramonto e l’aurora; profumi l’aria come una sera tempestosa; i tuoi ... Vieni dal cielo profondo o esci dall’abisso,
Bellezza? Il tuo sguardo, divino e infernale,
dispensa alla rinfusa il sollievo e il crimine,
ed in questo puoi essere paragonata al vino.

Racchiudi nel tuo occhio il tramonto e l’aurora;
profumi l’aria come una sera tempestosa;
i tuoi baci sono un filtro e la tua bocca un’anfora
che fanno vile l’eroe e il bimbo coraggioso.

Esci dal nero baratro o discendi dagli astri?
Il Destino irretito segue la tua gonna
come un cane; semini a caso gioia e disastri,
e governi ogni cosa e di nulla rispondi.

Cammini sui cadaveri, o Bellezza, schernendoli,
dei tuoi gioielli l’Orrore non è il meno attraente,
l’Assassinio, in mezzo ai tuoi più cari ciondoli
sul tuo ventre orgoglioso danza amorosamente.

Verso di te, candela, la falena abbagliata
crepita e arde dicendo: Benedetta la fiamma!
L’innamorato ansante piegato sull’amata
pare un moribondo che accarezza la tomba.

Che tu venga dal cielo o dall’inferno, che importa,
Bellezza! Mostro enorme, spaventoso, ingenuo!
Se i tuoi occhi, il sorriso, il piede m’aprono la porta
di un Infinito che amo e che non ho mai conosciuto?

Da Satana o da Dio, che importa? Angelo o Sirena,
tu ci rendi -fata dagli occhi di velluto,
ritmo, profumo, luce, mia unica regina!
L’universo meno odioso, meno pesante il minuto? “Inno alla bellezza”,
Charles Baudelaire.
Read more
Sono bastati quei secondi che impiega per realizzare il tutto. Il pallone ha già fatto la sua scelta, ...
Media Removed
Sono bastati quei secondi che impiega per realizzare il tutto. Il pallone ha già fatto la sua scelta, viaggiando verso la porta per la centoquindicesima volta da quando sul petto brilla una ENNE di NAPOLI, che è ormai visibile anche sul cuore. La rete si gonfia, nella testa l’esplosione di ... Sono bastati quei secondi che impiega per realizzare il tutto. Il pallone ha già fatto la sua scelta, viaggiando verso la porta per la centoquindicesima volta da quando sul petto brilla una ENNE di NAPOLI, che è ormai visibile anche sul cuore. La rete si gonfia, nella testa l’esplosione di emozioni come petardi. Il sorriso si spalanca, così come le porte della storia. Pochi secondi e negli occhi sfogli ricordi come fossero pagine di un album di famiglia. Dal primo all’ultimo, cerchi di ricordare il più bello o il più importante. Carezze all’anima di uno di noi, traversata fantastica da raccontare quando i capelli saranno grigi. È una notte che vola dritto nell’eterno, un seme lanciato in un pianeta sconosciuto, che rifiorirà ogni qual volta si parlerà di Napoli in qualunque parte dell’universo. La storia di chi ha scelto cosa essere e per cosa lottare. La gioia di chi pianta con occhi lucidi la sua bandierina del successo sul monte azzurro. Dall’Olimpico di Torino all'Olimpo del Calcio dove Diego Armando Maradona osserva, con rispetto. Se doveva accadere è giusto che sia stato Marek a scrivere questo piccolo atto sacrilego. L’album ha ancora tante pagine bianche da riempire e magari da colorare con tre colori che tutti sogniamo. Nessuno avrà nulla in contrario se su quell’album ci sia finita qualche lacrima. Di gioia pura. 💙💎
#hamsik #mh17 #ocapitanomiocapitano #orodinapoli #marekiaro #115
Read more
Viaggio della Memoria 2k17 10-11-12 Aprile 2017 Innsbruck-Linz-Mauthausen Gusen-Salisburgo "Journey ...
Media Removed
Viaggio della Memoria 2k17 10-11-12 Aprile 2017 Innsbruck-Linz-Mauthausen Gusen-Salisburgo "Journey through the Pain" Lunedì 10 Aprile 2017: Occhiaie profonde, sguardi spenti, flebili risate. Così inizia la nostra avventura, il nostro viaggio attraverso il dolore provato ... Viaggio della Memoria 2k17
10-11-12 Aprile 2017
Innsbruck-Linz-Mauthausen Gusen-Salisburgo
"Journey through the Pain"

Lunedì 10 Aprile 2017:
Occhiaie profonde, sguardi spenti, flebili risate.
Così inizia la nostra avventura, il nostro viaggio attraverso il dolore provato dai deportati ai campi di concentramento.
Un autobus colmo di studenti, di valigie e di speranza.
Infinito il viaggio ci distrugge.
Soltanto una sosta a Innsbruck ci strappa qualche momento di spensieratezza.
Tutti sono ammaliati dalla bellezza della città; tutti tranne me.
Poi il viaggio continua e ci porta all'hotel, alla porta della stanza 501, quella che per poco tempo sarebbe stata la mia casa.
Wi-fi libero, Sneasel catturato, cibo pessimo, letto scomodo con vista su un parchetto che veniva attraversato soltanto da drogati e ubriaconi.
Buio.

Martedì 11 Aprile 2017:
Il telefono suona.
Poi smette.
Ricomincia.
Apro gli occhi, alzo la cornetta.
Colazione ottima.
Giornata grigia, fredda.
Arriviamo a Mauthausen.
A qualcuno scappa qualche battuta inappropriata, c'è chi ride, c'è chi ha freddo, c'è chi ancora non è completamente sveglio.
La guida inizia a spiegare. Brillante e capace con un accento tedesco/austriaco di contorno.
Giriamo per il campo. Non sento emozioni, mi sento in una gita scolastica e non in un viaggio.
Leggo i nomi dei Deportati. Leggo Ivan tante volte.
Il giro si conclude. La sensazione di vuoto è ampia.
Mangiamo velocemente (di nuovo cibo pessimo).
Arriviamo a ciò che rimane di Gusen, una chiacchierata veloce e ci ritroviamo a Mauthausen.
Assistiamo ad una cerimonia (bella ma forse non all'altezza del contesto).
Stanza 501, doccia veloce.
Serata noiosa, sbirciatina al parchetto dei drogati.
Buio.

Mercoledì 12 Aprile 2017:
La sveglia suona più volte.
Non ho forze.
Alzo la cornetta. Mi preparo.
Colazione veloce.
Ultima vista alla valigia.
Un ultimo sguardo alla mia finestra.
Sorrido.
Lasciamo la stanza 501.
Partiamo per Salisburgo.
Città molto bella.
Dopo tre giorni finalmente trovo un souvenir.
Giornata monotona.
Torniamo sul bus. Viaggio pesante.
Vediamo il Torrazzo.
Cogliamo il momento.
Vuoto.

Journey through the Life.

#viaggiodellamemoria #mauthausen
Read more
Poi la porta si spalancò. Ed entrò quella donna. Tutto quello che posso dirvi è che ci sono miliardi ...
Media Removed
Poi la porta si spalancò. Ed entrò quella donna. Tutto quello che posso dirvi è che ci sono miliardi di donne, sulla terra, giusto? Certune sono passabili. La maggior parte sono abbastanza belline, Ma ogni tanto la natura fa uno scherzo, mette insieme una donna speciale, incredibile. Cioè, ... Poi la porta si spalancò. Ed entrò quella donna. Tutto quello che posso dirvi è che ci sono miliardi di donne, sulla terra, giusto? Certune sono passabili. La maggior parte sono abbastanza belline, Ma ogni tanto la natura fa uno scherzo, mette insieme una donna speciale, incredibile. Cioè, guardi e non ci puoi credere. Tutto è un movimento ondulatorio perfetto, come l'argento vivo, come un serpente, vedi una caviglia, un gomito, un seno, un ginocchio, e tutto si fonde in un insieme gigantesco, provocante, con magnifici occhi sorridenti, bocca leggermente piegata in giù, labbra atteggiate in modo che sembrano scoppiare in una risata alla tua sensazione di impotenza. E sanno vestirsi, e i loro lunghi capelli incendiano l'aria. Troppo di tutto, accidenti. •














#like #like4like #likeforlike #likes #likes4likes #likesforlikes #likesplease #likesreturned #me #my #photo #photooftheday #photooftheday #picoftheday #selfie #beautiful #beauty #cool #cute #eyes #follow #followme #fun #girl #girls #hair #hot #igers #instagood #instagramers
Read more
Qualcosa sta sparendo. Stanno sparendo le rose. Spariscono tutti. Si trasformano in spine ...
Media Removed
Qualcosa sta sparendo. Stanno sparendo le rose. Spariscono tutti. Si trasformano in spine pronte a pungerti. Qualcosa mi sta uccidendo. Qualcuno mi sta facendo mancare il respiro. L’ansia che cresce. Le persone migliori spariscono. Inizio a vedere offuscato. Vedo tutto nero. Da ... Qualcosa sta sparendo.
Stanno sparendo le rose.
Spariscono tutti.
Si trasformano in spine pronte a pungerti.
Qualcosa mi sta uccidendo.
Qualcuno mi sta facendo mancare il respiro.
L’ansia che cresce.
Le persone migliori spariscono.
Inizio a vedere offuscato.
Vedo tutto nero.
Da quando non ci sei tutto è più diverso.
E come vedere il contrario.
L’amare in me è sparito.
Non riesco più.
Mi sento diviso in due.
Non è più come prima.
Non è più uguale niente.
Il peso cresce.
Mi sento schiacciato in queste punte di ferro.
Un mondo dove in cui ognuno uccide l’altro.
Chi dentro e chi fuori.
Sono pronti ad annientarti.
Io seduto su un tavolo a guardare.
A guardare che la tua fortuna cresce.
A vedere che stai bene senza di me.
Forse era meglio così, ero di peso, o forse no.
O forse nessuno sapeva tenermi.
O forse mi sto sbagliando.
Un sospiro di tristezza.
Racchiuso in un semplice suono di chitarra.
In mezzo a questo mondo grigio fatto di sporco.
Il pianoforte che fa suoni lenti e profondi.
Io che scrivo la mia vita in mezzo alla strada con un pennarello nero.
Non sono chiunque.
Non sono una ruota di scorta.
Non sono ciò che tu pensi.
La natura mi ha maledetto.
Mi ha maledetto perché mi fa perdere.
Ogni secondo che passa vedo dalla finestra.
Vedo chi è felice.
Bambini che si divertono e corrono in mezzo alla neve.
Adulti che vanno a bere ingerendo le proprie delusioni.
Era meglio tornare indietro si stava meglio.
Più vai avanti e più ci si uccide.
Una storia è fatta di un insieme di racconti.
Le delusioni sono un insieme di episodi che finiscono come noi non volevamo.
La speranza che muore.
Coppie felici.
Single che danno la pazza gioia ma che nel loro fondo li mancherà qualcosa.
Ogni volta che apro la porta dentro di me vedo il buio.
Non si respira è tutto a soqquadro.
Mi sento distrutto nemmeno se mi facessi ricostruire non cambierebbe nulla.
Mi sento una lettera in un mondo pieno di email.
Mi sento un trofeo in cenere lasciato in una mensola pronta a cadere.
Perché non c’è la fa più a sorreggermi.
Siamo nati per morire.
Nel bene e nel male.
Gli occhi si stanno per chiudere.
La vita si sta spegnendo.
Il mondo si sta coprendo con una coperta.
La fine sarà un nuovo inizio.
Read more
Capitolo 7: Poi peró caddi. <<Cazzo,che male.>> urlai <<Oddio Abby>> Andrea corse verso di ...
Media Removed
Capitolo 7: Poi peró caddi. <> urlai <> Andrea corse verso di me ad aiutarmi <> <> mi disse Provai ad alzarmi ma caddi col sedere per terra e Andrea scoppió a ridere <Capitolo 7:
Poi peró caddi.
<<Cazzo,che male.>> urlai
<<Oddio Abby>> Andrea corse verso di me ad aiutarmi
<<Fa malissimo>>
<<Lo so,lo so. Dai,prova ad alzarti>> mi disse
Provai ad alzarmi ma caddi col sedere per terra e Andrea scoppió a ridere
<<Sai,io non ci trovo proprio niente da ridere.>> sbuffai
<<Sisi,hai ragione>> e trattenne un altra risata
<<Ti aiuto.>>
<<No,fa troppo male>>brontolai
Cosí si abbassó alla mia altezza a mi prese a 'principessa'.
<<Ma che fai??>> gli chiesi stupita
<<Hai detto che non riesci a camminare>> mi rispose ovvio
<<Tu sei pazzo. Mettimi giù che peso.>> gli dissi
<<Sei più leggera di una piuma>> mi rispose
<<Sei più bugiardo di non so chi.>>
Arrivammo davanti a una casa e aprí la porta.
<<Dove siamo??>>gli chiesi
<<A casa mia>>mi rispose
<<No,non voglio dare fastidio ai tuoi.>>
Scoppió a ridere.
<<Andrea perché ridi??>> gli chiesi scocciata
<<I miei non ci sono mai.>>mi rispose
Io abbassai la testa
<<Vado a prenderti del ghiaccio>>mi disse appoggiandomi sul divano
Io nel frattempo inviai un messaggio a mia zia
*Zia,sono da Giulia. A dopo*
Tanto se avesse chiamato a Giulia mi avrebbe sicuramente coperta.
<<Eccolo>> esclamó Andrea venendo verso di me con del ghiaccio in mano
Me lo mise sulla caviglia e si sedette vicino a me
<<grazie>> gli dissi
Lui fece finta di niente e io sbuffai; e vidi il suo sorriso strafottente sul suo viso.
<<Che è quel sorriso?>> gli chiesi scocciata
<<Mi piaci quando ti incazzi e sbuffi>> mi rispose
E io alzai gli occhi al cielo.
Ad un certo punto sentí suonare il mio telefono,era Giulia.
•G: Tata,dove sei? Tua zia mi ha chiesto se fossi qui,io gli ho detto di sì,ma mi fai capire?
I: grazie mille Giu
G:prego,ma quindi dove sei??
I:poi ti spiego,ciao•
E chiusi.
<<Era Giulia?>> mi chiese
<<Si>>gli risposi
<<Ora devo andare>>lo avvisai
Mi tolsi il ghiaccio e provai ad alzarmi,ma caddi a peso morto sul divano
<<che palle>> sbuffai
Lui si avvicinò e mi fece alzare e mi mise un mio braccio intorno al suo collo e il suo braccio intorno al mio bacino.
<<Ti accompagno io>>mi disse
<<Grazie>>
In macchina nessuno aprí bocca.
Mi accompagnó davanti alla porta di casa mia.
<<Grazie ancora>>gli dissi
Continuo sotto👇
Read more
Tu non mi conosci - Joyce Carol Oates «COMPITO IN CLASSE N. 2: DESCRIZIONE -Descrizione del carcere ...
Media Removed
Tu non mi conosci - Joyce Carol Oates «COMPITO IN CLASSE N. 2: DESCRIZIONE -Descrizione del carcere per condannati a morte di Edgarstown La  cella misura metri 2,10 per metri 2,74. C'è la branda. Il gabinetto. La porta chiusa a chiave. C'è l'aria che sa di chiuso e di vecchio, e bisogna ... Tu non mi conosci - Joyce Carol Oates «COMPITO IN CLASSE N. 2: DESCRIZIONE
-Descrizione del carcere per condannati a morte di Edgarstown

La  cella misura metri 2,10 per metri 2,74.
C'è la branda. Il gabinetto. La porta chiusa a chiave. C'è l'aria che sa di chiuso e di vecchio, e bisogna respirare in fretta o soffocare.
[...]
Prima, sei nella cella. Poi, la cella è dentro di te. Se chiudo gli occhi sono là dentro. Quando dormo, sono là dentro. Ma ogni volta che provo a descriverla, non trovo le parole adatte.
Dicono che c'è un modo per intentare una causa, quando uno è incarcerato ingiustamente. Ma per ritornare a quei tempi bisognerebbe essere di nuovo quella persona. E quella persona non c'è più.
[...] Ero il numero DY4889. Ma quella persona non esiste più. Gli hanno tagliato la faccia con un rasoio, tanto che non poteva nemmeno guardarsi le ferite. Ma poteva sentirle con le mani.
[...] Se avevo fatto del male a quella gente mi sarei ricordato del loro sangue, credo. Ma ricordo solo il mio, di sangue. Il suo viso mi ripeteva sempre: non perdere la speranza.»
__________________
Diciannove racconti che affascinano e coinvolgono con una rara potenza. La Oates riesce magistralmente ad analizzare le debolezze umane, passando dalla mente della vittima a quella dell'aguzzino, senza mai banalizzare le situazioni. Finali mozzati che sono un pugno nello stomaco, che fanno riflettere e rabbrividire, che lasciano non un segno ma un solco ben mercato e indelebile. Si è capito che io amo Joyce Carol Oates? Spero di si 💕
#bookstagram #bookworm #booklove #bibliophile #bookish #libriovunque #libridaleggere #instalibri #bookstagrammer #instabook #bookshelf #booksofinstagram #bookphotography #bookster #librichepassione #oates #일상 #맞팔 #패션 #데일리 #셀스타그램 #인스타데일리
Read more
Domani. Domani è un giorno ‘speciale’, o meglio, particolare. Esattamente un anno fa, per puro ...
Media Removed
Domani. Domani è un giorno ‘speciale’, o meglio, particolare. Esattamente un anno fa, per puro caso, ho ammesso di avere un problema. Ho scelto di affidarmi a qualcuno per la prima volta. Ha funzionato? A giorni. Mentirei se dicessi che è andato tutto bene da quel momento. Anzi. Ci sono stati ... Domani. Domani è un giorno ‘speciale’, o meglio, particolare.
Esattamente un anno fa, per puro caso, ho ammesso di avere un problema. Ho scelto di affidarmi a qualcuno per la prima volta. Ha funzionato? A giorni. Mentirei se dicessi che è andato tutto bene da quel momento. Anzi. Ci sono stati eventi, circostanze, PERSONE, che non hanno fatto altro che peggiorare la mia condizione. Ma non ho mai mollato. MAI. Anche quando pensavo di star bene e invece stavo male, io non mollavo. Dentro di me qualcosa continuava a scavare, come un fiore che cerca di emergere dal cemento. E ora vedo i primi sprazzi di verde venire fuori; mi si riempiono gli occhi di SUBLIME, lo conoscete? In letteratura il sublime è fascino e terrore insieme. Io ne sono piena fin dentro le ossa. Ogni mia particella è terrorizzata e insieme attratta da quello che sto creando, da ciò che da me sta venendo fuori..E allora..Scrivo stasera perché domani non ne sarò in grado. Perché sono spinta adesso a farlo. Perché mi va. Perché è così.
Imparate ad essere più accorti con chi sta male e non lo fa vedere. Ho sopportato commenti, critiche, false ammirazioni, finti consigli, semplici ‘ma perché non mangi e basta invece di fare capricci’ tirati a caso senza pensare a cosa MAGARI potesse esserci dietro. E li ho sopportati in silenzio, da sola, graffiando sempre di più la porta della mia integrità. Ma col cazzo mi avete fatta crollare.
La vera malattia è l’ignoranza.
Il vero disturbo l’insensibilità.
Gioite di vane sciocchezze e non capite cosa voglia dire, dal lato mio, NOSTRO, gioire di altre cose, quelle che a voi sembrano ridicole, come il coraggio di uscire di casa la mattina nonostante la consapevolezza che chiunque o qualsiasi cosa, potrebbe rovinare l’intera giornata. E per rovinare intendo distruggere.
Ci vogliono le palle ad essere così fragili e restare in piedi.
Il 15/03 è la giornata del fiocchetto lilla, e io dico, a chi non sa e a chi, come me, sa fin troppo bene..Che non c’è cosa più preziosa dell’opportunità di rinascere. Scavare dentro ai propri abissi, ad oggi, non è malattia. È privilegio. Ma bisogna tornare a galla.
SAREBBE TROPPO FACILE MOLLARE.
Read more
Lidia aprì lentamente la porta. La stanza era illuminata dalla lucina sul comodino, e Alessandro ...
Media Removed
Lidia aprì lentamente la porta. La stanza era illuminata dalla lucina sul comodino, e Alessandro sembrava dormire. La ragazza si avvicinò al letto e si mise a sedere sul bordo, e coprì il corpo di lui con la coperta che gli stava solo sulle gambe. In quel momento Alessandro aprì gli occhi e Lidia ... Lidia aprì lentamente la porta. La stanza era illuminata dalla lucina sul comodino, e Alessandro sembrava dormire. La ragazza si avvicinò al letto e si mise a sedere sul bordo, e coprì il corpo di lui con la coperta che gli stava solo sulle gambe. In quel momento Alessandro aprì gli occhi e Lidia gli sorrise.
"Lidia....che ci fai qui?"sussurrò lui.
"Martina mi ha chiamata dicendomi che stavi poco bene"rispose lei.
"Ma che ore sono?"domandò lui.
"È notte...come ti senti?"chiese Lidia mettendogli una mano sulla pancia.
"Un po' meglio...ho bevuto troppo ieri sera..."disse Alessandro. "Me ne sono resa conto...non sembravi tu"rispose lei.
"Non so cosa mi sia preso..."replicò Alessandro prendendole la mano che era appoggiata sul suo corpo.
"Grazie per essere venuta...non era necessario" continuò lui.
"Mi sono preoccupata..."disse Lidia.
Rimasero per qualche secondo fermi, guardandosi, ma la situazione si stava facendo imbarazzante così Lidia si alzò. "Io vado!"esclamò lei.
"Grazie..."rispose Alessandro,lei gli sorrise ed uscì.
La luce della cucina era accesa, sicuramente c'era Martina e l'amica la raggiunse passando davanti alla sala dove stava dormendo Riccardo.
"Come sta?"domandò Martina. "Meglio...senti a Francesco ho detto che è stato Lorenzo a chiamarmi perché non stavi bene...avvisalo" spiegò Lidia. "Va bene!"rispose Martina senza chiedere spiegazioni.
"Ci vediamo domani a pranzo dai miei"disse Lidia per poi tornare a casa. Si mise nel letto e Francesco sentendola la prese tra le sue braccia e si addormentarono.
Come tutte le domeniche Martina e Lidia andarono a casa dei genitori della ragazza a pranzo. Stavano per sedersi a tavola quando arrivò a Lidia un messaggio. *Vado a pranzo da Lorenzo, raggiungimi da lui. Ti amo*
"Hai spiegato a Lorenzo di sta notte?"domandò preoccupata Lidia. "Si si tutto a posto"rispose Martina. "Come sta Martina?"domandò Francesco durante il pranzo. Lorenzo guardò prima Alessandro. "Sta molto meglio!"rispose Lorenzo cercando di chiudere li il discorso.
"Perché sta male?"chiese però Riccardo.
"È stata male questa notte, cosi Lorenzo ha chiamato Lidia che venisse qui...ma tu non hai sentito?"disse Francesco a Riccardo.
Read more
//Jade// x: eccoti le chiavi, solo una cosa ti raccomando, stai molto molto attenta. Fride tra ...
Media Removed
//Jade// x: eccoti le chiavi, solo una cosa ti raccomando, stai molto molto attenta. Fride tra meno di un giorno ti verrá a cercare, quindi tu cerca di correre più che puoi e allontanati da questa casa, da questa vita. J: Oh, mia cara Arnesia starò più attenta che mai, la penserò sempre in ogni ... //Jade//
x: eccoti le chiavi, solo una cosa ti raccomando, stai molto molto attenta. Fride tra meno di un giorno ti verrá a cercare, quindi tu cerca di correre più che puoi e allontanati da questa casa, da questa vita.
J: Oh, mia cara Arnesia starò più attenta che mai, la penserò sempre in ogni momento e lei se mai mi penserá si renderá conto che ho fatto la scelta giusta perchè sarò felice. Voglio, però, che lei sappia che è stata come una madre per me e non la scorderò mai.
A: adesso vai, sennò mi fai piangere....
-Porta che si chiude-
Pensai tra me e me: avrò fatto la scelta giusta? E perchè l'ho pensata? Voglio tornare indietro? No no certo che no. Adesso ci sono e non torno indietro.
Dopo molte ore di cammino senza meta, cominciai da avere veramente molto sonno, non riuscivo più a stare in piedi. Mi accucciai sotto un albero tra le foglie secche e sorrisi. CE L'AVEVO FATTA!
La mattina seguente mi svegliai in un posto strano. Sentii sopra di me un respiro pesante, aprii gli occhi e mi ritrovai davanti un omone con un paio di ali enormi che guardava il panorama. Sono la solita ragazza che sembra debole fuori, ma in realtá sono molto forte e non mi fido di nessuno se non di chi si fida di me. Non urlai come magari avrebbero urlato le altre ragazze, mantenni la calma e dissi:
J:Salve
X:Buongiorno
J:c-chi sei?
X: perchè balbetti? Mi dovresti conoscere: figlio di...
J: Alex..Alex...io sto parlando con Alex figlio di....vabbè lasciamo perdere. Non ti aspettavo così.....
X: Così come?
J: No niente, quindi tu......
Read more
Ci sono 2 punti di vista<span class="emoji emoji1f4aa"></span> - CAPITOLO 12° Scuoto la testa. Non voglio...non sono pronta. E poi ...
Media Removed
Ci sono 2 punti di vista - CAPITOLO 12° Scuoto la testa. Non voglio...non sono pronta. E poi non è una cosa che riguarda solo me. Riguarda anche mio padre. E non mi va di raccontare cose del nostro passato a una persona conosciuta da poco. "Okey...torniamo a casa?" sussurra Bryan dolcemente ... Ci sono 2 punti di vista💪
-
CAPITOLO 12°
Scuoto la testa.
Non voglio...non sono pronta.
E poi non è una cosa che riguarda solo me.
Riguarda anche mio padre.
E non mi va di raccontare cose del nostro passato a una persona conosciuta da poco.
"Okey...torniamo a casa?" sussurra Bryan dolcemente accarezzandomi i capelli.
Faccio un cenno con la testa.
"Oppure possiamo andare dove vuoi...un luna park?" fa un sorriso divertito.
Comincio a ridere per la sua stupidità.
Una ragazza di 18 anni che va in un luna park?
Beh...forse potrei dare uno strappo alla regola, no?
"Okey..." dico ridendo.
Parte così velocemente che devo mantenermi alla portiera.
Arriviamo al luna park in meno di 10 minuti...non avevo mai visitato questo lato di Las Vegas, e wow, è stupendo.
Dopo più di 2 ore passate lì dentro, finalmente torniamo a casa.
Bryan...mi ha fatto dimenticare tutto.
Con lui mi sento al sicuro.
E questa sensazione è bellissima.
Avevo bisogno di un pò di tranquillità.
E mentre mi perdo nei miei pensieri, mi addormento.
-
Questa giornata è stata magnifica.
Sono sicuro che Katherine ha avuto un passato...movimentato.
L'ho notato dai suoi occhi.
È una ragazza così forte, eppure tremendamente fragile...
La guardo.
Dorme.
Quanto è bella.
Mi dò uno schiaffo mentale nel cervello.
Non posso pensarlo. Non devo.
L'ultima volta è finita male.
Malissimo.
E non voglio che riaccada, sia per il mio bene, che per il suo.
Arriviamo, e la prendo in braccio molto lentamente.
Si appoggia al mio petto.
Faccio un sorrisino.
Sembra una bimba...si,
una bimba abbastanza grande, ma pur sempre una bimba.
Apro la porta e Charl corre da me.
"Che è successo?" sussurra arrabbiata.
"Niente, sta solo dormendo." rispondo io.
"Portala in camera, ti tengo d'occhio" dice ridendo.
"Certo." rido anche io.
La poggio sul letto, e la sento muoversi.
Cavolo, non mi lascia la maglietta, come faccio adesso?
Le prendo la mano e cerco delicatamente di staccarmela da dosso.
Adesso ha preso la mia mano.
Non c'è niente da fare, devo stendermi vicino a lei.
*Certo Bryan, potevi semplicemente svegliarla, non inventare scuse.*
Stupido cervello, ha sempre ragione.
Devo dire che questa situazione non mi dispiace affatto...
Read more
-ciaone<span class="emoji emoji1f498"></span>- • il capitolo precedente è arrivato a 10 commy<span class="emoji emoji1f451"></span>e come promesso posto il capitolo scusate ...
Media Removed
-ciaone- • il capitolo precedente è arrivato a 10 commye come promesso posto il capitolo scusate per l'inattività ma in questi giorni sono stata impegnata soprattutto per colpa di mia mamma che mi fa pulire casa • C A P I T O L O 10 -terzastagione- C:va bene ti porto a casa~mi prese ... -ciaone💘-

il capitolo precedente è arrivato a 10 commy👑e come promesso posto il capitolo scusate per l'inattività ma in questi giorni sono stata impegnata soprattutto per colpa di mia mamma che mi fa pulire casa😂😱

C A P I T O L O 10 -terza🙋stagione-

C:va bene ti porto a casa~mi prese per la mano e andammo a casa arrivati apri la porta e trovai mia mamma e mio papà sul divano
M:cosa è successo? hai tutti gli occhi rossi~mio papà si alzò e andò davanti a Christian~
P:tu spezza il cuore alla mia piccola e io ti spezzo in due
~io mi misi a ridere perché Christian era diventato tutto rosso~
G:papà non c'entra niente lui ho pianto p-perché...Matilda si era fatta male ma non era niente di grave
M:okay vieni qui dai
G:si ciao Christian ci si vede domani~se ne andò io mi misi il pigiama e andai a dormire il giorno dopo c'era il Canta Scuola così mi alzai presto~
G:Nicole svegliati c'è il Canta Scuola oggi
N:io e Alex non partecipiamo
G:e non vieni a vedere la tua sorellina~facendo il broncio~
N:certo che vengo~mi abbracciò~
*suona il campanello*
G:vado ioo~apro la porta era Alex~
G:ah sei tu
L:grazie per l'accoglienza😂
G:scusa stavo aspettando Christian😂comunque Nicole è di sopra~mentre chiudevo la porta arrivò Christian~
G:ciaoo😍
C:ciao ti sei tranquillizzata da ieri?
G:si andiamo sennò facciamo tardi~per strada incontrammo Matilda~
M:Gaia vedo che non mi hai ascoltato e tu Christian ancora con quella gatta morta
C:ascoltami bene lei non è una gatta morta è la mia fidanzata e tu non ci separerai mai~intanto arrivò Luke~
L:Christian!
C:Luke!
G:voi due vi conoscete?
C:certo lui é.......
🙆👑spero vi sia piaciuto?
Read more
** Sono triste, triste e malinconica... Non lo so neanche io il perché... So solo che stando lì sdraiata ...
Media Removed
** Sono triste, triste e malinconica... Non lo so neanche io il perché... So solo che stando lì sdraiata sul letto fissando il soffitto mi saliranno solo le lacrime agli occhi... Vado in bagno. Mi spoglio lentamente, mi lego i capelli in un'arruffata cipolla e mi guardo allo specchio, sono ... **
Sono triste, triste e malinconica... Non lo so neanche io il perché... So solo che stando lì sdraiata sul letto fissando il soffitto mi saliranno solo le lacrime agli occhi... Vado in bagno. Mi spoglio lentamente, mi lego i capelli in un'arruffata cipolla e mi guardo allo specchio, sono bella, ma non quanto vorrei essere, un bello non soddisfacente... Sono triste, continuo a fissare lo specchio, questa volta non me però... Guardo un punto riflesso e penso a quell'estate che sta sfumando, una lacrima mi scende lungo il viso... Rivivo tutti quegli splendidi momenti. Mia madre apre la porta all'improvviso spazzando via tutto. Mi chiede: «che hai?» lei mi conosce, mi conosce così a fondo che riesce a leggermi dentro, sa tutto di me, sa che amo scrivere, ma non leggere, sa chi mi piace, i miei giorni no... mi conosce meglio di chiunque altro... «sono triste» mi esce dalla bocca senza neanche passare dal cervello, mi esce lasciando un bruciore in gola come se stessi per piangere. Mi giro, guardo la vasca è piena d'acqua, entro vorrei non risalire mai più... vorrei poter cancellare la scuola, i nuovi stronzi che entreranno nella mia vita, i professori, i fratelli rompiscatole... tutto! Ma mi limito a sciacquarmi la faccia... Sulla faccia mi resta della schiuma bianca, faccio finta di essere "Babbo Natale", come quando ero piccola, come quando ero felice... Ma mia madre è uscita dal bagno, e non è lì per ridere con me... esco mi metto il pigiama e mi rifugio sotto le coperte... non ci metto molto ad addormentarmi ma quei momenti mi servono, ogni sera mi sono preziosi per pensare... poi perdo i sensi e mi sveglio la mattina scossa da qualcuno che mi sussurra di alzarmi, spesso è mia madre o mio fratello... sempre così, un'intera vita così...
•••
taggate qualcuno qui sotto👇🏻
•••
l'ho scritto quest'estate questo pensiero🍃
Read more
‘Ci sono sogni che si snodano come incidenti senza importanza, cose che nella vita ad occhi aperti ...
Media Removed
‘Ci sono sogni che si snodano come incidenti senza importanza, cose che nella vita ad occhi aperti neppure se ne riterrebbe il ricordo, eppure ti occupano al mattino quando li afferri mentre si spingono in disordine contro la porta delle palpebre’ #ifioriblu #alicepbook ‘Ci sono sogni che si snodano come incidenti senza importanza, cose che nella vita ad occhi aperti neppure se ne riterrebbe il ricordo, eppure ti occupano al mattino quando li afferri mentre si spingono in disordine contro la porta delle palpebre’ #ifioriblu #alicepbook
La prima superiore stava per finire ed io continuavo ad autolesionarmi,le mie amiche le avevano ...
Media Removed
La prima superiore stava per finire ed io continuavo ad autolesionarmi,le mie amiche le avevano provate tutte e mi avevano minacciato che se mi sarai tagliata un'altra volta avrebbero chiamato i professori. Erano 2 settimana che non riempivo le mie braccia di cicatrici,ma io non ce la ... La prima superiore stava per finire ed io continuavo ad autolesionarmi,le mie amiche le avevano provate tutte e mi avevano minacciato che se mi sarai tagliata un'altra volta avrebbero chiamato i professori.
Erano 2 settimana che non riempivo le mie braccia di cicatrici,ma io non ce la facevo più.
Ero a scuola,sentivo l'innesfrenabile voglia di farmi del male,esattamente quel giorno di 2 mesi fá mia madre cacciò via di casa mio padre.
Non avevo sentito neanche una parola della prof e delle sue spiegazioni e appena sentii la campanella annunciare ricreazione,mi avvicinai alla cattedra come una persona che stava per ucciderne un'altra,come se stessi per commettere un reato, e chiesi semplicemente di andare al bagno.
Ma non dovevo andare in bagno per bere o altro, ma per fare un taglio.
Camminai nel corridoio con la coscienza sporca,mi avvicino al luogo di destinazione,eccomi,ci sono,controllai che nessuna ragazza era dentro a quell'inferno che io stavo per creare,chiusi la porta,tolsi la lametta della tasca della felpona,alzai la manica,la mano destra stringeva forte la mia unica certezza,ma stranamente tremava.
Mi bloccai, inizia a pensare a quel fatidico giorno,le singole parole,gli urli,le valigie accompagnare il mio "eroe",lontano,lontano da me
E allora non ci pensai più,la mia mano smise di tremare e la rabbia che avevo dentro si incanalò in quella maledetta lametta,feci un taglio troppo profondo,lungo,e il sangue inizio a uscire come una fontana,iniziò a girarmi la testa,e diedi un urlo, secco formato da 5 parole "Aiuto".
La bidella si precipitò verso di me,vide il mio corpo steso a terra,ero svenuta,ma non del tutto, certe volte aprivo gli occhi anche per un secondo e vedevo la prof chiamare i miei,tutta la classe intorno a me,poi tutto d'un tratto ero in un'ambulanza e la mia mano era stretta a quella di mamma,lei mi sorrise.Richiusi gli occhi e quando li aprii vidi una flebo attaccata al mio braccio,ero in ospedale,mi stavano facendo Delle analisi,intravisi il medico parlare a mia madre,lei che piangeva,la professoressa un poco più lontana,con gli occhi lucidi,ed entrare in stanza Leo tremante e distrutto,cercava di recarsi da me,ma lo bloccarono.
Read more
Non è che non mi piace l’idea del compleanno. Io adoro il mio compleanno. E che quest’anno è arrivato ...
Media Removed
Non è che non mi piace l’idea del compleanno. Io adoro il mio compleanno. E che quest’anno è arrivato in maniera inaspettata…io non mi ero ancora abituata ai 26 ed eccoli qui. I 27. E il Peter Pan che è in me scalpita per protesta. Ma dovrò imparare a convivere anche con loro…posso farcela. Comunque, ... Non è che non mi piace l’idea del compleanno. Io adoro il mio compleanno. E che quest’anno è arrivato in maniera inaspettata…io non mi ero ancora abituata ai 26 ed eccoli qui. I 27. E il Peter Pan che è in me scalpita per protesta. Ma dovrò imparare a convivere anche con loro…posso farcela.
Comunque, ora mi ritrovo con questo nuovo anno sulle spalle. E non ho ancora ben capito cosa trarne…Non è stato il massimo, anzi qualcosa ce l’ho rimessa pure. Ma è stato un anno di vita vissuta e come tale va rispettato.
E oggi è la mia giornata. La mia giornata speciale. E come tale la saluterò e la festeggerò…perché se c’è una cosa che amo fare sempre è celebrare la vita, quella che mi porta a camminare su questo mondo, a conoscere gente, a sperimentare esperienze, belle e brutte che siano, da ormai 27 anni…
Non so se sono più saggia. Forse un po’ più consapevole. E spero più forte. E poi ci sono ancora lì i miei sogni e desideri, dopo quest’anno sono in febbricitante attesa…
Così mi immagino così in questo compleanno: davanti alla torta, con le persone che amo, amici e affetti, tutti intorno a me, i migliori regali ricevuti in questi 27 anni… a occhi chiusi, riflettendo per un attimo sulla mia vita e la mia persona, soppesando cambiamenti ed elementi immutabili, sperando nel futuro…prendo fiato, esprimo un desiderio di felicità e soffio le candeline…
#graziepergliauguri 😘
Read more
Loading...
Load More
Loading...