Loading Content...

Quella per con il

Unique profiles
90
Most used tags
Total likes
0
Top locations
Duel Club, Palestra Gozzano, Castel Di Tusa, Sicilia, Italy
Average media age
677.9 days
to ratio
Questa lattina è stata per anni il desiderio di un ragazzino di 8 anni... ovvero me... da piccolo ...
Media Removed
Questa lattina è stata per anni il desiderio di un ragazzino di 8 anni... ovvero me... da piccolo ogni fottuta volta che entro in un supermercato con i miei... la maggior volte con mia madre... Perché mio padre era sempre assente per questione di lavoro... ho sempre detto a mia madre di comprarmi ... Questa lattina è stata per anni il desiderio di un ragazzino di 8 anni... ovvero me... da piccolo ogni fottuta volta che entro in un supermercato con i miei... la maggior volte con mia madre... Perché mio padre era sempre assente per questione di lavoro... ho sempre detto a mia madre di comprarmi quella bibita con il disegno di un squalo... mi attirava quella bestia.. fin quando ho mollato l'idea di poterla bere anche per una volta sola... quello di desiderio però è rimasto per anni fin quando è avvenuta quella volta in cui l'ho presa per la prima... non ricordo quando è stata quella prima volta... non sapevo che dovevo ricordare quella data.. mica prevedo il futuro... ho iniziato a prenderla spesso e poi da una passione ad una ossessione... era il mio rifugio per la tristezza e la depressione.. era uno dei pochi modi.. o l'unico per diminuire quel stress sulla mia entità... adesso non è più così... È sempre detto che quello che ti salva ha l'assoluta priorità di ucciderti... ieri ho scattato questa foto per fare questo post... ma non ci sono arrivato a farlo... pensavo che non potevo più farlo o fare qualsiasi altra cosa..
Read more
Per tutti noi c’è una persona speciale, quella che sa starti vicino anche quando tu non vorresti ...
Media Removed
Per tutti noi c’è una persona speciale, quella che sa starti vicino anche quando tu non vorresti avere vicino neanche te stessa Quella persona che ti fa spuntare il sorriso nel momento più buio Quella persona per cui le stelle sono milioni di campanelli che suonano Ecco, per quella persona ... Per tutti noi c’è una persona speciale, quella che sa starti vicino anche quando tu non vorresti avere vicino neanche te stessa
Quella persona che ti fa spuntare il sorriso nel momento più buio
Quella persona per cui le stelle sono milioni di campanelli che suonano
Ecco, per quella persona è nato il mio piccolo principe, perche voi possiate dirle grazie con poesia e gentilezza
Se vi va taggate qui nei commenti la vostra persona speciale, così lei saprà che l’avete pensata {E se volete regarle per davvero un mio pezzo unico della serie Piccolo Principe, potete scrivermi in direct o andare sul mio shop}
Il mio buongiorno a tutti voi ❣️
.
.
.
.
.
#filidipoesia #poesieinfildiferro #buyhandmade #ilpiccoloprincipe #thelittleprince #artigianatoitaliano #pezzounico #creativeart #craftsposure #dsfloral #flatlayoftheday #magicmoment #nonsivedebenechecolcuore
Read more
***Christian Dior: al V&A di Londra la mostra che racconta lo ''stilista di sogni''*** Al Victoria&Albert ...
Media Removed
***Christian Dior: al V&A di Londra la mostra che racconta lo ''stilista di sogni''*** Al Victoria&Albert Museum di Londra ci si prepara a raccontare la storia di #ChristianDior in grande stile. Dal 2 febbraio al 14 luglio 2019 sarà infatti possibile visitare “Christian Dior: Designer ... ***Christian Dior: al V&A di Londra la mostra che racconta lo ''stilista di sogni''*** Al Victoria&Albert Museum di Londra ci si prepara a raccontare la storia di #ChristianDior in grande stile. Dal 2 febbraio al 14 luglio 2019 sarà infatti possibile visitare “Christian Dior: Designer of Dreams”, una grande esibizione (la più vasta del museo londinese dopo quella dedicata ad Alexander McQueen nel 2015) costruita su quella proposta dal Musée des Arts Decoratifs di Parigi nel 2017 in occasione del 70esimo anniversario della maison francese. Con qualche differenza visto che la collezione è stata re-immaginata per spiegare il rapporto tra lo stilista e la cultura British: un legame profondo segnato dal fascino di Christian Dior per palazzi e giardini inglesi, per i transatlantici della Marina britannica come la Queen Mary fino ad arrivare al paradossale apprezzamento del sarto francese persino per la cucina inglese. Un rapporto di ammirazione sfociato nella prima sfilata londinese di Dior nel 1947 e nell’apertura di Christian Dior London nel 1952. Da febbraio sarà dunque possibile ripercorrere la storia del fondatore della maison e dei sei direttori artistici che gli sono succeduti (Yves Saint Laurent, Marc Bohan, Gianfranco Ferré, John Galliano, Raf Simons e Maria Grazia Chiuri) attraverso le creazioni dei laboratori del marchio francese, le collaborazioni con i migliori artigiani britannici e le relazioni con alcuni dei clienti famosi d’oltremanica come l’autrice Nancy Mitford o la ballerina Margot Fonteyn. Il posto d’onore nella mostra sarà occupato dall’abito disegnato da Christian Dior per la Principessa Margaret, sorella della Regina Elisabetta, e da lei indossato in occasione del suo 21esimo compleanno (articolo di @bisernifede)
Read more
Ti ho tenuto in braccio per la prima volta quando avevi solo 40 giorni,eri un piccolo batuffolo di ...
Media Removed
Ti ho tenuto in braccio per la prima volta quando avevi solo 40 giorni,eri un piccolo batuffolo di pelo bianco... ed io avevo appena 8 anni... da allora non ci siamo mai separati,sei diventato il mio compagno di avvenuta,di gioco e di vita... eri capace di farmi sorridere anche quando ero triste,mi ... Ti ho tenuto in braccio per la prima volta quando avevi solo 40 giorni,eri un piccolo batuffolo di pelo bianco... ed io avevo appena 8 anni... da allora non ci siamo mai separati,sei diventato il mio compagno di avvenuta,di gioco e di vita... eri capace di farmi sorridere anche quando ero triste,mi sei stato vicino in qualsiasi momento,eri una certezza! Mi bastava guardarti negli occhi,o guardare quel piccolo tartufino che avevi come nasino per stare bene... dopo ben 16 anni, la vita ha voluto separarci,ma posso assicurarti che questa separazione è solo fisica,perché il mio cuore appartiene sempre e solo a te... così come ti ho inciso sulla pelle,così sei inciso nel mio cuore e nella mia anima... Sicuramente in cielo sarai la più bella nuvoletta bianca che esista♥️ Buon viaggio tra le nuvole mio piccolo grande amore,io sono e sarò sempre con te♥️🐶🔐 Ogni volta che guarderò il cielo,ti vedrò con il tuo cappottino preferito rosso,con il tuo grande papillon rosso e con quei grandi occhioni che trasmettevano amore e fedeltà,e con quella piccolo codina che scodinzolava per qualsiasi cosa,perché ti bastava stare con noi per essere felice!♥️ Oltre l’infinito ➰🐾♥️ #dog #mylove #infinite #forever #heart 💔
Read more
La mattina della gara la sveglia suonò all'alba. Normalmente ci impegno circa mezz'ora per alzarmi ...
Media Removed
La mattina della gara la sveglia suonò all'alba. Normalmente ci impegno circa mezz'ora per alzarmi dal letto, ma quella mattina ero già attiva subito dopo aver spento la sveglia. Ci alzammo tutte insieme e guardando l'alba dalla finestra per circa 10 minuti. Indossammo il body e scendemmo ... La mattina della gara la sveglia suonò all'alba. Normalmente ci impegno circa mezz'ora per alzarmi dal letto, ma quella mattina ero già attiva subito dopo aver spento la sveglia. Ci alzammo tutte insieme e guardando l'alba dalla finestra per circa 10 minuti. Indossammo il body e scendemmo al bar a fare colazione. Fette biscottate con la marmellata per prendere energia e una tazzina di caffè amaro. Ritornate in camera, lavammo i denti e la mia migliore amica truccó tutte noi. Ombretto bianco e viola, mascara e rossetto color carne. Tutto molto semplice ma d'effetto con qualche brillantino vicino agli occhi. I capelli li legammo in una coda alta e io fermai i ciuffetti con alcuni fermagli viola brillantinato. Eravamo pronte e l'ansia cresceva. Alle 7:30 in punto arrivò il pulmino e ci accompagnó al palazzetto dove si sarebbe disputata la gara. Iniziammo il riscaldamento e alle 9:00 gli spalti iniziarono a riempirsi. A ognuna di noi venne dato un foglio con il nostro numero e la gara cominciò. Chiamarono tutte le società per la sfilata di apertura. Gli altri iniziarono ad esibirsi e arrivò anche il nostro turno. Il primo esercizio fu quello di squadra. Entrammo in pedana e appena la musica partì noi facemmo un salto e poi un altro, la musica continuava e il mio corpo si muoveva da solo, sapeva già cosa fare. A esercizio finito, ci inchinammo davanti ai giudici e tornammo al nostro posto. Dopo la gara di squadra ci fu la premiazione. Il presidente della giuria iniziò a parlare...
#loveginnasticaartisticacapitoli
||Mary🍑
Read more
Destino. Che cos'è? È difficile da definire, è difficile crederci. Forse è solo l'essere umano ...
Media Removed
Destino. Che cos'è? È difficile da definire, è difficile crederci. Forse è solo l'essere umano che tenta di spiegare la propria realtà. Se è destino, succederà. Se vi siete incontrati era destino. Se una persona entra nella vita di un'altra è perchè ha uno specifico ruolo. Un insegnamento, ... Destino. Che cos'è?
È difficile da definire, è difficile crederci. Forse è solo l'essere umano che tenta di spiegare la propria realtà.
Se è destino, succederà.
Se vi siete incontrati era destino.
Se una persona entra nella vita di un'altra è perchè ha uno specifico ruolo. Un insegnamento, una gioia o una delusione.

Non ci si scontra per caso.

Spesso non capiamo i motivi di certi comportamenti, di certi legami, e forse dobbiamo solo lasciare che la vita faccia il suo corso. Lasciare fare al destino ciò che ha in serbo per noi. 'Sei libero di scegliere' è forse vero?
Davvero si è in grado di sopprimere un desiderio, un'emozione? Davvero si è in grado di razionalizzare tutto, capire cosa è bene o male e scegliere sempre la strada più chiara e limpida? Davvero io non credo proprio.
Quante volte si è portata avanti una situazione, 'senza speranza' per gli amici. Quante volte si è detto 'si' al cuore e 'aspetta' al cervello. Talmente tante che solo ognuno di noi lo sa con chiarezza.

Assurdo come le persone non sapranno mai il vero effetto che ti fanno. Uno sguardo, un bacio. Insignificanti per una possono essere il tutto per l'altra.

Assurdo come le persone non sapranno mai come le cerchi in mezzo alla folla. Tra tanti volti e presenze una sola attira la tua attenzione. Quella sola che con poco riesce a farti essere felice, anche solo per un attimo.

Assurdo come le persone non sapranno mai di come riescano inconsciamente a cambiare la giornata di un'altra. Alle volte si pensa di essere nulla in mezzo al mondo, ma basterebbe aprire un poco di più gli occhi per accorgersi che, per alcuni,

il Nulla è Tutto invece.

In fondo l'Altro mai potrà immaginare la reale importanza che rappresenta. Non basteranno certi sguardi, certe parole, alcune cose rimarranno sempre nascoste e segrete. Alcune cose dovrebbero essere dette, ma il rischio è sempre alto.
Destino e rischio. Nemici o amici?

#tb 💟
Written by me🌈


#summer #summervibes #goodvibes #amazing #awesome #bestoftheday #picoftheday #live #love #life #beauty #beautiful #me #myself #likeforfollow #memories #italiangirl #italy #colorful #nofilter #influencer #igers #shootingday #happy #oftd #writer #fitness #bae
Read more
Cosa piace a Verdiana? Dipende, dal giorno, dal momento, da tante piccole cose. Per me il cibo è ...
Media Removed
Cosa piace a Verdiana? Dipende, dal giorno, dal momento, da tante piccole cose. Per me il cibo è nutrimento e diventa piacere quando condiviso, non amo mangiare in solitudine a parte qualche occasione e di solito fuori casa lo apprezzo di più. Mi piace preparare qualcosa di buono alle persone ... Cosa piace a Verdiana?
Dipende, dal giorno, dal momento, da tante piccole cose. Per me il cibo è nutrimento e diventa piacere quando condiviso, non amo mangiare in solitudine a parte qualche occasione e di solito fuori casa lo apprezzo di più. Mi piace preparare qualcosa di buono alle persone a cui tengo ma non ho la fissa dell’homemade. Cerco come tutti di mangiare bene ma non mi sento minimamente in colpa per una piadina al volo in un bar piuttosto che una cena a base di minestrina e formaggio (di certo non è il bilanciamento alimentare per eccellenza!), questo per dire che ci sono giorni e giorni. Francamente sorrido quando qualcuno mi dice che sono “rigida o fissata” perché è quanto di più lontano possa essere dalla mia realtà, semplicemente ho solide basi di cultura alimentare datemi dai miei genitori ancora prima che dalla scuola di Dietista, e no vi assicuro che prevale la prima scuola quella di vita piuttosto che teorie scientifiche che per quanto giuste rischiano di rimanere solo carta. Per questo insisto con il dire che siete voi mamme e papà a poter fare la vera differenza, siete voi a poter fare cultura alimentare, siete voi e solo voi che trasmetterete ai vostri figli in maniera indelebile un rapporto sano ed equilibrato con il cibo, cercando di insegnare loro la differenza tra un piatto pronto del banco surgelato piuttosto che il gusto morbido e rotondo di latte di una buona mozzarella ...fatelo questo sforzo e cercate di capire che la cultura si fa anche a tavola non solo preoccupandosi della scelta scolastica che ne deciderà il futuro, perché il loro futuro passa anche attraverso il cibo che mangiamo e mangeranno grazie a quello che voi gli avrete trasmesso con le abitudini alimentari, non aspettare che sia la scuola o le istituzioni a fare cultura alimentare , non aspettare che sia qualcun’altro a farlo è e sarà sempre un importante ma fondamentale compito vostro! #momentodietista
Read more
Facile starmi vicino quando tutto è ok, ma tu rimani anche quando ti dico di andare via, che voglio ...
Media Removed
Facile starmi vicino quando tutto è ok, ma tu rimani anche quando ti dico di andare via, che voglio starmene un po' per i fatti miei. Facile starmi vicino quando sorrido alla vita e la vita sorride a me, ma tu rimani anche quando la mia vita fa schifo anche quando ho bisogno dei tuoi occhi a farmi ... Facile starmi vicino quando tutto è ok, ma tu rimani anche quando ti dico di andare via, che voglio starmene un po' per i fatti miei. Facile starmi vicino quando sorrido alla vita e la vita sorride a me, ma tu rimani anche quando la mia vita fa schifo anche quando ho bisogno dei tuoi occhi a farmi da scudo anche quando ho paura di tutto. Facile starmi vicino quando sono divertente, quando divento la persona più simpatica della serata, quando esco dal guscio per vedere il mondo, ma la cosa bella è che tu mi ami anche quando sono detestabile, quando fraintendo le cose che sento, quando sono incazzata nera con chiunque, quando a basso lo sguardo e cado nel mio mondo, tu mi dici :"posso entrare?". Facilissimo starmi accanto quando ascolto, quando mi applico, quando do tutto, quando negli occhi c'è il sole, ma tu resti anche quando viene fuori la luna che ho dentro e tutto diventa buio e io non sono più io per un momento. Facile restarmi accanto quando ho voglia di portarti al mare e ti ci porto, ti abbraccio forte, ti riempio di attenzioni e sono sicura che la vita sia tutta in quel momento. Chi resta quando sale l'ansia e la notte non dormo e ho bisogno di un abbraccio dentro il quale starò dentro a pensare, ferma immobile per godermelo. Chi resta qua di fuori è sereno ma dentro di me c'è cattivo tempo? TU. Facile starmi accanto quando è tutto bello ma tu ci sei anche quando io vorrei scappare da me lontano anni luce, per non fare più i conti con la mancanza, con le ingiustizie, con le complicazioni, il passato e i cambi d'umore. Facile esserci quando ti prego di restare, di metterti a sedere, ma TU resti anche quando ti prego di andare, di lasciarmi stare e la cosa bella è che non lo fai perché lo devi fare, TU LO FAI PERCHÉ TI PIACE PERSINO QUELLA PARTE DI ME CHE NON PIACE A ME, non lo lo fai perché devi, lo fai perché ti va... Perché ti va bene anche il peggio di me, ed è per questo che ti ringrazio per tutto l'amore che mi dai amore mio. Ti amo❤️❤️NOI ❤️
Read more
 #Repost @brigaofficial with @get_repost ・・・ Gino dell’Amore, Ti ricordi quel disco scritto ...
Media Removed
#Repost @brigaofficial with @get_repost ・・・ Gino dell’Amore, Ti ricordi quel disco scritto insieme? ‘Never Again’, te lo ricordi? L’ho scritto in camera insieme a te. Tu eri appena arrivato a casa. Ogni canzone, ogni frase di quel disco scritta sul soppalco della mia camera 2 ... #Repost @brigaofficial with @get_repost
・・・
Gino dell’Amore,

Ti ricordi quel disco scritto insieme?
‘Never Again’, te lo ricordi? L’ho scritto in camera insieme a te.

Tu eri appena arrivato a casa.
Ogni canzone, ogni frase di quel disco scritta sul soppalco della mia camera 2 metri per 2.
Sì, per 2. Perché tu non ti sei perso nemmeno una rima, nemmeno un tiro di Marlboro, nemmeno un dubbio su quale parola usare, nemmeno un attimo di indecisione, nemmeno una singola lacrima da me versata.
E forse mi hai aiutato a scegliere ogni base, quali di quelle buttare, mi hai aiutato a dimenticare, ad andare avanti in quei giorni vuoti, a tornare a vedere la consistenza delle cose. Hai aiutato questi palazzi intorno a me a tornare ad essere palazzi e non budini, con i miei occhi sempre spenti e bagnati, e incollati ai sogni. E increduli di fronte all’impossibilità di cambiare ciò che non andava.
Con la tua pazienza, il tuo amore, la tua così silenziosa gratitudine, la tua sensibilità, il tuo tanto profondo rispetto per il dolore.

Oggi devo dirti ‘Ciao’, così presto. Un ‘ciao’ così insostenibile da non sembrare vero.
Come i grandi artisti che ci hanno lasciato giovani e che tutti i giorni piangiamo un po’, ma sempre con un ghigno sorridente a ricordarci quanto siano eterni ed immortali nelle nostre vite.

Quindi Ciao, Gino.
Scusami se da quando sono diventato Briga me ne sono andato di casa (facendoti anche un po’ incazzare). Tu sei stato proprio un bravo ometto a prenderti cura delle mie donne.
E ti prego, sappi che ho fatto di tutto per salvarti la vita. Come tu quella mattina hai salvato la mia, addormentandoti di fronte a me per vegliare sui miei sogni, per accompagnare il mio sonno... ora io mi trovo costretto a farlo con il tuo.

Ti ho amato più di un essere umano.
Grazie per tutto l’amore che mi hai dato, quello vero. 🐈
Mattia
Read more
31 agosto fuori piove, la temperatura si è notevolmente abbassata. Questa sera dormirò di sicuro ...
Media Removed
31 agosto fuori piove, la temperatura si è notevolmente abbassata. Questa sera dormirò di sicuro sotto il lenzuolo e questo per me significa solo una cosa..fine dell’estate! Un’estate iniziata timidamente ad aprile con il primo week end al mare ed esplosa a maggio con il primo week end di ... 31 agosto fuori piove, la temperatura si è notevolmente abbassata. Questa sera dormirò di sicuro sotto il lenzuolo e questo per me significa solo una cosa..fine dell’estate! Un’estate iniziata timidamente ad aprile con il primo week end al mare ed esplosa a maggio con il primo week end di caldo al lago io, le bimbe e una cara amica, non sono mancate le innumerevoli gite fuori porta, il mare, la montagna, la piscina sempre e comunque, i Pic nic non si contano, così come le cene all’aperto. Non si contano le ore passate all’aria aperta perché dovrei semplicemente togliere quelle di sonno. Non si contano le ore davanti alla tv perché è stata accesa giusto una volta per sbaglio, idem per i film in dvd forse negli unici due giorni di pioggia a riprova di quanto con l’arrivo della bella stagione non ci sia bisogno di altro che di stare fuori casa. E io fuori casa con le mie figlie ci sono stata parecchio anche quando la casa avrebbe reclamato un minimo di ordine e pulizie (ci sarà tempo mi dico sempre di farle questo inverno!). Ho le mie priorità e quella di vivere al massimo l’estate è da sempre il mio obiettivo, forse perché sono nata in luglio o forse perché semplicemente amo la luce ma per me questa è la stagione più pazzesca che ci sia. E mi mancherà, mi mancherà terribilmente e mi manca ogni anno di più, perché non è solo il mio di tempo che passa, è il tempo delle mie figlie piccole che non tornerà più, lo so, lo so maledizione che è la vita che va così ma è più forte di me se solo guardo le foto di maggio penso a come siano cambiate tantissimo. Settembre è il mese di inizio, inizio del lavoro, inizio della materna, inizio di una routine fissa che lascia poco spazio all’improvvisazione...o almeno questo è quello che ci si aspetta ...io farò del mio meglio per fare meraviglie anche quest’inverno, ho deciso che sarà così fino a che avrò vita ❤️❤️ ciao Estate
Read more
Come va guagliu? Abbiamo iniziato questo grande mercoledì celebrando la 43a Sagra della 'Nduja ...
Media Removed
Come va guagliu? Abbiamo iniziato questo grande mercoledì celebrando la 43a Sagra della 'Nduja di Spilinga. Vi lascio una ricetta pazza: involtini ripieni in cui l'ingrediente principale è la 'Nduja @ndujasandonato Ingredienti per 8-10 panini. - 1 bicchiere di latte tiepido; - ... Come va guagliu? Abbiamo iniziato questo grande mercoledì celebrando la 43a Sagra della 'Nduja di Spilinga.
Vi lascio una ricetta pazza: involtini ripieni in cui l'ingrediente principale è la 'Nduja @ndujasandonato

Ingredienti per 8-10 panini.
- 1 bicchiere di latte tiepido;
- 5 gr di lievito;
- 1 uovo;
- 1/2 kg di farina;
- 1/2 cucchiaino di olio d'oliva;
- Sale

Per il ripieno
- 'Nduja @ndujasandonato
- Formaggio caciocavallo della Sila;
- Cipolla di Tropea IGP (tagliata e saltata in olio d'oliva). Per la pennellata
- Prezzemolo;
- 1 spicchio d'aglio;
- olio d'oliva
Tritare l'aglio e il prezzemolo, metterlo in un contenitore e aggiungere una spruzzata di olio d'oliva. Lo useremo per dipingere il pane.

Preparazione.
In una ciotola mettiamo il lievito e il latte tiepido. Lasciamo riposare 5 minuti. Aggiungiamo l'olio d'oliva e iniziamo ad unire la farina, ci sarà da ammassare, aggiungiamo il sale. Ammassiamo fino a quando non diventa pasta tipo quella per la pizza.
Lasciare riposare per circa 3 ore.
Dopo 3 ore; formiamo un po' di panini con questa pasta, infariniamo il tavolo di lavoro e stendiamo come se fossero delle piccole pizze ... e qui arriva la magia di @nujasandonato Aggiungiamo un cucchiaio di @ndujasandonato , un cucchiaino di cipolla fritta di Tropea e caciocavallo della Sila (è possibile utilizzare il formaggio che ti piace).
Chiudiamo questi dischi e spennelliamo con il prezzemolo e l'aglio che avevamo già preparato.
Cuociamo in forno per 15 o 20 minuti e infine gustiamo questi sapori unici della Calabria.
Per acquistare i prodotti di 'Nduia San Donato puoi farlo su Instagram cliccando su @ndujasandonato

_

Se sei interessato, puoi collaborare con me, cuciniamo e mostriamo il tuo prodotto? Contattami [email protected]

_

#nduja #peperoncino #calabria #ndujacalabrese #ndujaspilinga #ndujaartisans #ndujasandonato #ndujapizza #ndujapower #ndujapiccante #ndujacalabra #spilinga #sagradellandujadispilinga #ororosso #gourmet #sorridiseiincalabria #cipolladitropea #ciboitaliano #cibocalabrese #italyfoodporn #italianelpiatto #calabrianelpiatto #calabriafood #panciamiafatticapanna #foodinfluencer #influencer #amoreincucina #atavola #scattoalpiatto
Read more
English in the first comments <span class="emoji emoji2764"></span> // Ieri era la giornata nazionale contro i disturbi alimentari. Non ...
Media Removed
English in the first comments // Ieri era la giornata nazionale contro i disturbi alimentari. Non è mai facile per me espormi in questo modo, ma credo sia giusto farlo. Ieri, rivedendo la foto di sinistra, mi sono venuti gli occhi lucidi. Per anni non ho avuto un rapporto sano con il cibo ... English in the first comments ❤
// Ieri era la giornata nazionale contro i disturbi alimentari.
Non è mai facile per me espormi in questo modo, ma credo sia giusto farlo. Ieri, rivedendo la foto di sinistra, mi sono venuti gli occhi lucidi.
Per anni non ho avuto un rapporto sano con il cibo e per anni non me ne sono neanche resa conto. Quattro anni fa ho toccato il fondo: ossessionata da un’applicazione che conta le calorie, ho raggiunto un livello di grave sottopeso. Come ogni volta che si tocca il fondo, però, si può solo risalire.
Ho pian piano imparato ad amarmi, con le mie mille imperfezioni, con tutti i difetti che mi rendono semplicemente “reale”.
Mi sono ripromessa che mai, MAI, mi sarei guardata allo specchio e avrei pensato “Che schifo”, qualunque forma avesse preso il mio corpo. Così ho fatto. Certo, ci sono stati momenti di alti e bassi, ma ho mantenuto la promessa con me stessa.
Mangio sano, ma mangio tutto, non mi privo di nulla, neanche delle schifezze se ne ho voglia. Mi alleno perché mi rende felice, perché mi piace sentirmi ogni giorno più forte, perché mi fa sentire viva. Non lo faccio per dare una certa forma al mio corpo: quella è una conseguenza, non è la mèta.
Dobbiamo volerci bene, trattarci bene, smettere di sentirci in colpa per qualcosa che mangiamo. Il nostro corpo è il posto in cui vivremo per il resto della nostra vita, prendiamoci cura di lui.
#fiocchettolilla
Read more
La Regina delle regine se n’è andata ma ha lasciato dietro di sè la bellezza che dura in eterno. La ...
Media Removed
La Regina delle regine se n’è andata ma ha lasciato dietro di sè la bellezza che dura in eterno. La musica con la emme maiuscola,quella che ti entra dentro e non importa chi sei e da dove vieni e quanti anni hai,ti prende e basta. Ha saputo fare quella musica universale che vaga per tutto il mondo ... La Regina delle regine se n’è andata ma ha lasciato dietro di sè la bellezza che dura in eterno.
La musica con la emme maiuscola,quella che ti entra dentro e non importa chi sei e da dove vieni e quanti anni hai,ti prende e basta.
Ha saputo fare quella musica universale che vaga per tutto il mondo e mentre i generi e le mode cambiano,questa musica continuerà a suonare per sempre.
Ho consumato le cassette (non c’erano ancora i cd) con i greatest hits di Aretha Franklin.
Non so contare tutte le volte che mi chiudevo in bagno a cantare Think (per il riverbero che c’è) ma forse in certi periodi succedeva tutti i giorni.
Insieme ad altri grandissimi del soul e del rhythm and blues come Otis Redding ed Etta James è stata la colonna sonora della mia adolescenza. Devo a loro tantissimo.
Mi hanno fatto perdere la testa e mi hanno fatto sognare e immaginare un’America che forse non è nemmeno mai esistita,ma attraverso quella musica si che è esistita.
Dentro a questo Soul,a questa musica dell’Anima,insieme a milioni di altri sogni e ricordi e proiezioni di tante persone,ci sono anche i miei.

Ci sono anch’io nel fiume di anime che la tua voce ha attraversato.

Grazie Regina del Soul.
Sei indimenticabile.
Read more
Questo è un lunedì che ha il sapore di un nuovo inizio. È un po’ come quando a Gennaio si elencano i buoni ...
Media Removed
Questo è un lunedì che ha il sapore di un nuovo inizio. È un po’ come quando a Gennaio si elencano i buoni propositi su un foglio di carta bianco - quasi fosse il tappeto magico di Aladino - e che sistematicamente si rivelano ambizioni un po’ troppo audaci. Mi piace credere che la vita sia fatta ... Questo è un lunedì che ha il sapore di un nuovo inizio. È un po’ come quando a Gennaio si elencano i buoni propositi su un foglio di carta bianco - quasi fosse il tappeto magico di Aladino - e che sistematicamente si rivelano ambizioni un po’ troppo audaci.
Mi piace credere che la vita sia fatta di elenchi, punti e parentesi con cui giocare in ordine imprevedibile e casuale.
E poi penso: un’altra estate viene lasciata alle spalle e la normalità torna a riempire il quotidiano nelle nostre case. E posso dirvi una cosa? Un pochino mi è mancata.
Questo agosto mi ha dato carica ed energia, tantissime nuove idee e mille altri buoni propositi da aggiungere a quella lista che mi piace tanto scrivere e un po’ meno mettere in pratica.
Ma su un punto vorrei tentare - per lo meno ci provo - ad essere irremovibile: la costanza. Sono nata in Aprile, maledetto mese che ha come elemento il fuoco e come colore il rosso. Sono un’Ariete fatta e finita, irrazionale, impulsiva, totalmente incapace di attendere, assolutamente irritabile e iper competitiva di natura. Vive in me l’impeto di voler primeggiare e, molto spesso, non ho tempo per finire quello che ho iniziato: per intenderci il tasto ON/OFF lo premo d’abitudine con una frequenza imbarazzante. In questo modo mi riempio la testa di progetti che spesso non porto a termine.
Ma voglio provare ad essere una persona migliore.
Cercare di controllare la mia indole ribelle che mi porta ogni volta in direzione opposta rispetto a quella che appunto viene definita costanza, sarà la mia missione, ho deciso!
Nonostante io sia iperattiva e mi stufi facilmente di tutto e di tutti - sono capace di visitare una città come Parigi in meno di 24h - voglio lavorare sul mio autocontrollo. Pazienza ed attesa sarete abitanti presto anche di questo corpo 😂 Vediamo quanto durerò questa volta!
-
Ben tornati a tutti, ben rientrati nelle vostre case, buon inizio di Settembre e buona ripresa 🤘🏻 #sorridiallavita🤘🏻
Read more
Ho scaldato il #pesto. Chiedo scusa a tutti i liguri. A tutti gli italiani. Sono mortificata. Non ...
Media Removed
Ho scaldato il #pesto. Chiedo scusa a tutti i liguri. A tutti gli italiani. Sono mortificata. Non succederà più, è ovvio! Che rabbia, finché ero lì è andato tutto bene: più volte mi sono morsa la lingua e non ho chiesto una pasta al pesto con il pesto senza grana, un pesto vegano insomma, ... Ho scaldato il #pesto.
Chiedo scusa a tutti i liguri.
A tutti gli italiani.
Sono mortificata.
Non succederà più, è ovvio!
Che rabbia, finché ero lì è andato tutto bene: più volte mi sono morsa la lingua e non ho chiesto una pasta al pesto con il pesto senza grana, un pesto vegano insomma, e ho mangiato senza lamentarmi le mie verdure grigliate, le insalate e la pasta con il pomodoro l’ultima sera; ho amato intensamente la focaccia, tant’è che non riesco a mangiare quella di qui perché ripenso a quanto è più buona quella di lì. Aw, la focaccia ligure, che tagliavo a piccoli pezzi per evitare di ingozzarmici. Focaccia. Colazione, pranzo e cena.
Perché volere il pane quando si può avere la focaccia ligure?
Tornata in Sardegna è successo il fattaccio. Potrei scaricare tutte le colpe su mia madre (potrei?) dal momento che è stata lei materialmente a mettere il pesto su una padella e ad accendere il fornello su cui essa poggiava.
Io, in effetti, che colpe ho?
Io ho pubblicato le stories che ritraevano l’azione nefanda. Ma devo essere sincera, con voi, per il rispetto del rapporto che si è creato in questi anni:
l’avrei fatto, tranquillamente, anche io.
L’ho sempre fatto anche io.
Non lo farò mai più.
Riuscirete mai a perdonarmi?
Read more
Quando in frigo hai solo una mortadellina, philadelphia, pane grattato, yogurt e 4 estathè bisogna ...
Media Removed
Quando in frigo hai solo una mortadellina, philadelphia, pane grattato, yogurt e 4 estathè bisogna per forza inventarsi qualcosa per non morire di fame 🤘🏻... (anche perché uscire per andare a fare la spesa alle 13 con 4000 gradi all’ombra è veramente un suicidio )... E allora mi sono fatta ... Quando in frigo hai solo una mortadellina, philadelphia, pane grattato, yogurt e 4 estathè bisogna per forza inventarsi qualcosa per non morire di fame 🤘🏻😂... (anche perché uscire per andare a fare la spesa alle 13 con 4000 gradi all’ombra è veramente un suicidio 😂)... 💣E allora mi sono fatta due spaghetti con mortadella, philadelphia e crema aromatizzata al basilico ed erba cipollina 🌿. 💣

L’ ultimo strato (la base per intenderci 😂) è una crema fatta con philadelphia, basilico fresco (rubato al vicino 😂) ed erba cipollina (quella non l’ho rubata, ho la piantina 😂). Tutto frullato insieme ed adagiato sul piatto! 👉🏻Gli spaghetti, invece, sono stati fatti saltare in un sughetto fatto da 3 fettine piccole di mortadella (io a casa ho la mortadellina quella da 150 grammi ✌🏻) tagliata a cubetti e fatta soffriggere con un filino (ma proprio filino) di olio e cipolla, a cui poi ho aggiunto un cucchiaio di philadelphia. Se non vi quadra qualcosa scrivetemi pure 🐹
✏️ Tempo totale di preparazione: 12 minuti (il tempo di cottura della pasta perchè per fare il sughetto e la base ci vogliono veramente 2 minuti contati 🙂😋)
📌 Ah, lasciate da parte qualche cubetto di mortazza se volete fare i fighi e metterli sopra gli spaghetti per la presentazione 📌

Ps: abbiate pazienza ma io le foto proprio non le so fare e non rendono giustizia alle mie super creazioni 🤷🏻‍♀️😐🤦🏻‍♀️😂😂😂😂







#italyfoodhealthy #bontaitaliane #italia #pasta #pastaaddict #piattiitaliani #_cotto_e_postato_ #cookingrecipesrepost #piattitipiciregionali #cucinamediterranea #spago #pranzoitaliano #tagfooditalia #food_and_travel_world #you_food_tube #cibo_che_delizia_ #bassacucina #deliziedifabio #cucina_e_piu #bastachesiabuono #cucinatedavoi #trovaricetta #foodinplate #foodpoornitalia #pranzo #cena #100ita #all_food_passion #cucinandoarte
Read more
¶Scusate tanto il ritardo ma sono stata impegnatissima,vi amo¶Capitolo 7: Mi avvia verso l'auto ...
Media Removed
¶Scusate tanto il ritardo ma sono stata impegnatissima,vi amo¶Capitolo 7: Mi avvia verso l'auto tutta eccitata all'idea divederlo... Dad:Ambs ti senti bene...? Io:sì,certo che si papá E gli rivolsi un sorriso rassicuarante... A SCUOLA Laur:ma ciao ehhh....piaciuta la sorpresa??? Io:muori... Laur:oops....dai ... ¶Scusate tanto il ritardo ma sono stata impegnatissima,vi amo¶Capitolo 7:
Mi avvia verso l'auto tutta eccitata all'idea divederlo...
Dad:Ambs ti senti bene...?
Io:sì,certo che si papá
E gli rivolsi un sorriso rassicuarante...
A SCUOLA
Laur:ma ciao ehhh....piaciuta la sorpresa???
Io:muori...♥
Laur:oops....dai non dirmi che non ha fatto niente...
Io:bhe...ha prov....nono nn ha fatto niente...!!
L:ehmm...ok se lo dici tu Tata
Io:Tata?
L:Tata.
La guardai per 3 secondi sospertosa e poi cominciammo a ridere come due cretine...
Salutai Laur e mi avviai verso la classe.
Mi sedetti al mio posto.
Lo cercai con lo sguardo.
Ma niente.
Guardai il suo posto per tutta la mattina e le ore a seguire ma lui non c'era...
Tutta l'enfasi di stamattina era sparita...cazzo...quando ci sará qualcosa di bello per me?
Il pomeriggio a casa guardai il telefono per due ore e poi mi decisi a scrivergli
Chat:
Io:EHII:-)
L:ahmm...ciao
Io:come mai non eri a scuola??
L:problemi...miei nulla che ti interessi ok?
Io:ehmm..ok però calmati perchè mi tratti cosi?
L:nulla bhe io devo andare ciao...
Io:...
E chiusi la chat...
Mi misi sul letto e cercai di non pensarlo...
Di non pensare ai suoi capelli
Al suo odore.
Ai suoi occhi.
Alle sue labbra.
Illusa.
Sentii una lacrima scendermi lungo la guancia...
E poi un'altra.
E un'altra ancora.
E cosi via...
A cena non mangiai nulla
E dormii poco quella notte...
Stupida stupida Amber ma che pensavi?di piacergli davvero??
Illusa.
IL MATTINO
Andai a scuola a piedi...ero troppo triste per farmi vedere da mio padre
Arrivata a scuola...
CHE FARÀ ADESSO AMBS???
CHE PENSATE DI LUKE?!
IO PENSO CHE C'É QUALCOSA CHE NON VA...BHO•••
ARRIVIAMO A 15 LIKES...
VI AMO PIÙ DEL WI-FI😘😍🎶
Read more
Penso che questa sia la foto più bella che abbiamo insieme. Entrambi giovani e con tanta voglia di ...
Media Removed
Penso che questa sia la foto più bella che abbiamo insieme. Entrambi giovani e con tanta voglia di vivere. Ero la tua bambolina e guai a chi mi toccava e faceva del male e tu per me eri il mio supereroe, il racconta storie prima di andare a nanna, quante volte mi hai raccontato la storia del Riccio ... Penso che questa sia la foto più bella che abbiamo insieme. Entrambi giovani e con tanta voglia di vivere. Ero la tua bambolina e guai a chi mi toccava e faceva del male e tu per me eri il mio supereroe, il racconta storie prima di andare a nanna, quante volte mi hai raccontato la storia del Riccio Serafino, come scordarla. La so a memoria: “C’era una volta un riccio zoppo che aveva un amico, un piccolo coniglietto bianco. Erano inseparabili,giocavano sempre insieme e godevano di buona salute finché un giorno il coniglietto si ammalò e Riccio Serafino voleva fare qualcosa per riuscire a guarire l’amico. Il rimedio erano delle bacche che si trovavano su una montagna circondata da avvoltoi. Senza alcun timore, Riccio Serafino, zoppicante, uscì con il freddo e la neve per raggiungere le bacche. Una volta prese, riuscendo a scappare dagli avvoltoi, le portò al suo amico coniglietto, il quale guarì. Il giorno dopo successe un miracolo: Riccio Serafino non zoppicava più! E i due amici tornarono a giocare felici e insieme”. Ora mi rendo conto che il Riccio Serafino eri tu, in qualsiasi situazione ti sei sempre preso cura di me, anche quella volta che sono finita in ospedale per una grave broncopolmonite e hai vegliato su di me insieme alla mamma. Eri sempre con me, non mi hai mai lasciato da sola... Ero il piccolo coniglietto della situazione. Ti voglio bene papà, GRAZIE per essere stato UN PADRE ECCEZIONALE, un costruisci castelli in spiaggia per poi distruggerli, per avermi fatto sempre sorridere, per avermi donato questa vita, per essere tale e quale a te. Buonanotte, corro a sognarti ❤️🦋🎞📽 #Farfallablu #A #balance
Read more
Al Victoria&Albert Museum di #Londra ci si prepara a raccontare la storia di Christian Dior in grande ...
Media Removed
Al Victoria&Albert Museum di #Londra ci si prepara a raccontare la storia di Christian Dior in grande stile. Dal 2 febbraio al 14 luglio 2019 sarà infatti possibile visitare “Christian Dior: Designer of Dreams”, una grande esibizione (la più vasta del museo londinese dopo quella dedicata ... Al Victoria&Albert Museum di #Londra ci si prepara a raccontare la storia di Christian Dior in grande stile. Dal 2 febbraio al 14 luglio 2019 sarà infatti possibile visitare “Christian Dior: Designer of Dreams”, una grande esibizione (la più vasta del museo londinese dopo quella dedicata ad Alexander McQueen nel 2015) costruita su quella proposta dal Musée des Arts Decoratifs di Parigi nel 2017 in occasione del 70esimo anniversario della maison francese. Con qualche differenza visto che la collezione è stata re-immaginata per spiegare il rapporto tra lo stilista e la cultura British: un legame profondo segnato dal fascino di Christian Dior per palazzi e giardini inglesi, per i transatlantici della Marina britannica come la Queen Mary fino ad arrivare al paradossale apprezzamento del sarto francese persino per la cucina inglese. Un rapporto di ammirazione sfociato nella prima sfilata londinese di Dior nel 1947 e nell’apertura di Christian Dior London nel 1952. Da febbraio sarà dunque possibile ripercorrere la storia del fondatore della maison e dei sei direttori artistici che gli sono succeduti (Yves Saint Laurent, Marc Bohan, Gianfranco Ferré, John Galliano, Raf Simons e Maria Grazia Chiuri) attraverso le creazioni dei laboratori del marchio francese, le collaborazioni con i migliori artigiani britannici e le relazioni con alcuni dei clienti famosi d’oltremanica come l’autrice Nancy Mitford o la ballerina Margot Fonteyn. Il posto d’onore nella mostra sarà occupato dall’abito disegnato da Christian Dior per la Principessa Margaret, sorella della Regina Elisabetta, e da lei indossato in occasione del suo 21esimo compleanno 🔄 Seguici su @larepubblica e @drepubblicait : il mondo in diretta anche su Instagram #dior #vamuseum #mostre #moda #fashion
Read more
Guardiamo in faccia la realtà!!<span class="emoji emoji1f4aa"></span> Si ritorna a giocare (finalmente), questa sera alle 21:00 al ...
Media Removed
Guardiamo in faccia la realtà!! Si ritorna a giocare (finalmente), questa sera alle 21:00 al palazzetto di Vanzaghello!!! La classifica non mente, siamo la, in basso, dove non ci meritiamo e pensavamo di essere mai. Piano, piano si son visti miglioramenti che però non hanno portato all'agognata ... Guardiamo in faccia la realtà!!💪
Si ritorna a giocare (finalmente), questa sera alle 21:00 al palazzetto di Vanzaghello!!! La classifica non mente, siamo la, in basso, dove non ci meritiamo e pensavamo di essere mai. Piano, piano si son visti miglioramenti che però non hanno portato all'agognata vittoria. Questa sera dev'essere la partita del rilancio, quella dell'inizio della scalata a quella vetta che da inizio campionato ci aspetta ( #LaVettaCiAspetta). Se la partita della scorsa settimana non era da sottovalutare, quella di questa sera non si deve nemmeno prendere in considerazione in quanto a difficoltà o facilità che sia!! Saremmo degli IDIOTI, degli incompetenti, delle persone che di calcio non ne capiscono nulla; semplicemente non saremmo degni di indossare una maglia, specialmente quella della #Bombonera .
È ora di vincere, di portare a casa i 3 punti. L'avversario non mollerà facilmente, ma la nostra caratteristica sarà non avere pietà perché con noi nessuno l'ha mai avuta e anzi, si fa di tutto per vederci sconfitti, con il sorriso sulle labbra come affronto!!! #ClbVsWildBoars #Calcetto #Campionato #CuoreGialloBlu #ClubLaBombonera #Classifica #Scalata #StepByStepp #Vamos #Vittoria #Lottare #LikeBoca #Like4Like #LikeForLike #LikeBombonera #LikeForFutsal #Futsal #FuoriLePalle #Passione #PassoDopoPasso #InstaFutsal #InstaCalcioA5 #InstaCalcioA5 #InvertiamoLaRotta #TorniamoAVincere #TodoPorLaBombonera #WinnerGames #FollowMe #FollowFootball
Read more
‘VOLEVO DIRTI TANTE COSE MA NON SO DA DOVE INIZIARE’..che forse tante e troppe ingiustizie mi sono, ...
Media Removed
‘VOLEVO DIRTI TANTE COSE MA NON SO DA DOVE INIZIARE’..che forse tante e troppe ingiustizie mi sono, ci sono, ti sono capitate. Se potessi dare una spiegazione forse ti direi che avrei fatto di tutto per ‘FARTI SCIVOLARE ADDOSSO QUESTO MONDO INFAME E METTERMI TRA TE E CENTO LAME’ per potermi ... ‘VOLEVO DIRTI TANTE COSE MA NON SO DA DOVE INIZIARE’..che forse tante e troppe ingiustizie mi sono, ci sono, ti sono capitate. Se potessi dare una spiegazione forse ti direi che avrei fatto di tutto per ‘FARTI SCIVOLARE ADDOSSO QUESTO MONDO INFAME E METTERMI TRA TE E CENTO LAME’ per potermi prendere tutto il male. Ho cominciato a pensare che questo posto forse non avrebbe avuto senso ‘SE NON CI SEI TU A NUOTARE’ con me.’TU CHE MI SAI COLMARE E TU CHE MI SAI CALMARE’. In quel giorno di ottobre ‘IL CALDO AVANZAVA’ insolito e lo sentivo così forte che mi dava fastidio e che quella notte e le altre seguenti, sapevo che non avrei ‘DORMITO’. Tremo e non ho parole per descrivere quello che mi stava succedendo per cui ti chiedo ‘SCUSA SE NON PARLO ABBASTANZA MA HO sempre UNA SCUOLA DI DANZA NELLO STOMACO’. Con il senno di poi, mi sono resa conto che spesso ignoravo tante cose che sono importanti e mi arrabbio perché non capivo, invece adesso so e mi struggo perche’ avrei dovuto ascoltarti,fare di più ed ancora oggi, ‘TU’ C’HAI SEMPRE QUALCOSA DA INSEGNARE’ tanto che ‘MI METTI IN CRISI IN QUESTO TESTO E NON TI RIESCO A DISEGNARE’. Potrei scrivere i più grandi complimenti che esistono ma non equivalgono nemmeno alla metà della donna che eri, che sei. E per tutte le volte che pensavo fossimo troppo diverse adesso mi rendo conto che sono esattamente uguale a te. Tu che sei stata la persona che mi ha amato e spronato più di chiunque altro e che avrei voluto fossi fiera di me perche’ ‘ IN FONDO TUTTO QUELLO CHE VOLEVO LO VOLEVO CON TE E SEMBRA STUPIDO MA CI CREDEVO E CI CREDEVI ANCHE TE’. E adesso ‘NON È FACILE TROVARSI MAI’,ORMAI È TARDI. Non mi escono le parole per cui racchiudo tutto in una canzone. Questa canzone che un anno fa, mi ha accompagnato per un periodo che non voglio dimenticare ma che mi ha aiutato a superare. C’è troppa ‘LUCE DENTRO LA STANZA’ ,la nostra, e adesso mi ritrovo sola a cantarla. E quando la ascolto o me la ritrovo a ballare in discoteca ,tutto mi si annulla, il resto non c’è più e ci siamo solo io te. Nella mia solitudine tu sei la mia folla.E BALLA SENZA MUSICA CON TE, SEI BELLA CHE LA MUSICA NON C’È. A te mamma che non te ne sei mai andata.❤️
Read more
2011-2018 Da questo scatto sono passati 7 anni. Non tanti direte voi, per me sono moltissimi perché ...
Media Removed
2011-2018 Da questo scatto sono passati 7 anni. Non tanti direte voi, per me sono moltissimi perché 7 anni fa stavo pensando a cambiare la mia vita lavorativa. Ho iniziato a giocherellare con il blog nel 2005 e da lì è stato un vero susseguirsi di cambiamenti, trasformazioni, interpretazioni, ... 2011-2018
Da questo scatto sono passati 7 anni. Non tanti direte voi, per me sono moltissimi perché 7 anni fa stavo pensando a cambiare la mia vita lavorativa. Ho iniziato a giocherellare con il blog nel 2005 e da lì è stato un vero susseguirsi di cambiamenti, trasformazioni, interpretazioni, tutte diverse. Prima la cucina raccontata e messa in pratica, con piccoli catering e lezioni di cucina, quando ancora nessuno o quasi a Torino e più in generale, pensava di fare qualcosa di simile. Poi è stato il turno delle interviste, dei giornali che volevano sapere cosa vuol dire essere una foodblogger. Vedere la propria foto su La Stampa Nazionale, accanto a quella di Meryl Streep, per la presentazione del film Julie & Julia è stato emozionante.
Poi pian piano la vita lavorativa è cambiata, come sono cambiata io, che non amo la massa, il rumore, il frastuono, io che da sempre amo i toni sussurrati e mai urlati, mi sono ritrovata in un mondo che non mi piaceva più. Ora forse ci sarà meno cucina, meno ricette. Però ci sono io, io che racconto cosa succede intorno a me, quando viaggio, quando mi emoziono per una nuova scoperta, un nuovo luogo da raccontare attraverso le parole e le immagini.
Quella in questa foto sono io, ma invece che nel 2011 potrebbero averla scattata nel 1990 per come mi sento diversa.
Un lungo percorso iniziato 13 anni fa e ogni anno diventa un nuovo percorso.
Quest’anno ho partecipato ad un bellissimo progetto, non posso ancora raccontare nulla, però sono felice perché è quello che amo fare e se metti tutto te stesso nei progetti, come nella vita, la passione e l’amore vengono sempre fuori.
Ringrazio di cuore Francesca Martinengo, perché è anche grazie a lei se sono arrivata fino a qui.
Pic by @alexd75
.
.
.
#me #life #travellife #blogger #bloggerlife #simplyme #workinggirl
#GrandTourTDZ
#travel #travelling #seetoshare #beautifuldestination #doyoutravel #passionpassport #findyourspot #howitravel #travelforfood #foodtourism #landscapehunter
#delftblue #lifestyleblogger #travelgrams
Read more
"Quella fatica che provi,non sai con certezza matematica se ti porterà dove,tu speri,dove tu vuoi,dove ...
Media Removed
"Quella fatica che provi,non sai con certezza matematica se ti porterà dove,tu speri,dove tu vuoi,dove tu hai sempre sognato..ora che sono qui,che tutto è finito,posso dire che quella fatica è l'unico modo per poter arrivare a realizzare i propri sogni,le proprie aspettative,i propri ... "Quella fatica che provi,non sai con certezza matematica se ti porterà dove,tu speri,dove tu vuoi,dove tu hai sempre sognato..ora che sono qui,che tutto è finito,posso dire che quella fatica è l'unico modo per poter arrivare a realizzare i propri sogni,le proprie aspettative,i propri obiettivi,non ci sono scorciatoie."
Posso dire che sono felice,per come sono andate queste gare,sono felice perchè ho dato tutta me stessa,ho messo tutto quello che avevo,ho dato il cuore,come ogni mia compagna e siamo state ripagate,siamo una famiglia,abbiamo passato momenti difficoltosi,momenti di poca luce e lucidità,momenti dove solo il gruppo ha saputo capire,accogliere e poi reagire,sono felice per la squadra che siamo,per quello che si è creato fra di noi (e tutto questo si vede e si nota mentre nuotiamo),la coesione e la complicità sono evidenti,ognuna ha il proprio modo di essere,ognuna indispensabile per l'altra, grazie veramente tanto. Grazie a tutti per il sostegno,la stima,i messaggi che mi mandate e che mi avete mandato e per averci seguite in tutto questo percorso di gare e durante tutto l'anno,(vi prometto che risponderò ad ognuna/o di voi,lasciatemi solo un pochino di tempo,sono un pò lenta lo sapete 😊)per me il vostro supporto è ossigeno. Un Grazie a tutto lo Staff coordinato da Patrizia Giallombardo,un grazie alla Federazione,alla mia società Rari Nantes Savona,un grazie alla Marina Militare per ogni sforzo,un grazie a Dao chi mi gestisce ogni tipo di cosa extra lavoro al di fuori della piscina,lavoro oscuro,ma molto importante. Un grazie particolare ad Albina,per ogni tipo di sostegno,morale e fisico, un grazie ai Giudici (che non sono semplici giudici) per i consigli e le correzioni (tutto molto prezioso),e poi un grazie immenso a te, ma Gana,grazie per la fiducia che riponi in me,grazie per i consigli,la gestione e il modo nel quale riesci a farmi esprimere senza alcuna forzatura,grazie per gli esercizi che solo tu puoi inventare,grazie per questa crescita,sai che sei speciale.Un grazie dal profondo del cuore a tutta la mia famiglia che mi sostiene e mi è vicina in ogni momento e appena può mi segue❤
#artisticswimming #europeanchampionship #glasgow
Read more
Tra un mix di sensazioni ed emozioni strane di amarezza, si chiude un'altra stagione... è vero siamo ...
Media Removed
Tra un mix di sensazioni ed emozioni strane di amarezza, si chiude un'altra stagione... è vero siamo usciti in semifinale, ma è anche vero che nemmeno ci poteva essere... Si perché la storia parte da lontano dopo le prime 3 giornate, ti dicono che le hai perse tutte a tavolino, a febbraio però ... Tra un mix di sensazioni ed emozioni strane di amarezza, si chiude un'altra stagione... è vero siamo usciti in semifinale, ma è anche vero che nemmeno ci poteva essere... Si perché la storia parte da lontano dopo le prime 3 giornate, ti dicono che le hai perse tutte a tavolino, a febbraio però da quando eravamo sconosciuti e ultimi in classifica, abbiamo iniziato un'altra stagione, il gruppo nella difficoltà più totale si è compattato ancora di più, abbiamo iniziato a crederci, partita dopo partita fino a conquistare quel 4o posto all'ultima giornata ormai quasi insperato. Poi il girone dei playoff, con squadre sulla carta più forti, quindi noi già dati per spacciati, ma le abbiamo affrontate una alla volta e ne siamo usciti imbattuti... Soprattutto l'ultima partita, al 90' eravamo fuori da tutto, poi il gol, la gioia, la vittoria e quel primo posto nel girone... Dopo un intoppo da sorteggio e la lotta della società per far valere il verdetto del campo, via con i quarti contro una delle favorite si passa anche lì... Ecco le final four siamo tra le prime 4 d'Italia alle semifinali per lo scudetto... ancora altre emozioni... Fino all'ultimo secondo dell'ultimo minuto di recupero... Seppur non come volevamo! Vi ho visto crescere in una maniera incredibile, vi ho visto uscire dal campo con il groppo in gola di chi aveva dato tutto se stesso, ma aveva realizzato che non era bastato, avete riempito quella tribuna partita dopo partita di persone che avete fatto ricredere e anche di chi non aspettava altro che questo, ma fa parte del gioco, avete fatto una stagione stupenda al di là delle aspettative... Qualcuno mi ha detto più volte prof "ti stiamo facendo vivere un sogno" non è finito come volevamo certo ma è stato bello sognare con tutti voi, perché comunque qualcosa di grande è stato fatto... Vi ringrazio 1 ad 1 perché i risultati, le stagioni passano, ma le emozioni restano per sempre dentro noi, dentro me... Grazie a tutti!❤️⚽👏🏻 #finoallafine
#berretti #finalfour calcio #soccer #love #staff #gruppo #family #champions #italy #Racing #under #serieC #football #green #stadium #gol #grazie #boys #team #coach #strenghtandconditioning
Read more
<span class="emoji emoji1f355"></span><span class="emoji emoji1f475"></span> La pizza fritta qui mi ricorda quella di nonna". @net_in_town sulla napoletanità non scherza ...
Media Removed
La pizza fritta qui mi ricorda quella di nonna". @net_in_town sulla napoletanità non scherza e non è mai troppo generoso, raramente l'ho sentito elogiare un prodotto tipico della sua terra mangiato fuori patria...il più delle volte si lamenta: "A Napoli è n'ata storia" eppure da Flegrea ... 🍕👵 La pizza fritta qui mi ricorda quella di nonna".
@net_in_town sulla napoletanità non scherza e non è mai troppo generoso, raramente l'ho sentito elogiare un prodotto tipico della sua terra mangiato fuori patria...il più delle volte si lamenta: "A Napoli è n'ata storia" eppure da Flegrea in quel di Torino è avvenuto il miracolo.
L'uomo del monte ha detto sì, per riprendere le parole di un vecchio spot. E anche @melaniamigliozzi ha approvato dall'alto della sua conoscenza culinaria dei sapori campani.
La pizza cotta nel forno elettrico Izzo,prodotto proprio a Napoli era pazzesca, simpatica la possibilità di scegliere la farina per l'impasto e le varie proposte del menù. Ci stavano bene lo champagne nel bicchiere a tulipano per aprire le danze e i fiumi di @birrasoralama per accompagnare i fritti, la farinata di ceci, la pizza a spicchi con vitello tonnato e l'assaggio dei toppings dop,igp e slow food. @flegrea_torino è un'istituzione, una pizzeria che dagli anni '70 ha fatto la storia e che proprio 1 mesetto fa ha riaperto i battenti con tutti i buoni propositi. Noi di @foodgangitalia siamo capitati in piemonte con il nostro blog tour e abbiamo preso la palla al balzo, non potevamo di certo esimerci. Un pasto lungo e godurioso, dagli antipasti ai dolci, passando per passito,vermuth, sacra birra e Caffè Malvone...è stato un viaggio nei sapori della terra del sole, con innesti piemontesi e innovazioni shakerate sapientemente. L'atmosfera è magica, vieni catapultato in un'epoca passata,negli anni d'oro del locale, tutto, infatti è studiato nei minimi dettagli. Il servizio è impeccabile, il personale è gentile, sorridente e disponibile, insomma, se siete a Torino fateci un salto,si vocifera oltretutto che sia a pochi passi da casa di Cristiano Ronaldo.
.
.
.
.
#flegreatorino #pizzeriatorino #torinofood #torinodavivere #igerspiemonte  #igerstorino  #ig_turin  #torinopics #seemyturin #torinotoday  #loves_torino  #ciauturin #labellatorino  #torinocity  #torinotoday  #turinheart  #liketorino #torinoèlamiacittà #torino_city #volgopiemonte #loves_united_torino #vivotorino #ig_torino #yallerspiemonte #torinoècasamia #torinocentro #foodgangitalia #pizzanapoletana #pizzatime
Read more
Non sono mai stata brava con gli addii, non sono mai stata brava con i sentimenti in generale. Mai ...
Media Removed
Non sono mai stata brava con gli addii, non sono mai stata brava con i sentimenti in generale. Mai un’emozione fuori posto, mai un cedimento. Eppure ci sono delle volte in cui lascio il cuore, una parte di me che rimarrà per sempre in un determinato posto. Reggio Emilia è quel posto. L’ospedale ... Non sono mai stata brava con gli addii, non sono mai stata brava con i sentimenti in generale. Mai un’emozione fuori posto, mai un cedimento. Eppure ci sono delle volte in cui lascio il cuore, una parte di me che rimarrà per sempre in un determinato posto. Reggio Emilia è quel posto. L’ospedale in cui ho avuto la mia prima esperienza lavorativa è quel posto. Il reparto di Nefrologia è quel posto.
La vita è lunga, si sa, ci saranno altre città, altre esperienze, ma la prima è quella che ti cambia, che ti cresce.
Se ogni istante che ho vissuto qui non verrà mai dimenticato è grazie alle persone che ho avuto al mio fianco.
Grazie a chi c’è da tempo, a chi ho ritrovato, a chi ho incontrato e anche a chi ho perso.
Grazie alla persona che mi ha convinto a mandare il cv qui a Reggio, al compagno di università con il quale ho condiviso questa esperienza, alle mie coinquiline (in particolare ad un bonsai).
Grazie ai colleghi e allo staff del reparto di Nefrologia dell’ASMN e ad alcune, ormai amiche, in particolare (🌻).
Grazie a te per esserci stato, nonostante tutto. 🌹
Se sarò una persona migliore, forse, se davvero ho imparato(quasi) a vivere da persona adulta, se continuerò a sbagliare, ma di meno, è anche grazie a voi.
Con tuuuutto l’amore e l’affetto che vi meritate, grazie.
G. ♥️
Read more
È successo ieri mattina. Casa dei miei, entro in cucina e mio papà è lì che prepara da mangiare. Mi ...
Media Removed
È successo ieri mattina. Casa dei miei, entro in cucina e mio papà è lì che prepara da mangiare. Mi aspetto il suo solito silenzio rumoroso, e invece mi guarda, si siede accanto a me e con un entusiasmo che solitamente non gli appartiene, mi dice: <È successo ieri mattina.
Casa dei miei, entro in cucina e mio papà è lì che prepara da mangiare. Mi aspetto il suo solito silenzio rumoroso, e invece mi guarda, si siede accanto a me e con un entusiasmo che solitamente non gli appartiene, mi dice: <<Prima ho incontrato un amico. Mi ha chiamato mentre stavo passando di lì è così siamo entrati nel bar vicino. Mentre prendevamo il caffè la ragazza al banco, che mi ha sentito chiamare per cognome, mi ha chiesto se fossi tuo padre. Le ho detto di sì, e così mi ha detto che ti legge da tanto tempo e che per lei scrivi benissimo. Mi ha anche chiesto se sei laureata in psicologia ma non ho capito il perché (qui lo guardo e non posso che sorridere) poi mi ha fatto leggere delle parole che hai scritto su di me. Non me le hai mai fatte leggere e io ora non so come recuperarle.>> Continuo a sorridere un po’ emozionata e gli rispondo che immagino siano quelle che gli dedicai l’anno scorso, per il suo compleanno. Prendo il telefono in mano, recupero il post, glielo faccio vedere e gli chiedo conferma. Lui annuisce, ha una luce splendida negli occhi: <<Sì, sono proprio queste>>. Ora, io non so chi sia tra di voi la ragazza che ha parlato ieri con il mio papà, ma desidero comunque ringraziarla per il regalo che ci ha fatto. Purtroppo, fino a qualche anno fa, non sono stata il modello di figlia perfetta, tutt’altro. A dirla tutta sono stata proprio una figlia di merda.
Ieri mio padre è rientrato a casa felice. Quello che gli è stato detto su di me, in qualche modo, l’ha reso fiero. E mentre lo guardavo, così contento mentre mi raccontava, per la prima volta nella mia vita ho provato quella sensazione che appartiene alle persone alle quali non manca niente. Se lui è orgoglioso di me, io sono sul podio. IO HO VINTO.
Read more
È arrivato anche “l’ultimo giorno di scuola” prima delle vacanze estive: si conclude un anno intenso ...
Media Removed
È arrivato anche “l’ultimo giorno di scuola” prima delle vacanze estive: si conclude un anno intenso (sapete bene che per me il nuovo anno inizierà a Settembre) fatto di viaggi, bellissime collaborazioni e progetti che mi hanno tolto il sonno ma regalato anche dosi di adrenalina inaspettata ... È arrivato anche “l’ultimo giorno di scuola” prima delle vacanze estive: si conclude un anno intenso (sapete bene che per me il nuovo anno inizierà a Settembre) fatto di viaggi, bellissime collaborazioni e progetti che mi hanno tolto il sonno ma regalato anche dosi di adrenalina inaspettata e al tempo stesso piacevole .
È tempo di chiudere le valigie (che in realtà devo ancora fare ma come sempre sono dettagli assolutamente trascurabili 😂), salutare la città, il mio pc e l’agenda piena di “post-it”.
Una delle cose che più amo delle vacanze sono proprio i giorni che le precedono.. Quella strana euforia, ti ricorda che di lì a poco non avrai più bisogno di mettere la sveglia, di pianificare o organizzare perché tutto sarà lasciato al caso e si lascerà la vita vacante.
È ora di salutarci per poi ritrovarci a Settembre col nostro immancabile sorriso, la nostra energia e la sete di magia, #TeamClosette, quella che da anni ci contraddistingue. 💫
Non sparirò del tutto, vi porterò in viaggio con me rallentando però il passo, che la vita a volte lo richiede ed è giusto accontentarla.
Buone vacanze amiche mie, non lo nascondo, c’è anche un po’ di nostalgia nell’aria, come ad ogni partenza che si rispetti: il potere di questo filo virtuale che abbiamo tessuto insieme... ♥️
Mi mancherete? Sì.
Vi mancherò? ....
Read more
Quella volta in cui smontai il Partenone Spaziale. Correva l'anno 2018. Era il 6 dicembre del 2018. ...
Media Removed
Quella volta in cui smontai il Partenone Spaziale. Correva l'anno 2018. Era il 6 dicembre del 2018. Nel 2018. Era facile ricordarsi quella data perché coincideva con il compleanno di Graziana e con quello di tutte le altre persone nate il 6 dicembre. Stavo facendo la mia solita passeggiata ... Quella volta in cui smontai il Partenone Spaziale.
Correva l'anno 2018. Era il 6 dicembre del 2018. Nel 2018. Era facile ricordarsi quella data perché coincideva con il compleanno di Graziana e con quello di tutte le altre persone nate il 6 dicembre.
Stavo facendo la mia solita passeggiata giornaliera nella Grecia Interstellare, quando decisi di portare via una colonna del Partenone. Ricorderò quel giorno per sempre. Sudai tantissimo per la fatica e, girando in maniche corte, presi l'influenza. Quel giorno: diventai l'influencer!
Read more
Una vergogna dopo l’altra: questi sono i Cinque Stelle al Governo. La vicenda della ex Iena Dino ...
Media Removed
Una vergogna dopo l’altra: questi sono i Cinque Stelle al Governo. La vicenda della ex Iena Dino #Giarrusso è scandalosa. Questo signore lavorava a #leiene, programma con il quale ha collezionato figuracce storiche come quella con il regista #Brizzi, ingiustamente accusato di violenza, ... Una vergogna dopo l’altra: questi sono i Cinque Stelle al Governo. La vicenda della ex Iena Dino #Giarrusso è scandalosa. Questo signore lavorava a #leiene, programma con il quale ha collezionato figuracce storiche come quella con il regista #Brizzi, ingiustamente accusato di violenza, o con il professor Burioni sui #vaccini.
Non contento, ha scelto la strada della politica: si è candidato, naturalmente coi Cinque Stelle e non è stato eletto. Ma quelli che urlano contro la Casta sono i primi a farsi sistemare dal potere. E allora Giarrusso prima è stato piazzato in un ufficio stampa alla Regione Lazio, poi al Governo. E che gli fanno fare? Gli fanno controllare i concorsi universitari, perché “lavorava alle Iene”.
Alla faccia del merito!
E a chi è già pronto a dire: ma quando c’eri tu cosa avete fatto voi, ricordo che noi abbiamo chiamato a servire il Paese gente come Andrea Guerra, ex Ceo di Luxottica, per le politiche industriali. Gente come Diego Piacentini, top manager della Silicon Valley, per Italia digitale. Gente come Raffaele Cantone, magistrato in prima fila contro la camorra, per l’autorita nazionale anti corruzione.
Adesso quelli delle Iene per le Università, quelli dal Grande Fratello per la Comunicazione, un premier indiscussa star di “Chi l’ha visto?”. E sempre in nome del merito uno studente fuoricorso ministro della disoccupazione.
Amici, ma davvero pensavate possibile allearsi con questi?
Read more
<span class="emoji emoji1f4ab"></span> ᴮᴿᴱᴬᴷᶠᴬˢᵀ 🦄 Sapete, mi manca fare colazione con le #peas . Il primo giorno abbiamo fatto la spesa, ...
Media Removed
ᴮᴿᴱᴬᴷᶠᴬˢᵀ 🦄 Sapete, mi manca fare colazione con le #peas . Il primo giorno abbiamo fatto la spesa, e io ho insistito per comprare le patate, che alla fine abbiamo mangiato il penultimo giorno, quando siamo rimaste in tre. Di patate, abbiamo preferito quelle fritte, in busta: le grill ... 💫
ᴮᴿᴱᴬᴷᶠᴬˢᵀ 🦄
Sapete, mi manca fare colazione con le #peas .
Il primo giorno abbiamo fatto la spesa, e io ho insistito per comprare le patate, che alla fine abbiamo mangiato il penultimo giorno, quando siamo rimaste in tre. Di patate, abbiamo preferito quelle fritte, in busta: le grill della San Carlo, che io non conoscevo, ottime.
Comunque la mia colazione tipo, lì, consisteva più che altro in caffè, preparato da chi di caffè se ne intende, ahah ciao Angela tvb, o era Siriana? e focaccia ligure.
Stelia ha notato che io taglio le cose, tipo il pane e la focaccia, con il coltello, mai con le mani. Amo pensare che qualcuno a cui tengo mi guardi con attenzione e percepisca qualcosa di me di questo genere, una peculiarità.
Mi fa sentire a casa, conosciuta, speciale. E come loro, di me, anche io di loro custodisco i gesti, il modo di parlare e di ridere, dettagli che solo chi osserva con interesse, stupore e affetto può notare.
Focaccia a colazione, dicevo.
Federica mi ha spiegato che in Liguria sono soliti mangiare la focaccia, quella un po’ durina, pucciata nel caffè, un po’ come se fosse una fetta biscottata o un biscotto. L’ho provata e devo dire che mi è piaciuta tanto.
Questa colazione risale al sabato.
L’idea era quella di fare delle foto serie, un mega #onthetable ; in pratica nessuna foto seria, solo io che mi ritaglio un pezzo di tavolo, là dove ci sono quei meravigliosi giochi di luce.
Yogurt @alpro gusto vaniglia, pesca tabacchiera, mirtilli e lamponi.
#14peasinapod 👭
Read more
Repost @arge_giulia : Prima di partire mi han sempre raccontato di quanto Ibiza sia un’isola felice ...
Media Removed
Repost @arge_giulia : Prima di partire mi han sempre raccontato di quanto Ibiza sia un’isola felice e diversa.. E avevano ragione ... è un po’ come il Paese dei Balocchi. Dalla mattina alla sera. Ma non è solo questo... Abbiamo percorso 700 km con uno scooter per girare tutta l’isola. Abbiamo ... Repost @arge_giulia : Prima di partire mi han sempre raccontato di quanto Ibiza sia un’isola felice e diversa..
E avevano ragione ... è un po’ come il Paese dei Balocchi.
Dalla mattina alla sera.
Ma non è solo questo... Abbiamo percorso 700 km con uno scooter per girare tutta l’isola.
Abbiamo visitato 9 calette diverse, camminato e scalato rocce per vederle tutte dall’alto.
Abbiamo dormito 6 ore per notte, la sveglia suonava sempre perché volevo vederti tutta... ho stremato Michi.
Siamo stati in spiaggia ore e ore, con 45 gradi all’ombra forse.. Abbiamo bevuto Sangria, mangiato Paella con i piedi nella sabbia.
Abbiamo visto tramonti, con cocktail che si facevano pagare.
Siamo andati a ballare, come due ragazzini... Siamo caduti da una Banana a mare aperto.
Abbiamo preso il traghetto per raggiungere i miei amici a Formentera, trasformando quella che doveva essere una semplice giornata di mare in una serata senza fine, senza ritorno... con tequila, mojito e birra in spiaggia.
Abbiamo fatto danni.. ma ti abbiamo vista tutta.
Di giorno e di notte.
Abbiamo fatto tutto ciò che desideravamo.. Non credete a chi vi dice che a Ibiza con il proprio moroso “è da pazzi, non ci si può andare” ....forse dipende semplicemente da chi avete affianco.
Dopo 11 giorni si torna a casa..
Sei stata stupenda, dall’inizio alla fine. “L’estate sei Tu”
Gracias Ibiza, Hasta Luego 🏝

GRAZIE ISLA E GRAZIE A TE 🏖❤️
Read more
Sempre in testa quella frase. "Non ce la faccio. Non posso farcela. Sono troppo debole." Ma se ...
Media Removed
Sempre in testa quella frase. "Non ce la faccio. Non posso farcela. Sono troppo debole." Ma se sbagliassi? Viaggio nella vita con due paraocchi e le orecchie ovattate, estranea da ciò che mi circonda, ma colpita di sorpresa quando tutto crolla. Penso che la vita è uno schifo, uno spreco, ... Sempre in testa quella frase.
"Non ce la faccio. Non posso farcela. Sono troppo debole."
Ma se sbagliassi?
Viaggio nella vita con due paraocchi e le orecchie ovattate, estranea da ciò che mi circonda, ma colpita di sorpresa quando tutto crolla.
Penso che la vita è uno schifo, uno spreco, maledico i miei genitori per avermi messa al mondo e non respiro al pensiero di aver davanti a me milioni di altri giorni, centinaia di mesi e almeno cinquant'anni.
Un masso enorme, pesante, colmo di tutto il dolore presente e passato prende casa sul mio petto e lì rimane, giorno e notte, impedendomi di respirare.
Passo le giornate a letto con gli occhi serrati e il corpo come privo di vita.
La mente non si spegne, lavora e lavora, sempre, ogni minuto che passa e il macigno diventa sempre più grande.
Tutto questo va avanti da quanto, sette, otto anni almeno. "Non ce la faccio." Ho sempre ripetuto.
Per tutti questi anni credevo di perire soffocata da quel macigno soffocante.
Forse mi sbagliavo.
In fondo, sono ancora qui, lacerata, frantumata, ma ancora in piedi e con il cuore pieno di sogni e di speranze.
So che quei momenti arrivano e arriveranno ancora, ma passeranno, come tutto passa.
Ho della luce che prima non avevo.
Non per fortuna, non per miracolo e non per caso.
Ho scelto di non mollare. Ho scelto di credere. Ho scelto di scoprire un altro lato della vita diverso da quel buco nero su cui mi sono sempre soffermata.
Non me ne sono accorta.
Forse, non l'ho nemmeno scelto io, è successo e basta.
Qualcosa dentro di me ha fatto in modo che reagissi.
E così ho lottato e sono andata avanti .. // @justcallmemiia 🍁
Read more
(Mio edit!) Aveva appena finito le riprese sul set. Tutto era andato bene e come al solito si era ...
Media Removed
(Mio edit!) Aveva appena finito le riprese sul set. Tutto era andato bene e come al solito si era dimostrato all'altezza delle aspettative e delle varie garanzie date dal nonno ai vari registi e produttori. Oliver era portato per quel lavoro e infatti lo adorava. E veniva pagato per fare ... (Mio edit!)
Aveva appena finito le riprese sul set.
Tutto era andato bene e come al solito si era dimostrato all'altezza delle aspettative e delle varie garanzie date dal nonno ai vari registi e produttori.
Oliver era portato per quel lavoro e infatti lo adorava.
E veniva pagato per fare una delle cose che più adorava al mondo.
Recitare?
Non esattamente, si tratta sempre di cinema ma è molto più celato e a luci rosse.
Il cinema porno, proprio come il cinema normale, ha comunque bisogno di buoni attori e Oliver era uno dei migliori.
Dopo anni di pressioni aveva finalmente convinto Harold a portarlo in Francia, dove ebbe subito un immediato successo ai provini.
Oltre alle varie garanzie del nonno erano stati anche molto utili il saper usare bene la lingua, il fisico statuario e l'essere dotati di pe... rsonalità.
Oliver ad ogni ripresa, incontro e meeting per decidere le scene era sempre entusiasta.
Aveva lavorato con famose attrici, registi e produttori famosi, conosciuti anche al di fuori del porno.
Aveva fatto collaborazioni con le più belle donne e ormai era conosciuto su moltissime piattaforme social e vari siti internet, più o meno prestigiosi.
E la sua famiglia? Come aveva aveva reagito a quella notizia?
Non lo sapeva, non ancora.
Il ragazzo diceva a chiunque lo conosceva che lavorava insieme al nonno a "questioni bancarie noiose", così le definiva.
Oliver era davvero preso dal suo lavoro, forse, quest'anno agli oscar del porno sarebbe stato premiato e si immaginava trionfante con il trofeo al cielo e lo aguardo sbigottito di tutti i parenti in prima fila, tranne quello del nonno, che lo portava sempre sui set e ad ogni incontro, curava i suoi impegni meticolosamente. Insomma ci teneva alla sua carriera.
L'uomo lo stava aspettando in macchina, tenendo il figlioletto nato da poco in braccio, lo portava sempre, perché alla fine gli voleva bene e sapeva che al nipote non dispiaceva coccolarlo.
Oliver salì nella ferrari nera sorridendo:"ma ciao piccolino, ciao nonno!", Harold prima di mettere in moto lo salutò, facendogli una sola domanda:"com'è andata?", il ragazzo fece una risata calda, coccolando il cuginetto:"a meraviglia, come al solito".
Read more
• Prendetevi 3 minuti. Partirò da quando mi comprai un anno fa la prima fotocamera semi professionale. ...
Media Removed
• Prendetevi 3 minuti. Partirò da quando mi comprai un anno fa la prima fotocamera semi professionale. A dirla tutta ero molto inesperto e abbastanza negato, ma altrettanto curioso e impaziente di imparare a scattare in “manuale”, alla fine la fotografia mi aveva da sempre affascinato. Testardo ... • Prendetevi 3 minuti.
Partirò da quando mi comprai un anno fa la prima fotocamera semi professionale. A dirla tutta ero molto inesperto e abbastanza negato, ma altrettanto curioso e impaziente di imparare a scattare in “manuale”, alla fine la fotografia mi aveva da sempre affascinato.
Testardo ed eccitato iniziai a studiare a raffica la teoria, per poi applicarla alla pratica.
Questo nuovo mondo mi intrigava e mi faceva stare bene.
L’inizio di questa estate fu traumatico, un licenziamento in tronco dal posto di lavoro con conseguente fallimento del negozio, promesse e bugie che me l’hanno data vita, sicuramente questo disastro è stata la mia salvezza.
Successivamente l’assurda morte di un mio amico, Nicco, uno dei primi “modelli” a sottoporsi ai miei scatti fotografici, lui credeva in me. Adesso un vuoto incolmabile che ricorderò a vita, spero la giustizia faccia il suo corso.
Ero sotto un treno emotivamente, ma dentro di me ero pronto a combattere.
Devo innanzitutto ringraziare il mio amore @camillapadovanii , per aver creduto nel mio sogno e avermi convinto ad inseguirlo, sin dal primo giorno.
La mia famiglia, titubante inizialmente ma sempre vicina. Oggi molto orgogliosi.
Grazie a @walterquiet , colui che con i suoi video mi ha fatto nascere dentro al cuore l’amore per la fotografia.
Lorenzo, per aver fatto quella sacro santa telefonata in settembre, servita a presentarmi il numero uno dei fotografi, il meglio del meglio che potesse capitarmi.
Grazie @gianni_ugolini_photographer per aver creduto in me, per avermi accolto nel tuo studio fotografico a braccia aperte e per la passione che ci metti tutte le volte nello spiegarmi le cose che fanno la differenza.
Credo non esista cosa piu bella che svegliarsi la mattina motivati per dare il massimo a fare il lavoro dei propri sogni.
Ho investito tanto su me stesso.
La strada è lunghissima, molto ripida e senza un arrivo, ma io ci credo e ho già iniziato a percorrerla.
Grazie a tutte le persone che da sempre hanno apprezzato le mie foto e grazie a quelle che le detestano, sono loro che mi danno la benzina per migliorarmi e farle ricredere.
Buon 2018 a tutti! • 💥🍾🥂
.
.
📸 @alessandro_scipioni grazie anche a te 😝
Read more
Nuovo appuntamento con il nostro #lunedìfeels. 😎 Ad un anno di distanza dall'uscita del disco ...
Media Removed
Nuovo appuntamento con il nostro #lunedìfeels. 😎 Ad un anno di distanza dall'uscita del disco per il ventennale di carriera (Hanno ucciso l'uomo ragno 2012 ndr), #MaxPezzali continua i festeggiamenti con l'uscita di #Max20. Si tratta di una raccolta di successi ben diversa dalle solite ... Nuovo appuntamento con il nostro #lunedìfeels. 😎
Ad un anno di distanza dall'uscita del disco per il ventennale di carriera (Hanno ucciso l'uomo ragno 2012 ndr), #MaxPezzali continua i festeggiamenti con l'uscita di #Max20.
Si tratta di una raccolta di successi ben diversa dalle solite perché, come si evince dalla copertina, Max ha cantato i suoi più grandi successi duettando con artisti di notevole spessore della musica italiana, in particolare con #Nek e #FrancescoRenga, i cui duetti faranno da preludio a quello che sarà un trio rivelazione con i tour in tutta Italia. Sono presenti anche 5 inediti, tra cui #RagazzoInadeguato, colonna sonora del film Fuga di cervelli con @paolinoruffini e @frankmatano , ma soprattutto #LUniversoTranneNoi. Significativa, inoltre la copertina, che raffigura il passaggio di testimone tra il Max in gioventù e il Max attuale. La domanda è sempre quella: qual è la canzone che vi piace di più e quella che vi piace di meno di questo album?

#commentate 😎
Read more
SKY | Lautaro #Martinez non giocherà le due amichevoli dell’ #Argentina, con Guatemala e Colombia. ...
Media Removed
SKY | Lautaro #Martinez non giocherà le due amichevoli dell’ #Argentina, con Guatemala e Colombia. L’attaccante dell’ #Inter, infatti, ha avuto dei problemi con il polpaccio sinistro e dopo una serie di esami, la #Seleccion ha deciso di non farlo giocare. Domani, comunque, il #Toro sarà ... SKY | Lautaro #Martinez non giocherà le due amichevoli dell’ #Argentina, con Guatemala e Colombia. L’attaccante dell’ #Inter, infatti, ha avuto dei problemi con il polpaccio sinistro e dopo una serie di esami, la #Seleccion ha deciso di non farlo giocare. Domani, comunque, il #Toro sarà presente in tribuna per il match con il Guatemala, ma subito dopo partirà alla volta di Milano per recuperare il più presto possibile. Non sarà disponibile per la prossima partita dell'Inter contro il #Parma ed è ancora in forse per quella di #ChampionsLeague contro il #Tottenham.
_nico
Read more
..<span class="emoji emoji1f36f"></span> Ci sei tu con te. Alla fine del giorno , ci sei tu. Ti dici buona notte ogni sera e tiri le somme . Fai ...
Media Removed
.. Ci sei tu con te. Alla fine del giorno , ci sei tu. Ti dici buona notte ogni sera e tiri le somme . Fai due calcoli -che non portano quasi mai. Ti dici , ho fatto questo, questo e quello .. alcune cose vanno bene , altre un po’ meno. Ieri sera invece tutti i conti portavano e l’odore assomigliava ... ..🍯 Ci sei tu con te. Alla fine del giorno , ci sei tu. Ti dici buona notte ogni sera e tiri le somme . Fai due calcoli -che non portano quasi mai. Ti dici , ho fatto questo, questo e quello .. alcune cose vanno bene , altre un po’ meno. Ieri sera invece tutti i conti portavano e l’odore assomigliava tanto a quello di un giorno quasi perfetto .. La prima sera con la coperta finita l’estate , dopo un pomeriggio con alcune persone del cuore a vede un film speciale . A piangere fino a sorridere di gioia . Perché ecco, WinniePooh per me non è un semplice cartone animato. Lo avrete capito. E forse è arrivato il momento di spiegare un po’ meglio perché ho scelto proprIo questo nome per rappresentare il mio piccolo mondo. Chi mi conosce bene sa che non sono un amante dei dolci, non mi sono mai tanto piaciuti specialmente da piccolina. Così mia mamma e mia nonna si adoperavano in ogni modo ad inventarsi ricette per farmi mangiare qualche torta o biscotto , ma niente , puntualmente davo loro delusioni . Fu mio nonno, un pomeriggio a trovare il dolcetto perfetto per me ! ‘Ora ci penso io’ disse, e prese : un pezzo di pane , un po’ di ricotta e ... il miele, tanto. Lo adorai. Divenne la mia merenda preferita e mangiai quello per almeno due settimana di fila , tutti i giorni. Ed è così , vedendo con quanta gioia mangiavo quella merenda speciale che mi disse ‘Non immaginavamo di avere a casa un esemplare di Winnie Pooh’ ... divenni così Winnie per lui, e rimasi Winnie fino a che lui non se ne andò. Poi mi persi un po’ per strada, come succede a tanti.. ora mi sono ritrovata e niente , adesso lo sapete anche voi perché Je suis Winnie Pooh . #ritornoalboscodei100acri
Read more
L’imperfezione può essere perfetta proprio come la torta che hai preparato ieri con le tue mani, ...
Media Removed
L’imperfezione può essere perfetta proprio come la torta che hai preparato ieri con le tue mani, la prima che hai fatto tu da sola senza il mio aiuto: poco importa se non hai imburrato perfettamente il fondo e anche se hai esagerato con le gocce di cioccolato. Questa mattina la colazione è ... L’imperfezione può essere perfetta proprio come la torta che hai preparato ieri con le tue mani, la prima che hai fatto tu da sola senza il mio aiuto: poco importa se non hai imburrato perfettamente il fondo e anche se hai esagerato con le gocce di cioccolato.
Questa mattina la colazione è stata un momento speciale per tutti, con un po’ di paura mista emozione per il primo giorno di scuola.
Per te Vicky , quarta elementare, dritta su per le scale, felice di abbracciare le tue compagne, dopo pochi minuti è stato tutto normalità.
Per *Nina il suo primo giorno di scuola e con i libri e quaderni nuovi una fetta di torta, quella che le hai preparato tu.
L’emozione è tanta ma quando suonerà l’intervallo troverà nel porta-merenda tutto il tuo e il nostro amore 💖 .
#2018 #backtoschool #firstday #september #kids #school #breakfast #cake #chocolate #foodstagram #instafood #instamamme #thewomoms #foodstagram #foodlover #foodporn #foodstyle #ficoeuva #igers #igersitalia #summer #scuola #elementare
Read more
Napoli, Port’Alba, inizio settembre. Ogni anno lo stesso rituale. La lista dei libri di testo ...
Media Removed
Napoli, Port’Alba, inizio settembre. Ogni anno lo stesso rituale. La lista dei libri di testo in una mano, la pizza a portafoglio nell’altra, mia madre con centinaia di mila lire nel reggipetto, io che mi perdevo tra le bancarelle appresso ai vecchi fumetti di Topolino. Giravamo per ... Napoli, Port’Alba, inizio settembre.
Ogni anno lo stesso rituale.
La lista dei libri di testo in una mano, la pizza a portafoglio nell’altra, mia madre con centinaia di mila lire nel reggipetto, io che mi perdevo tra le bancarelle appresso ai vecchi fumetti di Topolino.
Giravamo per tutta la giornata tra le librerie. Perché un libro lo trovavi qua, un altro lo trovavi là…e passavano le ore, perché in quei posti ti ci perdi. E poi le chiacchiere, i caffè, le file, gli impicci, il caldo, il casino che regna in quello che è uno dei quartieri più vivaci di Napoli.
Si tornava a casa con un numero indefinito di penne, matite, quaderni, e tutta quella allegra paccottiglia che si compra all’inizio della scuola. E con buste pesantissime di libri di testo, che a me piaceva tanto acquistare nuovi, per sentirne il profumo una volta aperti, e per conservarli nel tempo.
Passano gli anni, la lista dei libri diventa sempre più lunga, si aggiungono due mattoni, i vocabolari di Latino e di Greco, i soldi nel reggipetto diventano Bancomat, le pizze a portafoglio diventano svariate (EH!!).
E poi un giorno tua madre ti lascia il portafogli vicino alla lista dei libri e ti dice: “e mo vattell accattà tu” perché giustamente sei cresciuta, automunita, conosci i posti a memoria e, diciamoci la verità, girare per ore con buste di libri che sembrano massi non è proprio il massimo della vita.
Sono passati quasi dieci anni.
E quest’anno si ricomincia con te.
❤️
Read more
Non si capisce perché in questo fantastico e meraviglioso mondo dell’essere mamme si debba per ...
Media Removed
Non si capisce perché in questo fantastico e meraviglioso mondo dell’essere mamme si debba per forza di cose avere a che fare con il giudizio altrui. In fondo lo so da sempre che le persone vogliono vedere o nero o bianco e solo per alcune, ma è una minoranza, c’è anche il grigio. “Che brava mamma ... Non si capisce perché in questo fantastico e meraviglioso mondo dell’essere mamme si debba per forza di cose avere a che fare con il giudizio altrui. In fondo lo so da sempre che le persone vogliono vedere o nero o bianco e solo per alcune, ma è una minoranza, c’è anche il grigio. “Che brava mamma sei a fare quello che fai” “eh beh grazie tutte potendolo fare andremmo in giro con i figli come fai tu” “no guarda io proprio non capisco come tu abbia voglia di passare così tanto tempo sempre con loro, ma possibile che non hai altri interessi?”... a quest’ultimo commento rispondo 😅io? No dico io non ho altri interessi? Ma davvero siamo seri? Io ho mille interessi, mille cose da fare, che vorrei fare, e che prima o poi farò, ho mille progetti in testa, ho talmente tante cose in mente che se solo potessi elencarle penso non mi basterebbe un libro da 100 pagine! Eppure se dico che domani le mie figlie iniziano la scuola materna e un po’ (tanto) mi dispiace c’è sempre qualcuno che dirà che “non è normale tutto questo attaccamento” “non è normale non volere un po’ di tempo per se”...ma questa benedetta normalità chi l’ha decisa? Ma chi ha deciso cosa è giusto o sbagliato per una mamma/famiglia? io continuo a ribadire il concetto che ognuno e ripeto ognuno in questa vita (e vi ricordo che fino a prova contraria ne abbiamo solo una!) deve sentirsi libero di fare quello che vuole senza invadere quella altrui chiaramente. Ma il giudizio, questo continuo perenne stato di giudizio dove tutti ci sentiamo in diritto di commentare per poi sentirci migliori degli altri, questo scusatemi ma è una delle poche cose che davvero mi infastidisce nell’essere social, il fatto che appunto tutti e ripeto tutti si sentano di poter giudicare pensando di avere la verità in tasca. Io dico cominciamo a guardare dentro casa nostra, cominciamo a capire se noi in primis e i nostri figli siamo felici, se a voi tutti va bene così basta non c’è motivo di intromettersi nelle vite degli altri punto! Se guardando le vite altrui vi fate delle domande, vi nascono delle riflessioni o semplicemente degli spunti delle idee per cambiare quello che nella vostra non vi piace allora si (segue sotto)
Read more
Che bello quando a distanza di anni i cerchi si chiudono. Non potrò mai dimenticare quella puntata ...
Media Removed
Che bello quando a distanza di anni i cerchi si chiudono. Non potrò mai dimenticare quella puntata di Segnali di fumo, all’inizio della mia carriera, quando quel grande rocker di @joeyramoneofficial dinoccolato e altissimo ha messo piede negli studi per stupirci con la sua gentilezza ... Che bello quando a distanza di anni i cerchi si chiudono.
Non potrò mai dimenticare quella puntata di Segnali di fumo, all’inizio della mia carriera, quando quel grande rocker di @joeyramoneofficial dinoccolato e altissimo ha messo piede negli studi per stupirci con la sua gentilezza disarmante.
In apparenza schivo, sul palco si trasformava nel grande frontman dei Ramones, una delle più importanti band di tutti tempi per spontaneità, irruenza e attitudine punk!
Un paio di sere fa qui a Los Angeles sono andata al tributo in onore di @johnnyramon e questo frangente d’intervista mi è tornato in mente!
Che bello vedere quanto i #theramones siano ancora nei cuori di milioni di persone in tutto il mondo!
Che bello è stato vedere salire sul palco il mio amato bassista dei @gunsnroses @officialduffmckagan , il frontman dei @greenday @billiejoearmstrong e il fantastico comico Fred Armisen @sordociego per rendere omaggio attraverso la musica mentre scorgevo nel parterre quell’assoluto genio di #johnfrusciante
Ho guardato verso il cielo puntellato di stelle che quella sera avvolgeva il @hwdforever e ho ringraziato la mia vita per avermi regalato il più bel mestiere del mondo!
#lasignoradelrock #paolaisvirgin #rock #rockandresilienza #paolarockslosangeles
Read more
Sono appena rientrato da uno dei miei giretti dentro ed intorno al vino, che mi ha portato alla "corte" ...
Media Removed
Sono appena rientrato da uno dei miei giretti dentro ed intorno al vino, che mi ha portato alla "corte" - nell'accezione più agricola del termine - di Roberto Di Filippo, proprietario dell'Azienda Agraria Di Filippo️ @cantina_di_filippo Roberto per me è da qualche anno un riferimento, ... Sono appena rientrato da uno dei miei giretti dentro ed intorno al vino, che mi ha portato alla "corte" - nell'accezione più agricola del termine - di Roberto Di Filippo, proprietario dell'Azienda Agraria Di Filippo➡️ @cantina_di_filippo

Roberto per me è da qualche anno un riferimento, un esempio ed uno di quei viticoltori che trascendono il sempre più strumentalizzato distinguo fra "produttore" e "vignaiolo". Roberto è un agricoltore, un allevatore, un uomo che gestisce una vera azienda agricola a 360°, dove tutto è in interconnesso ed ogni fattore contribuisce alla qualità ed alla sostenibilità dell'intera produzione, Vino in primis.

Roberto Di Filippo fa agricoltura Biologica e Biodinamica sì, ma non di quella fumosa e poco attendibile professata da qualche fantomatico guru che imbottiglia storie e fandonie piuttosto che il frutto di un lavoro serio e rispettoso della Natura e di chi beve.

Roberto lavora le sue vigne con dei maestosi cavalli ed oggi l'ho visto rattristarsi in modo sincero e viscerale vedendo una delle sue cavalle soffrire di un grave problema alle zampe. Cavalli per lavorare in vigna, oche libere di scorrazzare nel vigneto mangiando botaniche coltivate ad hoc per dar loro un naturale nutrimento che si trasformerà in concime, bio che più bio non si può!

Tutto questo, però, non è fatto per metterlo in una brochure o per postare qualche foto sui social - quello semmai lo faccio io! - e non è frutto di lampi di genio basati su convinzioni che di concreto hanno ben poco. Ogni scelta, ogni azione, ogni componente dell'azienda Di Filippo è ponderata e seguita con grande senso critico ed attenzione maniacale, con il supporto di importanti università e di ricercatori che diano risposte scientifiche e pratiche a concetti che già di per sé potrebbero essere giusti per la loro sostenibilità. Fare vino, però, è un lavoro e noi ce lo dimentichiamo sin troppo spesso o, forse, facciamo finta di dimenticarlo. Il percorso intrapreso da Roberto è quello dell'Agriforestry (o agroforestry), un approccio simbiotico alla viticoltura ed all'allevamento, nel quale le due attività agricole interagiscono... ➡️Continua su wineblogroll.com ⬆️link in bio ⬆️
Read more
Xoxo, #GossipGirl <span class="emoji emoji1f48b"></span> ___ Per molti Blake Lively è e rimane la fashion queen di Gossip Girl, la trendy ...
Media Removed
Xoxo, #GossipGirl ___ Per molti Blake Lively è e rimane la fashion queen di Gossip Girl, la trendy e corteggiata Serena van der Woodsen. Alta, bionda, eterea e con una famiglia da Mulino Bianco, Blake ha sempre avuto la passione per la moda e, negli ultimi dieci anni, il suo stile si è evoluto ... Xoxo, #GossipGirl 💋
___
Per molti Blake Lively è e rimane la fashion queen di Gossip Girl, la trendy e corteggiata Serena van der Woodsen.

Alta, bionda, eterea e con una famiglia da Mulino Bianco, Blake ha sempre avuto la passione per la moda e, negli ultimi dieci anni, il suo stile si è evoluto verso virtuosismi sartoriali inediti, incoronandola progressivamente come la regina del buon gusto ma anche dei look di stampo menswear.

Pantaloni di velluto, smoking, cravattini, camicie e berretti non fanno che aumentare l’appeal e la femminilità dell’attrice 31enne, che adora giocare con i codici di gender per comporre il proprio guardaroba.
___
Attualmente l’attrice si trova in tour stampa per il film A Simple Favour, e sta sfoggiando una serie di outfit masculine con tanto di pantaloni e giacche che, addosso a lei, appaiono sexy e modaioli. L’ultimo exploit è consistito in uno smoking scozzese di Roland Mouret con tanto di cravatta. Come sempre, Blake ha postato la foto del proprio look su Instagram, con una didascalia ironica.
Qualcuno viene a fare un pic-nic? Porterò la tovaglia.

___
L’attrice ha risposto a tono, senza scomporsi, ignorando l'epiteto "piccola" e sottolineando di non avere nessun esperto che studia i propri look, ma disceglierli da sola.Blake ha anche taggato se stessa, confermando il suo noto sense of humor.

Grazie per i suggerimenti, signore. Ahimè, ho provato a licenziare @blakelively così tante volte. Ma quella cosa continua a tornare. Non mi lascerà in pace.
___
#gg #gossipers #gossipgirl #goossiipgiirrl #leightonmeester #blairwaldorf #blakelively #serenavanderwoodsen #taylormomsen #jennyhumphrey #lovethemtodeath #babes #queens #QueenL #QueenB #QueenT @itsmeleighton @blakelively
Read more
Mai dire marmellata... che poi ti viene la voglia! <span class="emoji emoji1f60b"></span> Questa frolla è versatilissima, è un impasto ...
Media Removed
Mai dire marmellata... che poi ti viene la voglia! Questa frolla è versatilissima, è un impasto che usavo per fare i biscotti e che ogni volta aggiusto in cottura per l'utilizzo. È ovviamente senza burro, con olio extra vergine, contiene poco zucchero e si può sostituire la farina 00 con ... Mai dire marmellata... che poi ti viene la voglia! 😋

Questa frolla è versatilissima, è un impasto che usavo per fare i biscotti e che ogni volta aggiusto in cottura per l'utilizzo. È ovviamente senza burro, con olio extra vergine, contiene poco zucchero e si può sostituire la farina 00 con quella integrale. Io ho usato la bianca per motivi di gusto del mio fidanzato, che è un vero crostata addicted.
Per la frolla, dunque: •250g di farina •80-100 g zucchero
•80ml olio evo (va benissimo quello di semi, io uso l'olio evo da sempre, se non ne serve molto, non ho mai trovato nessuno che mi dicesse "però si sente l'olio" 😉)
•1 uovo
•Scorza di un bel limone non trattato BIO qb
•Lievito vanigliato 2/3 della bustina oppure una punta di bicarbonato
Si impasta l'uovo con l'olio e lo zucchero, abbondantemente. Si aggiunge lentamente la farina setacciata col lievito o il bicarbonato fatto reagire con 1/2 cucchiaino di succo di limone, la scorza del limone. Non serve impastare molto, appena si raggiunge la forma compatta e liscia della frolla, metterla subito in frigo nella pellicola a riposare un'oretta. Va bene anche mezz'ora, ma con un'ora di riposo, meglio.
Dopo di che basta stendere la frolla sulla tortiera da crostata unta e infarinata, coprirla di marmellata, io uso @rigonidiasiago o perché è senza zuccheri aggiunti e gli ingredienti sono ottimi, e la si copre con le strisce. Avanza dell'impasto? BISCOTTI!
La crostata cuoce in forno circa 25 -30 minuti a 180 gradi, i biscotti a seconda delle dimensioni e della croccantezza che volete abbiano. Con il lievito diventano meno friabili e più inzupposi, con il bicarbonato sono più biscottati. La cottura dei biscotti si limita a 8-10' massimo a seconda di spessore e dimensioni. Regolatevi voi, sappiate che fuori dal forno freddandosi continueranno ad indurire un po' 🤗
Read more
"Quindi stare insieme a una persona, adesso, che cosa significa? Forse significa avere come presupposto ...
Media Removed
"Quindi stare insieme a una persona, adesso, che cosa significa? Forse significa avere come presupposto la nostra complessità e quella dell'altra persona". #ChiaraGamberale ~ Me lo sono sempre chiesto: ma come fa quella gente che chiude una storia importante (per volontà sua o dell'altro ... "Quindi stare insieme a una persona, adesso, che cosa significa? Forse significa avere come presupposto la nostra complessità e quella dell'altra persona". #ChiaraGamberale ~ Me lo sono sempre chiesto: ma come fa quella gente che chiude una storia importante (per volontà sua o dell'altro non ha importanza) e poi si rifidanza subito, dopo pochi mesi, come se nulla fosse? Dove li mette i ricordi, le paure, le fragilità? Come fa ad aprirsi a un altro così semplicemente? Perché l'amore, checché ne dica Tiziano, non è semplice per niente. Richiede una fiducia immensa. Nell'amore, prima di tutto. In noi stessi, poi. Nell'altro, infine. E un coraggio di affrontare tutto questo - amore, noi stessi e l'altro - che sa quasi di incoscienza. E si sa che via via che si cresce di incoscienza ne abbiamo sempre meno. Eppure poi succede: incontri qualcuno e ti si forma una pallina tra lo sterno e lo stomaco che non ne vuoi sapere di sciogliersi, anche se cerchiamo di ignorarla. E arriva l'adesso: il momento in cui potrebbe succedere di nuovo. Di innamorarsi intendo. Sì ma con quali conseguenze? E se poi mi faccio male? E se poi gli faccio male? E se poi no, invece? Ma come faremo a capirci? Perché siamo complessi, e il nostro passato è sempre più ingombrante. Siamo terrorizzati e coperti di spine, come due piccoli cactus che sono abituati a sopravvivere con il meno acqua possibile e se li annaffi troppo tutto insieme poi muoiono. Io poi non sono nemmeno brava con le piante, mi muoiono tutte. Allora forse bisogna andarci piano, improvvisando. Adattandoci all'altro con le sue complessità e le sue regole. Accettandole. Sapendo che esistono, prima di tutto. Anche se non le conosciamo. Ancora. #iointantoleggo #adesso #feltrinelli #leggere #lettura #leggerechepassione #libri #libro #continuiamoaleggere #ioleggoperché #bookslover #igbooks #leggereovunque #ticonsigliounlibro #leggeresempre #bookstagram #bookworm #ilovereading #books #stoleggendo #amoreperlalettura #librisulcomodino #libridaleggere
Read more
* My Family * Apriamo la casellina n. 14 del Calendario dell’Avvento. Se avete guardato le stories ...
Media Removed
* My Family * Apriamo la casellina n. 14 del Calendario dell’Avvento. Se avete guardato le stories saprete che oggi è stato il mio turno con il Calendario di @notonlymama, e la casellina si è aperta sulla famiglia. Se mi si chiede di pensare al termine “famiglia” io rispondo che per me la famiglia ... * My Family * Apriamo la casellina n. 14 del Calendario dell’Avvento. Se avete guardato le stories saprete che oggi è stato il mio turno con il Calendario di @notonlymama, e la casellina si è aperta sulla famiglia. Se mi si chiede di pensare al termine “famiglia” io rispondo che per me la famiglia comprende tutti. Quella a cui ho dato vita io e quella di origine. Ed è bello quando le generazioni si riuniscono e si mescolano per godersi dei momenti insieme, creando ricordi. Sono momenti di scambio che scaldano il cuore.
_
#avventoconnom #avventoconnom_14 #hoquestacosacolnatale #atmosferanatalizia #natale2018 #natalealleporte #aspettandonatale #ariadifesta #cozychristmas #polveredipoesia #vivodiparticolari #gioiedinatale
#dindalon #attraversounafotografia #scattandoattimi #scattidaricordare #myeverydaymagic #thingsiwanttoremember #notonlymama #nomteam #my_magical_moments
#littlestoryofmylife #lifewellcapture #familypic hounastoriaperte #fotografi_amo
Read more
Questo che vedete è uno scorcio della vetrina del negozio di mia mamma. <span class="emoji emoji1f490"></span> Ci sono il suo banco di scuola, ...
Media Removed
Questo che vedete è uno scorcio della vetrina del negozio di mia mamma. Ci sono il suo banco di scuola, la pagella di mio nonno con il suo calamaio, dei libri di mio fratello, un quaderno con l'augurio di un buon inizio scritto dalla mia bimba. Sono simboli del passato e del presente. 4 generazioni ... Questo che vedete è uno scorcio della vetrina del negozio di mia mamma. 💐
Ci sono il suo banco di scuola, la pagella di mio nonno con il suo calamaio, dei libri di mio fratello, un quaderno con l'augurio di un buon inizio scritto dalla mia bimba. Sono simboli del passato e del presente. 4 generazioni con una cosa in comune: il primo giorno di scuola! 📑📆
Noi ci stiamo preparando, con tutta l’euforia del momento. La mia piccola tra qualche giorno varchera’ per la prima volta le porte della scuola elementare e vorrei che per lei sia un momento speciale, da ricordare per sempre. Mi fa tenerezza, con quella cartella così grande, così pesante… Impossibile tenerla sotto una campana di vetro e proteggerla sempre, ma la terrò per mano fino a quando vorrà.  E cercherò di trattenere la commozione. 😜❤
Vi ricordo anche che per tutto il mese di settembre sarà possibile donare in favore della ricerca sulle malattie genetiche rare sul sito www.andarelontano.it o con un SMS al numero solidale 45510.
Ogni piccolo aiuto è importante.
Buon inizio a tutti!
#andarelontano
#primogiornodiscuola #ifoodsolidale #telethonitalia #telethon #malattiegeneticherare #malattierare
Read more
Mi ricordo che da piccolina mi mettevo davanti allo specchio... Stavo ore e ore a guardarmi e ad immaginarmi ...
Media Removed
Mi ricordo che da piccolina mi mettevo davanti allo specchio... Stavo ore e ore a guardarmi e ad immaginarmi da grande... Mi chiedevo come sarei diventata, cosa sarei diventata... Oggi, al mio 30esimo compleanno, mi guardo e vedo una donna che si sente ancora un po' quella bambina che ... Mi ricordo che da piccolina mi mettevo davanti allo specchio... Stavo ore e ore a guardarmi e ad immaginarmi da grande... Mi chiedevo come sarei diventata, cosa sarei diventata...
💖
Oggi, al mio 30esimo compleanno, mi guardo e vedo una donna che si sente ancora un po' quella bambina che sognava ad occhi aperti.
💖
Uno di questi sogni però non ho mai smesso di rincorrerlo, e potete venire a vederlo anche voi, il 3 e il 10 febbraio al Teatro Instabile di Genova.
💖
Eh sì, finalmente si va in scena e dopo mesi e mesi di prove, posso dire che non vedo l'ora di salire su quel palcoscenico!
💖
Non vi nascondo che un po' (un po' tanto!!) mi ca*o addosso all'idea, ma dall'altra il solo pensarci mi fa salire l'adrenalina in corpo!!
💖
Un altro piccolo sogno si avvera, ed io sono felicissima di condividerlo con voi.
Per chi avesse piacere a venirmi a vedere può chiamare per le info al 371.3505608 oppure andare direttamente sul link in BIO per prenotare il biglietto!
Abbiamo scelto un teatro con pochi posti, quindi non pensateci troppo!
💖
P.s.
Happy Birthday to me!🎂 #FrancescaColombo #HappyBirthdayToMe
Read more
Questo è un momento difficile per me, e non saprei davvero da dove iniziare... forse è giusto partire ...
Media Removed
Questo è un momento difficile per me, e non saprei davvero da dove iniziare... forse è giusto partire col dirvi che quella di qualche giorno fa è stata la firma più dolorosa della mia vita. Ero convinto di finire la mia carriera con questa maglia, con il sogno di portarla in serie A con tutti voi, ... Questo è un momento difficile per me, e non saprei davvero da dove iniziare... forse è giusto partire col dirvi che quella di qualche giorno fa è stata la firma più dolorosa della mia vita. Ero convinto di finire la mia carriera con questa maglia, con il sogno di portarla in serie A con tutti voi, ma purtroppo le cose non sempre vanno come vorremmo andassero.
Se si ama veramente una maglia bisogna saper pensare al suo bene e al suo futuro, anche se questo significa accettare delle scelte che non condividiamo, che ci sembrano non ben ponderate e che consideriamo poco rispettose nei confronti di chi ha sempre dato tutto per questi colori, per questa maglia e per questa città, con l’ amore e la dedizione che gli si conviene, ogni singolo giorno.
Nonostante ciò, ringrazio comunque la società per avermi dato la fiducia e la possibilità di essere capitano di questa squadra e di lottare per questi colori. Ringrazio tutte le persone che lavorano all’interno della grande macchina del Perugia: grazie alla professionalità e passione che mettono quotidianamente in tutto ciò che fanno. Grazie ai tifosi, che non hanno mai smesso di sostenerci anche nei momenti più bui. Grazie per avermi fatto sentire a casa con il vostro calore e il vostro affetto. Grazie a chi mi ha criticato, perché mi ha dato modo di mettermi in discussione, di cercare di far sempre meglio, e di capire che dietro alle critiche c’è l’amore incondizionato verso una maglia. Ringrazio le persone che in questi anni mi sono sempre state vicine, nel bene e nel male, con le quali ho passato bellissimi
momenti, e delle quali porterò con me i ricordi, l’amicizia e il rispetto che meritano. Ovunque vada il mio cuore rimarrà per sempre metà grifone...
Infine, GRAZIE PERUGIA, per tutti i meravigliosi momenti che mi hai regalato.
Forza Grifo sempre!!!❤️
Read more
"Quando muore qualcuno a cui teniamo inizia una lotta continua per un goffo tentativo,imparare ...
Media Removed
"Quando muore qualcuno a cui teniamo inizia una lotta continua per un goffo tentativo,imparare a stare senza quella persona,in ogni modo. Che sia parlarne sempre o non parlarne mai,che sia buttare ogni cosa che ce la ricorda o tenere tutto. Ripercorrere o tentare di dimenticare,affrontare ... "Quando muore qualcuno a cui teniamo inizia una lotta continua per un goffo tentativo,imparare a stare senza quella persona,in ogni modo. Che sia parlarne sempre o non parlarne mai,che sia buttare ogni cosa che ce la ricorda o tenere tutto. Ripercorrere o tentare di dimenticare,affrontare o scappare. La morte di chi amiamo ci rende estremamente egoisti perché in quel momento stiamo pensando a cosa ne sarà di noi,a come gestiremo quell'assenza. Ma poi arriva altro. E non è un fiume,ma un mare. È una sensazione immensa: la paura di dimenticare il viso di quella persona. È un'emozione strana,quella per cui il passare del tempo non è più solo un movimento in avanti,è una cosa che ti allontana da quello che avevi prima,dalla sua faccia,dai momenti condivisi." In qualsiasi posto tu sia,spero solo che tu sia fiero di me e di quello che sto cercando di essere. Ci sei,lo so che ci sei. Sei in ogni sorriso,in ogni lacrima,in ogni sconfitta e soprattutto in ogni vittoria.
Mi manca ridere con te,mi manca piangere con te. Manchi tu,come l'aria.
Ti dedico tutto.❤
Buona Festa del papà.

#èperteognicosachec'è
Read more
Ciao a tutti anche se non sn arrivata a 20 likes pubblico lo stesso il capitolo 3 per quella testa dura ...
Media Removed
Ciao a tutti anche se non sn arrivata a 20 likes pubblico lo stesso il capitolo 3 per quella testa dura di @niss_abbi27 Capitolo 3: Capitolo 3: Non c'era nessuno Meglio cosi rimasi 10 minuti col cellulare a giocare a subway surfer e poi tornai in classe... L:Tutto ok? Io:tutto ok. Alla ... Ciao a tutti anche se non sn arrivata a 20 likes pubblico lo stesso il capitolo 3 per quella testa dura di @niss_abbi27
Capitolo 3:
Capitolo 3:
Non c'era nessuno
Meglio cosi rimasi 10 minuti col cellulare a giocare a subway surfer e poi tornai in classe...
L:Tutto ok?
Io:tutto ok.
Alla fine delle lezione vedo un moretto avvicinarsi a me,Luke
L:EHII AMBS
io:ahm...ciao Luke
L:allora,quando ci vediamo?
Io:cosa??vederci?e perché?
L:Amb per il proggetto
Quegli occhi verdi mi guardavano e mi confondevano...
Io:Ah il progetto...certo,certo ehmm...oggi pomeriggio a casa mia ti andrebbe?
L:É un'appuntamento galante?😏
Io:😒
L:ehi...okok scherzavo
Bhe devo andare ci si vede oggi
Me ne vado senza salutare con il mio passo insicuro e incontro Laur che mi guarda con il suo solito sorrisone...
L:allora?Luke eeh?
Io:si luke😒
L:Che e quella faccia?
Io:é un tipo strano...
L:sei tu quella apposto quindi...?
Io:AH AH AH
arriva mio padre e apro lo sportello per salire salutando Laur...
Dad:allora?
Io:allora.
Dad:com'é andata?
Io:bene grazie tutto perfetto
arriviamo a casa e pranziamo poi vado a farmi una doccia e mi preparo per quando deve arrivare Luke
Mom:ehi,bellezza perché sei così in ghingheri?
Io:nulla sto aspettando un mio compagno di classe per un proggetto
mom:ooh...un proggetto...capiasco
Io:si un proggetto😝
Alle 3 sento il campanello
Io:vado io
L:ehi bellissimaa😜
Io:ehmm...si ciao Luke entra
L:o ma che bella casa chi e lei tua sorella?
Io:ehmm...no e mia madre
Mom:aww grazie Luke prego accomodati pure
Io:non ce ne bisogno mamma andiamo di sopra
DI SOPRA
L:Ambs?
Io:si?
L:sei bella quando arrossisci
Io:😳😳
CONTINUO A 4 LIKES
Read more
R.I.P. #davideastori #riccardosaponara #fiorentina #laviola #firenze #toscana 4 marzo 2018 ...
Media Removed
R.I.P. #davideastori #riccardosaponara #fiorentina #laviola #firenze #toscana 4 marzo 2018 " ---------------- ✍️ O capitano, mio capitano. Perché non sei sceso a fare colazione insieme a tutti noi? Perché non sei passato a riprendere le tue scarpe fuori dalla camera di Marco e non ... R.I.P. #davideastori #riccardosaponara #fiorentina #laviola #firenze #toscana 4 marzo 2018 "
---------------- ✍️
O capitano, mio capitano.
Perché non sei sceso a fare colazione insieme a tutti noi?
Perché non sei passato a riprendere le tue scarpe fuori dalla camera di Marco e non sei venuto a bere la tua solita spremuta d'arancia?
Ora ci diranno che la vita scorre, che lo sguardo va puntato in avanti e dovremo rialzarci, ma che sapore avrà la tua assenza?
Chi arriverà ogni mattina in mensa a riscaldare l'ambiente con il proprio sorriso?
Chi ci chiederà incuriosito ciò che abbiamo fatto la sera precedente per riderci su?
Chi sgriderà i più giovani e chi responsabilizzerà i più esperti?
Chi formerà il cerchio per giocare a "due tocchi" o chi farà ammattire Marco alla play?
Con chi dibatteremo sulle puntate di Masterchef, i ristoranti fiorentini, le serie TV o le partite disputate?
Su chi appoggerò la mia spalla a pranzo dopo un allenamento estenuante?
Torna dai, devi ancora finire di vedere LaLaLand per poterlo analizzare come ogni film appena uscito.
Torna a Firenze, ti attendono in sede per rinnovare il contratto e riconoscerti il bene e la positività che doni quotidianamente a tutti noi.
Esci da quella maledetta stanza, ti aspettiamo domani alla ripresa degli allenamenti.
Nella vita ci sono persone che conosci da sempre con le quali non legherai mai, poi ci sono i Davide che ti entrano immediatamente dentro con un semplice "Benvenuto a Firenze Ricky".
Ovunque tu sia ora, continua a difendere la nostra porta e dalle retrovie illuminaci il giusto cammino.
O capitano, mio capitano.
Per sempre mio capitano”. Riccardo Saponara
Read more
Quella persona con cui riesci ad essere te stesso sempre, senza sforzi, senza maschere, senza segreti. ...
Media Removed
Quella persona con cui riesci ad essere te stesso sempre, senza sforzi, senza maschere, senza segreti. Quella persona che ti legge dentro, qualsiasi cosa dici o fai, anche quando cerchi di nascondere quello che provi per non fargli pesare qualcosa. Quella persona con cui non servono chi ... Quella persona con cui riesci ad essere te stesso sempre, senza sforzi, senza maschere, senza segreti. Quella persona che ti legge dentro, qualsiasi cosa dici o fai, anche quando cerchi di nascondere quello che provi per non fargli pesare qualcosa. Quella persona con cui non servono chi sa quante parole, perché tanto basta uno sguardo o un'espressione accennata a spiegate tutto, eppure al tempo stesso non fate che parlare di qualsiasi cazzata, fino a mettervi a discutere di cose assurde. Quella persona che sai che c'è, in un modo o nell'altro, sempre e comunque, senza se e senza ma.
Se hai una persona così nella tua vita, non devi lasciartela scappare per nessun motivo, perché con lei tutto è diverso: il tempo passa diversamente, il cellulare te lo dimentichi in borsa, le risate hanno un altro sapore e perfino le cose più brutte diventano una passeggiata in discesa.
.
.
Di solito non faccio queste cose, ma mi girava un po' così e quindi niente, ringrazio ogni giorno di averti incontrato. @leoj17s 💙
.
.
.
.
#perildiabeteleggerealmenoduevolte #tiamo #iloveyouforever #occhioallaglicemia #puccipucci #amoremiovitamia #buonsanvalentinoamore
Read more
Sovente mi capita di riportare alla mente momenti vissuti in giro per vigne e per cantine, assaggi, ...
Media Removed
Sovente mi capita di riportare alla mente momenti vissuti in giro per vigne e per cantine, assaggi, chiacchierate con i vignaioli o con amici con i quali ho avuto il piacere di condividere pensieri, emozioni e bottiglie. Ieri, è stata una di quelle volte e ad essere rievocate sono state delle ... Sovente mi capita di riportare alla mente momenti vissuti in giro per vigne e per cantine, assaggi, chiacchierate con i vignaioli o con amici con i quali ho avuto il piacere di condividere pensieri, emozioni e bottiglie. Ieri, è stata una di quelle volte e ad essere rievocate sono state delle istantanee relative ai miei ultimi viaggi in quella splendida terra del vino che è il Friuli.
Mentre ripensavo alle passeggiate fra i filari, agli assaggi da botte, ai confronti con enologi, agronomi e produttori mi sono reso conto di una cosa, ovvero del fatto che ho scritto di molti ma non così approfonditamente della cantina nella quale sono stato più volte per motivi di studio e - perché no?! - di piacere.

Parlo della Cantina @ValentinoButussi, realtà sita nei Colli Orientali del Friuli, zona storicamente rinomata per la produzione di vini di qualità, e precisamente sulla pedecollinare morenica, di Rosazzo nella suggestiva vallata denominata “Prà di Corte” (i prati della corte). L'azienda nasce a fine '800, grazie a Giobatta (Tite: in dialetto friulano), riferimento di quella che era e è tutt'ora un'azienda a conduzione rigorosamente familiare.

Fu Valentino, però, ad intravedere nel vino una prospettiva più rosea, rispetto alla classica azienda agricola che i suoi genitori avevano portato avanti sino a quel momento.
La svolta definitiva avviene all’inizio degli anni ’70, quando il figlio Angelo completò questa conversione degli ultimi terreni agricoli a vigneto, iniziando, inoltre, ad imbottigliare i primi vini con il marchio aziendale Valentino Butussi.
Oggi siamo alla terza generazione, composta dai figli di Angelo: Erika, Filippo, Tobia e Mattia.

Le nuove leve, sentono forte il legame con la tradizione e con il territorio, ma spingono subito per qualche importante cambiamento, stimolati da percorsi di studi mirati e da un approccio sempre più consapevole in vigna e in cantina.

Nel 2005 il primo vigneto in conduzione bio, che porterà l’azienda alla completa conversione  biologica certificata nel 2013. ➡️Continua a leggere l'articolo su www.wineblogroll.com ⬆️link in bio ⬆️🍷
Read more
Domani arriva il camion e si porta via tutto. Si porta via le poltrone, i tavoli, il tappeto, l’amplificatore, ...
Media Removed
Domani arriva il camion e si porta via tutto. Si porta via le poltrone, i tavoli, il tappeto, l’amplificatore, la cassapanca. Si porta via la cartina dell’Europa che ho contemplato ogni sera, da quando abito in questa casa, prima di addormentarmi. Ho impacchettato quasi tutto, con molto ... Domani arriva il camion e si porta via tutto.
Si porta via le poltrone, i tavoli, il tappeto, l’amplificatore, la cassapanca.
Si porta via la cartina dell’Europa che ho contemplato ogni sera, da quando abito in questa casa, prima di addormentarmi.
Ho impacchettato quasi tutto, con molto anticipo. Ho paura di dimenticare qualcosa.
Ho comprato tre rotoli di nastro adesivo e di quella carta con le palline che protegge le cose.
E oggi avvolgo tutto, cercando le migliori strategie per tutelare e accorpare.
Ho fatto anche dei piani culinari per i prossimi giorni: tentare di consumare tutte le provviste senza comprare altro, decidendomi a svuotare il freezer. E allora eccomi qui con 30 gradi all’ombra e un bel minestrone bollente, che devo mangiare con l’unica forchetta che non ho impacchettato.
Perché i cucchiai non li trovo più, persi in chissà quale scatolone.
Sto seduta al centro della stanza e penso.
Penso di aver lasciato sempre tutte le cose con rabbia o insofferenza o disperazione.
Penso, spesso, di aver abbandonato.
Penso di aver lasciato andare persone, luoghi, momenti, dicendomi che non c’era altra scelta. Deresponsabilizzandomi con la logica, con sensi unici obbligati.
Forse questa volta no. Già mi manca tutto.
Ma quando uno è in ballo... deve imballare! No?
Il salotto ha cambiato suono, è bastato togliere i quadri per sentire le mie parole rimbalzare molto più velocemente tra i muri. Le ho seguite un po’ con l’orecchio, come a un incontro di tennis, impossibili da riacchiappare.
Questa casa e questa città le lascio con amore. Ma ho bisogno ancora di un po’ di tempo per salutarle come si deve.
Roma, quante cose ti devo dire.
Vorrei tenermi il posto, per davvero, per poter ritornare tutta la vita.
Come una nuda proprietà. Che la abiti ma non è tua. Così come sono tutti i luoghi, tutte le persone e tutte le emozioni.
Domani arriva il camion e si porta via le cose, ma solo quelle che si possono possedere.
Io resto qui ancora per un po’, parzialmente arredata, termoautonoma ed emozionata.
Pare che quella carta con le palline che protegge le cose, non funzioni con le persone.
E allora, nel tragitto, toccherà sentire.

#cestlamou in edicola
#ericamou
Read more
In questi giorni si parla di un possibile addio di gomez a fine stagione. Premesso che non sono uno ...
Media Removed
In questi giorni si parla di un possibile addio di gomez a fine stagione. Premesso che non sono uno di quei tifosi che da quando gomez è arrivato a firenze lo venerano come un dio a prescindere da tutto e al di là delle sue prestazioni sul campo, ma magari però per molto meno infamano ilicic che ... In questi giorni si parla di un possibile addio di gomez a fine stagione. Premesso che non sono uno di quei tifosi che da quando gomez è arrivato a firenze lo venerano come un dio a prescindere da tutto e al di là delle sue prestazioni sul campo, ma magari però per molto meno infamano ilicic che prima non giocava bene come ora senza tener conto che gli sono morti i genitori nella guerra dei Balcani e che ha avuto in passato una vita difficile ma che potenzialmente è una grande giocatore, voglio dire che che gomez non se ne deve andare... dopo aver vinto la champions con il bayern poteva andare a real madrid, barcellona, manchester united, e invecie è venuto a firenze rinunciando anche a un ingaggio maggiore, nonostante sia al momento un attacante qualunque e non uno dei migliori in europa come gli anni passati ha detto chiaramente che le sue intenzioni sono quelle di finire la carriera a firenze di cui ormai è innamorato, c'è chi dopo la partita di ritorno della semifinale di europa league Contro il sivilla ha detto che i giocatori non hanno giocato per la maglia in quella partita e hanno offeso montella e giocatori per aver risposto a quei finti tifosi (perche sono falsi) che hanno deriso la squdra che ci ha portati in due semifinali e europa league e coppa italia eliminando roma due volte totthenam e battendo la juve allo juventus stadium, già di per se il fatto che i nostri ragazzi non giocano per la maglia è una cazzata, se poi quelli come gomez che ci tengono li si volete mandare via, bhe non lamentatevi quando veramente qualche giocatore arriverà a firenze sembrerà il fenomeno ma alla prima offerta dall' estero con più soldi se ne andrà. Hanno offeso gomez per un sinistro dal limite dell area fuori contro il sivilla dopo non aver sbagliato quasi nulla da gennaio ed esser diventato in poco tempo capocannoniere stagionale della fiorentina con 10 gol. Io sto con mario💜
Read more
Capitolo 33 - "Buon pranzo" iniziò James chiedendo l'attenzione nella sala grande "sicuramente ...
Media Removed
Capitolo 33 - "Buon pranzo" iniziò James chiedendo l'attenzione nella sala grande "sicuramente voi saprete dello scoop di una misteriosa ragazza che avrebbe "stregato" il boccino" a quelle parole si diffuse un lieve brusio "devo dire che quella ragazza si è trovata per tutto il tempo ... Capitolo 33
-
"Buon pranzo" iniziò James chiedendo l'attenzione nella sala grande "sicuramente voi saprete dello scoop di una misteriosa ragazza che avrebbe "stregato" il boccino" a quelle parole si diffuse un lieve brusio "devo dire che quella ragazza si è trovata per tutto il tempo con me, non credo di essermene staccato per più di due secondi." Il brusio si dissolse. "Sappiamo tutti che il ministero stia facendo delle inchieste importanti sulla gazzetta del profeta per via delle molte stupidaggini che scrivono nei loro articoli." Un ragazzo di serpeverde disse con voce piuttosto alta "vorresti per caso insinuare che lei non ha stregato il boccino?" James indignato rispose senza perdere la calma "ovviamente, stavo dicen-" "mio padre lavora lì! Tu non puoi dire che sono tutte fesserie!" Urlò il ragazzo biondo "ah si? Cosa ne dici del Caso Parker?" Il caso Parker era successo parecchi decenni prima di quel giorno, il signor Marcus Parker era stato accusato di un omicidio, nell'interrogatorio era stato sottoposto a tutte e tre le maledizioni che non dovrebbero essere mai utilizzate. "Quel pover'uomo è morto per qualcosa che non ha fatto!" Urlò James "Malfoy! Potter! Nel mio ufficio!" Urlò a sua volta Il preside Dippet, Lucius Malfoy si alzò con un ghigno dalla tavola delle serpi per raggiungere James "hei potty, prima volta dal preside eh" sussurrò quando gli fu abbastanza vicino, appena finita la frase Ramoso sfoderò la bacchetta urlando "stupeficium!" Il biondo volò sulla tavola dei corvonero, fu l'unica cosa che si ricordò quando si svegliò, nell'ufficio rosso scarlatto del preside.
#ff_potterhead_ff
Read more
<span class="emoji emoji1f525"></span> [INIZIA OGGI E RICONQUISTA IL TUO TEMPO] “Molti di noi passano la vita come dei falliti, perché ...
Media Removed
 [INIZIA OGGI E RICONQUISTA IL TUO TEMPO] “Molti di noi passano la vita come dei falliti, perché siamo in attesa del 'momento giusto' per iniziare a fare qualcosa di utile. Non aspettare. Il momento non potrà mai essere quello 'giusto'. Inizia dove ti trovi, e lavora con qualsiasi strumento ... 🔥 [INIZIA OGGI E RICONQUISTA IL TUO TEMPO] “Molti di noi passano la vita come dei falliti, perché siamo in attesa del 'momento giusto' per iniziare a fare qualcosa di utile. Non aspettare. Il momento non potrà mai essere quello 'giusto'. Inizia dove ti trovi, e lavora con qualsiasi strumento tu possa avere a disposizione, e troverai migliori strumenti mentre stai proseguendo.” Napoleon Hill

Da bravo marketer mi piace passeggiare e riflettere al mattino presto e quale posto migliore per pensare se non davanti al mare? 😎 ⭕️ Pensavo a quanto sia importante il tempo, forse lo è ancor più dei soldi.

Il punto è che spesso ci facciamo scivolare il tempo addosso e intanto gli anni passano senza aver fatto davvero quel salto per migliorare davvero la nostra vita e quella degli altri.

Si perché se hai tempo puoi dedicarti maggiormente ai tuoi figli, ai tuoi cari o ai tuoi hobby. ❌ Ma perché ti ho citato il testo di Napoleon Hill?

Perché spesso prima di fare un passo ci pensiamo e ripensiamo, vogliamo sempre trovare il momento giusto.

Ti do una brutta notizia. Il tempo giusto per muovere i primi passi in qualcosa non arriva mai. 🚀 Parliamo di business online.

Per esempio se sei un'appassionata di cucina puoi aprire un blog e un account Instagram e iniziare a pubblicare. Puoi aprire un canale youtube dove fare dei montaggi delle tue storie fatte su Instagram.

Sai quanto è valutato un post su un blog di un food blogger con 500 visite giornaliere (traffico fattibile) e un account Instagram con circa 20k Followers? 🔥 Viene pagato 250€ a post e non voglio raccontarti cazzate come molti, questo di cui ti parlo è un caso reale che mi è stato raccontato da una mia cliente food blogger.

Ma non è soltanto una questione di soldi come dicevo prima.

Un blogger o un instagramer può lavorare ovunque, può scrivere articoli ovunque.

Una sola premessa, concentrati però sulla qualità dei contenuti.

La qualità delle foto, degli articoli che andrai a scrivere ecc..devi prenderla come un lavoro altrimenti il tuo business avrà vita breve. 🚀 INIZIA, per aggiustare il tiro avrai sempre tempo.
Read more
Oggi una parte della mia giornata è stata passata con l'amica. Quella con la A maiuscola. Quella ...
Media Removed
Oggi una parte della mia giornata è stata passata con l'amica. Quella con la A maiuscola. Quella che sa senza che tu parli. Quella che basta che ti guardi negli occhi e via, si parte. . E a quella, a lei, non posso regalare un corso di cucito perché lei è molto di più e nel cucito neanche a parlarne. Lei ... Oggi una parte della mia giornata è stata passata con l'amica. Quella con la A maiuscola. Quella che sa senza che tu parli. Quella che basta che ti guardi negli occhi e via, si parte.
.
E a quella, a lei, non posso regalare un corso di cucito perché lei è molto di più e nel cucito neanche a parlarne.
Lei È il cucito.
.
Se anche voi avete un'amica, QUELL'Amica per la quale dareste il cuore e volete passare una mattina o un pomeriggio insieme, fra risate e cucito, eccola l'occasione!
.
Venite a cucire insieme il poncho di Natale, sabato 15 dicembre 2018 presso il @centroculturalealmo a Piumazzo!
.
Se hai voglia di partecipare, 📝📝📝scrivimi per prenotare il vostro posto!
.
Buona giornata regaz😘😘😘
🇬🇧🇬🇧🇬🇧
Christmas is just around the corner so why not thinking about sharing a sewing course with a friend and sew your holiday poncho?
.
Wanna come over? Write me📝📝📝 to book your place!
.
Have a great day everybody😘😘😘!!!
.
.
.
.
.
.
.
.
#sewingismysuperpower #handmade #bologna #milano #modena #lovemyjob #imademyclothes #cucitoitaliano #diffondilamoreperilcucito #spreadthesewinglove #siempre #corsicucito #corsocucito
Read more
Lui si chiama Libero e l’ho conosciuto durante le mie due settimane di volontariato in IHP. @italianhorseprotection_onlus ...
Media Removed
Lui si chiama Libero e l’ho conosciuto durante le mie due settimane di volontariato in IHP. @italianhorseprotection_onlus è una onlus che si occupa di salvare cavalli da situazioni di maltrattamento e abusi, garantendo loro pace e tranquillità ma soprattutto: libertà. Si prendono ... Lui si chiama Libero e l’ho conosciuto durante le mie due settimane di volontariato in IHP.
@italianhorseprotection_onlus è una onlus che si occupa di salvare cavalli da situazioni di maltrattamento e abusi, garantendo loro pace e tranquillità ma soprattutto: libertà.
Si prendono cura di oltre 60 cavalli senza chiedere loro niente in cambio se non di vivere liberi secondo la loro natura.

Ogni cavallo in IHP con il quale sono entrata in contatto si è preso uno spazio ben definito nel mio cuore ma Libero è uno di quelli la quale presenza mi ha fatto venire i brividi dall’emozione, osservarlo anche solo da lontano con il suo sguardo fisso verso l’orizzonte era qualcosa di davvero magico (e rilassante).
Si chiama Libero poiché è nato in IHP dopo il sequestro e salvataggio di sua mamma Pioggia, che ora vive in salute con lui. Libero non ha quindi mai conosciuto la cattiveria umana e può osservare il paesaggio per ore senza avere paura di nulla. Se non dello spray districante per i crini 😂

Ora però IHP ha bisogno dell’aiuto di chiunque vorrà partecipare al loro crowdfunding (seguite il loro profilo!) anche con pochissimi eurini.
Questi soldi serviranno per un progetto ancora più grande: il trasloco di IHP e di tutti i cavalli in uno spazio immenso che potrà inoltre accogliere volontari, corsi, conferenze senza la preoccupazione di dover pagare un affitto ogni mese perché questo nuovo posto gli è stato offerto da due angeli ❤️ 15 giorni mi sono bastati per vedere quanta passione, dedizione e amore mettano tutti i volontari per il benessere di queste meravigliose creature.
Fare volontariato in IHP mi ha aiutata moltissimo a capire meglio i cavalli, me stessa, il vero lavoro di squadra, la comunicazione, oltre alla grandissima opportunità di poter osservare dei cavalli in libertà, nella loro forma più vera e naturale. Non so come ringraziare IHP per l’esperienza e opportunità che mi hanno dato e il minimo che io possa fare è raccontarvi che al mondo ci sono belle persone come loro.

Quindi se volete dare anche solo un piccolo contributo alla Onlus, sarà sicuramente un grande contributo per quei bellissimi cavalli che meritano quella libertà che IHP gli sta offrendo.
Read more
Non ci portare chiunque a vedere il mare, che è una cosa importante, non è mica una cosa da niente.  Andare ...
Media Removed
Non ci portare chiunque a vedere il mare, che è una cosa importante, non è mica una cosa da niente.  Andare con qualcuno a vedere il mare non è come andare al bar, a vedere le vetrine dei negozi in piazza o a prendere un gelato. È veramente molto di più.  A guardare il mare portaci qualcuno che ... Non ci portare chiunque a vedere il mare, che è una cosa importante, non è mica una cosa da niente. 
Andare con qualcuno a vedere il mare non è come andare al bar, a vedere le vetrine dei negozi in piazza o a prendere un gelato. È veramente molto di più. 
A guardare il mare portaci qualcuno che condivida il silenzio con te, è difficile trovarlo, ma se lo trovi non hai scampo. Lo vedi come se foste in un altro mondo, un mondo dove basta il silenzio per capirsi. Un mondo tutto vostro.
Portaci qualcuno con il quale non devi parlare per forza, perché il mare è un film muto che ti sorprende per i colori, per le sensazioni che ti provoca allo stomaco e per i rumori delle onde che ti fanno sentire in una situazione di equilibrio. Ma quel che veramente vale, del mare, sono le sfumature. Come di ogni cosa bella d'altronde. 
Portaci chi è stato in grado di dimostrarti che tu vali molto più di quel che pensi, di quel che ti aspetteresti, qualcuno che faccia di te una priorità e non un passatempo. Quella persona che riesce a sentire le tue tragedie più interne, senza pensare che siano cose banali e poco rilevanti. 
A vedere il mare portaci chi ti sa capire senza parlare, chi ti viene a prendere se ti allontani, chi ti da la possibilità di appoggiarti sulla sua spalla quando cadi, chi, se osservando nei tuoi occhi, incredibilmente nota un po' di mare anche in te. Quella persona che quando alza lo sguardo al cielo, legge il tuo nome.
Portaci qualcuno proprio così, che ti faccia sentire dentro un caos e fuori una persona magica, piena di vita. Ti sembrerà di veder qualcosa di stupefacente, di sconvolgente, di affascinante e per la prima volta nella tua vita sembrerà di vedere il mare, perché così non l'avevi visto mai.
Read more
Penso che avere un blog sia un privilegio e per mantenerlo in vita nel tempo: passione, entusiasmo ...
Media Removed
Penso che avere un blog sia un privilegio e per mantenerlo in vita nel tempo: passione, entusiasmo e spirito di condivisione siano essenziali. A volte, ci sono ricette che nascono per caso, magari per assecondare la voglia di provare o solo per cedere alla tentazione di sperimentare, ma ... Penso che avere un blog sia un privilegio e per mantenerlo in vita nel tempo: passione, entusiasmo e spirito di condivisione siano essenziali. A volte, ci sono ricette che nascono per caso, magari per assecondare la voglia di provare o solo per cedere alla tentazione di sperimentare, ma la soddisfazione più grande rimane quella di poter esaudire il desiderio di persone che ti seguono con stima, avanzando qualche gentile richiesta. Proprio così! ... già immagino la gioia di una mamma che prepara per i suoi bimbi una torta speciale, un dolce sano e genuino, mettendoci una buona dose di entusiasmo e tutto l'amore del mondo: "mi passeresti la ricetta di una torta zebrata, ma senza burro e con l'olio, farei anche questa per le mie figlie!". Senza dubbio, questa è una ricetta di torta zebrata più leggera rispetto a quella con il burro, straordinariamente buona e golosa. Una torta sfiziosa per le striature di 2 colori e profumata alla vaniglia, ottima da gustare in tutte le occasioni, per accompagnare il caffè o il tè, l'ideale per la colazione o merenda dei più piccini, di sicuro allieterà la loro giornata. Perfetta come insolita base per torte di compleanno, può essere farcita con crema pasticcera, gianduia e decorata con ciuffetti di panna o semplicemente spolverizzata con zucchero a velo. Una buona preparazione e un buon divertimento! 📌Presentatela così!
Per esaltare l'eleganza del dolce e una presentazione impeccabile ho scelto di utilizzare le porcellane della splendida linea Heritage Collection by Easy life, l'original italian design.... La ricetta ora sul blog! 👆il link in bio 😉

#tortazebrata #foodinstalove #merendaitaliana #cake #patisserie #cucinaitaliana #cookmagazine #italianfood #feedfeed #beatifulcuisines #vscogood #instagood #hautecuisines #italianrecipe #kings_masterchef #italianfoodbloggers #thehub_food #cake #photooftheday #vsco #colazioneitaliana #yummy #infinity_foodlover #solocosebuone #ifpgallery #solocosebelle #chocolate #stillifegallery #tv_stilllife #incucinaconleinstamamme
Read more
Due, come i sogni che, se si mettono in comune, creano un progetto più grande, più ambizioso, fatto ...
Media Removed
Due, come i sogni che, se si mettono in comune, creano un progetto più grande, più ambizioso, fatto un po’ di uno e un po’ dell’altro. Quei due puntini colorati sono la nostra storia, il nostro credo, la semplicità di qualcosa che speriamo cresca di anno in anno non con la magia dell’irrealtà, ... Due, come i sogni che, se si mettono in comune, creano un progetto più grande, più ambizioso, fatto un po’ di uno e un po’ dell’altro. Quei due puntini colorati sono la nostra storia, il nostro credo, la semplicità di qualcosa che speriamo cresca di anno in anno non con la magia dell’irrealtà, ma con il quotidiano agire, che nel tempo è più che raddoppiato. Quel due è diventato quattro e poi ancora cinque e poi ancora si è aperto al territorio con mille diramazioni fatte di collaborazioni, condivisioni e confronti che ci rendono l’azienda che siamo con le nostre professionalità, le nostre fragilità, la nostra pazienza, la nostra follia, il nostro estro, la nostra simpatia. Per noi la chiave di tutto è lì, nell’insieme.
Due rimane comunque il numero del cuore di Metropolitan e due sono gli auguri che questo gruppo così eterogeneo, ma affiatato e pronto a ripartire ogni anno con sempre maggiore entusiasmo, vuole fare a tutti voi e a noi con voi.
Teniamoci strette le cose che fino a oggi abbiamo dato magari per scontate perché alla fine sono quelle capaci di darci davvero gioia, che è ben diversa dalla soddisfazione. La gioia è battito, sorriso, una parola sussurrata in un abbraccio.
Trasformiamo il male subito in uno stimolo a non mollare, mai. Dalle delusioni c’è sempre un insegnamento da trarre e la cicatrice che lasciano non dà dolore se non rispondiamo a quel male con altro male. Non è buonismo. Forse è sopravvivenza. O forse, meglio ancora, è consapevolezza. Niente e nessuno può e deve cancellare i nostri propositi, soprattutto se sanno di buono. Sono nostri, ci appartengono e ci danno un motivo in più per essere felici di questa vita.
Il Natale ci porti allora in dono queste due speranze, quella dell’amore semplice e quella dei desideri da non spegnere.
E coccoliamoci dentro, per tutto il 2019, questo regalo.
Buone feste!

Valentina e Raffaella, Daniela, Alessandro, Mariantonietta ***L'agenzia riaprirà giovedì 3 gennaio 2019***
.
.
#merrychristmas #METROPOLITANADV💜💚 #metropolitanadv #communication #agency #webagency #graphicdesign #art #graphicdesigner #graphicart #greenandviolet #feliznavidad #natale #reggioemilia #modena #parma #igersalento
Read more
Vi racconto la storia di un giovane imprenditore e di una ragazzina che aveva un sogno<span class="emoji emoji1f4d6"></span> Napoli, ...
Media Removed
Vi racconto la storia di un giovane imprenditore e di una ragazzina che aveva un sogno Napoli, una ragazza di 22 anni, che chiameremo Jolanda , studia Scienze della Comunicazione (“se non ti laurei non voglio sentir parlare di presentatrice o altro” diceva la mia famiglia...e aveva ragione!). Nel ... Vi racconto la storia di un giovane imprenditore e di una ragazzina che aveva un sogno📖
Napoli, una ragazza di 22 anni, che chiameremo Jolanda 😜, studia Scienze della Comunicazione (“se non ti laurei non voglio sentir parlare di presentatrice o altro” diceva la mia famiglia...e aveva ragione!).
Nel frattempo lavora come può: modella, doppiaggio, eventi...ma ha un sogno: presentare!
L’azienda Carpisa, proprio nel periodo di Natale, organizza un incontro tra dipendenti e clienti e chiama delle hostess per accogliere e parlare dei prodotti, tra le quali c’è Jolanda. Lì incontra un giovane imprenditore, Lello, proprietario di quell’azienda e che non si ferma mai! Una Miriade (il nome non è un caso 😉) di idee e un marchio da portare sempre più in alto: Carpisa (poi non sarà l’unico...).
A Lello non sfugge mai nulla e nota che quella ragazza chiacchiera con i clienti, osserva le collezioni e da consigli sulle tendenze del momento. Gli viene un’idea: è perfetta per fare la campagna vendita di una delle sue aziende! Così il giorno dopo le fa telefonare dalla sua agenzia ed organizza tutto!
Non è stato facile convincerla...lei vuole fare la presentatrice e poi c’è quella laurea...ma lui le offre i tempi che vuole e un buon compenso!
Jolanda accetta e quel lavoro le piace tanto! Lo fa benissimo e incrementa le vendite insieme alla collega...
Lello allora le offre di rimanere nella sua azienda: corsi di formazione, contratto, la possibilità di fare carriera...ma la giovane 22enne con un sogno nel cuore non se la sente! Troppo difficile lasciarlo andare e accettare quello che la vita ha scelto per lei! Lello e Jolanda si stringono la mano e rimangono ottimi amici, si stimano e tifano l’uno per l’altra!
Ecco, vi ho raccontato questa storia per farvi capire che emozione ho provato ieri nel presentare il QUARTO PREMIO CARPISA con i miei tifosi e amici di sempre! E anche per dirvi che esistono aziende dove vai avanti con il lavoro, la passione ed i meriti! Non perdetevi mai d’animo!
Lello da tutto se stesso per Napoli e per la sua famiglia-azienda! Io posso dirlo perché l’ho conosciuto e continuo a tifare per lui!
Forza @napolifemminile
Forza @carpisaofficial
GRAZIE Lello!💙
Read more
Non ci portare chiunque a vedere il mare, che è una cosa importante, non è mica una cosa da niente. Andare ...
Media Removed
Non ci portare chiunque a vedere il mare, che è una cosa importante, non è mica una cosa da niente. Andare con qualcuno a vedere il mare non è come andare al bar, a vedere le vetrine dei negozi in piazza o a prendere un gelato. È veramente molto di più. A guardare il mare portaci qualcuno che condivida ... Non ci portare chiunque a vedere il mare, che è una cosa importante, non è mica una cosa da niente.
Andare con qualcuno a vedere il mare non è come andare al bar, a vedere le vetrine dei negozi in piazza o a prendere un gelato.
È veramente molto di più.
A guardare il mare portaci qualcuno che condivida il silenzio con te, è difficile trovarlo, ma se lo trovi non hai scampo.
Lo vedi come se foste in un altro mondo, un mondo dove basta il silenzio per capirsi. Un mondo tutto vostro.
Portaci qualcuno con il quale non devi parlare per forza, perché il mare è un film muto che ti sorprende per i colori, per le sensazioni che ti provoca allo stomaco e per i rumori delle onde che ti fanno sentire in una situazione di equilibrio.
Ma quel che veramente vale, del mare, sono le sfumature. Come di ogni cosa bella d’altronde.
Portaci chi è stato in grado di dimostrarti che tu vali molto più di quel che pensi, di quel che ti aspetteresti, qualcuno che faccia di te una priorità e non un passatempo.
Quella persona che riesce a sentire le tue tragedie più interne,
senza pensare che siano cose banali e poco rilevanti.
A vedere il mare portaci chi ti sa capire senza parlare, chi ti viene a prendere se ti allontani, chi ti da la possibilità di appoggiarti sulla sua spalla quando cadi, chi se osservando nei tuoi occhi, incredibilmente nota un po’ di mare anche in te.
Quella persona che quando alza lo sguardo al cielo, legge il tuo nome.
Portaci qualcuno proprio così, che ti faccia sentire dentro un caos e fuori una persona magica, piena di vita.
Ti sembrerà di veder qualcosa di stupefacente, di sconvolgente, di affascinante e per la prima volta nella tua vita sembrerà di vedere il mare, perché così non l’avevi visto mai.
Read more
Non ci portare chiunque a vedere il mare, che è una cosa importante, non è mica una cosa da niente. Andare ...
Media Removed
Non ci portare chiunque a vedere il mare, che è una cosa importante, non è mica una cosa da niente. Andare con qualcuno a vedere il mare non è come andare al bar, a vedere le vetrine dei negozi in piazza o a prendere un gelato. È veramente molto di più. A guardare il mare portaci qualcuno che condivida ... Non ci portare chiunque a vedere il mare, che è una cosa importante, non è mica una cosa da niente.
Andare con qualcuno a vedere il mare non è come andare al bar, a vedere le vetrine dei negozi in piazza o a prendere un gelato. È veramente molto di più.
A guardare il mare portaci qualcuno che condivida il silenzio con te, è difficile trovarlo, ma se lo trovi non hai scampo. Lo vedi come se foste in un altro mondo, un mondo dove basta il silenzio per capirsi. Un mondo tutto vostro.
Portaci qualcuno con il quale non devi parlare per forza, perché il mare è un film muto che ti sorprende per i colori, per le sensazioni che ti provoca allo stomaco e per i rumori delle onde che ti fanno sentire in una situazione di equilibrio. Ma quel che veramente vale, del mare, sono le sfumature. Come di ogni cosa bella d’altronde.
Portaci chi è stato in grado di dimostrarti che tu vali molto più di quel che pensi, di quel che ti aspetteresti, qualcuno che faccia di te una priorità e non un passatempo. Quella persona che riesce a sentire le tue tragedie più interne, senza pensare che siano cose banali e poco rilevanti.
A vedere il mare portaci chi ti sa capire senza parlare, chi ti viene a prendere se ti allontani,
chi ti da la possibilità di appoggiarti sulla sua spalla quando cadi, chi se osservando nei tuoi occhi, incredibilmente nota un po’ di mare anche in te. Quella persona che quando alza lo sguardo al cielo, legge il tuo nome.
Portaci qualcuno proprio così, che ti faccia sentire dentro un caos e fuori una persona magica, piena di vita. Ti sembrerà di veder qualcosa di stupefacente, di sconvolgente, di affascinante e per la prima volta nella tua vita sembrerà di vedere il mare, perché così non l’avevi visto mai.
(M. S.)
Read more
Due, come i sogni che, se si mettono in comune, creano un progetto più grande, più ambizioso, fatto ...
Media Removed
Due, come i sogni che, se si mettono in comune, creano un progetto più grande, più ambizioso, fatto un po’ di uno e un po’ dell’altro. Quei due puntini colorati sono la nostra storia, il nostro credo, la semplicità di qualcosa che speriamo cresca di anno in anno non con la magia dell’irrealtà, ... Due, come i sogni che, se si mettono in comune, creano un progetto più grande, più ambizioso, fatto un po’ di uno e un po’ dell’altro. Quei due puntini colorati sono la nostra storia, il nostro credo, la semplicità di qualcosa che speriamo cresca di anno in anno non con la magia dell’irrealtà, ma con il quotidiano agire, che nel tempo è più che raddoppiato. Quel due è diventato quattro e poi ancora cinque e poi ancora si è aperto al territorio con mille diramazioni fatte di collaborazioni, condivisioni e confronti che ci rendono l’azienda che siamo con le nostre professionalità, le nostre fragilità, la nostra pazienza, la nostra follia, il nostro estro, la nostra simpatia. Per noi la chiave di tutto è lì, nell’insieme.
Due rimane comunque il numero del cuore di Metropolitan e due sono gli auguri che questo gruppo così eterogeneo, ma affiatato e pronto a ripartire ogni anno con sempre maggiore entusiasmo, vuole fare a tutti voi e a noi con voi.
Teniamoci strette le cose che fino a oggi abbiamo dato magari per scontate perché alla fine sono quelle capaci di darci davvero gioia, che è ben diversa dalla soddisfazione. La gioia è battito, sorriso, una parola sussurrata in un abbraccio.
Trasformiamo il male subito in uno stimolo a non mollare, mai. Dalle delusioni c’è sempre un insegnamento da trarre e la cicatrice che lasciano non dà dolore se non rispondiamo a quel male con altro male. Non è buonismo. Forse è sopravvivenza. O forse, meglio ancora, è consapevolezza. Niente e nessuno può e deve cancellare i nostri propositi, soprattutto se sanno di buono. Sono nostri, ci appartengono e ci danno un motivo in più per essere felici di questa vita.
Il Natale ci porti allora in dono queste due speranze, quella dell’amore semplice e quella dei desideri da non spegnere.
E coccoliamoci dentro, per tutto il 2019, questo regalo.
Buone feste!

Valentina e Raffaella, Daniela, Alessandro, Mariantonietta ***L'agenzia riaprirà giovedì 3 gennaio 2019***
.
.
#merrychristmas #METROPOLITANADV💜💚 #metropolitanadv #communication #agency #webagency #graphicdesign #art #graphicdesigner #graphicart #greenandviolet #feliznavidad #natale #galatina #lecce #visitgalatina #weareinpuglia
Read more
Due, come i sogni che, se si mettono in comune, creano un progetto più grande, più ambizioso, fatto ...
Media Removed
Due, come i sogni che, se si mettono in comune, creano un progetto più grande, più ambizioso, fatto un po’ di uno e un po’ dell’altro. Quei due puntini colorati sono la nostra storia, il nostro credo, la semplicità di qualcosa che speriamo cresca di anno in anno non con la magia dell’irrealtà, ... Due, come i sogni che, se si mettono in comune, creano un progetto più grande, più ambizioso, fatto un po’ di uno e un po’ dell’altro. Quei due puntini colorati sono la nostra storia, il nostro credo, la semplicità di qualcosa che speriamo cresca di anno in anno non con la magia dell’irrealtà, ma con il quotidiano agire, che nel tempo è più che raddoppiato. Quel due è diventato quattro e poi ancora cinque e poi ancora si è aperto al territorio con mille diramazioni fatte di collaborazioni, condivisioni e confronti che ci rendono l’azienda che siamo con le nostre professionalità, le nostre fragilità, la nostra pazienza, la nostra follia, il nostro estro, la nostra simpatia. Per noi la chiave di tutto è lì, nell’insieme.
Due rimane comunque il numero del cuore di Metropolitan e due sono gli auguri che questo gruppo così eterogeneo, ma affiatato e pronto a ripartire ogni anno con sempre maggiore entusiasmo, vuole fare a tutti voi e a noi con voi.
Teniamoci strette le cose che fino a oggi abbiamo dato magari per scontate perché alla fine sono quelle capaci di darci davvero gioia, che è ben diversa dalla soddisfazione. La gioia è battito, sorriso, una parola sussurrata in un abbraccio.
Trasformiamo il male subito in uno stimolo a non mollare, mai. Dalle delusioni c’è sempre un insegnamento da trarre e la cicatrice che lasciano non dà dolore se non rispondiamo a quel male con altro male. Non è buonismo. Forse è sopravvivenza. O forse, meglio ancora, è consapevolezza. Niente e nessuno può e deve cancellare i nostri propositi, soprattutto se sanno di buono. Sono nostri, ci appartengono e ci danno un motivo in più per essere felici di questa vita.
Il Natale ci porti allora in dono queste due speranze, quella dell’amore semplice e quella dei desideri da non spegnere.
E coccoliamoci dentro, per tutto il 2019, questo regalo.
Buone feste!

Valentina e Raffaella, Daniela, Alessandro, Mariantonietta ***L'agenzia riaprirà giovedì 3 gennaio 2019***
.
.
#merrychristmas #METROPOLITANADV💜💚 #metropolitanadv #communication #agency #webagency #graphicdesign #art #graphicdesigner #graphicart #greenandviolet #feliznavidad #natale #brindisi #salento #lecce #italia
Read more
Ho fatto un viaggio nella Storia. Sono partita da Chicago credendo semplicemente di attraversare ...
Media Removed
Ho fatto un viaggio nella Storia. Sono partita da Chicago credendo semplicemente di attraversare alcuni Stati Uniti d’America, ma non mi ero accorta che avrei attraversato 200 anni di storia americana. Quando ti trovi sotto al cartello “BEGIN ROUTE66” pensi che quella sia stata “solamente” ... Ho fatto un viaggio nella Storia.
Sono partita da Chicago credendo semplicemente di attraversare alcuni Stati Uniti d’America, ma non mi ero accorta che avrei attraversato 200 anni di storia americana.
Quando ti trovi sotto al cartello “BEGIN ROUTE66” pensi che quella sia stata “solamente” la partenza negli anni 30 di chi andava a cercare “una vita migliore” e la conferma di qualcosa di “migliore” cresce quando arrivata a St. Louis mi si è spalancato davanti questo ARCO così imponente da rimanere senza fiato... poi però ho abbandonato quella strada e ne ho intrapresa un’altra.
Quella di chi in questi ultimi 100 anni ha lottato. Non ci avevo fatto caso, fino a quando a Memphis, al Lorraine Motel, diventato ora MUSEO DEI DIRITTI CIVILI, mi sono seduta a guardare un filmato sul razzismo negli anni ‘50 e una DONNA BIANCA, piangendo, a fianco si è girata e ha detto “WHY?” Ecco, da lì, ho iniziato a vivere tutto in maniera differente. Dopo solo qualche ora mi sono ritrovata in mezzo ad un campo di cotone e non potete capirne la bellezza... ma allo stesso tempo... Sapevate che la pianta di cotone è molto bassa e per raccoglierlo bisogna stare chinatissimi? Le estati in Mississippi sono caldissime e nei campi di cotone non ci sono piante per ripararsi... ecco allora per un attimo ho immaginato chi quel cotone lo raccoglieva per i loro padroni... e il cuore mi si è stretto di nuovo. Ho visitato le piantagioni, ormai famose, e al di là della bellezza di queste case io ci ho sentito il dolore di chi quelle case le viveva davvero.
Avete presente quello scatto famosissimo dove la prima donna AFROAMERICANA, Rosa Parks, si siede sul bus nel posto riservato ai Bianchi? Bene, io sono salita su quel bus e l’unica cosa che sono riuscita a pensare è stato” Ma tu guarda questa DONNA quanto doveva essere forte!” E poi c’è la musica... il TRIANGOLO dove ( come dice Matteo) e’ nato tutto:
- Nashville con la country music - Memphis con il rock’n’roll - Il Delta con il suo Blues
Senza dimenticarsi la guerra civile americana e soprattutto che per la prima volta in vita mia so chi sono I SUDISTI E i NORDISTI e ora guardare Via col vento sarà tutta un’altra storia... [leggi su FB]
Read more
<span class="emoji emoji1f538"></span>Sono in Erasmus da tre mesi e mezzo e ho affrontato varie crisi, quella per il freddo, quella per ...
Media Removed
Sono in Erasmus da tre mesi e mezzo e ho affrontato varie crisi, quella per il freddo, quella per le persone più fredde del clima, quella per il cibo, quella per la mancanza di casa ma mai nessuna supererà la crisi università. Non mi aspettavo sarebbe stato così difficile seguire i corsi in ... 🔸Sono in Erasmus da tre mesi e mezzo e ho affrontato varie crisi, quella per il freddo, quella per le persone più fredde del clima, quella per il cibo, quella per la mancanza di casa ma mai nessuna supererà la crisi università. Non mi aspettavo sarebbe stato così difficile seguire i corsi in lituano o abituarsi ad un modo di insegnare e di rapportarsi al mio corso di studi che è completamente opposto al mio e invece non è stato per niente semplice. Sono arrivata qui e alla prima lezione mi hanno chiesto di realizzare un capo con 3 varianti per la settimana dopo e io non sapevo nemmeno infilare il cotone nell'ago, ad oggi, dopo 3 mesi e mezzo, dopo aver pianto sulla macchina per cucire e dopo aver jastemmato tutti i vivi e i morti per il sangue buttato, ho realizzato una collezione (e non solo) completamente da sola. I disegni, i cartamodelli, la parte sartoriale e alla fine li ho indossati. È stato un percorso tosto e tutto in salita. Mi sono trovata catapultata in un mondo che non sentivo mio, a cui credevo di non appartenere, mi sono buttata giù tante volte e mi sono fatta forza altrettante, da sola, senza avere nessuno accanto, troppo lontana da chi di solito mi risolleva il cuore, ma alla fine ho raggiunto l'obiettivo. Magari non sarò ai livelli degli studenti con i quali ho lavorato in questi mesi ma sono soddisfatta di aver portato a termine qualcosa che prima di partire non ero in grado di fare e soprattutto, in fin dei conti, sono contenta che sia andata così. Più è difficile, più ti cambia, più ti cambia, più cresci.

#fashiondesignstudent🎓👕 #collection💥 #madebyme✂📐 #theend⏳ #Erasmus🌍
Read more
Viaggiare il Bici ha un ché di primordiale. Attraversare una terra che non conosci, senza sapere ...
Media Removed
Viaggiare il Bici ha un ché di primordiale. Attraversare una terra che non conosci, senza sapere dove dormirai quella sera, a quanti km avrai nelle gambe. Dovendoti arrabattare per cercare la strada, e l’acqua, e fermarti per mangiare prima di avere fame. Prima, non quando ce l’hai. Perché ... Viaggiare il Bici ha un ché di primordiale.
Attraversare una terra che non conosci, senza sapere dove dormirai quella sera, a quanti km avrai nelle gambe. Dovendoti arrabattare per cercare la strada, e l’acqua, e fermarti per mangiare prima di avere fame.
Prima, non quando ce l’hai. Perché quando hai fame è tardi, e sicuro sei in mezzo a 60 km di nulla, o di raffinerie, che poi è più o meno la stessa cosa.
Ripararsi, nutrirsi: primordiale, appunto.

C’è un’ora del giorno, quella che precede il tramonto che io chiamo ‘il momento d’oro’, perché il sole basso tinge tutto d’oro, ma anche perché il traffico cala, e tu te ne puoi stare lì, con i tuoi pensieri, che in bici sono sempre lieti. O quasi.
A quell’ora stai, di solito, raggiungendo il posto in cui hai intenzione di passare la notte.
A volte invece hai cannato di brutto e ti aspettano ancora 70 km, e troppe salite, e sai che dovrai usare la frontale, e speri di avere cambiato le pile, ma non ne sei poi così sicuro.
Raramente, molto raramente, sai che dopo quell’ultima, bastardissima, salita ti aspetta un letto pulito, e un buon ristorante.

Quella è una sensazione di sicurezza e protezione, come quando da bambini eravamo al mare con i genitori, o meglio, con la mamma, perché il papà veniva solo il weekend, perché in settimana lavorava.
E si stava in acqua a giocare per ore, con gli ‘amici del mare’, quelli che avevo conosciuto 3 anni fa e rivedevi ogni anno, in villeggiatura.
Perché allora c’era la villeggiatura estiva, ma quella è un’altra storia.
Comunque stavi in acqua a fare il pandemonio per ore, fino a quando tua mamma ti chiamava per uscire, e allora correvi su verso l’ombrellone, che era sempre quello da anni.
Arrivavi da lei, e ti avvolgeva nell’asciugamano, che sapeva di pulito e un po’ di crema solare, e poi ti infilava in mano un pezzo di pizza margherita, comprata al forno quella mattina. L’addentavi, scosso dai brividi, era tiepido e un po’ molle, perché era stato al sole nella carta oleata.
E ti sentivi protetto. Felice.
Come quando sai che ci sarà un letto per te, un amico che ti aspetta, e un buon ristorante. #alvento
Read more
Dimenticavo, e poi forse la smetto con le foto di quella serata, che dopo aver chiacchierato con ...
Media Removed
Dimenticavo, e poi forse la smetto con le foto di quella serata, che dopo aver chiacchierato con Ricardinho ho anche giocato (più o meno eh ) con quei fenomeni del @petrarca_calcio_a_5. Sì, con @adrianofoglia10oficial e tutti gli altri. Loro hanno vinto la B, io mi difendo in C2. Mi hanno ... Dimenticavo, e poi forse la smetto con le foto di quella serata, che dopo aver chiacchierato con Ricardinho ho anche giocato (più o meno eh 😅) con quei fenomeni del @petrarca_calcio_a_5. Sì, con @adrianofoglia10oficial e tutti gli altri.
Loro hanno vinto la B, io mi difendo in C2. Mi hanno fatto sentire parte del loro gruppo. Mi hanno fatto battere (e per fortuna ho segnato) un rigore. Mi hanno cercato in campo. Mi hanno, in qualche modo, fatto vivere due ore come un giocatore vero e per questo li ringrazierò sempre.
Quella maglia con il 5 la tengo stretta.
Read more
Dimmi con chi vai... e ti dirò chi sei... per raccontarmi, ho bisogno di spiegare anche chi mi sta ...
Media Removed
Dimmi con chi vai... e ti dirò chi sei... per raccontarmi, ho bisogno di spiegare anche chi mi sta vicino. Lui credono di conoscerlo in tanti ma non é così Ogni persona mostra quello che crede sia più efficace. Ma a volte, quello che per noi è funzionale, risulta riduttivo ai più. Io racconto ... Dimmi con chi vai... e ti dirò chi sei... per raccontarmi, ho bisogno di spiegare anche chi mi sta vicino.
Lui credono di conoscerlo in tanti
ma non é così
Ogni persona mostra quello che crede sia più efficace. Ma a volte, quello che per noi è funzionale, risulta riduttivo ai più. Io racconto sempre la mia vera sfiga: nascere con la faccia da stronzo, e non esserlo...lui nasce come “il bello”, e quello a volte tiene nell’ombra il suo vero essere. Lui è l’entusiasmo assoluto. Quando crede in qualcosa, è il suo primo pensiero, e non molla mai. Ma è anche insicuro.. e quindi vive spesso questo dualismo, che lo rende a volte nervoso, ed altre impreciso. Ma averlo visto crescere, è una delle più grandi soddisfazioni della mia Vita. Lo conosco da ragazzino, quando la prima volta che suo cugino me lo presentò, tutto vestito di bianco, gli dissi “ fatto la comunione?” Aveva 14 anni. Poi ricordo quella sera , al Muretto.. arrivò con un acetato, chiedendomi di metterlo ( con il suo entusiasmo) però presto che doveva poi andare a farlo mettere da un’altra parte. Aveva gli occhi che brillavano! La prima volta che quel luccichio scomparve, lo portai a mangiare una pizza.. un nostro Amico, senza volerlo, gli aveva tolto quella cosa che lo rende unico. E allora riuscii a convincerlo di venire con me a Riccione. Una delle prime sere, alla Villa delle Rose ( lui faceva la prima ora e mezza), lo ritrovai con una sigaretta in bocca, e una in mano.. io “nervosetto, eh?” Ma Lui si conquistò quel posto ambito da tantissimi colleghi, che ancora oggi detiene. Poi ci fu quell’esperienza della casa. La sera che uscì fui il primo a parlarci.. sembrava un pazzo.. come tutti gli altri d’altronde.. ma quella esperienza che fece tanto male a molti, Lui riuscì a cavalcarla, senza esserne intaccato, e questo pochi l’hanno pensato, capito, e oggi semmai dimenticato. Abbiamo litigato centinaia di volte.. perché chi si Ama, è giusto che si confronti. Migliaia di voli, milioni di culi che ondeggiano..decine di hits..e tutto ciò non hanno toccato il mio Fratello più piccolo ormai cresciuto
Malgrado le sue “paturnie”, la sua bontà e onestà, mi fa esserne fiero , come se fosse veramente mio Fratello
Read more
Non ci portare chiunque a vedere il mare, che è una cosa importante, non è mica una cosa da niente. Andare ...
Media Removed
Non ci portare chiunque a vedere il mare, che è una cosa importante, non è mica una cosa da niente. Andare con qualcuno a vedere il mare non è come andare al bar, a vedere le vetrine dei negozi in piazza o a prendere un gelato. È veramente molto di più. A guardare il mare portaci qualcuno che condivida ... Non ci portare chiunque a vedere il mare, che è una cosa importante, non è mica una cosa da niente.
Andare con qualcuno a vedere il mare non è come andare al bar, a vedere le vetrine dei negozi in piazza o a prendere un gelato.
È veramente molto di più.
A guardare il mare portaci qualcuno che condivida il silenzio con te, è difficile trovarlo, ma se lo trovi non hai scampo. Lo vedi come se foste in un altro mondo, un mondo dove basta il silenzio per capirsi. Un mondo tutto vostro.
Portaci qualcuno con il quale non devi parlare per forza, perché il mare è un film muto che ti sorprende per i colori,
per le sensazioni che ti provoca allo stomaco e per i rumori delle onde che ti fanno sentire in una situazione di equilibrio.
Ma quel che veramente vale, del mare, sono le sfumature. Come di ogni cosa bella d’altronde.
Portaci chi è stato in grado di dimostrarti che tu vali molto più di quel che pensi, di quel che ti aspetteresti,
qualcuno che faccia di te una priorità e non un passatempo.
Quella persona che riesce a sentire le tue tragedie più interne, senza pensare che siano cose banali e poco rilevanti.
A vedere il mare portaci chi ti sa capire senza parlare,
chi ti viene a prendere se ti allontani,
chi ti da la possibilità di appoggiarti sulla sua spalla quando cadi, chi se osservando nei tuoi occhi,
incredibilmente nota un po’ di mare anche in te.
Quella persona che quando alza lo sguardo al cielo, legge il tuo nome.
Portaci qualcuno proprio così, che ti faccia sentire dentro un caos e fuori una persona magica, piena di vita.
Ti sembrerà di veder qualcosa di stupefacente, di sconvolgente,
di affascinante e per la prima volta nella tua vita sembrerà di vedere il mare, perché così non l’avevi visto mai.
@peppe_parasiliti10 💕👫🏡💏❤
I love you my only love!❤



#summer #summertime #sun #hot #sunny #warm #fun #beautiful #sky #clearskys #season #seasons #instagood #instasummer #photooftheday #nature #TFLers #clearsky #bluesky #vacationtime #weather #summerweather #sunshine #summertimeshine #love #iloveyou #happy #capodorlando
Read more
L’estate è appena iniziata con le nostre #COVER _______________________________ #COVERSTORE ...
Media Removed
L’estate è appena iniziata con le nostre #COVER _______________________________ #COVERSTORE realizza per oltre 300 modelli, SCEGLI QUELLA PIÙ ADATTA A TE! Possibilità di #PERSONALIZZAZIONE in poco tempo e di proteggere con il nostro #TEMPEREDGLASS il vostro display per evitare ... L’estate è appena iniziata con le nostre #COVER
_______________________________

#COVERSTORE realizza per oltre 300 modelli, SCEGLI QUELLA PIÙ ADATTA A TE!

Possibilità di #PERSONALIZZAZIONE in poco tempo e di proteggere con il nostro #TEMPEREDGLASS il vostro display per evitare graffi e rotture 💎
________________________________

#SEGUI la pagina ufficiale per restare sempre aggiornato sulle novità!

COVERSTORE®️ROMA
VIA DEL CORSO, 31
VIA DEL CORSO, 247
VIA DI BOCCEA, 200
VIALE LIBIA, 163
Cc Euroma 2
Village Parco de Medici
Via delle province 100
Centro Commerciale Roma est
Via Tuscolana 925
Stazione Termini
#coverstore #coverstoreitalia #coverstoreroma #officialcover #madeinitaly #iphone #samsung #huawei #smartphone #phone #white #black #nero #marmo #silver #cover #colori #colore #arcobaleno @coverstore_italia_official @coverstore__italy @coverstore_italia
_______________________________

#COVERSTORE realizza per oltre 300 modelli, SCEGLI QUELLA PIÙ ADATTA A TE!

Possibilità di #PERSONALIZZAZIONE in poco tempo e di proteggere con il nostro #TEMPEREDGLASS il vostro display per evitare graffi e rotture 💎
________________________________

#SEGUI la pagina ufficiale per restare sempre aggiornato sulle novità!

COVERSTORE®️ROMA
VIA DEL CORSO, 31
VIA DEL CORSO, 247
VIA DI BOCCEA, 200
VIALE LIBIA, 163
Cc Euroma 2
Village Parco de Medici
Via delle province 100
Centro Commerciale Roma est
Via Tuscolana 925
Stazione Termini
#coverstore #coverstoreitalia #coverstoreroma #officialcover #madeinitaly #iphone #samsung #huawei #smartphone #phone #white #black #nero #marmo #silver #cover #colori #colore #arcobaleno @coverstore_italia_official @coverstore__italy @coverstore_itali
Read more
Tanto tempo fa, in un paese lontano lontano, un giovane principe viveva in un castello splendente. ...
Media Removed
Tanto tempo fa, in un paese lontano lontano, un giovane principe viveva in un castello splendente. Benché avesse tutto quello che poteva desiderare il principe era viziato, egoista e cattivo. Accadde però che una notte di inverno una vecchia mendicante arrivò al castello e offrì al principe ... Tanto tempo fa, in un paese lontano lontano, un giovane principe viveva in un castello splendente. Benché avesse tutto quello che poteva desiderare il principe era viziato, egoista e cattivo. Accadde però che una notte di inverno una vecchia mendicante arrivò al castello e offrì al principe una rosa in cambio di un riparo dal freddo pungente. Lui, che provava repulsione per quella vecchia dal misero aspetto, rise del dono e la cacciò. Ma lei lo avvertì di non lasciarsi ingannare dalle apparenze, perché la vera bellezza si trova nel cuore. Il principe la respinse di nuovo e in quel momento la bruttezza della mendicante si dissolse ed apparve una bellissima fata. Il principe si scusò, ma era troppo tardi, perché lei aveva visto che non c'era amore nel suo cuore e per punirlo lo tramutò in una orrenda bestia e lanciò un incantesimo sul castello e su tutti i suoi abitanti. Vergognandosi del suo aspetto mostruoso la bestia si nascose nel castello con uno specchio magico come unica finestra sul mondo esterno. La rosa che gli aveva offerto la fata era davvero una rosa incantata e sarebbe rimasta fiorita fino a che il principe avesse compiuto 21 anni. Se avesse imparato ad amare e fosse riuscito a farsi amare a sua volta prima che fosse caduto l'ultimo petalo, l'incantesimo si sarebbe spezzato; in caso contrario sarebbe rimasto una bestia per sempre. Con il passare degli anni il principe cadde in preda allo sconforto e perse ogni speranza... chi avrebbe mai potuto amare una bestia?
Read more
Due anni fa, alla stazione degli autobus di Francoforte, incontravo Ana. Quella notte, e il viaggio ...
Media Removed
Due anni fa, alla stazione degli autobus di Francoforte, incontravo Ana. Quella notte, e il viaggio a Berlino che l'avrebbe seguita, rimane per me il momento in cui ho conosciuto una delle persone più importanti del mio Erasmus, e un'Amica per tutta la vita. Continuo a stupirmi di come, ... Due anni fa, alla stazione degli autobus di Francoforte, incontravo Ana. Quella notte, e il viaggio a Berlino che l'avrebbe seguita, rimane per me il momento in cui ho conosciuto una delle persone più importanti del mio Erasmus, e un'Amica per tutta la vita.
Continuo a stupirmi di come, da complete sconosciute, nel giro di una settimana avessimo legato così tanto da conoscere storie e segreti propri l'una dell'altra.

Né parole, né regali, né qualsiasi altro gesto riusciranno mai a ringraziarla abbastanza per quanto ha fatto e continua a fare per me: sopportare le mie chiamate e i messaggi chilometrici di sfogo, farmi sorridere e divertire anche quando vorrei solo piangere, riempirmi di dolcezza (e di cioccolata fondente, come quella volta in cui ne avevo tanto bisogno in una fredda serata alsaziana), accompagnarmi negli assalti ai buffet, e pianificare con me la prossima avventura.

Contro il tempo e le distanze... Te quiero mucho Amiga ❤️ #ErasmusFriends #Erasmus #Strasbourg #friendship #EspIta #Amigas #amiche #bff #España #Italia #Francia #friends #bestoftheday #picoftheday #amistad #amicizia
Read more
Addormentarmi con il rumore del mare in sottofondo, svegliarmi e vederlo lì, che si estende fino ...
Media Removed
Addormentarmi con il rumore del mare in sottofondo, svegliarmi e vederlo lì, che si estende fino all’orizzonte, le barche che lo solcano e quella sensazione di libertà che mi dona. Le ore passate a mollo, giocando, nuotando, cercando con Alessandro piccoli tesori sulla riva, rincorrendo ... Addormentarmi con il rumore del mare in sottofondo, svegliarmi e vederlo lì, che si estende fino all’orizzonte, le barche che lo solcano e quella sensazione di libertà che mi dona. Le ore passate a mollo, giocando, nuotando, cercando con Alessandro piccoli tesori sulla riva, rincorrendo granchietti, tra schizzi e corse, la pelle che si colora e diventa come il miele…
Come riprendersi dalle vacanze finite? Sul blog vi svelo il mio rituale. [ Link in bio @lasottilelinearosa ]
Intanto vi do una piccola grande anticipazione che porta con se un bellissimo regalo perché quest’anno per completare il tutto ho scelto di dare un tocco ancora più speciale a questo mio coccoloso rituale con dei poster Desenio, ed è proprio insieme a Desenio che ho voluto farvi questo regalo: SOLO PER VOI che mi seguite sempre con tanto affetto 💓, Desenio mette a disposizione un CODICE SCONTO del 25% VALIDO SOLO PER 3 GIORNI (da oggi 28 fino al 30 agosto).
Il codice da utilizzare è “lasottilelinearosa”.
Scoprite i meravigliosi poster e tutti gli accessori per dare quel tocco speciale alla vostra casa. Sul sito e sul profilo trovate tante ispirazioni ed un tool per ideare un wall a vostra immagine e somiglianza.
____
Poster e cornici di DESENIO! Il codice"lasottilelinearosa" dà il 25% di sconto sui poster, tra il 28-30 Agosto * Segui @desenio per più ispirazione! *
Il codice non è valido per le cornici e i poster delle collezioni handpicked-/collaboration
#desenio #adv
#lasottilelinearosa #letspringyoursoul
Read more
GRAFÈIN una mostra in condivisione con Corraini arte contemporanea, Mantova e Galerie Tanglberg, ...
Media Removed
GRAFÈIN una mostra in condivisione con Corraini arte contemporanea, Mantova e Galerie Tanglberg, Vorchdorf, Austria LaGalleria spazio arte contemporanea di Palazzo Ducale 7 settembre – 4 Novembre 2018. L’esposizione indaga il processo grafico inteso nel suo idearsi e dipanarsi, ... GRAFÈIN

una mostra in condivisione con Corraini arte contemporanea, Mantova

e Galerie Tanglberg, Vorchdorf, Austria

LaGalleria spazio arte contemporanea di Palazzo Ducale 7 settembre – 4 Novembre 2018. L’esposizione indaga il processo grafico inteso nel suo idearsi e dipanarsi, comprendendo quindi anche l'accezione del linguaggio, del disegno ideato come scrittura e come segno. Gli artisti invitati sono Sergia Avveduti, Luca Barcellona, Giulio Camagni, Giovanni De Lazzari, Giuseppe De Mattia, Fausto Gilberti e Brigitte Mahlknecht, selezionati dai curatori per dar luogo a un dialogo aperto e propositivo in merito alla potenzialità espressiva e semantica del segno. Per rendere ancora più serrato il confronto, gli artisti saranno di volta in volta ospiti in residenza presso il Museo per dar loro modo di trarre suggestioni dal patrimonio della reggia gonzaghesca da condividere con il pubblico, al fine di promuovere una dinamica di reciproco interesse e scambio intellettuale. L’artifex opererà ne La Galleria, durante gli orari d’apertura, abitando un drawing space quotidiano che vede l’intrecciarsi di competenze e esperienze per far scaturire molteplici riflessioni sui linguaggi della contemporaneità all’interno di una verosimile fucina creativa dell'artista. A loro volta le opere dei giovani maestri entreranno in relazione con circa trenta opere di illustri nomi del Novecento e con significative incursioni dall’età del Rinascimento a quella del Romanticismo. La produzione grafica, tra gli altri, di Kubin, Kokoschkha, Pisarro, Millet, sarà associata a quella più recente di Nitsch, Rainer, Fioroni, Munari e Cerone, provenienti in parte dalla Galerie Tanglberg di Vorchdorf (Austria) e in parte dalla Galleria Corraini di Mantova.

La complessa operazione di turnover degli artisti è sostenuta dalla Fondazione “Luigi ed Eleonora Gonzaga”. Catalogo: Corraini Edizioni
Read more
Pov.Draco Lei comincia a camminare indignata per ciò che le ho detto...anche se non so in cosa ho ...
Media Removed
Pov.Draco Lei comincia a camminare indignata per ciò che le ho detto...anche se non so in cosa ho sbagliato...ma non mi importa...rimango la in piedi a guardarla allontanarsi mentre sculetta con le braccia incrociate,non riesco a non fare a meno di sorridere H: ti vuoi muovere eh!?- io ... Pov.Draco
Lei comincia a camminare indignata per ciò che le ho detto...anche se non so in cosa ho sbagliato...ma non mi importa...rimango la in piedi a guardarla allontanarsi mentre sculetta con le braccia incrociate,non riesco a non fare a meno di sorridere
H: ti vuoi muovere eh!?- io la guardo sorridendo e mi incammino dietro di lei.
D: cosa dobbiamo controllare ora?non ne posso più di stare con te-lei sbuffa e comincia a rallentare,poi si affianca a me e cominciamo a camminare l'una accanto all'altra,mi sento...quasi in imbarazzo...ma non ho voglia di scansarmi...mi...piace...stare vicino a lei...ha un dolce profumo di vaniglia con un retrogusto di fragola...lei si accorge di essere finita accanto a me e si scansa di un metro
H: Oh scusa!ti stavo per contagiare!- io la guardo male...non ho voglia di discutere.
La serata passa velocemente...non ci parliamo molto e controlliamo tutta la scuola
H: beh, a domani allora,purtroppo-
D: già, purtroppo,che razza di mezzosangue mi trovo accanto!- io me ne vado e lei anche,non so ma...dicendole quella cosa ho quasi visto della delusione nei suoi occhi color caramello,entro nel dormitorio di serpeverde,appena arrivo in camera vedo che Blaise è ancora sveglio (B=Blaise)
B:allora...come è andato il giro di ronda?- io faccio un ghigno
D: come vuoi che sia andato?abbiamo controllato in giro e stop...-
B:Draco però devi ammettere che la Granger è bella o no?-
D: non ho tempo di pensare all'amore e comunque lei mi fa schifo...ora sono impegnato con quella cosa...-
B:la missione che ti ha dato
Voldemort?-
D:esatto,e ne la mezzosangue ne nessun altro mi riuscirà a distrarre-
B:Draco devi pensare di più a te stesso,non solo a ciò che ti ha detto Voldemort-
D: Blaise!uccidere Silente non sarà facile!mi devo impegnare...anche se non voglio...lo devo fare...o lui mi ucciderà...- Blaise mi guarda avvilito
B: Draco non lo devi fare per forza...
D: si...devo...-
B:va bene...notte Draco...- io annuisco e mi butto sul letto tutto vestito,mi sono tolto solo le scarpe...e mi addormento... con il pensiero di qualcuno nella mente...con il pensiero della Granger...non so nemmeno io perché...
Read more
Oggi su @percorsifotosensibili parlo di Four Minutes. Per vedere più foto visita il profilo ...
Media Removed
Oggi su @percorsifotosensibili parlo di Four Minutes. Per vedere più foto visita il profilo @percorsifotosensibili Four Minutes 2015-2016 Four Minutes nasce da una riflessione sulla nostra percezione del tempo. Poiché spesso è da noi vissuto come sfuggente, è interessante ... Oggi su @percorsifotosensibili parlo di Four Minutes.

Per vedere più foto visita il profilo @percorsifotosensibili
Four Minutes
2015-2016

Four Minutes nasce da una riflessione sulla nostra percezione del tempo. Poiché spesso è da noi vissuto come sfuggente, è interessante domandarsi cosa accade in noi quando stiamo dentro al tempo in modo consapevole.

Per questo ho chiesto alle quarantotto persone che hanno partecipato al progetto di compiere un vero e proprio atto performativo che li mettesse a stretto contatto con se stessi abbandonando un’emozione disturbante non più desiderata. Durante il processo di liberazione si crea un vuoto nel soggetto. Il vuoto da un punto di vista psicologico rimanda al concetto di morte e quindi alla paura di non sentire più. Rimanere su di esso per una manciata di minuti, quattro appunto, e accettarlo è la pratica di Four Minutes.

Nella società occidentale il vuoto è percepito come mancanza mentre in quella orientale è sinonimo di ricchezza. In particolare per il Taoismo il vuoto è importante quanto il pieno. Sovente, per non sentirlo, ci riempiamo la giornata di cose più o meno “importanti”, non lasciando spazio alla dimensione delle nostre emozioni. Abbandonare un’emozione quindi per fare spazio a se stessi, al vero sé e per darsi il tempo.

Chi ha partecipato al progetto si è mostrato per com’è, nella propria nudità emozionale e ha rinunciato all’immagine che ha di sé nell’esatto momento dello scatto. Ha compiuto un vero e proprio atto di coraggio nei confronti del proprio Io.

I ritratti sono stati esposti nella galleria Lilith a Ravenna dal 23 settembre al 31 ottobre 2016.

www.marziabondoli.com
.
.
.
#takeover  #percorsifotosensibili #marziabondolinielsen #italianpeople #fourminutes #talent #emergingtalents #photographer #italianphotographers #photobyitaly #artist #italianphotography
Read more
Su un immagine di #rolfmaeder ho scritto un testo. Ve lo propongo. On an Image by Rolf Maeder i wrote ...
Media Removed
Su un immagine di #rolfmaeder ho scritto un testo. Ve lo propongo. On an Image by Rolf Maeder i wrote a simple text in Italian. Vagavo da solo, con il sole all'orizzonte, un pugno di terra mista a sabbia in mano. A poche miglia dal Grand Canyon, aspettavo il tramonto a togliermi il caldo di ... Su un immagine di #rolfmaeder ho scritto un testo. Ve lo propongo.

On an Image by Rolf Maeder i wrote a simple text in Italian.

Vagavo da solo, con il sole all'orizzonte, un pugno di terra mista a sabbia in mano. A poche miglia dal Grand Canyon, aspettavo il tramonto a togliermi il caldo di dosso. Le stelle stavano comparendo, piano piano, ad indicar la via come una bussola celeste. La meraviglia dell'America mi aveva travolto, da Washington a quelle terre selvagge che mi circondavano tutt'attorno. Los Angeles, la Route 66 ed il Texas. Non volevo perdermi niente di quel continente. Continente di rivoluzionari e patriottici. Mondo di spettacolari costruzioni e di immensi spazi selvaggi. Dalle vacche ai grattacieli, dall'oceano alle praterie. Il silenzio mi circondava, adesso, e mi sentivo più forte. Quelle luci, lassù nel cielo, davano nuova speranza alla mia essenza. Il mio sguardo stanco, nella notte appena scesa, emanava più lucentezza di un diamante. Ero più meravigliato, da quella voglia di esistere, di un bambino davanti un trucco di magia. Sentivo la vita, soltanto quella, a trascinarmi passo dopo passo, verso l'infinito. Che Dio benedica il nostro pianeta, i popoli e le nazioni. Che benedica il cibo, gli amori ed il fuoco. Che benedica tutto l'umano vivere. E che benedica questo terriccio su cui cammino e questa mia insperata voglia di eterno. Grazie, mio dio, perché, sono dannatamente qui, sulla terra. E voglio restarci ancora, per sempre o gli anni a venire. Che sia spirito libero o ingabbiato, lotterò per una libertà da mantenere o conquistare. E ci sarò, si, adesso e domani. Respirando. Umano. Vivo.

Yuri Baldacci (27/11/2018) (Foto di Rolf Maeder, All rights reserved)

#text #image #grandcanyon #america #life #live #testi #immagini #testo #immagine #liberta #freedom #stelle #stars #scrivere #scrittura #idee
Read more
Avevo 11 anni la prima volta che ho avuto voglia di Londra. La verità è che non ne sapevo niente, Notting ...
Media Removed
Avevo 11 anni la prima volta che ho avuto voglia di Londra. La verità è che non ne sapevo niente, Notting Hill doveva ancora uscire al cinema. Avevo sentito un’amica parlare di un certo viaggio studio organizzato in estate e tornata a casa dissi “posso andare in college in Inghilterra?”. Avevo ... Avevo 11 anni la prima volta che ho avuto voglia di Londra. La verità è che non ne sapevo niente, Notting Hill doveva ancora uscire al cinema. Avevo sentito un’amica parlare di un certo viaggio studio organizzato in estate e tornata a casa dissi “posso andare in college in Inghilterra?”. Avevo 11 anni, pesavo ventinove chili e la mia valigia poco meno di me quando sono partita con il lettore cd nello zaino, le Dr.Martens ai piedi e più o meno dieci frasi in inglese in testa.
Arrivata in Inghilterra il mio primo college fu a Stevenage, poi negli anni successivi Sherborne per due estati di fila, York e credo Cambridge. Cinque estati in cui facevo la valigia e partivo per vivere settimane che mi strappavano dalla realtà che conoscevo e mi facevano diventare grande ogni volta. Ragazzi da tutto il mondo, la scoperta di un paese che non si ferma a Londra e che ho visitato in lungo e in largo, le responsabilità (gestire il mio guardaroba, la lavanderia, i soldi che mi erano stati affidati, i contatti con casa, i compiti il pomeriggio), la mancanza di casa, quella folle bolletta per le telefonate a carico perché volevo raccontare tutto mentre lo stavo vivendo (già pensavo alle Stories) e quando la sera a volte mi mancava casa. L’odore della moquette nei corridoi, il colore delle porte che separavano il dormitorio femminile da quello maschile, il rumore delle racchette sulle palle nei campi da tennis fuori dalla finestra, il profumo del fish and chips alla mensa, il raffreddore per aver fatto il bagno in piscina quando era vietato, il silenzio di quando sgattaiolavamo fuori dalle stanze dopo il coprifuoco e quella prima birra assaggiata in quel pub dove non chiedevano i documenti.
La mia vita è cambiata a 11 anni la prima volta e se sono la persona che sono oggi, se sono avventurosa, curiosa, lo devo ai miei genitori e poi a me stessa, perché in quei cinque anni e dopo ancora ho saputo essere piccola e grande al tempo stesso, piangendo quando mi mancava casa e divertendomi come una matta ogni istante. Fate viaggiare i vostri figli, fategli questo dono.
Read more
Le torte di mia mamma sono sempre più buone delle mie. Sarà che lei impasta con più amore e la giusta ...
Media Removed
Le torte di mia mamma sono sempre più buone delle mie. Sarà che lei impasta con più amore e la giusta forza, tipica di una donna scorpione. E come tante ragazze della sua età non segue dosi e grammi, ma l’esperienza e l’istinto per far sì che la ricetta riesca. In questa occasione però si è sforzata ... Le torte di mia mamma sono sempre più buone delle mie. Sarà che lei impasta con più amore e la giusta forza, tipica di una donna scorpione. E come tante ragazze della sua età non segue dosi e grammi, ma l’esperienza e l’istinto per far sì che la ricetta riesca. In questa occasione però si è sforzata di pesare farina, zucchero, latte e burro per noi. Finalmente posso quindi darvi una delle sue ricette più buone. Da consumare rigorosamente la sera sul divano e, quella che avanza (se avanza), la mattina con il caffè.
.
.
Ricetta. PER 1 TORTA DI MELE

300 g di farina integrale + 150 g di burro + 200 g di zucchero di canna + 2 uova + 1 pizzico di sale + la scorza grattugiata di un limone non trattato + 1 bicchiere di latte + 3 mele (2 da tagliare a pezzetti, 1 da affettare e da usare per la superficie) + 1 bustina di lievito vanigliato.
.
.
Accendete il forno a 180° C. Tagliate 2 mele a pezzetti e tenete da parte.
Mettete le uova, zucchero, burro in una terrina e montate con la frusta (meglio elettrica) fino ad ottenere un composto spumoso. Aggiungete la farina, il lievito, la scorza di limone grattugiata, il latte, il pizzico di sale e montate ancora con la frusta elettrica fino ad amalgamare bene gli ingredienti. Aggiungete le due mele tagliate a pezzetti e mescolate con un cucchiaio di legno.
Imburrate uno stampo circolare, spolveratelo con del pan grattato per non far attaccare la torta, versateci il composto e ultimate la superficie con una mela tagliata a fettine. Infornate a 170° per 30 minuti. Fate sempre la prova dello stuzzicadenti per controllare lo stato di cottura. Estraete dal forno, fate raffreddare. Una meraviglia per gli occhi e per il palato!
#tortadimele #tortaallemele #mele #coffee #breakfastideas #breakfastinbed
Read more
L'estate continua in #COVERSTORE con la serie #COVER #SUMMER _______________________________ #COVERSTORE ...
Media Removed
L'estate continua in #COVERSTORE con la serie #COVER #SUMMER _______________________________ #COVERSTORE realizza per oltre 300 modelli, SCEGLI QUELLA PIÙ ADATTA A TE! Possibilità di #PERSONALIZZAZIONE in poco tempo e di proteggere con il nostro #TEMPEREDGLASS il vostro display ... L'estate continua in #COVERSTORE con la serie #COVER #SUMMER
_______________________________

#COVERSTORE realizza per oltre 300 modelli, SCEGLI QUELLA PIÙ ADATTA A TE!

Possibilità di #PERSONALIZZAZIONE in poco tempo e di proteggere con il nostro #TEMPEREDGLASS il vostro display per evitare graffi e rotture 💎
________________________________

#SEGUI la pagina ufficiale per restare sempre aggiornato sulle novità!

COVERSTORE®️ROMA
VIA DEL CORSO, 31
VIA DEL CORSO, 247
VIA DI BOCCEA, 200
VIALE LIBIA, 163
Cc Euroma 2
Village Parco de Medici
Via delle province 100
Centro Commerciale Roma est
Via Tuscolana 925
Stazione Termini
#coverstore #coverstoreitalia #coverstoreroma #officialcover #madeinitaly #iphone #samsung #huawei #smartphone #phone #white #black #nero #marmo #silver #cover #colori #colore #arcobaleno @coverstore_italia_official @coverstore__italy @coverstore_italia
_______________________________

#COVERSTORE realizza per oltre 300 modelli, SCEGLI QUELLA PIÙ ADATTA A TE!

Possibilità di #PERSONALIZZAZIONE in poco tempo e di proteggere con il nostro #TEMPEREDGLASS il vostro display per evitare graffi e rotture 💎
________________________________

#SEGUI la pagina ufficiale per restare sempre aggiornato sulle novità!

COVERSTORE®️ROMA
VIA DEL CORSO, 31
VIA DEL CORSO, 247
VIA DI BOCCEA, 200
VIALE LIBIA, 163
Cc Euroma 2
Village Parco de Medici
Via delle province 100
Centro Commerciale Roma est
Via Tuscolana 925
Stazione Termini
#coverstore #coverstoreitalia #coverstoreroma #officialcover #madeinitaly #iphone #samsung #huawei #smartphone #phone #white #black #nero #marmo #silver #cover #colori #colore #arcobaleno @coverstore_italia_official @coverstore__italy @coverstore_itali
Read more
In questi giorni non ho più il tempo di fare le foto e avendo già la valigia pronta mi ritrovo anche ...
Media Removed
In questi giorni non ho più il tempo di fare le foto e avendo già la valigia pronta mi ritrovo anche con gli outfit abbastanza limitati… Mi capita però di scorrere spesso la galleria del telefono e capito volentieri nelle foto di Parigi, di Roma e di altri piccoli viaggi che mi hanno lasciato ... In questi giorni non ho più il tempo di fare le foto e avendo già la valigia pronta mi ritrovo anche con gli outfit abbastanza limitati… Mi capita però di scorrere spesso la galleria del telefono e capito volentieri nelle foto di Parigi, di Roma e di altri piccoli viaggi che mi hanno lasciato un segno enorme. Mi sta prendendo un po’ la malinconia di Parigi in questi giorni, se dovesse capitare di avere qualche giorno attaccato di riposo una volta tornata Milano, sicuramente lo sfrutterei per tornare in quella città che mi ha ispirato tantissimo e mi ha fatto stare incredibilmente bene. Allo stesso modo vorrei riprendere un pochino quello che era inizialmente il motivo per cui mi divertivo tantissimo a usare Instagram: la passione per il mondo della moda, le tendenze, tutto ciò che ha fatto sì che questa mia passione diventasse un vero e proprio lavoro. Non sto dicendo che voglio tornare a fare la fashion blogger o a sponsorizzare cose a caso, semplicemente voglio tornare a condividere quella che per me è diventata non solo un’ancora di salvezza ma anche una grande motivazione nella vita. Mi manca condividere con voi consigli, outfit, dubbi e perché no, anche didascalie un po’ più elaborate, e non fatte di citazioni e qualche emoticon messa a caso. Settembre per me è il mese della rinascita, è più importante addirittura del primo dell’anno. Si parte con i buoni propositi e con i cambiamenti, e una volta tornata a Milano ho proprio intenzione di dare una spolverata alle vecchie abitudini. OGGI COSÌ 💪🏾
Read more
C’è stato un tempo in cui ero bruttissima.
Me lo dicevo guardandomi allo specchio e misurandomi ...
Media Removed
C’è stato un tempo in cui ero bruttissima.
Me lo dicevo guardandomi allo specchio e misurandomi i fianchi.
Poi ho cominciato a suonare e sono diventata bellissima.
Me lo scrivevano degli sconosciuti inviandomi email.
E non la capivo proprio quest’altalena, non lo capivo come si potesse ... C’è stato un tempo in cui ero bruttissima.
Me lo dicevo guardandomi allo specchio e misurandomi i fianchi.
Poi ho cominciato a suonare e sono diventata bellissima.
Me lo scrivevano degli sconosciuti inviandomi email.
E non la capivo proprio quest’altalena, non lo capivo come si potesse essere, in un’unica vita, bellissimi e bruttissimi.
In realtà è come quando visiti una città e c’è il sole, sei innamorato, mangi in un ristorante buonissimo e qualcuno ti sorride per strada.
Allora pensi “questo è il mio posto, ci vivrò”.
Poi ci ritorni anni dopo, in una sera che piove, sei solo, quel ristorante ha chiuso, entri in un negozio e il commesso ti tratta male.
Allora pensi che è il tempo che l’ha cambiata, quella città, che ora è brutta e devi scappare.
Pensi, anzi, che non avresti dovuto tornarci, per non rovinarne il ricordo.
Così te la prendi con le nuvole, con il tuo compagno che ti ha lasciato, con il ristoratore, con il passante.
Io me la prendevo con lo specchio, coi brufoli, con mia madre per il metabolismo, con la bisnonna per il naso.
Ma la bellezza non si smonta, non dipende da singoli ingredienti e dalle loro dosi.
Non dipende dai chili o dai centimetri ma da qualcosa di molto più difficile da quantificare.
E forse quel qualcosa si chiama felicità, forse si chiama benessere.
C’è stato un tempo in cui ero bruttissima, come una città grigia e fredda.
E in alcuni giorni mi capita di sentirmici ancora.
Ma anni fa ho cominciato a suonare e sono diventata bellissima. E ho la certezza interiore che non dipenda dal fatto che in tour mi trucco o mi vesto meglio.
Dipende dal fatto che quando canto sto bene, sono a mio agio, mi viene da sorridere non solo con gli occhi e con le labbra ma con tutto il corpo.
Mi sorridono i capelli, anche se crespi. Le unghie, anche se spezzate. La pancia, anche se la odio.
E anche quando una canzone è triste e cantarla vuol dire pescare qualcosa di buio dai pensieri, c’è una parte di me che continua a sorridere. Per l’amore del gesto, del mezzo stesso, oltre che del contenuto.
In un’unica vita si è bruttissimi e bellissimi, così come si è tristi e felici.
L’oggettività lasciamola alle cose inanimate.

#cestlamou in edicola
#ericamou
Read more
“Non ci portare chiunque a vedere il mare, che è una cosa importante, non è mica una cosa da niente. ...
Media Removed
“Non ci portare chiunque a vedere il mare, che è una cosa importante, non è mica una cosa da niente. Andare con qualcuno a vedere il mare non è come andare al bar, a vedere le vetrine dei negozi in piazza o a prendere un gelato. È veramente molto di più. A guardare il mare portaci qualcuno che condivida ... “Non ci portare chiunque a vedere il mare, che è una cosa importante, non è mica una cosa da niente.
Andare con qualcuno a vedere il mare non è come andare al bar, a vedere le vetrine dei negozi in piazza o a prendere un gelato. È veramente molto di più.
A guardare il mare portaci qualcuno che condivida il silenzio con te, è difficile trovarlo, ma se lo trovi non hai scampo. Lo vedi come se foste in un altro mondo, un mondo dove basta il silenzio per capirsi. Un mondo tutto vostro.
Portaci qualcuno con il quale non devi parlare per forza, perché il mare è un film muto che ti sorprende per i colori, per le sensazioni che ti provoca allo stomaco e per i rumori delle onde che ti fanno sentire in una situazione di equilibrio. Ma quel che veramente vale, del mare, sono le sfumature. Come di ogni cosa bella d'altronde.
Portaci chi è stato in grado di dimostrarti che tu vali molto più di quel che pensi, di quel che ti aspetteresti, qualcuno che faccia di te una priorità e non un passatempo. Quella persona che riesce a sentire le tue tragedie più interne, senza pensare che siano cose banali e poco rilevanti.
A vedere il mare portaci chi ti sa capire senza parlare, chi ti viene a prendere se ti allontani,
chi ti da la possibilità di appoggiarti sulla sua spalla quando cadi, chi se osservando nei tuoi occhi, incredibilmente nota un po’ di mare anche in te. Quella persona che quando alza lo sguardo al cielo, legge il tuo nome.
Portaci qualcuno proprio così, che ti faccia sentire dentro un caos e fuori una persona magica, piena di vita. Ti sembrerà di veder qualcosa di stupefacente, di sconvolgente, di affascinante e per la prima volta nella tua vita sembrerà di vedere il mare, perché così non l'avevi visto mai”.
_____ #cuoremio 🦋❤️🌊
Read more
"Se trovi quella persona con cui parli ogni giorno.Quella persona che ti fa spuntare il sorriso ...
Media Removed
"Se trovi quella persona con cui parli ogni giorno.Quella persona che ti fa spuntare il sorriso anche quando non vuoi.Quella persona con cui riesci a parlare di tutto.Quella persona che se anche state in silenzio non è imbarazzante.Quella persona che c'è sempre per te e anche se tutto va ... "Se trovi quella persona con cui parli ogni giorno.Quella persona che ti fa spuntare il sorriso anche quando non vuoi.Quella persona con cui riesci a parlare di tutto.Quella persona che se anche state in silenzio non è imbarazzante.Quella persona che c'è sempre per te e anche se tutto va male quella persona è lí vicino a te.Quella persona che ti ha visto piangere,struccata,in pigiama con i capelli arruffati e dopo tutto è ancora qui.Ecco quella persona non farte sfuggire....con quella persona RISCHIA"💘💘 ph: @eli_busoni ❤️❤️ #Grelila😍 #amichepazze #GIE💍 #il18noncipiacepiú😒😔
Read more
Mi piacciono tante cose. I treni quando partono. I tramonti che ti aggiustano. Le foto in cui sorrido ...
Media Removed
Mi piacciono tante cose. I treni quando partono. I tramonti che ti aggiustano. Le foto in cui sorrido senza mettermi in posa. Le domeniche di sole. Il gelato al pistacchio. I libri. I gatti. Le canzoni che ascolto in macchina senza pensare a niente. Gli occhi di chi mi guarda e non capisco ... Mi piacciono tante cose.
I treni quando partono. I tramonti che ti aggiustano. Le foto in cui sorrido senza mettermi in posa. Le domeniche di sole. Il gelato al pistacchio. I libri. I gatti.
Le canzoni che ascolto in macchina senza pensare a niente. Gli occhi di chi mi guarda e non capisco più nulla.
I capelli che si asciugano al vento dopo un tuffo in mare.
E le parole.
Quelle mi piacciono tanto.
Quelle che quando credo di non farcela, di aver paura, di non essere abbastanza, sono lì. Lì per me. Le parole che scrivo, quelle che alcune volte mi ingannano, ma quelle che in mezzo a tutto questo casino riescono a far ordine.
E allora stasera vi dico questo: più scrivo più capisco che la felicità è così, è la giostra più bella di tutto il luna park. Quella di cui tutti ti parlano, e tu non vedi l’ora di fare il biglietto, di salirci sopra per vedere che effetto fa toccare il cielo con la punta del dito. E quando sei là sopra capisci che la felicità allora è proprio questa: vedere il mondo esattamente come vorresti vederlo e capire che non vorresti essere in nessun altro posto, e con nessun’altra persona, se non lì, su quella giostra mentre il vento ti batte in faccia e i capelli si spettinano ma non te ne frega nulla. Ma poi la corsa finisce e ti tocca scendere e pensi che niente potrà eguagliare quegli attimi in cui, su quella giostra, il cuore ti batteva così forte da sentirlo fuori dal petto. Ma non è così.
La felicità non è la giostra. La felicità è la corsa. Non è una giostra a rendervi felici, siete voi.
Nel modo in cui decidete di vivere i momenti, nel modo in cui accettate di cadere e di rialzarvi. Nel modo in cui decidete di aprirvi al mondo, di credere che ci saranno altri giri, altre corse su mille altre giostre. Nel modo in cui decidete di sorridere oggi, domani, e dopodomani. Nel modo in cui guardate il cielo, cantare forte, prendete la macchina e andate al mare. Non permettete mai a nessuno di togliervi la felicità, ma sopratutto la fiducia nella felicità. Non permettete mai a nessuno di farvi credere che non possiate più essere felici di così. Perché per essere felici vi serve solo una cosa: Voi stessi. Tutto il resto è un valore aggiunto.
Read more
Abbina #COVER per il tuo #SMARTPHONE con la #POWERBANK per avere sempre la batteria al top _______________________________ #COVERSTORE ...
Media Removed
Abbina #COVER per il tuo #SMARTPHONE con la #POWERBANK per avere sempre la batteria al top _______________________________ #COVERSTORE realizza per oltre 300 modelli, SCEGLI QUELLA PIÙ ADATTA A TE! Possibilità di #PERSONALIZZAZIONE in poco tempo e di proteggere con il nostro ... Abbina #COVER per il tuo #SMARTPHONE con la #POWERBANK per avere sempre la batteria al top
_______________________________

#COVERSTORE realizza per oltre 300 modelli, SCEGLI QUELLA PIÙ ADATTA A TE!

Possibilità di #PERSONALIZZAZIONE in poco tempo e di proteggere con il nostro #TEMPEREDGLASS il vostro display per evitare graffi e rotture 💎
________________________________

#SEGUI la pagina ufficiale per restare sempre aggiornato sulle novità!

COVERSTORE®️ROMA
VIA DEL CORSO, 31
VIA DEL CORSO, 247
VIA DI BOCCEA, 200
VIALE LIBIA, 163
Cc Euroma 2
Village Parco de Medici
Via delle province 100
Centro Commerciale Roma est
Via Tuscolana 925
Stazione Termini
#coverstore #coverstoreitalia #coverstoreroma #officialcover #madeinitaly #iphone #samsung #huawei #smartphone #phone #white #black #nero #marmo #silver #cover #colori #colore #arcobaleno @coverstore_italia_official @coverstore__italy @coverstore_italia
_______________________________

#COVERSTORE realizza per oltre 300 modelli, SCEGLI QUELLA PIÙ ADATTA A TE!

Possibilità di #PERSONALIZZAZIONE in poco tempo e di proteggere con il nostro #TEMPEREDGLASS il vostro display per evitare graffi e rotture 💎
________________________________

#SEGUI la pagina ufficiale per restare sempre aggiornato sulle novità!

COVERSTORE®️ROMA
VIA DEL CORSO, 31
VIA DEL CORSO, 247
VIA DI BOCCEA, 200
VIALE LIBIA, 163
Cc Euroma 2
Village Parco de Medici
Via delle province 100
Centro Commerciale Roma est
Via Tuscolana 925
Stazione Termini
#coverstore #coverstoreitalia #coverstoreroma #officialcover #madeinitaly #iphone #samsung #huawei #smartphone #phone #white #black #nero #marmo #silver #cover #colori #colore #arcobaleno @coverstore_italia_official @coverstore__italy @coverstore_itali
Read more
• Questa è la foto che chiude la mia estate. Le mie vacanze se così possiamo dire. Quando ho scattato ...
Media Removed
• Questa è la foto che chiude la mia estate. Le mie vacanze se così possiamo dire. Quando ho scattato questa foto ancora non era successo nulla, avevamo appena iniziato a esplorare un’isola, Bali, straordinaria. Piena di persone di cuore, disposte a donarti quel poco e nulla che hanno per ... • Questa è la foto che chiude la mia estate. Le mie vacanze se così possiamo dire. Quando ho scattato questa foto ancora non era successo nulla, avevamo appena iniziato a esplorare un’isola, Bali, straordinaria. Piena di persone di cuore, disposte a donarti quel poco e nulla che hanno per vederti felice. Un’isola tranquilla, serena, felice. Non era una foto voluta. Mi sono seduta lì, sull’erba a respirare e osservare tutta quella attesa e pazienza delle risaie. Un lavoro minuzioso che i Balinesi fanno giorno per giorno, con costanza, fede e passione. Per raccogliere pochi chicchi di riso capaci di soddisfare solo il proprio villaggio. Ecco era questo che respiravo e cercavo di fare mio, la pazienza di mettere insieme un pezzo all volta per arrivare all’obiettivo finale, senza rabbia, senza fretta, senza ansia. In attesa, prendendomene cura perché solo così si arriva al traguardo. Riguardo questa foto e vorrei che negli occhi non ci fossero le immagini del terremoto, il rumore delle urla del terrore, l’odore della paura. Sotto quelle macerie è rimasta una parte di me che sarà difficile farsi rispedire indietro dentro una valigia. Dentro di me è rimasta la paura, quella del buio, quella per i rumori, quella di perdere la vita, la rassegnazione di non avere il potere di controllare le cose. Guardò questa foto e vorrei tornare a quel momento, perché in quel momento ero riuscita a sentirmi. A sentire il mio che per le ansie, le corse, i tempi sempre stretti non sentivo più da tanto. Non è colpa di quella terra, non è colpa mia o di nessuno. Purtroppo non posso essere arrabbiata per lenire le mie pene. Posso solo provare a sedermi e chiudere gli occhi, provarci ogni giorno finché le immagini terribili non si trasformeranno in questa. Quando succederà saprò che sono tornata. Fino a quel momento onorerò la vita e proverò perché a questo punto sono certa che ho un compito da svolgere. Devo solo scoprirlo •
#heartquake #terremoto #indonesia #bali #gilitrawangan #risaie #scarlott #vitanuova #maiarrendersi #onorare #vita #forza #attesa #pazienza
Read more
“A guardare il mare portaci qualcuno che condivida il silenzio con te, è difficile trovarlo, ma ...
Media Removed
“A guardare il mare portaci qualcuno che condivida il silenzio con te, è difficile trovarlo, ma se lo trovi non hai scampo. Lo vedi come se foste in un altro mondo, un mondo dove basta il silenzio per capirsi. Un mondo tutto vostro. Portaci qualcuno con il quale non devi parlare per forza, ... “A guardare il mare portaci qualcuno che condivida il silenzio con te, è difficile trovarlo, ma se lo trovi non hai scampo.
Lo vedi come se foste in un altro mondo, un mondo dove basta il silenzio per capirsi.
Un mondo tutto vostro.
Portaci qualcuno con il quale non devi parlare per forza, perché il mare è un film muto che ti sorprende per i colori,
per le sensazioni che ti provoca allo stomaco e per i rumori delle onde che ti fanno sentire in una situazione di equilibrio.
Ma quel che veramente vale, del mare, sono le sfumature. Come di ogni cosa bella d’altronde.
Portaci chi è stato in grado di dimostrarti che tu vali molto più di quel che pensi, di quel che ti aspetteresti,
qualcuno che faccia di te una priorità e non un passatempo.
Quella persona che riesce a sentire le tue tragedie più interne,
senza pensare che siano cose banali e poco rilevanti.
A vedere il mare portaci chi ti sa capire senza parlare,
chi ti viene a prendere se ti allontani,
chi ti da la possibilità di appoggiarti sulla sua spalla quando cadi, chi se osservando nei tuoi occhi, incredibilmente nota un po’ di mare anche in te.
Quella persona che quando alza lo sguardo al cielo, legge il tuo nome.
Portaci qualcuno proprio così, che ti faccia sentire dentro un caos e fuori una persona magica, piena di vita.
Ti sembrerà di veder qualcosa di stupefacente, di sconvolgente,
di affascinante e per la prima volta nella tua vita sembrerà di vedere il mare, perché così non l’avevi visto mai.caos e fuori una persona magica, piena di vita.
Ti sembrerà di veder qualcosa di stupefacente, di sconvolgente,
di affascinante e per la prima volta nella tua vita sembrerà di vedere il mare, perché così non l’avevi visto mai”.
#sea #withyou #inlove #sicily
Read more
PRIMO CAPITOLO. "Sogni infranti." Erano le sette del mattino e suonò come tutti i giorni la maledettissima ...
Media Removed
PRIMO CAPITOLO. "Sogni infranti." Erano le sette del mattino e suonò come tutti i giorni la maledettissima sveglia per andare a scuola. Le mie giornate non hanno mai qualcosa di particolare che le distingue in realtà. La mattina vado a scuola, il pomeriggio studio e poi vado a danza, che ... PRIMO CAPITOLO. "Sogni infranti." Erano le sette del mattino e suonò come tutti i giorni la maledettissima sveglia per andare a scuola.
Le mie giornate non hanno mai qualcosa di particolare che le distingue in realtà. La mattina vado a scuola, il pomeriggio studio e poi vado a danza, che é praticamente la mia grande passione da quando ero bambina. Aspetto i weekend, come mai nessuna persona al mondo probabilmente, solo per rivedere e passare del tempo con le mie amiche che non riesco a vedere durante la settimana e boh, sono fantastiche. Una piú fantastica dell'altra e amo passare del tempo con loro.
Ritornando alla mia solita mattinata, andai a scuola e al ritorno, come prima cosa, controllai subito il canale Favijtv per vedere il nuovo video di Favi. É l'unico pensiero quando torno, dunque avrete capito quanto io ami quel ragazzo.
É l'unico sfogo della mia giornata, l'unica persona che riesce a farmi ridere fino a farmi male ai fianchi. Qualcosa di incredibile sul serio. Lui era qualcosa di incredibile.
Quel giorno però non aveva postato nulla, quindi andai a controllare sulla sua pagina facebook.
Bene, ecco le date del firmacopie.
Le lacrime mi rigarono subito il viso.
Nessuna data in Sicilia anche stavolta, nessuna speranza, niente di niente.
E, anche stavolta, non l'avrei potuto abbracciare.
Non so neanche spiegare il mio stato d'animo di quel momento.
Avevo solo il cuore a pezzi e i sogni infranti, di nuovo. Mi stavo quasi abituando a quella sensazione.
La cosa che mi dava ancora piú rabbia era il fatto che tutte le mie amiche non facevano altro che dirmi di continuare a sperarci. Solite frasi fatte, solite cazzate per tentare di farmi stare meglio.
E nulla, non mi sono neanche presentata.
Io sono Marie, ho 17 anni e il sogno di stare tra le braccia di un ventunenne.
#favij #fanfiction #favi #love #hero #idol
Read more
Cara me del futuro. Volevo augurarti una vita migliore rispetto a questa del presente. Volevo ...
Media Removed
Cara me del futuro. Volevo augurarti una vita migliore rispetto a questa del presente. Volevo augurarti tanta salute, amore, un po'di gioie, insomma tutto quello che hai sempre desiderato ma non ti è stato dato. Però volevo anche avvertirti. Stai attenta a quello che farai. Stai attenta ... Cara me del futuro.
Volevo augurarti una vita migliore rispetto a questa del presente.
Volevo augurarti tanta salute, amore, un po'di gioie, insomma tutto quello che hai sempre desiderato ma non ti è stato dato.
Però volevo anche avvertirti.
Stai attenta a quello che farai.
Stai attenta a tutto ciò che ti possa circondare e che ti possa far stare male.
Stai attenta alle cose belle.
so che da bambina desideravi tanto avere un principe azzurro e si, lo avrai. Avrai quella persona che ti farà sorridere ogni giorno, quella persona che ti bacerà ad ogni tuo capriccio, quella persona che sarà in grado di accettarti anche se sei una menefreghista del cazzo, ma ricordati tutte le cose belle hanno una fine.
Hai presente il per sempre di Cenerentola? O Biancaneve? O Belle?
ecco,alla tv ti sei sempre fermata alla parte in cui l'autore conclude con un "E vissero felici e contenti." magari per sempre, ma vedi il per sempre lascialo alla Disney.
Quello è solo un piccolo cartone,ma tu vivi nella realtà e continuerai a farlo.
Volevo anche dirti che ti innamorerai, e fidati è davvero bello.
T'innamorerai e non tornerai più indietro; o forse sei già innamorata e magari questa cosa durerà per sempre.
sarai felice con tutti, ci saranno sbalzi d'umore ma riuscirai sempre a tornare con il sorriso,perché è questa la me che voglio trovare nel futuro.
Voglio trovare una me piena di forze.
che ha combattuto la propria battaglia portandola alla vittoria.
che si è promessa di fare tante cose e che malgrado gli ostacoli è riuscita a farle tutte.
Cara me del futuro, ti sto scrivendo dal presente e sinceramente non so cosa mi potrà tenere in servo la vita,ma una cosa la so.
Abbi cura di me nel futuro, e se riscontrerai degli ostacoli non importa.
cadi? ti rialzi, ricadi? ti rialzi ancora, in questa guerra siamo in quattro io con te, tu con me e la vinceremo.
perché io sono e lo sarò sempre fiera della ragazza che sei diventata.
insomma tutto quello che hai sempre desiderato avere ma che non hai ricevuto.
-
Se prendete menzionatemi, l'ho scritto io.
Read more
Non ci portare chiunque a vedere il mare, che è una cosa importante, non è mica una cosa da niente. ...
Media Removed
Non ci portare chiunque a vedere il mare, che è una cosa importante, non è mica una cosa da niente. Andare con qualcuno a vedere il mare non è come andare al bar, a vedere le vetrine dei negozi in piazza o a prendere un gelato. È veramente molto di più. A guardare il mare portaci qualcuno che condivida ... Non ci portare chiunque a vedere il mare, che è una cosa importante, non è mica una cosa da niente. Andare con qualcuno a vedere il mare non è come andare al bar, a vedere le vetrine dei negozi in piazza o a prendere un gelato. È veramente molto di più. A guardare il mare portaci qualcuno che condivida il silenzio con te, è difficile trovarlo, ma se lo trovi non hai scampo. Lo vedi come se foste in un altro mondo, un mondo dove basta il silenzio per capirsi. Un mondo tutto vostro. Portaci qualcuno con il quale non devi parlare per forza, perché il mare è un film muto che ti sorprende per i colori, per le sensazioni che ti provoca allo stomaco e per i rumori delle onde che ti fanno sentire in una situazione di equilibrio. Ma quel che veramente vale, del mare, sono le sfumature. Come di ogni cosa bella d’altronde. Portaci chi è stato in grado di dimostrarti che tu vali molto più di quel che pensi, di quel che ti aspetteresti, qualcuno che faccia di te una priorità e non un passatempo. Quella persona che riesce a sentire le tue tragedie più interne, senza pensare che siano cose banali e poco rilevanti. A vedere il mare portaci chi ti sa capire senza parlare, chi ti viene a prendere se ti allontani, chi ti da la possibilità di appoggiarti sulla sua spalla quando cadi, chi se osservando nei tuoi occhi, incredibilmente nota un po’ di mare anche in te. Quella persona che quando alza lo sguardo al cielo, legge il tuo nome. Portaci qualcuno proprio così, che ti faccia sentire dentro un caos e fuori una persona magica, piena di vita. Ti sembrerà di veder qualcosa di stupefacente, di sconvolgente, di affascinante e per la prima volta nella tua vita sembrerà di vedere il mare, perché così non l’avevi visto mai. 💕
Read more
Non ci portare chiunque a vedere il mare, che è una cosa importante, non è mica una cosa da niente. ...
Media Removed
Non ci portare chiunque a vedere il mare, che è una cosa importante, non è mica una cosa da niente. Andare con qualcuno a vedere il mare non è come andare al bar, a vedere le vetrine dei negozi in piazza o a prendere un gelato. È veramente molto di più. A guardare il mare portaci qualcuno che condivida ... Non ci portare chiunque a vedere il mare, che è una cosa importante, non è mica una cosa da niente.
Andare con qualcuno a vedere il mare non è come andare al bar, a vedere le vetrine dei negozi in piazza o a prendere un gelato. È veramente molto di più.
A guardare il mare portaci qualcuno che condivida il silenzio con te, è difficile trovarlo, ma se lo trovi non hai scampo. Lo vedi come se foste in un altro mondo, un mondo dove basta il silenzio per capirsi. Un mondo tutto vostro.
Portaci qualcuno con il quale non devi parlare per forza, perché il mare è un film muto che ti sorprende per i colori, per le sensazioni che ti provoca allo stomaco e per i rumori delle onde che ti fanno sentire in una situazione di equilibrio. Ma quel che veramente vale, del mare, sono le sfumature. Come di ogni cosa bella d'altronde.
Portaci chi è stato in grado di dimostrarti che tu vali molto più di quel che pensi, di quel che ti aspetteresti, qualcuno che faccia di te una priorità e non un passatempo. Quella persona che riesce a sentire le tue tragedie più interne, senza pensare che siano cose banali e poco rilevanti.
A vedere il mare portaci chi ti sa capire senza parlare, chi ti viene a prendere se ti allontani,
chi ti da la possibilità di appoggiarti sulla sua spalla quando cadi, chi se osservando nei tuoi occhi, incredibilmente nota un po’ di mare anche in te. Quella persona che quando alza lo sguardo al cielo, legge il tuo nome.
Portaci qualcuno proprio così, che ti faccia sentire dentro un caos e fuori una persona magica, piena di vita. Ti sembrerà di veder qualcosa di stupefacente, di sconvolgente, di affascinante e per la prima volta nella tua vita sembrerà di vedere il mare, perché così non l'avevi visto mai.
Jonathan Congiui.
#memories #iceland🇮🇸 #trip #sea
Read more
Non ci portare chiunque a vedere il mare, che è una cosa importante, non è mica una cosa da niente. Andare ...
Media Removed
Non ci portare chiunque a vedere il mare, che è una cosa importante, non è mica una cosa da niente. Andare con qualcuno a vedere il mare non è come andare al bar, a vedere le vetrine dei negozi in piazza o a prendere un gelato. È veramente molto di più. A guardare il mare portaci qualcuno che condivida ... Non ci portare chiunque a vedere il mare, che è una cosa importante, non è mica una cosa da niente.
Andare con qualcuno a vedere il mare non è come andare al bar, a vedere le vetrine dei negozi in piazza o a prendere un gelato.
È veramente molto di più.
A guardare il mare portaci qualcuno che condivida il silenzio con te, è difficile trovarlo, ma se lo trovi non hai scampo.
Lo vedi come se foste in un altro mondo, un mondo dove basta il silenzio per capirsi. Un mondo tutto vostro.
Portaci qualcuno con il quale non devi parlare per forza, perché il mare è un film muto che ti sorprende per i colori, per le sensazioni che ti provoca allo stomaco e per i rumori delle onde che ti fanno sentire in una situazione di equilibrio.
Ma quel che veramente vale, del mare, sono le sfumature. Come di ogni cosa bella d’altronde.
Portaci chi è stato in grado di dimostrarti che tu vali molto più di quel che pensi, di quel che ti aspetteresti, qualcuno che faccia di te una priorità e non un passatempo.
Quella persona che riesce a sentire le tue tragedie più interne, senza pensare che siano cose banali e poco rilevanti.
A vedere il mare portaci chi ti sa capire senza parlare, chi ti viene a prendere se ti allontani,
chi ti da la possibilità di appoggiarti sulla sua spalla quando cadi, chi se osservando nei tuoi occhi, incredibilmente nota un po’ di mare anche in te.
Quella persona che quando alza lo sguardo al cielo, legge il tuo nome.
Portaci qualcuno proprio così, che ti faccia sentire dentro un caos e fuori una persona magica, piena di vita.
Ti sembrerà di veder qualcosa di stupefacente, di sconvolgente, di affascinante e per la prima volta nella tua vita sembrerà di vedere il mare, perché così non l’avevi visto mai. ♥️🌅 #kings_villages #top_italia_photo #verso_sud #nm_smallsteps #puglia #visititalia #nikon #nikonitalia #nikontop #rsa_vsco #vieste #photofromru #nikonworld_ #nikonearth #ig_color #tv_clouds #ig_shotz_le #igpodium #desitravellerclub #igerspuglia #coloridipuglia #ig_puglia #puglia_city #volgopuglia #top_puglia_photo #loves_united_puglia #visitpuglia #loves_puglia #pugliaview #yallerspuglia
Read more
Il 3 settembre per i Viterbesi non è un giorno. È l’abbraccio finale di un crescendo di emozioni. ...
Media Removed
Il 3 settembre per i Viterbesi non è un giorno. È l’abbraccio finale di un crescendo di emozioni. Per tutti gli altri è una delle tradizioni più spettacolari d’Italia, patrimonio immateriale dell’Umanità @unesco. • La Macchina di Santa Rosa è la torre più bella di questa città medievale, ... Il 3 settembre per i Viterbesi non è un giorno. È l’abbraccio finale di un crescendo di emozioni.
Per tutti gli altri è una delle tradizioni più spettacolari d’Italia, patrimonio immateriale dell’Umanità @unesco.

La Macchina di Santa Rosa è la torre più bella di questa città medievale, quella che dura da secoli e che si rinnova continuamente. È il simbolo dello spirito di una popolazione, di un sentimento che unisce tutti.
Più di 100 facchini, 30 metri, 5 tonnellate sono solo numeri. Questi uomini portano sulle loro spalle, con “fede, forza e volontà”, il peso incalcolabile di una devozione che dura da quasi 800 anni.
A Viterbo i primi quattro giorni di settembre sono i più attesi dell’anno, la città s’immerge nel clima di festa con orgoglio, emozione ed un forte senso di appartenenza. •
Le parole sono sempre insufficienti a descrivere la magia del 3 settembre. E allora vogliamo provarci con le immagini? Con il patrocinio del Comune di Viterbo le community di @igerslazio, @igersviterbo, @volgolazio, @volgoviterbo, @yallerslazio, insieme a @experienceviterbo, @faigiovaniviterbo e @mytuscia, si uniscono per invitarvi a partecipare all’evento e a raccontare “i giorni di Santa Rosa” con gli hashtag #3settembre18 #destinazioneviterbo

Ph.credit @marchettiandre
Caption @guidatuscia
Read more
Loading...
Load More