Scuola mattina la di

Loading...


Unique profiles
93
Most used tags
Total likes
0
Top locations
Ipsia Terni, Teramo, Trento, Italy
Average media age
894.6 days
to ratio
99
L’imperfezione può essere perfetta proprio come la torta che hai preparato ieri con le tue mani, ...
Media Removed
L’imperfezione può essere perfetta proprio come la torta che hai preparato ieri con le tue mani, la prima che hai fatto tu da sola senza il mio aiuto: poco importa se non hai imburrato perfettamente il fondo e anche se hai esagerato con le gocce di cioccolato. Questa mattina la colazione è ... L’imperfezione può essere perfetta proprio come la torta che hai preparato ieri con le tue mani, la prima che hai fatto tu da sola senza il mio aiuto: poco importa se non hai imburrato perfettamente il fondo e anche se hai esagerato con le gocce di cioccolato.
Questa mattina la colazione è stata un momento speciale per tutti, con un po’ di paura mista emozione per il primo giorno di scuola.
Per te Vicky , quarta elementare, dritta su per le scale, felice di abbracciare le tue compagne, dopo pochi minuti è stato tutto normalità.
Per *Nina il suo primo giorno di scuola e con i libri e quaderni nuovi una fetta di torta, quella che le hai preparato tu.
L’emozione è tanta ma quando suonerà l’intervallo troverà nel porta-merenda tutto il tuo e il nostro amore 💖 .
#2018 #backtoschool #firstday #september #kids #school #breakfast #cake #chocolate #foodstagram #instafood #instamamme #thewomoms #foodstagram #foodlover #foodporn #foodstyle #ficoeuva #igers #igersitalia #summer #scuola #elementare
Read more
Loading...
CAPITOLO 42- (Davide) -continuo nei commenti- É passata una settimana da quando ho parlato con ...
Media Removed
CAPITOLO 42- (Davide) -continuo nei commenti- É passata una settimana da quando ho parlato con Giulia della mia fidanzata, é tutto apposto: ci incontriamo alle prove e a volte usciamo a fare una passeggiata. Siamo rimasti d'accordo che la mollo non appena tornato a Bassano. Farei di tutto ... CAPITOLO 42- (Davide)
-continuo nei commenti-
É passata una settimana da quando ho parlato con Giulia della mia fidanzata, é tutto apposto: ci incontriamo alle prove e a volte usciamo a fare una passeggiata. Siamo rimasti d'accordo che la mollo non appena tornato a Bassano. Farei di tutto per la mia principessa. É vero.. Le ho mentito su questo fatto, ma lei ha fatto lo stesso con me fino a quando non sono venuto a scoprirlo da solo. Su una cosa non le ho mentito e non le mentirò mai: la amo, e questo lei lo sa. Esco dall'hotel e mi incammino verso la scuola per le prove. Un'aria matutina mi avvolge e le chiome verdi degli alberi mi fanno ombra, coprendomi dai raggi penetranti del sole. Le risate dei bambini dall'altra parte della strada mi provocano una strana sensazione... Qualcosa simile alla felicità, alla spensieratezza di quei tempi, quando tutto era piú semplice. Arrivo alla scuola e subito trovo Riccardo che mi accoglie con un gran sorriso e poco dopo spunta Luca dagli spogliatoi. Giulia ancora non c'é... Ho bisogno di vederla, baciarla, abbracciarla...
Eccola finalmente, che entra con tutta la sua bellezza insieme ad altre ballerine. I suoi capelli che si muovono leggeri nell'aria, i suoi occhi piú luminosi che mai... Di un colore verde intenso di mattina e il suo sorriso che diventa il mio... Un sorriso da ebete quando mi passa accanto e il suo odore mi da alla testa.
Esce anche lei dagli spogliatoi, passandomi accanto. La prendo per un polso bloccandola.
"Cosa c'é?" mi domanda un tantino stordita dalla mia presa improvvisa.
"Giuliano mi ha detto che dobbiamo andare da lui, ci deve parlare" taglio corto, cercando di non saltarle addosso.
"Okay, andiamo!"
Ci dirigiamo verso Giuliano, ed io intravedo un ragazzo.. Capelli biondo cenere e occhi azzurro/grigi... Già mi sta sul c.... Ehm, non lo sopporto. Che vorrà mai?
"Oh bene eccovi! Giuro questa é l'ultima presentazione! Lui é Nicoló, il tuo sostituto Davide... quando non potrai fare Romeo" spiega.
Vero! Mancava solo un mio sostituto... É una strana sensazione.. (e per oggi sono due, Davide, devi arricchire il tuo vocabolario) ora capisco cosa provava Giulia quando si é presentata Arianna.
Read more
ma sono l’unica che non vuole che ritorni l’estate? tanto so già che non andrò mai al mare perché ...
Media Removed
ma sono l’unica che non vuole che ritorni l’estate? tanto so già che non andrò mai al mare perché mia madre lavora e figuriamoci se mio padre mi ci porta rip. e poi io voglio stare in casa a non fare una sega, d’inverno ho la scusa che fuori fa freddo, mentre d’estate non ho scuse per non uscire. che ... ma sono l’unica che non vuole che ritorni l’estate?
tanto so già che non andrò mai al mare perché mia madre lavora e figuriamoci se mio padre mi ci porta rip.
e poi io voglio stare in casa a non fare una sega, d’inverno ho la scusa che fuori fa freddo, mentre d’estate non ho scuse per non uscire.
che poi i miei amici sono talmente deficienti che se dico “no ragazzi oggi non esco devo studiare”, vengono sotto casa mia e iniziano a berciare “fava esciiii” e si mettono a giocare a pallone nel mio giardino.
e mia madre se la ride MA CAZZO MANDA VIA QUEI MONGOLOIDI poi se prendo 3 si incazza ma la coerenza.
poi voi che dite “voglio l’estate”, devo ricordarvi che da quanto fa caldo la mattina ti alzi con il lenzuolo attaccato alla schiena?
che la notte non ti addormenti perché devi trovare la parte del cuscino fredda e, quando la trovi, si riscalda subito?
che ti fai una doccia per rinfrescarti e appena esci da quanto ti fa caldo non sai se le gocce sulla tua pelle siano l’acqua della doccia o sudore?
devo ricordarvi quelle bestie di satana succhia sangue con la mamma puttana dette anche zanzare?
ah, e voi ragazze, ricordatevi che tutte noi dovremo depilarci, non potremo più depilarci solo le caviglie e coprire i peli sulle gambe con i pantaloni.
e voi 2004 (e 2005 che hanno fatto la primina) VOI AVETE GLI ESAMI AHAHAHHAHAH sucaaaaa ily.
poi le persone che dicono “si ma in estate puoi mangiare il gelato”, scusa? io il gelato lo mangio anche a natale.
e poi è vero che non c’è la scuola, ma 3 mesi sono troppi e dopo un po’ mi rompo il cazzo di stare a casa, già a luglio non dico altro che “voglio tornare a scuola”, chi mi segue da tanto lo sa (: in conclusione
odio l’estate non so se si è capito c:
che poi se solo qualcuno mi portasse al mare allora forse proverei meno odio verso l’estate, ma nessuno mi ci può portare e quindi mai una gioia l’estate fa schifo viva l’inverno e il freddo
Read more
È mattina? Hai fame? Mangia. Mangia. Mangia. È ora di pranzo? Hai fame? Mangia. Mangia. Mangia. Sono ...
Media Removed
È mattina? Hai fame? Mangia. Mangia. Mangia. È ora di pranzo? Hai fame? Mangia. Mangia. Mangia. Sono le 4? Hai fame? Mangia. Mangia. Mangia. È ora di cena? Hai fame? Mangia. Mangia. Mangia. Vai in bagno.  Guardati. Ti vedi grassa? Ti deprimi? Hai fame? Consolati ... È mattina?
Hai fame?
Mangia.
Mangia.
Mangia.
È ora di pranzo?
Hai fame?
Mangia.
Mangia.
Mangia.
Sono le 4?
Hai fame?
Mangia.
Mangia.
Mangia.
È ora di cena?
Hai fame?
Mangia.
Mangia.
Mangia.
Vai in bagno. 
Guardati.
Ti vedi grassa?
Ti deprimi?
Hai fame?
Consolati mangiando.
Mangia.
Mangia.
Mangia.
Vai a scuola.
Senti le voci.
Ti prendono in giro.
Vuoi che ti prendono in giro?
Vuoi essere la balena della scuola? 
Vuoi che il ragazzo che ti piace ti rida dietro? 
Vuoi che quando ti siedi le tue gambe siano estese come l’oceano?
Vuoi vedere le ragazze magre e sentirti sbagliata?
Hai fame? 
Prova a mangiare adesso.

Okei, ma ora ce un altra cosa che ti voglio dire.

Ti chiuderai in camera tua.
Salterai il pranzo e la cena.
Inizierai a bere litri d’acqua per non sentire la fame. 
Inizierai a dondolare.
Mangiarti le unghie fino a farle sanguinare.
Tagliarti.
Parlare da sola.
Cadrai in depressione.
Non riuscirai a dormire a causa delle voci.
Prenderai una pillola.
Non ti aiuterà.
Allora due.
Allora tre.
Dormirai solo poche ore.
Allora ne prenderai troppe.
Inizierai a vomitare.
A perdere ancora più forza.
Ancora più peso.
Non ti reggerai in piedi.
Stai impazzendo.
Deciderai di guardarti allo specchio.
Quasi non ti vedi.
Hai solo ossa e tagli.
Vuoi smettere.
Esci dalla stanza.
Provi a mangiare.
Non ce la farà il tuo organismo.
Vomiterai tutto. 
Diventerai troppo debole.
Ti porteranno in ospedale.
Vedranno i tagli.
Ti prenderanno per pazza.
Ti metteranno in un ospedale psichiatrico.
Scapperai.
Vorrai morire.
Stai già morendo ma vuoi farlo più veloce.
Ti troverai su un tetto. 
Sola.
Nessuno vedrà.
Ti lascerai andare.
Cadrai nell’abisso.
Penserai di volare ma..
Adesso è tutto nero.
Tutto buio. ||anonima||
Read more
Dimmi cosa tieni nello zaino e ti dirò chi sei... In realtà ogni santa mattina che varco il portone ...
Media Removed
Dimmi cosa tieni nello zaino e ti dirò chi sei... In realtà ogni santa mattina che varco il portone di scuola per recarmi in classe, mi sento tipo un muletto, tra borse, borsine e sacchetti. Il desiderio di avere tutto con me fa parte della mia natura super precisina ma deriva anche dal bisogno ... Dimmi cosa tieni nello zaino e ti dirò chi sei... In realtà ogni santa mattina che varco il portone di scuola per recarmi in classe, mi sento tipo un muletto, tra borse, borsine e sacchetti. Il desiderio di avere tutto con me fa parte della mia natura super precisina ma deriva anche dal bisogno reale di avere a disposizione tutto quello che può servirmi nella giornata. I ragazzi scherzano: Prof si è dimenticata il sacchetto! Prof ha lasciato il libro! Prof ha dimenticato gli occhiali!
Potete immaginare la mia soddisfazione quando ho trovato il modo di sostituire le mie tre e quattro borsette con un unico e capiente zaino @Navadesign, tra l’altro dal design contemporaneo, super stiloso, ricchissimo di tasche e costruito con materiali innovativi per contenere e proteggere tutti i tipi di device, dallo smartphone al pc.
Così finisce che esco da scuola e trovo il modo di infilarci anche un mazzetto dei miei fiori preferiti!
La dritta più importante però è che per averlo basta iniziare il prima possibile la nuova raccolta bollini di @esselunga! Il mio prossimo obiettivo: il trolley. Posso solo immaginare cosa potrei portarmi comodamente dietro al lavoro! .
#pescappareovunque #promossoda #esselunga #navadesign #ad
.
#zaino #vitadaprof #school_time #workingbag #timetogo
Read more
FIORI E LACRIME Io • Io invece Ines Davide • Balliamo? Non aspettavo altro: mi stavo annoiando ...
Media Removed
FIORI E LACRIME Io • Io invece Ines Davide • Balliamo? Non aspettavo altro: mi stavo annoiando a morte e così mi alzai e gli diedi la mano. Me la tiró e mi trascinò al centro della pista. Si vociferava che fosse il ragazzo di Francesca , ma non mi importava. Avevano messo un lento e l'avrei ballato ... FIORI E LACRIME
Io • Io invece Ines
Davide • Balliamo?
Non aspettavo altro: mi stavo annoiando a morte e così mi alzai e gli diedi la mano. Me la tiró e mi trascinò al centro della pista.
Si vociferava che fosse il ragazzo di Francesca , ma non mi importava. Avevano messo un lento e l'avrei ballato col ragazzo più carino della scuola.
LA MATTINA A CASA (6.57circa)
Mi sveglio di colpo e guardo l'orologio
Quasi le sette.
Mi alzo di malavoglia e vado a fare colazione.
Incrocio mia madre con la prima sigaretta della giornata.
Io • dovresti smettere
Lei • lo so
Faccio colazione di fretta e mi vesto in due secondi.
A SCUOLA
Entro e la prof chiama:
Prof • Lurri..
SPAZIO AUTRICE
Oh-oh! Continuo a 20 likee!!!!
#InesLurriFiorieLacrime
{RAFFU}
Read more
Loading...
Il mio piccolo contributo per il #watercolorsunday di questa domenica a tema #backtoschool! Sarà ...
Media Removed
Il mio piccolo contributo per il #watercolorsunday di questa domenica a tema #backtoschool! Sarà bello ricominciare la mattina a vedere per le strade scie di pulcini con grembiulini bianchi e blu correre verso scuola. È un momento che mi ispira tantissima tenerezza Il mio piccolo contributo per il #watercolorsunday di questa domenica a tema #backtoschool! Sarà bello ricominciare la mattina a vedere per le strade scie di pulcini con grembiulini bianchi e blu correre verso scuola. È un momento che mi ispira tantissima tenerezza ❤️
È una delle poche foto che abbiamo insieme perché te ne sei andato troppo presto, alcuni dicono che ...
Media Removed
È una delle poche foto che abbiamo insieme perché te ne sei andato troppo presto, alcuni dicono che il tempo sistema tutto ma non è così, alcune cose non può sistemarle proprio nessuno. Niente e nessuno ti riporterà indietro ma mi piace credere che sei sempre qui vicino a me nei momenti belli ... È una delle poche foto che abbiamo insieme perché te ne sei andato troppo presto, alcuni dicono che il tempo sistema tutto ma non è così, alcune cose non può sistemarle proprio nessuno. Niente e nessuno ti riporterà indietro ma mi piace credere che sei sempre qui vicino a me nei momenti belli e soprattutto in quelli più brutti, perché tu eri così non mi lasciavi mai dalla mattina alla sera, mi mettevi nel tuo letto caldo la mattina e mi lasciavi la sera sapendo che tanto poi sarei tornato, eri una delle poche persone che riusciva a farmi mangiare quando quasi tutti buttavano la spugna dopo 2/3 cucchiaini. Eri una persona burbera ma quando mi vedevi ti scioglievi ero il tuo preferito e questo mi ha sempre reso orgoglioso. In pochissimo tempo mi hai insegnato molte cose, anche a non mollare quando non riuscivi nemmeno a fare 700 metri e poi abbiamo scoperto il perché, e quando dovevamo fare una pausa in una panchina perché avevi il fiatone, per me non era un problema tanto stavo con te. Fino agli ultimi giorni mi sei venuto a prendere a scuola, e quando io ti chiedevo: “vuoi fermarti?”, Tu mi rispondevi: “no ce la faccio”, anche se non era così, è la che ho capito che non bisogna mollare mai. L’ultima immagine che ho di te in ospedale non la dimenticherò mai, eri forte anche la e tanto meno mi dimenticherò il giorno che mi dissero che non ti avrei più trovato a casa. Ho pianto tanto ma poi ho capito che non serviva a nulla piangere, ma dovevo rialzarmi e andare avanti, e così ho fatto, ti ho dedicato tutte le mie vittorie e le mie rivincite, perché so che tanto mi stai guardando e spero di renderti felice e orgoglioso del suo nipotino. Spero sempre di trovarti in cucina un giorno, sulla sedia a braccia aperte ma so che non sarà così, ma sono certo che un giorno ci rincontreremo e ci riabbracceremo e magari ci faremo un’altra foto che questa è vecchia. Manchi tanto, ciao nonnino.❤️
Read more
Loading...
Perché ormai con te tutto è diverso.Con te ho capito che cos’è l’amore e che vuol dire amare. Ho capito ...
Media Removed
Perché ormai con te tutto è diverso.Con te ho capito che cos’è l’amore e che vuol dire amare. Ho capito che mi basta star con te per essere felice,mi basta vederti e cambia tutto, tutti i pensieri che avevo prima svaniscono e penso solo a quanto sono fortunato ad averti perché credimi,incontrarti ... Perché ormai con te tutto è diverso.Con te ho capito che cos’è l’amore e che vuol dire amare. Ho capito che mi basta star con te per essere felice,mi basta vederti e cambia tutto, tutti i pensieri che avevo prima svaniscono e penso solo a quanto sono fortunato ad averti perché credimi,incontrarti è stata la cosa migliore che mi potesse capitare nella vita. Sei capace di inviami ogni volta messaggi alle 5 di notte perché sai che dormo e li leggerò la mattina,appunto per farmeli leggere quando mi sveglio e rendermi la mattinata bellissima e farmi rallegrare già a prima mattina nonostante la scuola e tutto quello che succede. E in questi sette mesi che stiamo assieme ogni singola volta che mi hai inviato questi messaggi sei stata capace di rendermi felice ogni singola mattinata. Ceh...sei FANTASTICA. Ma questo non è nulla perché sei stata addirittura capace di rinunciare ad altre cose che volevi da sempre pur di rimanere con me. Davvero mi rendi l’uomo più felice del mondo e non smetterò mai di ringraziarti per tutto quello che fai per me,per tutte quelle volte che mi sei stata vicino e mi hai aiutato. Grazie mille,davvero. Inoltre ti chiedo scusa per tutte le volte che ho fatto qualche stronzata soprattutto quelle stronzate davvero grandi che ti hanno fatto star male,scusami tanto. Infine ti volevo dire che ti amo un casino e per te darei di tutto,darei di tutto anche per un tuo sorriso perché l’unica cosa che voglio è farti stare bene. Ti amo davvero tanto ale non mi stancherò mai di dirtelo e non dimenticarlo mai. Grazie ancora di tutto.TI AMO.
Read more
1° ⓒⓐⓟⓘⓣⓞⓛⓞ : Mi chiamo Charlotte e ho 18 anni. Ho i capelli scuri, gli occhi azzurri e sono abbastanza ...
Media Removed
1° ⓒⓐⓟⓘⓣⓞⓛⓞ : Mi chiamo Charlotte e ho 18 anni. Ho i capelli scuri, gli occhi azzurri e sono abbastanza magra anche se non sono fiera del mio aspetto poiché mi vedo sempre grassa. Sono la ragazza che odia stare al centro dell'attenzione, che ama pensare da sola, leggere libri, con le mie felpe ... 1° ⓒⓐⓟⓘⓣⓞⓛⓞ : Mi chiamo Charlotte e ho 18 anni. Ho i capelli scuri, gli occhi azzurri e sono abbastanza magra anche se non sono fiera del mio aspetto poiché mi vedo sempre grassa. Sono la ragazza che odia stare al centro dell'attenzione, che ama pensare da sola, leggere libri, con le mie felpe larghe che coprono la sofferenza tradotta sul mio corpo sottoforma di tagli.
I raggi del sole mi accarezzano il viso e si riesce a sentire nell'aria il dolce profumo dei fiori che indica l'inizio della primavera. Sono qui a contemplare la splendida vista dalla rampa di scale antincendio della scuola dove ogni mattina aspetto, con la mia sigaretta che rende tutto migliore.
Ho 18 anni dovrebbe essere il mio ultimo anno di liceo e di conseguenza il piu' bello, e invece io sono qui, in attesa della campanella per evitare i miei compagni. Tutti i miei pensieri si interrompono con il suono della campanella che segna l'inizio dell'Inferno, di nuovo.
Non sono una persona scontrosa, anzi, ho molti amici a cui voglio bene ma loro non sanno nulla di me, tutti tranne Jane la mia migliore amica. Lei sa tutto su di me e mi é stata accanto nei momenti difficili e lo é anche adesso. Poi ci sono come in tutte le scuole i cattivi ragazzi, loro mi trattano male, mi insultano e solo uno fra loro non lo fa (ma sia chiaro nemmeno li ferma) Matt Micher, il ragazzo piu' bello della scuola : capelli biondi, occhi azzurri e aspetto sempre perfetto adorato da tutte e rifiutato da nessuna. I miei pensieri in quel momento ( ⇩continuo nei commenti⇩)
Read more
Adoro queste sere d’estate. Sento genitori che non vedono l’ora di rispedire i figli a scuola, ...
Media Removed
Adoro queste sere d’estate. Sento genitori che non vedono l’ora di rispedire i figli a scuola, ma sinceramente, lavoro a parte, non li capisco. Chi te li ridà questi momenti di lentezza senza l’assillo della sveglia che la mattina suona prestissimo? #giuseppinomonamour #mammeaspillo ... Adoro queste sere d’estate.
Sento genitori che non vedono l’ora di rispedire i figli a scuola, ma sinceramente, lavoro a parte, non li capisco.
Chi te li ridà questi momenti di lentezza senza l’assillo della sveglia che la mattina suona prestissimo?💙💙💙 #giuseppinomonamour #mammeaspillo #mommysboy #familyfirst
Read more
Per tutto il muschio che abbiamo raccolto insieme prima di Natale, per le mille borse con cui ti riempivi ...
Media Removed
Per tutto il muschio che abbiamo raccolto insieme prima di Natale, per le mille borse con cui ti riempivi le tasche per riuscire a portarlo a casa, per il modo in cui mi hai insegnato a staccarlo in pezzi grossi...per i tuoi boschi che sono diventati anche i miei, per avermi insegnato a sentire ... Per tutto il muschio che abbiamo raccolto insieme prima di Natale, per le mille borse con cui ti riempivi le tasche per riuscire a portarlo a casa, per il modo in cui mi hai insegnato a staccarlo in pezzi grossi...per i tuoi boschi che sono diventati anche i miei, per avermi insegnato a sentire l'odore delle cose della natura e la loro consistenza. Perché le cose per conoscerle bisogna sentire come sono al tatto. Non mi stancherò mai di sporcarmi le mani come facevi tu per capire il loro valore. Per il profumo della terra, della neve, dei funghi...Per le tue camomille fresche che facevamo asciugare in cortile per poi farne scorte per anni. Per tutte le volte che in motorino sei venuto a prendermi a scuola e spericolati attraversavamo la città, incuranti del pericolo, incuranti del mondo, perchè insieme eravamo invincibili e non sarebbe mai potuto succederci niente. Per il tuo corpo forte che era uno scudo, un riparo, un posto sicuro. Per le lacrime che ti sono scese quando ho cominciato la scuola materna e non potevamo più guardare Sissi insieme la mattina. Per il caffè delle 5. Per tutta la tua rabbia e poi quel "Maria, resta a mangiare", che per una volta al mondo sentivo cosa significava veramente condividere, stare insieme, e che la mia presenza avrebbe reso un pranzo o una cena migliori. Per il peperoncino ovunque, perchè "gli odori sono tutto"...ed è così che hai cresciuto una bambina mai stanca di scoprire tutto ciò che avevi usato per fare un piatto così sfaccettato.
Per le volte che mi raccoglievi un fiore e me lo lasciavi sulla porta di casa, firmato "tuo nonno". Per i mazzolini di violette, "sono già uscite ai bordi della strada". Il profumo della mia infanzia, delle tue mani grandi che mi hanno stretta fino all'ultimo istante. Per tutte le rose a cui hai tolto le spine prima di darmele. Regalare fiori per te era il pensiero più bello che potesse esistere. E lo rimarrà in eterno, finché avrò la forza di raccoglierli e metterli in fresco. Per tutti i "bei cinema" in bianco e nero che ti ho visto guardare. Ti piacevano le storie d'amore, i finali grandiosi dove tutto finisce bene. Ed è per questo che ora mi ritrovo ad essere un'inguaribile romantica.
Read more
Loading...
L’ Istituto Nazionale Azzurro vola in #Madagascar. Come avevamo già annunciato, l’iniziativa ...
Media Removed
L’ Istituto Nazionale Azzurro vola in #Madagascar. Come avevamo già annunciato, l’iniziativa “Un arcobaleno per il Madagascar” ha raggiunto gli obiettivi prefissati. La #scuola “NOTRE DAME DE LOURDES” delle suore “PICCOLE FIGLIE DEL SACRO #CUORE” di AMBONDROMAMY in MADAGASCAR ha ... L’ Istituto Nazionale Azzurro vola in #Madagascar.
Come avevamo già annunciato, l’iniziativa “Un arcobaleno per il Madagascar” ha raggiunto gli obiettivi prefissati. La #scuola “NOTRE DAME DE LOURDES” delle suore “PICCOLE FIGLIE DEL SACRO #CUORE” di AMBONDROMAMY in MADAGASCAR ha ricevuto questa mattina un carico contenente #aiutiumanitari e materiale didattico; tutto pronto per il rientro a scuola dei #bambini.
La #felicità che trasmettono questi bambini ci fa capire molte cose. Quello che per noi può sembrare anche solo una semplice matita, da loro la possibilità di #sognare un #futuro migliore e noi, nel nostro piccolo, faremo di tutto per offrirglielo.
.
.
.
.

#child #children #umanità #solidarietà #bambini #africa #smile #sorrisi #felicità
Read more
•Capitolo 14 • La mattina seguente, sarei dovuta andare alla Raimon. Annabelle mi alzó dal letto ...
Media Removed
•Capitolo 14 • La mattina seguente, sarei dovuta andare alla Raimon. Annabelle mi alzó dal letto letteralmente e mi fece sedere su una sedia posta di fronte ad un mobiletto con uno specchio. Aprii uno dei cassetti e fui inondata da mascara, matite per occhi, ombretti e trucchi vari. ANNABELLE: ... •Capitolo 14

La mattina seguente, sarei dovuta andare alla Raimon. Annabelle mi alzó dal letto letteralmente e mi fece sedere su una sedia posta di fronte ad un mobiletto con uno specchio.
Aprii uno dei cassetti e fui inondata da mascara, matite per occhi, ombretti e trucchi vari.
ANNABELLE: -Dobbiamo fare un cambiamento radicale!- unii le mani in un gesto quasi maniacale, avevo seriamente paura.
Mi truccó gli occhi leggermente e, lisciandomi i ricci dorati, li legó in una treccia, togliendomi completamente le ciocche azzurre.
Li fissó in una crocchia e poi mi diede una parrucca color bruno.
ANNABELLE: -Ti piace?- non mi ero mai vista coi capelli castani...era una cosa nuova.
Misi la divisa che mi aveva procurato la madre di Annabelle, Nelly Raimon, composta da una gonna verde come il fiocco posto sulla camicia bianca, delle calze fino al ginocchio e le scarpe marroni.
Presi una sacca per i futuri libri e uscimmo dalla camera, trovando Mark ad aspettarci.
MARK: -Ah siete pronte ragazze...- mi porse alcuni fogli indispensabili per l’iscrizione alla scuola.
NELLY: -Abbiamo pensato di farti chiamare con lo stesso nome di tua madre...Per te è un problema?- chiese dolcemente. Controllai i documenti e notai subito il nome: Marie. Era da tanto tempo che non parlavo di mia madre a qualcuno, mio padre non la nominava mai e quel nome anche a distanza di tempo mi faceva effetto. Mi linitai ad annuire con un sorriso e misi via i fogli nella sacca.
Uscimmo di casa salutando i genitori di Annabelle e ci dirigemmo a scuola.
ANNABELLE: -Marie Evans...suona bene, no?- mi sorrise.
IO: -Già!- le sorrisi a sua volta. Durante il tragitto, poi fummo raggiunte dalle altre menager della Raimon, tra cui quella che alla partita contro i Cavalieri scuri aveva preso in giro Victor. Non la presi proprio in simpatia, ma avrei imparato a conoscerla. Conobbi poi una certa Skie Blue e Rosie, che a quanto pare aveva una cotta molto grande per il capitano Di Rigo.
JADE: -Pensi di unirti alla squadra come menager, cara Marie?- mi mise un braccio intorno alle spalle e quasi mi faceva cadere a terra.
IO: -In verità pensavo di unirmi come giocatrice...- vidi Annabelle sgranare gli occhi.
👇🏻👇🏻
Read more
18/05/2016 <FAN: se cado, mi rialzi? IDOLO: no. FAN: perché? IDOLO: credi davvero che ti lascerei ...
Media Removed
18/05/2016 · *sitta sitta sgattaiola in page* Ehy splendori! ^^' · No, non sono due settimane che non posto no... u.u' · Okay scusate ma lo sapete anche voi come va con la scuola soprattutto ... 18/05/2016
<FAN: se cado, mi rialzi?
IDOLO: no.
FAN: perché?
IDOLO: credi davvero che ti lascerei cadere?>
·
*sitta sitta sgattaiola in page*
Ehy splendori! ^^'❤
·
No, non sono due settimane che non posto no... u.u'
·
Okay scusate ma lo sapete anche voi come va con la scuola soprattutto in questo periodo...
·
Però ho un po' di cose da raccontarvi e che spiegano anche perché per una settimana la mia assenza è giustificata c: (per l'altra no... ^^")
·
Dal 4 all'11 sono stata in gita con la scuola! *w*
·
Siamo andati in Toscana 4 giorni! ^^
Quartier generale: un village vicino a Talamone c:
Per ogni 4 alunni c'era una casetta separata quindi era come vivere proprio da soli *^*
·
Il primo giorno siamo andati a Siena, il secondo a Pitigliano e alle terme di Saturnia (dove abbiamo proprio fatto i bagni termali *~*) e alla sera abbiamo fatto un giro nella notturna e desolata Talamone; il terzo siamo andati all'isola del Giglio! Abbiamo preso il traghetto ci siamo fatti una bella scarpinata da una parte all'altra dell'isola, siamo andati in spiaggia e io con dei miei compagni abbiamo preso due pedalò e abbiamo fatto un bel giretto (io non ho pedalato ovviamente u.u hihih) e al pomeriggio abbiamo fatto il bagno *^*❤
Il quarto giorno siamo andati a vedere un'abbazia in una paesino di cui non ho ancora capito il nome ^^' dove c'è la spada nella roccia *-* e abbiamo mangiato il ragù di cinghiale *w*❤
Poi siamo tornati a casa... :c
·
Il giorno dopo (il 12, compleanno di mio fratello❤) sono andata a fare un torneo di frisbee tra le scuole di Bologna ed ho quasi rischiato il coccolone per il caldo e la fatica ma è stato divertente c:
·
Venerdì 13 maggio 2016
Alla mattina sono stata a casa e alle 15:30 sono partita da casa della Collins con la Minna, direzione Verona
obiettivo:
5 SECONDS OF SUMMER!! *^*❤*^*❤*^*❤
·
C'è... oddio!... T^T
Ancora non ci credo di esserli andati a vedere davvero!!
Sembra molto un sogno di quelli nitidi nitidi! T^T❤
·
E invece ero là davvero oddio!! *^*❤T^T*^*❤T^T
·
Okay capitemi, io li amo non ci posso fare niente! T^T❤
·
Poi c'è... LUKE!... Dio quanto è bello!! T^T*^*❤
·
CONTINUA SOTTO!
Read more
Loading...
Ciao scusate per il ritardo ma è il secondo immagina che scrivo, quell'altro lo avevo quasi finito ...
Media Removed
Ciao scusate per il ritardo ma è il secondo immagina che scrivo, quell'altro lo avevo quasi finito e mi si è cancellato ci sono rimasta malissimo.....comunque questo è l'immagina su liam: Mi sveglia come ogni mattina per andare a scuola stanca morta e mi trascini giù dal letto per andare ... Ciao scusate per il ritardo ma è il secondo immagina che scrivo, quell'altro lo avevo quasi finito e mi si è cancellato ci sono rimasta malissimo.....comunque questo è l'immagina su liam:
Mi sveglia come ogni mattina per andare a scuola stanca morta e mi trascini giù dal letto per andare a prepararmi. Mi vesto con dei jeans neri strappati sul ginocchio e un maglioncino bordeaux visto che fuori comincia a far freddo. Una giornata come tutte le altre. Sento il clacson di un auto suonare e capisco che niall è già giù ad aspettarmi e mi affretto. Salgo in macchina e saluto il mio migliore amico Niall:
"Ciao Niall come stai? Scusa se ti ho fatto aspettare "
"Ciao t/n stasera ti porto a una festa ci vieni vero?"
"Boh non lo so...non mi va molto e poi sono indietro con gli studi..." gli dico cercando un modo per non andarci
"E se ti dico che alla festa c'è anche la tua cotta storica?"
Esatto la mia cotta storica. La mia cotta storica è Liam Payne. Mi piace dalla prima media.
"E va bene ci andiamo ma appena ti dico che me ne voglio andare mi riporti a casa!" gli dico con fare autoritario.
"Ok va bene...stasera ti vengo a prendere alle 8". Intanto il giorno di scuola passa e la serata si avvicina.
Mi vesto con un vestito stretto di un blu elettrico senza maniche. Ha una scollatura a cuore e arriva poco sopra il ginocchio. Indosso degli stupidi tacchi che mi fanno male ai piedi e mi trucco velocemente visto che sono ormai le otto.
Scorgo fuori dalla finestra la macchina di niall e mi avvio. Entro e lo saluto...
"Ciao! Dove è la festa?"
"A casa di Louis"
"A ok" Louis è un nostro amico...piu un amico di niall
Quando arriviamo scorgo davanti a me una grande casa con il tetto verde. Immagino che sia li la festa visto che si sente la musica da qui. Entriamo e la musica mi inonda i timpani. Niall mi lascia dirigendosi verso la sua ragazza e io gironzolo guardandomi intorno e cercando gli occhi del ragazzo che mi ha fatto innamorare. E lo trovo. Liam payne. Mentre si bacia con una ragazza.
*CONTINUO NEL COMMENTO QUI SOTTO*
Read more
Questa mattina il letto appare un po' più comodo del solito. La voglia di iniziare una giornata di ...
Media Removed
Questa mattina il letto appare un po' più comodo del solito. La voglia di iniziare una giornata di scatoloni e scotch da pacchi mi permette di aprire gli occhi eppure non sento il bisogno di srotolarmi dal groviglio di sogni, piumone, pensieri e pigiama in cui sono intrappolata. Freddo. Fuori ... Questa mattina il letto appare un po' più comodo del solito. La voglia di iniziare una giornata di scatoloni e scotch da pacchi mi permette di aprire gli occhi eppure non sento il bisogno di srotolarmi dal groviglio di sogni, piumone, pensieri e pigiama in cui sono intrappolata. Freddo. Fuori il vento fa roteare le ultime foglie rimaste del giardino. Accanto al mio orecchio sento un peso improvviso. Lei mi guarda, incuriosita forse dal fatto che non sia a scuola, e inizia a fare le fusa, contenta per ciò. È una mattina di riflessioni felici e le ossa del bacino sporgenti mi aiutano ad esserlo. Felice. Presto dovrò abbandonare questo letto. Come anche il tavolo da pranzo. Gli armadi. La cucina. Le ultime piccole note di sonno spariscono. Penso all'atmosfera natalizia. Ai jigeiko che mi aspettano stasera. Al cibo d'asporto e alle canzoni che ho voglia di ascoltare. Mi vedo in questa immagine. E sorrido. Sorrido per l'enormità di attimi come questi che vivrò. Sorrido perché i cambiamenti sono sempre pronti ad attaccarmi. Sorrido perché ho una gatta ai piedi del mio letto che mi guarda come mi guarda ogni giorno. Eppure questa mattina sto bene.
Ora mi alzo dai sogni. Lo giuro.

#smile
Read more
Albe biondo me piasa...TANTOOO ♡.♡ Cap. 5 *messaggiando con laura* Laura 《Perchè volevi sapere ...
Media Removed
Albe biondo me piasa...TANTOOO ♡.♡ Cap. 5 *messaggiando con laura* Laura 《Perchè volevi sapere come si chiamano le sue fan?》 Io 《No così, per sapere.》 Laura 《Ah, e ti piace come YouTuber Alberico?》 Io 《Diciamo che i suoi iscritti se li è guadagnati dato che lavora su YouTube da come ho ... Albe biondo me piasa...TANTOOO ♡.♡
Cap. 5 *messaggiando con laura*
Laura 《Perchè volevi sapere come si chiamano le sue fan?》
Io 《No così, per sapere.》
Laura 《Ah, e ti piace come YouTuber Alberico?》
Io 《Diciamo che i suoi iscritti se li è guadagnati dato che lavora su YouTube da come ho letto dal 2009, non posso dire però che i suoi video mi piacciano, è stata una perdita di tempo》
Laura 《E va bene, forse avevi ragione, non può piacere a tutti..》.
Io 《Ecco.》
Ebbene si, non ho voluto dirgli niente, non sapevo come dirglielo, mi vergognavo troppo...
Ma apparte questo, ogni giorno, appena finivo di mangiare, andavo subito in camera a vedere i suoi video, tutti, dalla Koord challenge allo speciale 100k iscritti...
Io 《Madonna che droga che sono sti video HAHAHAHA Alberico è troppo simpatico, come ho fatto a non vederlo prima?!》
*Messaggio da giorgia*
Io 《E adesso che vuole quella?...bah, non gli rispondo, io continuo a guardarmi i video che mi sto pisciando sotto hahahahaah》
Passato tutto il pomeriggio e la notte a guardarmi i suoi video, la mattina mi preparo e vado a scuola.
Sono sempre stata una studente modello:
Facevo sempre tutti i compiti, non avevo mai saltato giorni di scuola, studiavo ogni lezione, insomma, non ero mai impreparata...fino ad un certo punto.
Ad esempio oggi, entro in classe e...
Giorgia 《Ciao Cami♡》
Io 《Oh ciao Giorgia, come stai?》
Giorgia 《Bene dai, tu? Hai studiato per la verifica di storia?》
Io 《Quale verifica?》
Giorgia 《Ieri ti avevo inviato un messaggio per ricordartelo..se non hai studiato, cosa hai fatto tutto il pomeriggio?》
Io 《ma ti sembra che io non abbia studiato? Invece si che ho studiato, come sempre, stai trannquilla...andrà tutto...bene...》
*Il giorno dopo*
Io 《*Esce dalla classe*》
Prof. 《Camilla...》
Io 《si prof?》
Prof. 《Capisco che tu sia brava nelle verifiche e di conseguenza prendere voti alti, e capisco anche che si può sbagliare ma...》
Io 《Ma?》
Prof. 《Hai sbagliato tutte le risposte Camilla, mi dispiace ma per stavolta meriti un'insufficenza, spero non capiti altre volte dato che sei la prima della classe...》
Io 《Va bene, m'impegnerò la prossima volta, mi scusi..》
Fine 5° capitolooo :D♡
Read more
Loading...
Avevamo dodici anni quando iniziammo a frequentarci. Andavamo a scuola assieme alla mattina, ...
Media Removed
Avevamo dodici anni quando iniziammo a frequentarci. Andavamo a scuola assieme alla mattina, puntuale passavo a chiamarti e tu eri sempre in ritardo. Tornavamo da scuola e ci scambiavamo le lettere che leggevamo da sole nelle nostre camerette prima di rivederci verso le 16 dove ci scambiavamo ... Avevamo dodici anni quando iniziammo a frequentarci. Andavamo a scuola assieme alla mattina, puntuale passavo a chiamarti e tu eri sempre in ritardo. Tornavamo da scuola e ci scambiavamo le lettere che leggevamo da sole nelle nostre camerette prima di rivederci verso le 16 dove ci scambiavamo altre lettere alle quale rispondevamo in serata per darcele la mattina. Due pazze praticamente. A distanza di oltre vent’anni siamo qui ad affrontare questa parentesi di vita un po’ più dura del previsto per entrambe per motivi diversi. Siccome fin da piccole non ci siamo mai adeguate a stereotipi, a chi voleva metterci paletti, a chi ci avrebbe volute diverse, oggi non capisco perché ci dovremmo adeguare agli ostacoli che la vita ci pone davanti. Mano nella mano mia cara @georgettepol #nonsimollauncazzo #life #friends #smile #instagood
Read more
Le vacanze estive sono sempre il momento più atteso per tutti i bambini, ricordo che anche io da piccola ...
Media Removed
Le vacanze estive sono sempre il momento più atteso per tutti i bambini, ricordo che anche io da piccola facevo il conto alla rovescia in attesa di iniziare la stagione del sole, del mare e del divertimento! Per tutti quanti le vacanze sono un bel momento di relax, un premio dopo un anno di ... Le vacanze estive sono sempre il momento più atteso per tutti i bambini, ricordo che anche io da piccola facevo il conto alla rovescia in attesa di iniziare la stagione del sole, del mare e del divertimento!

Per tutti quanti le vacanze sono un bel momento di relax, un premio dopo un anno di lavoro, di scuola e impegni vari. Per noi mamme é anche tempo di shopping, e io che amo organizzarmi al meglio e non ritrovarmi con cose da fare all'ultimo momento, quest'anno ho giocato d'anticipo e ho scelto i grembiulini Siggi Happy School, la nuova collezione scuola e asilo del marchio @siggigroup dedicata ai bambini e pensata per accompagnarli durante il loro percorso scolastico.

Alice e Matteo sono molto entusiasti dei loro nuovi grembiuli, realizzati con materiali certificati e di qualità, con simpatici disegnini colorati ricamati su un lato ma soprattutto pratici e comodi nel modello con chiusura zip che permette, in un semplice gesto, di chiudere autonomamente il grembiule, così la mattina saranno velocissimi nel prepararsi da soli e non dovrò controllare che abbiano saltato qualche bottone!

Per conoscere tutti i modelli dei grembiuli @siggigroup , vi invito a consultare il loro sito alla voce Scuola.
@dexterina_instamamme

#siggibacktoschool  #siggihappyschool  #ad #instamamme
Read more
Ci sono 196 stati nel mondo, il mio sogno è quello di visitarli tutti! Marocco: La mia esperienza ...
Media Removed
Ci sono 196 stati nel mondo, il mio sogno è quello di visitarli tutti! Marocco: La mia esperienza in Marocco è iniziata a metà Novembre, quando il buon @sacconferretti ha avuto la folle idea di festeggiare il suo compleanno a Marrakech. Abbiamo passato lì, quindi, tre giorni da leoni, in ... Ci sono 196 stati nel mondo, il mio sogno è quello di visitarli tutti!
Marocco: La mia esperienza in Marocco è iniziata a metà Novembre, quando il buon @sacconferretti ha avuto la folle idea di festeggiare il suo compleanno a Marrakech. Abbiamo passato lì, quindi, tre giorni da leoni, in un ottimo resort all inclusive, passando le serate festeggiando nelle zone ricche della città. Esperienza breve ma intensa.
Io però sono una persona che se comincia a visitare una nazione, vuole visitarla tutta in lungo e in largo. Così sono tornato in Marocco per un super tour di 10 giorni.
Ecco le tappe:
DAY 1: Siamo partiti dall'aeroporto di Tangeri e ci siamo diretti con un gran-taxi a Tetouan.
A Tetouan ci siamo trovati in un riad che ci ha riservato una stanza enorme. La mattina seguente abbiamo visitato la medina ed il mercato della città.
DAY 2: Da Tetouan poi ci siamo spostati con un pulman fino a Fes (una delle quattro città imperiali): un viaggio lungo ed impegnativo, ma l'accoglienza in Riad ha poi compensato la stanchezza. Per cena abbiamo mangiato il tajine, classico piatto marocchino.
DAY 3: Durante il terzo giorno siamo riusciti a fare un tour pazzesco: la mattina abbiamo visitato la medina di Fes e la famosa conceria di pelle (la più grande dell'Africa). Successivamente abbiamo visitato Meknes (altra città imperiale), le storiche mura e la famosa scuola coranica. Da Meknes andava fatta poi tappa obbligatoria a Volubilis, nelle antiche rovine cartaginesi. Verso metà pomeriggio ci siamo poi avviati in treno verso Rabat, arrivando lì verso sera. Giusto il tempo di fare un giro in centro che siamo poi ripartiti subito verso Casablanca. Siamo arrivati in hotel sulle 23.30. Mezz'ora dopo sarebbe stato il mio compleanno. E così ho festeggiato il mio ventisettesimo compleanno nella movida di Casablanca.
DAY 4: Da Casablanca ci siamo spostati a El Jadida, visitando al suo interno la Città fortificata portoghese di Mazagan, compresa la grande e famosa cisterna.
DAY 5: Da El Jadida ci spostiamo ad Essaouira e visitiamo la Medina
DAY 6: Dopo aver pranzato al mercat... #Marocco #Africa #worldtour #Tetouan #Fes #Mekens #Volubilis #Rabat #ElJadida #Essaouira #Marrakech #Sahara
Read more
Tu vieni prima anche di me cazzo! E non scherzo, io sarei pronta anche a svegliarmi alle cinque del ...
Media Removed
Tu vieni prima anche di me cazzo! E non scherzo, io sarei pronta anche a svegliarmi alle cinque del mattino per farti compagnia se non riuscissi a dormire, e sai lo sforzo che farei dato che amo dormire, ma lo farei! Lo farei perché quando si tratta di te tutto sparisce, tutto diventa uno schifo ... Tu vieni prima anche di me cazzo! E non scherzo, io sarei pronta anche a svegliarmi alle cinque del mattino per farti compagnia se non riuscissi a dormire, e sai lo sforzo che farei dato che amo dormire, ma lo farei! Lo farei perché quando si tratta di te tutto sparisce, tutto diventa uno schifo senza te! Tu mi hai salvata dal mostro che ero diventata, tu mi hai fatta cominciare a vivere e sei diventato il senso di ogni mia giornata, di ogni mio gesto e di ogni mio sforzo, tu hai tirato fuori la parte più bella e nascosta di me! Se tu mi lasci io m'ammazzo perché io in questo mondo di merda non ho altro che te, neanche i miei amici o la mia famiglia ha mai saputo cosa avessi realmente, solo tu.
E se un giorno in questa cazzo di vita tu ti allontanassi da me, io mi sentirei persa, inutile, perché è solo grazie a te se la mattina mi credo un po’ meno inutile del solito.
So che sei sempre tu a dirmelo e io lo dico a stento, ma penso che la parola ti amo non comprenda a pieno tutto quello che provo per te.
Come te lo spiego con una sola parola, il subbuglio che ho dentro di me ogni volta che devo spiegarti che provo?
Non riesco mai a trovare le parole, ho solamente un grande buco allo stomaco e mille parole a caso che non hanno senso.
Io non sono più la persona di merda che ero prima, l'egoista e strafottente del solito, quella che odia i ti amo, i baci, gli abbracci e tutto ciò che è tremendamente dolce.
Ora se tu non mi abbracci io muoio.
Se tu non mi baci ogni volta che ti vedo, m'incazzo.
Se tu non mi dici ti amo, te lo grido io.
Quello che provo per te, mi ha cambiata al punto tale che quasi mi faccio meno schifo di prima.
Io stanotte non riesco a dormire, mi manchi così tanto che neanche immaginarti mi fa dimenticare quanto mi manchi.
Voglio stare abbracciata a te tutta la notte, svegliarmi la mattina e per prima cosa guardare te, non lo schermo del telefono.
Voglio prepararmi per andare a scuola con te che mi dici di muovermi perchè è tardi.
Voglio non smettere mai di amarti come sto facendo adesso, perché per te ho perso la testa sul serio, e non ho intenzione di ritrovarla.
Ti amo.
Ti amo perché di una persona vuota ne hai fatta una intera.
Read more
18/01/2016 Mi alzo come sempre, devo andare a scuola, scendo in bagno "buongiorno", qualche parola ...
Media Removed
18/01/2016 Mi alzo come sempre, devo andare a scuola, scendo in bagno "buongiorno", qualche parola e non lo è già più "Stanotte la nonna se n'è andata", queste le parole di mio padre "A che ore?" gli chiedo "All'una" mi risponde Io non ci credo, mezz'ora prima quella sera ero rientrato ... 18/01/2016
Mi alzo come sempre, devo andare a scuola, scendo in bagno "buongiorno", qualche parola e non lo è già più
"Stanotte la nonna se n'è andata", queste le parole di mio padre
"A che ore?" gli chiedo
"All'una" mi risponde
Io non ci credo, mezz'ora prima quella sera ero rientrato dalla partita
Vado verso la sua cucina, luci spente, tapparella alzata, l'unica luce è quella di due candele accanto a quella cazzo di bara
Non ce la faccio a guardarla, mi fermo sulla porta, mi lascio andare sullo stipite e inizio a piangere, vado in cucina, faccio colazione ed esco
A malapena saluto i miei amici, non ho voglia di scherzare con gli altri, musica al massimo nelle cuffie, scendo dal pullman, neanche riesco a salutare la mia ragazza, mi lancio addosso a lei e inizio a piangere ancora, 10 minuti così, lei in totale silenzio, poi le dico cosa è successo
Della scuola non me n'è mai fregato un cazzo, ma mi sono sempre sforzato di ascoltare, quella mattina no, la testa vagava in cerca di risposte che non trovava
Voglio tornare a casa, pensavo solo a quello, finalmente posso farlo, arrivo a casa, le sorelle di mia nonna nella stanza, io le saluto con un ciao soffocato e me ne vado subito in cucina e ancora lacrime
Non mangio, non ho fame, vado in camera, cassa, musica al massimo, mi isolo, oggi non ci sono per nessuno
Tutti mi fanno le condoglianze, grazie ma non mi portano indietro mia nonna
La sera tutti a casa che pregano, ma che cazzo serve, tanto non torna indietro, ormai se n'è andata, non torna più, non posso più sentire la sua voce, ne toccare la sua pelle perennemente fredda, ne vedere il suo sorriso nel sentire la mia voce
Tutti se ne vanno, rimaniamo noi sei, intorno a lei, io che penso solo a voler andare in camera, non riesco a guardarla, non ce la faccio, se mi chiedi com'era la sua faccia io non lo so, so a malapena che vestiti aveva addosso
Il giorno dopo funerale, in prima fila, le lacrime non erano ancora finite, usciamo di chiesa, l'abbraccio di un'amica sincera che cerca di tirarmi un po' su anche se sa che non cambia nulla
Read more
"Io non so cosa pensavi quelle notti con papà ma grazie mamma ne hai fatti due su due in famiglia ...
Media Removed
"Io non so cosa pensavi quelle notti con papà ma grazie mamma ne hai fatti due su due in famiglia eri il primo nato il bambino aspettato coccolato e a tratti persino viziato coccolato e pacchi su pacchi di ricchi natali parenti sorridenti intenti a lasciare regali e poi arriva il piccolo ... "Io non so cosa pensavi quelle notti con papà
ma grazie mamma ne hai fatti due su due
in famiglia eri il primo nato
il bambino aspettato coccolato
e a tratti persino viziato
coccolato e pacchi su pacchi
di ricchi natali
parenti sorridenti intenti a lasciare regali
e poi arriva il piccolo
scassando ogni giocattolo
diventa lui la star
mettendo te in un angolo
e la cagnara incombe fanfara e tromba
lui mangia caga e piange
a te le colpe per tutto ciò che rompe
con quel sorriso a quattro denti farabutto
già dicevo tutto
dormo da angioletto
e poi di notte non sto zitto
botte dal soffitto
mami e papi svegli fino a prima mattina
negli occhi lo stesso svarione di sette anni prima
ogni vicina sentiva e diceva che sfiga
mamma coglieva la sfida con noi rideva e capiva
che la congrega prendeva una nuova piega
non ci si credeva
al bordello che già si faceva
la casa a ferro e fuoco nel gioco di litigare
cane e gatto ma lo stesso modo di camminare
non so cosa pensavi quelle notti con papà
ma grazie mamma ne hai fatti due su due e due su due
che comunque vada mio fratello ci sarà
grazie mamma grazie pà
urlare a squarciagola
fantasmi sotto le lenzuola
bambini non fate casino
domani c'è scuola
ma mamma non c'è verso di fermare
i ghostbusters
la cameretta è l'universo
e noi siamo i masters
la fuori siamo soli non lo diamo a vedere
ma abbiamo il vestito più strano di tutto il quartiere
gli zarri che ridevano in cortile
ma era stile
ricordi come si giravano le ragazzine?
quando si girava in coppia
la stilosi li radoppia
l'andatura zoppa
e un'armatura dava forza
per affrontare ogni sventura
con la stessa frase in bocca
questo è mio fratello
bello sarà dura per chi me lo tocca
abbiamo il codice dei cavalieri
non vedi? piuttosto scleri
ma ci trovi sempre sinceri Milady
per la città sfidando il proprio futuro
uno lo cantava sicuro
l'altro scriveva su ogni muro
e la mia rivoluzione partiva da là
cane e gatto ma lo stesso sguardo di chi non ci sta
non so cosa pensavi quelle notti con papà
ma grazie mamma ne hai fatti due su due e due su due
che comunque vada mio fratello ci sarà
grazie mamma grazie pà"
+23
PS:Spero tu capisca
Read more
È ciò che ogni amante e appassionato di calcio aspetta per tutta la settimana: la domenica calcistica. ...
Media Removed
È ciò che ogni amante e appassionato di calcio aspetta per tutta la settimana: la domenica calcistica. Dopo interi giorni spesi chi tra i banchi di scuola e chi a lavoro, non c’è niente come il potersi rilassare sul divano guardando giocare la propria squadra del cuore. Così ci si sveglia ... È ciò che ogni amante e appassionato di calcio aspetta per tutta la settimana: la domenica calcistica. Dopo interi giorni spesi chi tra i banchi di scuola e chi a lavoro, non c’è niente come il potersi rilassare sul divano guardando giocare la propria squadra del cuore.
Così ci si sveglia la domenica mattina, magari ancora in trona per la sera prima, ma carichi per la partita, per il momento atteso per tutta la settimana.
Così vanno tutte le domeniche dell’anno...
ma oggi, purtroppo, no.
Di colpo la notizia: Davide Astori non c'è più.
Rimango incredulo, spero nella bufala ma tutto trova conferma.. Così inizio a tremare, ammutolito e con gli occhi lucidi, per la scomparsa di quel mio omonimo che tanto ho ammirato e stimato da quando mi sono innamorato di questo sport. Quanta compagnia mi hai tenuto proprio in queste domeniche, passate sul divano tra una partita e l’altra...e da oggi non sarà più così.. Da oggi non ci sarai più.
Tutto sospeso dunque, perché senza di te nulla di tutto quello che si è atteso per l’Intera settimana ha più senso. Così la domenica non la passo più sul divano, ma fuori, al freddo, un freddo glaciale che mai come oggi rispecchia lo stato d’animo di chiunque. Perché oggi un po’ tutti stiamo piangendo per te. Più tardi comincerà a piovere, e forse, quantomeno, non si vedrà.
Buon viaggio a chi più d’ogni altro ha rispecchiato la bellezza di questo sport, uno che come noi e più di noi l’ha amato e onorato in campo e fuori.
Sei immenso Davide, e lo sarai per sempre.
Riposa in pace.
Read more
CAPITOLO 10 Pov's Emily Nel messaggio c'era scritto chiaramente che ero io la prescelta di cui ...
Media Removed
CAPITOLO 10 Pov's Emily Nel messaggio c'era scritto chiaramente che ero io la prescelta di cui parlava Meredith.... Mi confessò che lei aveva il potere di dominare l'acqua e Meredith dell'aria. La prescelta era la persona che dominava il fuoco e quella ero io.... Disse che dentro di me ... CAPITOLO 10
Pov's Emily
Nel messaggio c'era scritto chiaramente che ero io la prescelta di cui parlava Meredith.... Mi confessò che lei aveva il potere di dominare l'acqua e Meredith dell'aria.
La prescelta era la persona che dominava il fuoco e quella ero io.... Disse che dentro di me potevo esercitare anche il potere della terra......
In quel momento, dop essermi ripresa, chiamai subito Samantha.
Io: Sam!! Cos' é questa storia??
Sam: Emily é cosí! tu non sei una ragazza come le altre, ma hai un potere che si esercita dentro di te.....
Io: ma perche! Non l ho chiesto io questo!! Voglio solo essere una ragazza normaleee!!!!!
Sam: nemmeno io l ho chiesto.... Emily.... Dovrai accettarlo....
Io: gia! Con tutti i miei problemi!
Sam: si ho saputo..... Adesso cucciolina devo andare ci incontriamo domani sera alla festa che ha organizzato il mio amore💞😍
Io: ahah.... Okay.... Allora ci vediamo a casa del tuo ragazzo alle 10.00....
Sam: si!! Non venire da sola!! Io: ehm.... Si.... Ehm.... Oky😰💞
Sam: ciauuuu❤❤❤
Io: ciauuuu💕💕
*fine chiamata*

*giorno dopo*
Come al solito mio fratello Daniel la mattina si butta sul mio letto e grida "EMILY SVEGLIA!!"
Io: Daniel.... Non rompere.....
D: Emily.... Non fare cosi.... Devi andare a scuola ti accompagno.....
Faceva molto freddo quindi i metto del leggins una maglietta a maniche corte, dato che odio le maniche lunghe, e un golf abbastanza pesante: mi trucco e vado a scuola con Daniel *a scuola*
Come al solito mi sedetti vicino a Damien, eravamo ormai diventati molto amici.... Mike non faceva piu parte della mia vita anche se non riesco proprio a dimenticarlo.......
Ogni giorno con lui era una litigata...... (Mike)
*Con Damien*
Io: ciao Damien..Senti ti volevo chiedere una cosa....
Damien: dimmi tutto amore!!!
Io: Non chiamarmi amore che senno cambio idea!!!😡 Damien: scusa scusa! Ma non posso!! Io: va beh okay.... Non importa...Senti vuoi venire ad una festa con me?
Damien: MA CERTO!!! .
Pov's Mike
😡😡 vedevo quei due abbracciarsi..... Che schifoooo!!! Emily é solo miaa!!!
Muoio di gelosiaaa! Cazzo!!
Damien: va bene Emily...Ti vengo a prendere alle 9.30 okay?
Emily: shiiii non vedo l'oraaa fammi un favore
Continuo sotto⬇
Read more
Il tempo di noi donne è diverso, sempre in battere e levare. Si dilata e allunga se stiamo in ansia ...
Media Removed
Il tempo di noi donne è diverso, sempre in battere e levare. Si dilata e allunga se stiamo in ansia per un figlio malato, corre veloce e scappa dalle mani quando, ogni giorno cerchiamo di incastrare le quotidiane incombenze nell’arco di una semplice giornata. Non abbiamo paura. Mai. Non davanti ... Il tempo di noi donne è diverso, sempre in battere e levare. Si dilata e allunga se stiamo in ansia per un figlio malato, corre veloce e scappa dalle mani quando, ogni giorno cerchiamo di incastrare le quotidiane incombenze nell’arco di una semplice giornata. Non abbiamo paura. Mai. Non davanti agli altri.
Nascondiamo le lacrime e la paura dietro porte chiuse e ai “va tutto bene”. Non ci piace apparire deboli, delicate ed insicure.
Ci avete insegnato: non ci volete così.
Siamo quelle che vi incoraggiano e vi sostengono,ascoltano le vostre preoccupazioni e ingoiano parole amare se ci rispondete male o non fate più caso a noi.
Piangiamo per i film, siamo fragili, indifese ed un po’ ammaccate. Nascondiamo le nostre paure dietro a sorrisi e mascara.
Siamo quelle che la mattina si alzano prima di tutti,preparano vestiti e colazione,quelle che ad orari impossibili escono trafelate di casa per portare,con un bacio ed una carezza sulla fronte,i figli a scuola. Siamo quelle che vanno a lavoro, ed a lavoro si sentono in colpa perché credono di sottrarre del tempo a voi, e quando a casa si sentono in colpa per non poter essere a lavoro.
Perennemente divise fra dovere e cuore.
Siamo quelle che vi mettono il pigiama sul termosifone.Quelle delle corse in ospedale in piena notte,dei soldi messi da parte per i giorni duri,delle cuciture di emergenza per i peluche preferiti dei figli,dei pomeriggi a cucinare e sere a stirare.
Siamo quelle che vanno a letto sempre per ultime, spengono le luci, danno una carezza al cane e chiudono la porta di casa.
Cari uomini, noi donne vi diamo la vita, vi insegniamo a camminare,parlare,leggere e scrivere.
Ogni sera leggiamo storie della buonanotte,sconfiggiamo
i mostri sotto al letto,asciughiamo le vostre lacrime,curiamo ginocchia sbucciate e cuori infranti.Vi abbiamo nutrito e protetto a costo della nostra di vita,e quando crescete avete solo un modo per sopraffarci e schiacciarci.
Lo sapete,anche se noi non ve lo abbiamo mai insegnato.
Ed è l’unico dal quale non possiamo difenderci.
#giornatamondialecontrolaviolenzasulledonne #stopfemminicidio #stopviolenceagainstwomen #women #love #protectwomen #takecareofme
Read more
Ho un sogno Ho un sogno che un giorno i bambini diventeranno bambini in tutte le parti del mondo, Ho ...
Media Removed
Ho un sogno Ho un sogno che un giorno i bambini diventeranno bambini in tutte le parti del mondo, Ho un sogno che un giorno i bambini africani avranno la possibilità di giocare e studiare come bambini, Ho un sogno che un giorno loro deporranno le armi perché non ne avranno più bisogno, Ho ... Ho un sogno

Ho un sogno che un giorno i bambini diventeranno bambini in tutte le parti del mondo,
Ho un sogno che un giorno i bambini africani avranno la possibilità di giocare e studiare come bambini,
Ho un sogno che un giorno loro deporranno le armi perché non ne avranno più bisogno,
Ho un sogno che un giorno loro verranno ascoltati,
tollerati e che potranno anche decidere cosa fare da grandi.

Nel mio sogno vedo che i bambini africani non
moriranno più di fame, sete e malattie banali,
Nel mio sogno vedo che questi bambini andranno a scuola la mattina anziché andare nei vari cantieri,
Nel mio sogno vedo che questi bambini lasceranno le grotte, i tombini e le strade per andare a dormire
nelle case.

Ho un sogno che un giorno i bambini africani
lasceranno i campi profughi,
Ho un sogno che un giorno loro non avranno più
bisogno di camminare per chilometri in cerca d'acqua sporca da bere,
Ho un sogno che un giorno i loro piedi saranno
protetti dalle scarpe e i loro corpi coperti dai vestiti.

Nel mio sogno vedo che i bambini africani avranno la possibilità di vaccinarsi contro le malattie infantili,
Nel mio sogno vedo che i loro destini non saranno più decisi dalle tragedie causate dai grandi,
Nel mio sogno vedo che i bambini africani avranno la possibilità di riuscire un giorno a sognare!!! Blessing Sunday Osuchukwu ————————————————————————- Nel mio piccolo spero di aver dato il mio contributo, grazie x i vostri sorrisi immensi ed i vostri sguardi pieni di gioia che ci avete regalato, gli porterò sempre con me...❤️🖤💚
Read more
Ecco il secondo capitolo della fan fiction!<span class="emoji emoji1f64a"></span> Ditemi cosa ne pensate nei commenti!<span class="emoji emoji1f4ab"></span> Potrete trovare ...
Media Removed
Ecco il secondo capitolo della fan fiction! Ditemi cosa ne pensate nei commenti! Potrete trovare tutti i capitoli qui: #qualcunodifferenteff CAPITOLO II Le giornate trascorrevano felici, per me, un bambino spensierato di soli nove anni. La mattina andavo a scuola, il pomeriggio ... Ecco il secondo capitolo della fan fiction!🙊 Ditemi cosa ne pensate nei commenti!💫
Potrete trovare tutti i capitoli qui: #qualcunodifferenteff
CAPITOLO II
Le giornate trascorrevano felici, per me, un bambino spensierato di soli nove anni. La mattina andavo a scuola, il pomeriggio giocavo nel cortile, la mia vita era carina e spensierata. Le giornate a Parigi erano molto belle, a volte c'era il sole, a volte la pioggia, non faceva mai né troppo caldo, né troppo freddo, a volte nevicava, non succedeva molto spesso, ma a volte accadeva, era bellissimo, tutti quei piccoli cristalli che scendevano dal cielo, magia, pura magia. Quando nevicava mi siedevo sulla porta di casa a guardarla scendere, il naso mi diventava tutto rosso, il naso rosso, sempre però puntato al cielo, per vedere quei piccoli fiocchi scendere. Quando smetteva di nevicare io un po' mi rattristavo, perché amo la neve, ma mi riprendevo subito, sarebbe arrivata la primavera, e i fiori sarebbero sbocciati, creando un mare infinito di colori, che gioia, poi arrivava l'estate, e poi l'autunno, poi di nuovo l'inverno ed il Natale, questa routine non mi stancava mai, perché, ero sereno.
Un giorno eravamo seduti a tavola a mangiare e mia madre disse una cosa che ci spiazzò, ci saremmo dovuti trasferire a Londra. Ma perché a Londra? Mi piace tanto questo posto! Che ne sarà della mia casina tranquilla e della mia vita gioiosa? Inoltre dicono che a Londra piova sempre. [New post: 60 likes💕]
Read more
“Un nuovo amico per ricominciare” di Lucy Dillon <span class="emoji emoji1f4da"></span><span class="emoji emoji1f4d6"></span> Editore: @garzantilibri <span class="emoji emoji1f4cd"></span> •••••••••••••••••••••••••••••••••••••• Nancy ...
Media Removed
“Un nuovo amico per ricominciare” di Lucy Dillon Editore: @garzantilibri •••••••••••••••••••••••••••••••••••••• Nancy è da sempre una bambina vivace e chiacchierona. Con il suo sorriso contagioso porta gioia di vivere ovunque vada. Fino a una fredda mattina di febbraio quando ... “Un nuovo amico per ricominciare” di Lucy Dillon 📚📖
Editore: @garzantilibri 📍
••••••••••••••••••••••••••••••••••••••
Nancy è da sempre una bambina vivace e chiacchierona. Con il suo sorriso contagioso porta gioia di vivere ovunque vada. Fino a una fredda mattina di febbraio quando tutte le sue certezze si dissolvono nello spazio di un saluto. Quello breve ma dolcissimo di suo padre che sta per trasferirsi lontano da casa. Senza di lui inventare storie sulla sua famiglia di orsacchiotti non sarà più così divertente. Eppure, c'è un nuovo amico che ha intenzione di farle cambiare idea al più presto: si chiama Bumble ed è il cagnolino che vive insieme a zia Eva nella sua casa di campagna a Longhampton, dove Nancy trascorre i fine settimana. Con il muso teneramente grinzoso e i profondi occhi neri, Bumble nota cose di cui nessun altro è in grado di accorgersi, fiutando pensieri ed emozioni. Appena ne accarezza il pelo morbido, Nancy capisce che è speciale e può fidarsi di lui. Con Bumble al suo fianco, pronto a tenderle la zampa ogni volta che ne ha bisogno, non si sente più sola. Nei pomeriggi passati a correre in giardino riscopre quel buonumore e quella spontaneità che la contraddistinguono. Ma un giorno, all'improvviso, suo fratello Joel non torna da scuola. Solo Nancy sa dove potrebbe essere andato. Come le ha insegnato Bumble, non deve perdersi d'animo ma trovare il coraggio di farsi avanti per trovarlo. Questa volta tocca a lei dare una mano a risolvere la situazione. #libri_e_libri
Read more
Questa mattina mi sono svegliata con una certa ansia da prestazione, sono onesta. Ho controllato ...
Media Removed
Questa mattina mi sono svegliata con una certa ansia da prestazione, sono onesta. Ho controllato cento volte se nella borsa avessi messo tutto: ingredienti, tortiera, il mio coltello, la macchina fotografica. Sono tornata indietro due volte; la prima per recuperare le chiavi della macchina ... Questa mattina mi sono svegliata con una certa ansia da prestazione, sono onesta. Ho controllato cento volte se nella borsa avessi messo tutto: ingredienti, tortiera, il mio coltello, la macchina fotografica. Sono tornata indietro due volte; la prima per recuperare le chiavi della macchina abbandonate sul tavolo - da Monza a Milano a piedi sarebbe stata lunga - la seconda per infilarmi le scarpe al posto delle infradito. Un po’ come quella volta in cui, presa da una crisi isterica, cercavo disperatamente gli occhiali da sole. Indovinate dove erano? Ma certo che sì, ovviamente sul mio naso!
Sulle mie distrazioni ci si potrebbe scrivere un libro.
Eccoci ritrovati in questo martedì di giugno, alla fase finale della sfida a colpi di #Alpro.
In cucina c’è un gran da fare, io @closetteblog e @lammaigal ci aggiriamo con fare sospettoso, attenti a non svelare i segreti delle nostre ricette; non si sa mai che a qualcuno venga in mente di copiare! Anche se, devo ammettere, e qui lo dico e qui lo nego, a scuola mi chiamavano “occhi di gatto” e non per lo sguardo penetrante! Quindi, cari sfidanti miei belli, fate attenzione alle miei occhiate furbacchione, sono un perfetto esempio di manager da bigino!
La comunicazione ufficiale che devo fare oggi è che le vacanze e i permessi sono stati revocati, niente persone tergiversanti, no a chi guarda silente e ride sotto i baffi (quelli che insultano non li prendiamo nemmeno in considerazione!). Ho bisogno di voi, della vostra voce e del vostro tifo pazzesco e assordante. In una famiglia (e la nostra lo è alla grande) ognuno ha i suoi compiti: io mi metto all’opera tra zucchero e farina, voi dateci dentro con like e commenti!
#colazioneconalpro #alpronista #ad
.
Apprezzate la mia concentrazione nell’impiattamento della torta! Vi avviso che Michael ha preparato delle crepe vegane pazzesche... mi iniziano a tremare le gambe 😂🤦🏼‍♀️
Read more
Dopo la mia prima laurea sapevo che avrei intrapreso un altro cammino, un'altra laurea, ma non sapevo ...
Media Removed
Dopo la mia prima laurea sapevo che avrei intrapreso un altro cammino, un'altra laurea, ma non sapevo che sarebbe stato anche l'anno in cui mi sarei sposata... e così insieme al mio attuale marito abbiamo parlato per capire cosa avremmo dovuto fare... abbiamo scelto di continuare il nostro ... Dopo la mia prima laurea sapevo che avrei intrapreso un altro cammino, un'altra laurea, ma non sapevo che sarebbe stato anche l'anno in cui mi sarei sposata... e così insieme al mio attuale marito abbiamo parlato per capire cosa avremmo dovuto fare... abbiamo scelto di continuare il nostro viaggio, ci saremmo sposati e avrei iniziato anche la nuova università, inoltre sempre in quel periodo ho iniziato a lavorare in una nuova scuola a tempo pieno. Woow quanti cambiamenti, quante nuove e meravigliose esperienze... sapevamo che sarebbe stata dura e così è stato. Durante tutto il primo anno di matrimonio oltre agli impegni universitari e lavorativi settimanali avevo il tirocinio ogni sabato mattina, a noi come coppia restava la domenica da doverla dividere a volte tra parenti e amici. Non è stato facile. È stata molto dura. Ed é per questo che ora sono così, anzi, siamo così soddisfatti di aver completato un percorso mano nella mano, di aver vinto nonostante le difficoltà e sono così fiera di aver conquistato questo titolo che mi permetterà di svolgere il lavoro scelto, la professione che amo. Grazie a tutte le persone che mi hanno sostenuta in primis a mio marito che mi è sempre stato accanto nel bene e nel male, nelle discussioni e nelle risate.
E ringrazio me stessa per non aver mai mollato, per la costante determinazione che mi ha portata a questo successo! ♡
#nomteam #womoms #notonlymama #thewomen #vita_fotografica #girls #redhair #ginger #igers #redheads #gingerhair #life #tweegram #love #smile #naturalredhair #redhair_world #red_heads #weloveredhair #ig_love #instalove #italy #italiangirl #memories #lavitainunoscatto #maviepuntoit #fotografi_amo #redhairzz #nikon #instamamme
Read more
È per te che sono verdi gli alberi e rosa i fiocchi in maternità è per te che il sole brucia a luglio è ...
Media Removed
È per te che sono verdi gli alberi e rosa i fiocchi in maternità è per te che il sole brucia a luglio è per te tutta questa città è per te che sono bianchi i muri e la colomba vola è per te il 13 dicembre è per te la campanella a scuola è per te ogni cosa che c'è ninna na ninna e... è per te ogni cosa ... È per te che sono verdi gli alberi
e rosa i fiocchi in maternità
è per te che il sole brucia a luglio
è per te tutta questa città
è per te che sono bianchi i muri
e la colomba vola
è per te il 13 dicembre
è per te la campanella a scuola
è per te ogni cosa che c'è ninna na ninna e...
è per te ogni cosa che c'è ninna na ninna e...
è per te che a volte piove a giugno
è per te il sorriso degli umani
è per te un'aranciata fresca
è per te lo scodinzolo dei cani
è per te il colore delle foglie
la forma strana della nuvole
è per te il succo delle mele
è per te il rosso delle fragole
è per te ogni cosa che c'è ninna na ninna e...
è per te ogni cosa che c'è ninna na ninna e...
è per te il profumo delle stelle
è per te il miele e la farina
è per te il sabato nel centro
le otto di mattina
è per te la voce dei cantanti
la penna dei poeti
è per te una maglietta a righe
è per te la chiave dei segreti
è per te ogni cosa che c'è ninna na ninna e...
è per te ogni cosa che c'è ninna na ninna e...
è per te il dubbio e la certezza
la forza e la dolcezza
è per te che il mare sa di sale
è per te la notte di natale
è per te ogni cosa che c'è ninna na ninna e.

Tanti auguri di Buon compleanno piccolo Santi 💙 #love #beautiful #santiago #demartino #samtiagodemartino #stefanodemartino #stefano #demartino #bestconcert #likeforlikersfrommet #likeforlikealways #likeafther #likeforfollowers #likeforalikback #likeforliketeam #likeforlikeback #likeforlikesback #likeforafollow #like4likeback #likesforlikes #likeforlikes #likeforfollow #like4likeback #likeforalike #likeformore #likeforlove #likeforlike #likeforback #likefolike #likefather #likeforme
Read more
“Perché a vent'anni è tutto ancora intero, perché a vent'anni è tutto chi lo sa, a vent'anni si è stupidi ...
Media Removed
“Perché a vent'anni è tutto ancora intero, perché a vent'anni è tutto chi lo sa, a vent'anni si è stupidi davvero, quante balle si ha in testa a quell'età”
(o così almeno dice Guccini). 20 anni.
Non ci credo neanche io.
Mi sembra ieri il giorno in cui ne avevo appena undici e volevo crescere, ... “Perché a vent'anni è tutto ancora intero, perché a vent'anni è tutto chi lo sa, a vent'anni si è stupidi davvero, quante balle si ha in testa a quell'età”
(o così almeno dice Guccini). 20 anni.
Non ci credo neanche io.
Mi sembra ieri il giorno in cui ne avevo appena undici e volevo crescere, volevo diventare adulta per poter fare come mi pare. Che stupida che ero, come dice Liga “aver fretta d’esser grandi e poi voler tornare indietro quando non si può”.
Mi guardavo allo specchio e mi provavo il rossetto rosso di mia sorella, ripetendomi che un giorno avrei potuto metterlo sempre ed essere più bella, non capendo quanto potessi essere bella già a quell'età, come lo sono tutte le bambine di undici anni.
Mi è bastato crescere giusto un po’ ed arrivare ai miei quindici anni per capire che non era quella la vita che volevo, per capire quanto il mondo facesse schifo e quanto sarebbe stato bello restare bambini per sempre.
Dal compimento dei miei quindici anni, ogni compleanno era una “sofferenza”, un gradino verso l’età adulta e verso il diventare donna.
I sedici, i diciassette, i maledetti diciotto anni che non volevo né fare né festeggiare perché io non volevo tutte quelle responsabilità, non le ho mai volute, i diciannove e adesso i venti anni.
Compiere venti anni, per me, è più importante che compierne diciotto.
A 18 anni siamo ancora adolescenti, andiamo ancora a scuola ed abbiamo ancora la certezza di svegliarci ogni mattina e vedere le stesse persone, quelle persone che sono come una seconda famiglia. Abbiamo la strada già delineata. Certamente, a 18 anni acquistiamo la capacità d’agire, possiamo prendere la patente e guidare, possiamo entrare in qualsiasi locale e possiamo prendere in pace il drink alcolico nei pub e nelle discoteche, possiamo anche commettere illeciti senza che di questi ne rispondano i nostri genitori e possiamo finire anche in carcere. Ovviamente, le responsabilità sono tante, ma la vita è sempre la stessa degli anni precedenti e le persone che ti circondano sono sempre le stesse. Cambia poco.
Avere vent'anni significa diventare adulti e smettere di essere adolescenti. Ed è questo che mi terrorizza. 
 #20
Read more
Prima era un'altra cosa, andavi a scuola la mattina con un pensiero fisso in testa, anzi l'unico: ...
Media Removed
Prima era un'altra cosa, andavi a scuola la mattina con un pensiero fisso in testa, anzi l'unico: "Le ore 16:30". Si perche era in quel momento che si iniziava a vivere, aprivi la porta di casa e iniziava la maratona dei citofoni, si andava da tutti gli amici sperando che scendessero tutti per ... Prima era un'altra cosa, andavi a scuola la mattina con un pensiero fisso in testa, anzi l'unico: "Le ore 16:30". Si perche era in quel momento che si iniziava a vivere, aprivi la porta di casa e iniziava la maratona dei citofoni, si andava da tutti gli amici sperando che scendessero tutti per organizzare la solita partita di calcio con il pallone che é storia : " il super santos". Quando si era in pochi non ti perdevi d'animo, e allora l'illuminazione : "giochiamo alla tedesca". E si partiva con : " chi si offre per il portiere parte da 31 gli altri 29 " ." Se dici cross non vai a porta, se la blocchi in due tempi non vale e i fuori sono tutti i muri" se qualcuno segnava di sedere partiva un'esultanza che, campioni del mondo scansatevi... Ma puntualmente mentre si era a metà del gioco arrivavano gli altri...e allora partita! I due capitani (i piu forti) fanno le squadre, poi si va con le regole : " il battimuro vale , retropassaggio anche, i portieri (chiaramente) sono volanti e chi butta il pallone fuori scavalca". Puntualmente il magico super santos finiva sotto a qualunque macchina si trovasse nelle vicinanze e come serpenti ci si buttava per recuperarlo uscendo ovviamente poi neri come la pece. Quando in lontanza si inziavano a sentire le voci delle nostre mamme si sentiva la magica frase : "chi segna vince". E allora li anche se si stava 10 a 1 non contava. Ci si giocava la vita per quell'ultimo pallone da buttare in quella porta costruita con palo a destra e muro a sinistra senza traversa e con una linea di porta immaginaria. Di questi tempi quel super santos é li fermo a guardare uno spettacolo nel quale lui non é più l'attore principale. Questo fa male, fa male al cuore.
#buonanotte
Read more
Tra ieri e oggi tre eventi importanti sul nostro territorio: sabato mattina, a partire dalle 8.45, ...
Media Removed
Tra ieri e oggi tre eventi importanti sul nostro territorio: sabato mattina, a partire dalle 8.45, si è svolto il Convegno “Alleanza educativa tra scuola e famiglia: un percorso da scoprire” organizzato da Ludofficina in collaborazione con l’assessorato ai servizi educativi di Valentina ... Tra ieri e oggi tre eventi importanti sul nostro territorio: sabato mattina, a partire dalle 8.45, si è svolto il Convegno “Alleanza educativa tra scuola e famiglia: un percorso da scoprire” organizzato da Ludofficina in collaborazione con l’assessorato ai servizi educativi di Valentina Landi. Oltre 120/130 persone presenti in Auditorium.
In contemporanea, presso la Casa Comunale, l’associazione Bentivoglio Cuore in collaborazione con l’assessorato alla sanità di Massimo Paderni svolgeva in iniziativa di approfondimento sulle malattie cardiovascolari (quasi 150 cittadini, tra cui il sottoscritto, sono venuti a provarsi il Colesterolo). Stamattina, grazie al lavoro dell’Assessorato allo Sport di Andrea Scalambra, in collaborazione con tante realtà e associazioni, si svolgeva “Diversiamoci”, giornata all’insegna dell’integrazione della disabilità tramite lo sport, con la partecipazione di tantissime persone di Molinella e non.
Tre iniziative che hanno visto la partecipazione di centinaia di persone: grazie ai tanti che hanno lavorato per la riuscita di questi eventi, che qualificano il nostro territorio.

#molinella18

P.s. Oggi causa pioggia è stato annullato il Carnevale. Quest’anno un po’ di sfortuna con le condizioni meteorologiche: può capitare.
Read more
 #incredibile #stupito #amicavera #tivogliobene Questo é il messaggio che mi ha mandato oggi: Non ...
Media Removed
#incredibile #stupito #amicavera #tivogliobene Questo é il messaggio che mi ha mandato oggi: Non avrai mai sentito una persona più dolce di me dopo questa notte ahahah, ricordatelo! #betheone ahhahah "A te che sei Nicholas Galeotti, E che dici che vai a scuola e che poi ti ritrovi nell'autobus ... #incredibile #stupito #amicavera #tivogliobene
Questo é il messaggio che mi ha mandato oggi:
Non avrai mai sentito una persona più dolce di me dopo questa notte ahahah, ricordatelo! #betheone ahhahah "A te che sei Nicholas Galeotti,
E che dici che vai a scuola e che poi ti ritrovi nell'autobus delle 12.20

A te che sei matto,
Colui che va a Pontenuovo in bici
E potrebbe anche fare un tour biciclistico(?) fino a Verona

A te che esci dalle scatole il giorno dei vari compleanni

A te che scegli ogni giorno di metterti in gioco prendendo scelte traumatiche...STELLA MARRRRINNNASS ahahhah

A te che ormai hai il VipPass da Damassa

A te che hai lo zaino con un procione

A te che sei sempre puntuale

A te che ci rimani male se l'altro non ti caga gli audio

A te che canti a momenti

A te che mi sorprendi sempre

A te che ami la Juve,la tua Gatta, e la tua Barba e i tuoi Capelli più della tua stessa vita!

A te che viaggi da solo

A te che se la mattina riuscivi a prendere la navetta ti si facevano lodi su lodi per la tua speciale e rara puntualità

A te che te ne sei andato pr tre mesi, e che sembravano tre anni

A te che aiuti

A te che ti impegni se qualcosa ti piace

A te che vuoi tanto bene alle persone, e ci tieni

A te che ti incasini sempre la vita

A te che sei unico e speciale.. vedi di goderti questa giornata! Anche se fa cagare, affrontala con il sorriso. E renditi conto di quanto tu possa essere fortunato.. tutti i giorni, che hai parenti,amici,colleghi,bambini che ti vogliono bene per il Gallo di sempre che tutti conosciamo.
Ti voglio bene campione"

Buon Compleanno #ScS #Amico #tvb #19
Read more
Condividere il banco di scuola è un legame sacro. Il mio compagno di banco è stato il mio complice ...
Media Removed
Condividere il banco di scuola è un legame sacro. Il mio compagno di banco è stato il mio complice per tre lunghi anni di lotte e amori, cambiamenti e note sul registro. Puoi invecchiare quanto vuoi,ma il ricordo di quella complicità resterà sempre con te. E dopo tre anni posso dire che ne ... Condividere il banco di scuola è un legame sacro.
Il mio compagno di banco è stato il mio complice per tre lunghi anni di lotte e amori, cambiamenti e note sul registro.
Puoi invecchiare quanto vuoi,ma il ricordo di quella complicità resterà sempre con te.
E dopo tre anni posso dire che ne è valsa la pena. È stata l'unica persona della classe che mi ha fatto copiare sempre senza farsi pregare peccato fosse scarso quanto me. I miei compiti erano i suoi e i suoi quelli della secchiona della classe.
Le mie ragazze erano gelose di lui, i miei libri grazie a lui hanno una loro storia, fatta da cazzetti di vario genere e scritte del tipo "frocio". Per coprirmi le spalle avrebbe potuto ancje vendersi la sorella.
Lui conosce segreti di me che potrebbero rovinarmi la vita e io altrettanti di lui.
Alle volte ci mettevamo d'accordo su cosa indossare la mattina,era una cosa fissa guardarci e ridere quando la professoressa ci divideva perchè facevamo troppo casino.
Una persona in grado di metterti la colla sulla sedia,lanciarti le caccole e starnuti in faccia,una persona per cui per tre anni hai litigato per le doti di Francesco Totti trovandoti d'accordo solo su quelle di Ilary Blasi. Sono convinto,caro amico mio, che se un giorno i banchi potessero parlare,i nostri farebbero una cosa semplice: si sfotterebbero e parlerebbero h24 di calcio e ragazze. Sabato all'ultima campanella il tempo si fermerà, ma la nostra amicizia no...quella continuerà.
Oggi compie gli anni una delle persone più belle e vere che abbia conosciuto negli ultimi anni e anche se la distanza ci divide i nostri cuori non sono mai troppo lontani. Tanti auguri amico mio.❤🔐
#cuorinviaggio
Read more
Un tuffo nel passato, o per dirla all’inglese un #throwback ad altri tempi...anni addietro, kg ...
Media Removed
Un tuffo nel passato, o per dirla all’inglese un #throwback ad altri tempi...anni addietro, kg e capelli fa ; ai tempi in cui ogni mattina c’era la consapevolezza che avremmo condiviso insieme un pezzo delle nostre giornate, che avremmo chiacchierato, riso e scherzato, che ci saremmo ... Un tuffo nel passato, o per dirla all’inglese un #throwback ad altri tempi...anni addietro, kg e capelli fa 😢; ai tempi in cui ogni mattina c’era la consapevolezza che avremmo condiviso insieme un pezzo delle nostre giornate, che avremmo chiacchierato, riso e scherzato, che ci saremmo lamentate di come la vita da maturandi fosse triste e piena di ansie, pur sapendo che all’uscita di quelle quattro mura decadenti, che era la nostra scuola, non sarebbero state lì ad aspettarci fama, gloria, successo e tanta fortuna, ma con la speranza che forse dopotutto non doveva per forza non essere così; un tuffo ai tempi in cui ci svegliamo nella stessa stanza e facevamo colazione insieme, o meglio io facevo colazione mentre tu ti truccavi 🤦🏻‍♀️; a quando mi hai accolta a casa tua come fossi una sorella; a quando per smorzare l’ansia delle prove scritte bastava attraversare la strada e fare un carico di #Cornetti ripieni di ogni tipo di cioccolato 🍫; a quando aspettavo che tornassi dalla corsa e mi trovavi puntualmente sul letto, a dormire; a quando rassicuravi tua mamma sul fatto che mi piacesse ciò aveva cucinato, ero solo la persona più lenta a mangiare sulla faccia della terra 😅
È passato del tempo, siamo cambiate, cresciute. Abbiamo imboccato strade diverse che non per forza devono essere parallele, che alle volte si incontrano, e quando vi è la possibilità che accada spesso ne siamo felici.
E come non esserlo.
Sei una delle persone più buone e belle che abbia mai conosciuto!
Buon compleanno 💞🎂🎁
Read more
Qualsiasi cosa farò è fatta con modalità “me stessa”,non prenderò esempio dagli altri. Mi interessa ...
Media Removed
Qualsiasi cosa farò è fatta con modalità “me stessa”,non prenderò esempio dagli altri. Mi interessa vivere la vita con il mio nome,non con quello di un’altra. Mi interessa avere il mio lavoro e tenere il disordine sopra la scrivania,lo adoro,credo che le idee migliori vengano proprio ... Qualsiasi cosa farò è fatta con modalità “me stessa”,non prenderò esempio dagli altri.
Mi interessa vivere la vita con il mio nome,non con quello di un’altra.
Mi interessa avere il mio lavoro e tenere il disordine sopra la scrivania,lo adoro,credo che le idee migliori vengano proprio dal caos.
Mi interessa avere una casa e non essere una maniaca della pulizia.
Mi interessa avere un divano e poterci mangiare sopra quando sono triste.Ovviamente non voglio vivere tra la sporcizia,ma non voglio nemmeno diventare esaurita per tenere tutto sotto controllo.
Mi interessa avere un’auto e non doverla lavare ogni settimana.
Mi interessa avere un bambino e non essere la madre logorroica o perfetta,non esistono madri perfette ma esistono madri che sanno amare,non voglio essere assillante su che scuola deve frequentare,deve esse libero di scegliere e di sbagliare per poter crescere.
Non mi interessa mettermi a dieta per entrare dentro ad un vestito,voglio un vestito adatto alle mie forme.
Non mi interessa imparare a mangiare un gelato senza sporcarmi.
Mi interessa tenere i piedi piantati per terra solo l’80% delle volte,il necessario per essere un’adulta in gamba,con quel 20 voglio continuare a volare e sognare.
Mi interessa non spegnermi.
Mi interessano le fotografie i momenti e non mettermi in posa.
Mi interessa avere un capello fuori posto e non farmene un problema.
Non mi interessa la perfezione del momento giusto,non ci sarà mai un momento giusto e io non sarò mai perfetta.
Mi interessa avere un uomo che mi ami,non che sia ricco o economicamente stabile.
Mi interessa prenotare un viaggio quando ne ho voglia.
Mi interessa strafogarmi di schifezze ogni tanto,senza sentirmi in colpa.
Mi interessa non dipendere da chi mi vuole come un robot.
Mi interessa esaudire i miei sogni con la mia imperfezione,a modo mio.
Mi interessa essere felice non apparire.
Mi interessa essere me da come mi preparo la colazione la mattina a come mi rannicchio sotto il piumone la sera.
Mi interesso io e mi amo così..
mi interessi tu,dal momento in cui lasci l’apparenza e prenderai il senso..e credimi,non sarò perfetta ma di senso ne ho tanto!
#frasi #photo #lamore #esseresestessi #crescere
Read more
Ti ho conosciuto una mattina di tredici anni e mezzo fa, rientrando da scuola ho trovato il mio regalo ...
Media Removed
Ti ho conosciuto una mattina di tredici anni e mezzo fa, rientrando da scuola ho trovato il mio regalo più bello... un batuffolo di pelo che è diventato sin da subito uno degli amori più grandi della mia vita. Non c'era giorno che non desiderassi rientrare a casa per vederti, e quelle volte che ... Ti ho conosciuto una mattina di tredici anni e mezzo fa, rientrando da scuola ho trovato il mio regalo più bello... un batuffolo di pelo che è diventato sin da subito uno degli amori più grandi della mia vita. Non c'era giorno che non desiderassi rientrare a casa per vederti, e quelle volte che non ti trovavo, non era lo stesso, mi mancava essere completamente travolta dal tuo affetto, dalla tua gioia di vedermi sempre, fino a ieri, dal primo all'ultimo giorno della tua vita. Perché tu, piccolo uomo, non avevi momenti no, come noi umani, ma dal primo giorno hai amato me e la mia famiglia non stancandoti mai di noi. Ed io ho fatto lo stesso con te, sei stato il mio fratello minore, avevi la capacità di capire ogni stato d'animo e di saperti adattare anche a questo, se mi vedevi triste mi prendevi la mano e ti accarezzavi da solo, se, invece, ero particolarmente felice volevi giocare più del solito. Mi sei stato vicino per ogni esame all'università, non ti staccavi da me nemmeno per un minuto, sentendomi ripetere per ore e ore, ci sei stato per la mia laurea, per il mio matrimonio, per tutti i momenti più importanti della mia vita. Ed io non perdevo occasione per di parlare di te in ogni momento, di raccontare quanto fossi speciale e unico, di quanto ci hai cambiato la vita. Non basterebbe un libro per descrivere quanto mi hai dato e quanto ora ci hai tolto andandotene, avrò sempre impressi nei miei gli occhi più belli, dolci e furbi che abbia mai visto. Fai buon viaggio fratellino mio, ti amerò per sempre. #robietoti #tiameropersempre #unapartedelmiocuoresenevaconte #tiamo
Read more
Io e le altre andiamo in stanza verso le 12:00 p.m., i ragazzi festeggieranno ancora per un po' Rosa:Sono ...
Media Removed
Io e le altre andiamo in stanza verso le 12:00 p.m., i ragazzi festeggieranno ancora per un po' Rosa:Sono stanca morta Alexia:Già, non dirlo a me, vorrei solo che non avessimo tutte queste scorte di wisk incendiario Olga:Già, sono ancora un po' scossa hahaha Samantha:Io lo sapevo, finiamo ... Io e le altre andiamo in stanza verso le 12:00 p.m., i ragazzi festeggieranno ancora per un po'
Rosa:Sono stanca morta
Alexia:Già, non dirlo a me, vorrei solo che non avessimo tutte queste scorte di wisk incendiario
Olga:Già, sono ancora un po' scossa hahaha
Samantha:Io lo sapevo, finiamo sempre cosí
Rosa:Dai Samantha, é stata bella la festa
Alexia:In tanto tu sei stata sempre a guardare quel Diggory
Rosa:Io...Diggory? Alexia tu sei ubriaca non parlare
Samantha:In tanto ha ragione, e lo dico perfino io che sono sobria
Olga:Tutti lo sanno, forse l'unico che non lo sa' é Cedric hahaha
Rosa:Antipatica!*dico lanciandogli il cuscino, ma lei me lo rilancia*
Alexia:Battaglia di cuscini!
Samantha:Partecipo anch'io!*dice buttandosi nella mischia*
Siamo distese a terra, piume dappertutto, entrano il restante delle ragazze, anche loro ubriache, domani non ci faranno andare a lezione, e forse ci inizieremo a togliere i punti.
(mattina dopo)
La luce del sole entra dalla finestra, é particolarmente fastidioso, perciò mi alzo e vedo di darmi una decenza. Metto l'uniforme, allaccio la cravatta e prendo l'orario
Serpeverde~Tassorosso
povera me, sarò costretta a sopportare due ore di pozioni con Draco e la sua banda di idioti.
Olga, Alexia e Samantha sono sveglie, cosí andiamo ad aspettare gli altri nella sala comune.
Markus:Oh, damigelle
Alexia:Mark!*dice saltandogli a dosso*
Cedric:Ciao ragazze*dice guardandomi, sento le guancia rosse e le mani sudate, perché mi succede sempre quando sto con lui?
Olga:Hei Ced, quest'anno vincerai il campionato di Quidditch vero?
Markus:Mia cara Olga, Diggory quest'anno farà una cosa ancora piú importante
Samantha:Essere simpatico a professor Piton?
Cedric:Ora chiedi l'impossibile haha, comunque no, dovrete scoprirlo*dice sorridendo, amo il suo sorriso a a a a*Secondo te cosa farò?*dice avvicinandosi al viso di Sam*
Samantha:Ti metterai nei guai
Cedric:Non esattamente
Alexia:Mi prendi la torta?
Markus:Quello lo faccio già io
Rosa: Qualcosa che c'entra con la scuola, o piú?
Cedric:Sei la piú vicina, complimenti
Alexia:Ma non dovreste essere tutti mezzi morti?
Markus:Siamo maghi, abbiamo preparato una pozione
Rosa:Caffé?
Cedric&Markus:Esatto!
Read more
Più dei tramonti, più del volo di un uccello, la cosa meravigliosa in assoluto è una donna in rinascita. Quando ...
Media Removed
Più dei tramonti, più del volo di un uccello, la cosa meravigliosa in assoluto è una donna in rinascita. Quando si rimette in piedi dopo la catastrofe, dopo la caduta. Che uno dice: è finita. No, non è mai finita per una donna. Una donna si rialza sempre, anche quando non ci crede, anche se non ... Più dei tramonti, più del volo di un uccello, la cosa meravigliosa in assoluto è una donna in rinascita.
Quando si rimette in piedi dopo la catastrofe, dopo la caduta. Che uno dice: è finita. No, non è mai finita per una donna. Una donna si rialza sempre, anche quando non ci crede, anche se non vuole. Parlo di te, che questo periodo non finisce più, che ti stai giocando l'esistenza in un lavoro difficile, che ogni mattina è un esame, peggio che a scuola.
Te, implacabile arbitro di te stessa.
Comunque sia andata, ora sei qui e so che c'è stato un momento che hai guardato giù e avevi i piedi nel cemento. Dovunque fossi, ci stavi stretta: nella tua storia, nel tuo lavoro, nella tua solitudine. Ed è stata crisi, e hai pianto. Hai pianto mentre camminavi in una strada affollata, alla fermata della metro, sul motorino.
Così, improvvisamente. Non potevi trattenerlo. E poi hai scavato, hai parlato. Per capire, per tirare fuori una radice lunga sei metri che dia un senso al tuo dolore.
"Perché faccio così? Com'è che ripeto sempre lo stesso schema? Sono forse pazza?”E allora vai giù con la ruspa dentro alla tua storia, a due, a quattro mani, e saltano fuori migliaia di tasselli. Un puzzle inestricabile. Ecco, è qui che inizia tutto. Non lo sapevi?
E' da quel grande fegato che ti ci vuole per guardarti così, scomposta in mille coriandoli, che ricomincerai.
Perché una donna ricomincia comunque, ha dentro un istinto che la trascinerà sempre avanti.
Ti servirà una strategia, dovrai inventarti una nuova forma per la tua nuova te. Perché ti è toccato di conoscerti di nuovo, di presentarti a te stessa. Non puoi più essere quella di prima. E' un'avventura, ricostruire se stesse. La più grande. Non importa da dove cominci, se dalla casa, dal colore delle tende o dal taglio di capelli. Più delle albe, più del sole, una donna in rinascita è la più grande meraviglia. Per chi la incontra e per se stessa. È la primavera a novembre. Quando meno te l'aspetti. #donna #woman #strong #freeda #grl #grlpower #girl #wmnpower #alba #myself #anima #soul #view #perfectview #phrase #donneinrinascita #diegocugia #poetry #poesie #blog #blogger #life
Read more
Non dimenticherò mai quel giorno,uno tra i più belli della nostra vita insieme; il giorno in cui ...
Media Removed
Non dimenticherò mai quel giorno,uno tra i più belli della nostra vita insieme; il giorno in cui per la prima volta ti ho detto:"Grazie di tutto,ti voglio bene". Non dimenticherò mai il tuo sguardo stanco ma felice nel venirmi incontro per abbracciarmi forte perché ce l'avevamo fatta con ... Non dimenticherò mai quel giorno,uno tra i più belli della nostra vita insieme; il giorno in cui per la prima volta ti ho detto:"Grazie di tutto,ti voglio bene". Non dimenticherò mai il tuo sguardo stanco ma felice nel venirmi incontro per abbracciarmi forte perché ce l'avevamo fatta con tanti sacrifici,insieme. Sei un uomo speciale,una persona onesta,un gran lavoratore,sei un vero papà,a "soli" 25 anni ti sei fatto carico di responsabilità come mai nessuno avrebbe provato a fare,non ti fermi mai e mai dai cenni di stanchezza o di perdizione; mi conosci in tutte le mie milioni di sfaccettature ed hai il coraggio e la fermezza quando alzo la voce di comprendermi sapendo che poi passerà,che è solo un modo di fare,che quello che posso dirti non lo penso poi realmente. Tu sai accettarmi e non perché sei mio padre. Sei un uomo speciale,con un sorriso speciale,con una voglia di vivere speciale. Sei quella parte di me che mi fa "smuovere" un po' dalle convinzioni che m'impongo di avere per poter star bene. Non smetterò mai di amarti come quando la mattina ti portavo il caffè a letto,come quando giocavamo a fidanzato e fidanzata,come quando all'uscita di scuola ti cercavo. Ti amo con tutto il mio cuore,e non so cosa il futuro mi riserverà,ma una cosa la so.... ti amo,ti amerò davvero tanto e non smetterò mai di farlo con questa stessa intensità. Buon compleanno papi mio. ❤🎂
Read more
Oggi è l’8 marzo e ora, che sono pronta finalmente a collassare nel mio letto, posso ripensare alla ...
Media Removed
Oggi è l’8 marzo e ora, che sono pronta finalmente a collassare nel mio letto, posso ripensare alla giornata di oggi. Con una donna ho trascorso la mattina, una mia amica, una mia ex compagna di scuola che è venuta a trovarmi con i suoi due bambini: è una moglie, una mamma, un’educatrice, ma ... Oggi è l’8 marzo e ora, che sono pronta finalmente a collassare nel mio letto, posso ripensare alla giornata di oggi.
Con una donna ho trascorso la mattina, una mia amica, una mia ex compagna di scuola che è venuta a trovarmi con i suoi due bambini: è una moglie, una mamma, un’educatrice, ma è soprattutto una ragazza della mia età che ha reso la sua casa, la sua famiglia, il suo meraviglioso micromondo. Casa sua mi ha sempre accolto: prima per le full immersion di studio durante le sessioni di esame, oggi per merende, tra letture di fiabe ( non sempre istruttive) e puzzle colorati.
A pranzo ho lavorato con tre donne: tre uragani, tre trattori, che vivono ogni interminabile giornata di lavoro con determinazione, fatica, impegno, collaborazione, fiducia.
Gestiscono da sole un locale, i suoi clienti, i suoi fornitori, tra soddisfazioni e lamentele, tra intoppi e gratificazioni; in piedi, tutto il giorno, con una stanchezza che prova a demotivare, eppure sempre pronte a ripartire, ancora più veloce. Sempre allegre, ogni tanto lunatiche, mai arrendevoli. Sempre donne.
Ho Bevuto il caffè con una donna che sta affrontando il dolore più grande, la malattia di un figlio, e con una costanza e un amore immenso arriva, sempre, a fine giornata, senza sapere dove ha trovato la forza per affrontare così tante difficoltà . Mi piace quando ride, perché se lo merita così tanto.
Nel pomeriggio ho studiato latino con due ragazze: sono adolescenti, chissà quante farfalle hanno nella pancia, nella testa, nel cuore. Eppure oggi, a metà pomeriggio, una si è commossa per l’amore e la morte di Didone, l’altra, nonostante un votaccio, ha svolto tutti gli esercizi sul congiuntivo esortativo, ha tradotto, ha ricopiato i paradigmi, ha cercato di lavorare con impegno, tenacia, voglia di dimostrare. Le guardo ogni settimana con orgoglio, tenerezza e fierezza, perché anche se loro insultano un po’ quella lingua morta, nei momenti in cui traducono, memorizzano e faticano, sono più vive che mai.
Ho ricevuto i messaggi di tante amiche, talmente tante che a volte dimentico quanto io sia fortunata ad averle con me. Con ognuno di loro sto condividendo qualcosa: [continua]
Read more
(NELLA FOTO È AYA LA PROTAGONISTA) Capitolo 1 L'incontro con un ragazzo strano: Aya: *sorride* ...
Media Removed
(NELLA FOTO È AYA LA PROTAGONISTA) Capitolo 1 L'incontro con un ragazzo strano: Aya: *sorride* ciao a tutti!*Si inchina* Io sono Aya Yamazaki. Ho 15 anni e da oggi sarò il classe con voi. Spero che andremo d'accordo. Aya sorride e sua madre applaude Mamma:Brava. Farai un figurone nella ... (NELLA FOTO È AYA LA PROTAGONISTA)
Capitolo 1 L'incontro con un ragazzo strano:
Aya: *sorride* ciao a tutti!*Si inchina* Io sono Aya Yamazaki. Ho 15 anni e da oggi sarò il classe con voi. Spero che andremo d'accordo.
Aya sorride e sua madre applaude
Mamma:Brava. Farai un figurone nella nuova scuola!
Aya: *si siede* speriamo bene. Sono un può nervosa.
Fratello: *entra nella stanza* sorellina stai tranquilla. Andrà tutto bene.
Mamma: *annuisce convinta* ascolta tuo fratello
Aya: speriamo *guardo fuori dalla finestra pensierosa*
Aya sale in camera sua. Disfece la valigia. Si mette a guardare il cielo.
Aya:Perche sono cosi preoccupata per quello che succederà domani? Ho questa sensazione che non riesco a capire proprio se è un presentimento buono o cattivo....ho il cuore che mi batte a mille. *Si addormenta* chi sa cosa succederà...
È mattina.
Mamma:Aya sei in ritardo sbrigati!!!
Aya: *si sveglia e guarda l'ora e si mette a gridare* È TARDI!!!!!!!! *si prepara in fretta* io vado *esco* a dopo!
{Mamma: aya...non hai mangiato
Fratello:A volte non capisco quella ragazza *beve tranquillo
il tè*
Mamma: *si mette a bere il tè tranquilla anche lei* siamo in due caro.}
Aya: *corre* Sono in ritardo il primo giorno!!.Ma com'è possibile?!!!
Aya corre come un fulmine. Correva cosi forte che non a visto un ragazzo e li cade adosso*
Aya:Ahi ah che botta! È possibile che combini sempre guai!
Aya non si rendeva conto che è sopra un ragazzo.
X: *sguardo freddo* ehi tu! Spostati!
Aya: mh? *lo vede e arrossisce* *si alza* SCUSA!!! *si inchina diverse volte chiedendo sempre scusa*
X: Tsh...smettila. mi dai fastidio! Sparisci!
Aya: *diventa di pietra* °com'è freddo! mi fa venire i brividi ° *guarda l'ora* È TARDI!!! Corre fino a scuola e per fortuna arriva in orario. In classe c'era un può di caos.
Prof:Ragazzi fatte silenzio! Da oggi avete una nuova compagna di classe! Veni avanti
Aya:*Entro in classe con lo sguardo abbassato*
ragazzi:Che carina! Bellissima!
CONTINUO SOTTO
Read more
La colazione da bambina era una non-colazione. Troppo buio fuori, troppe emozioni che mi attendevano ...
Media Removed
La colazione da bambina era una non-colazione. Troppo buio fuori, troppe emozioni che mi attendevano a scuola. Mentre mia mamma beveva il caffè in piedi, con il meteo in sottofondo, io pescavo distrattamente qualche cereale da una tazza di latte che non ricordo di aver mai bevuto. La colazione ... La colazione da bambina era una non-colazione. Troppo buio fuori, troppe emozioni che mi attendevano a scuola. Mentre mia mamma beveva il caffè in piedi, con il meteo in sottofondo, io pescavo distrattamente qualche cereale da una tazza di latte che non ricordo di aver mai bevuto.
La colazione da studentessa era questione di sopravvivenza. Fatta troppo tardi la mattina, ritagliando un angolo di tavolo tra il mio disordine e quello delle ragazze che vivevano con me. I biscotti più buoni erano sempre già finiti e tra una chiacchiera e l’altra riuscivo ad arrivare in ritardo anche alle lezioni delle 10.
Da qualche anno a questa parte, invece, la colazione la facciamo in due. Una tradizione di cui abbiamo imparato i gesti raffinandoli di giorno in giorno, per anni: fare il caffè, giocherellare con il gatto, canticchiare canzoni di cui cambiamo le parole per farci ridere a vicenda. Per un miracolo che non riesco del tutto a spiegarmi, le piccole ansie che invadono prepotenti il resto della giornata, finché abbiamo una tazza davanti, sono bandite. La vita sembra facile, a colazione. ☕️
@nespresso.it ha aggiunto un tassello a questo nostro rituale, che ora comprende anche una capsula colorata e un ronzio rassicurante seguito da un irresistibile profumo di caffè. Come se la stupenda crema marroncina in superficie non bastasse, adesso possiamo addirittura preparare un cappuccino vero, di quelli con la schiuma bianca e soffice su cui lasciar sprofondare lo zucchero prima di mescolare. Cappuccino chiaro con Volluto per me, che amo i gusti dolci, cappuccino scuro con Arpeggio per lui, che preferisce i sapori forti (la spolverata di cacao sopra era d’obbligo).
#nespressomorning #ritualenespresso #prodottofornitodanespresso #adv
Read more
La mattina alle 7.21 (ma credo si potessero contare sulle dita di una mano quante volte in cinque ...
Media Removed
La mattina alle 7.21 (ma credo si potessero contare sulle dita di una mano quante volte in cinque anni effettivamente fosse arrivato puntuale) aspettavano il bus, con i cappotti agganciati fino all’ultimo bottone, tanti volti senza nome, erano troppo infreddoliti per scambiare qualche ... La mattina alle 7.21 (ma credo si potessero contare sulle dita di una mano quante volte in cinque anni effettivamente fosse arrivato puntuale) aspettavano il bus, con i cappotti agganciati fino all’ultimo bottone, tanti volti senza nome, erano troppo infreddoliti per scambiare qualche parola, ma si conoscevano ormai da una vita, tutte le mattine la stessa attesa per lo stesso tragitto prima di arrivare a scuola. Sporadicamente da dietro la curva vedevano affacciarsi una figura azzurra, invece del classico autobus arancione, e in un attimo si guardavano a metà tra lo sbalordito e il soddisfatto, veder arrivare il bus blu significava più posti liberi, forse addirittura qualcuno a sedere. Ma tutti gli altri giorni, tutti quei volti senza nome conoscenti da una vita lottavano a chi entrasse per primo, a chi timbrasse per primo, a chi riuscisse ad accaparrarsi l’unico posto a sedere libero - dovevano aspettare che qualcuno dei ragazzi della fermata precedente si ammalasse o decidesse di saltare un compito, a pensarci ora fa sorridere. A lei non interessava molto di tutto ciò, cosa facessero gli altri alla fine la condizionava ben poco, quello che le stava a cuore era ritagliarsi il suo piccolo spazio sicuro dove poter aggrapparsi quando il pullman oscillava e dove poteva ascoltare, dalle cuffie di quel minuscolo mp3 blu elettrico infilate sotto il cappotto, la sua musica - troppo alta da farla sentire a tutti quelli intorno a lei, ma lo scoprì troppo tardi, ormai tutti conoscevano la sua playlist e di sicuro qualcuno era arrivato ad odiare quella canzone di Anastacia ascoltata a ripetizione prima del saggio di canto - noncurante di quello che accadeva accanto a lei. Ci ripensò, un bel po’ di anni dopo, di ritorno a casa, mentre il rumore un po’ stridente del tergicristallo scandiva il tempo in maniera totalmente scombinata rispetto al ritmo di quella vecchia canzone di Anastacia in sottofondo, e ripensò che ancora nella vita, nel lavoro e nelle relazioni di tutti i giorni, a lei non interessava mai prendere il posto a sedere libero nel cuore delle persone, non le interessava neanche essere la prima a timbrare, né lo sgualcito ((continua nel commento))
Read more
I più codardi si limitano a dire "ma come te ne t'è", mentre i più coraggiosi mi dicono " ma come fai?" ...
Media Removed
I più codardi si limitano a dire "ma come te ne t'è", mentre i più coraggiosi mi dicono " ma come fai?" Oggi voglio confessarvi che nonostante tutto non è facile, no, per niente! Non è facile avere una vita piena, non è facile coordinare e gestire tutto insieme, scuola di ballo, allenamenti, ... I più codardi si limitano a dire "ma come te ne t'è", mentre i più coraggiosi mi dicono " ma come fai?" Oggi voglio confessarvi che nonostante tutto non è facile, no, per niente! Non è facile avere una vita piena, non è facile coordinare e gestire tutto insieme, scuola di ballo, allenamenti, università e vita personale... Si è un pò come un robot, dal lunedì al sabato tutto prefissato, dalla mattina alla sera! E questo cosa si ripete da anni ogni giorno!
La gente però tutto questo non lo sa, parla e critica, ma non sa dei sacrifici che io e la mia famiglia facciamo tutti i giorni, non sa che mi chiamano "La ragazza dal borsone viola" perché mi sposto continuamente con la borsa per andare direttamente ad allenarmi dopo una giornata di università, non sa dei treni persi e degli orari smontati d'improvviso, per poi rimanere a scuola di ballo fino a mezzanotte per recuperare, non sa dello zaino che pesa e delle lezioni organizzare e preparate sul treno, non sa della faccia preoccupata di mia madre quando faccio Roma-Veroli-Ceccano tutto in un giorno, non sanno che io e mia sorella nonostante viviamo insieme riusciamo a vederci solamente la sera a letto! Dei pranzi al sacco, degli integratori e dei mal di testa... E quando cerchi disperatente una sedia per riposarti 5 minuti ti dicono anche: ma sempre seduta stai? No, non sapete come spesso guardo l'orologio e spero che la giornata finisca presto!
Ma nonostante tutto ho scelto questa vita perchè è la cosa più importante che ho, lo faccio perche mi piace, perche non c'è niente di più appagante di quando i tuoi genitori parlano di te con un sorriso preoccupato ma orgoglioso, delle lacrime che versa mia madre quando dico "mamma sono stanca morta, ma ce l'ho fatta!" L'ho scelta perchè questa vita mi fa batte il cuore, mi emoziona e mi rende soddisfatta di me stessa. E quando mi viene voglia di mollare tutto riguardo sempre questa foto! E ora dico a voi codardi e coraggiosi che mi fate sempre la stessa domanda: guardate questo sorriso e rispondetevi da soli... 💭❤
Read more
È tempo di ripartire! Emozionato come al primo giorno di scuola, vi invito domani mattina alle ...
Media Removed
È tempo di ripartire! Emozionato come al primo giorno di scuola, vi invito domani mattina alle 9.00 su @m2oradio per il debutto di #AirDnD con me, @manudoriani e @albertoremondini 🤙🏾 ___________________________________ Da lunedì a venerdì, dalle 9 alle 11, esaudiremo i vostri desideri ... È tempo di ripartire!
Emozionato come al primo giorno di scuola, vi invito domani mattina alle 9.00 su @m2oradio per il debutto di #AirDnD con me, @manudoriani e @albertoremondini 🤙🏾
___________________________________
Da lunedì a venerdì, dalle 9 alle 11, esaudiremo i vostri desideri e vi caricheremo d’energia per tutta la giornata!
___________________________________
Grazie a @emsi_design per aver realizzato i nostri due meme! ❤️
___________________________________
#fabiodevivo #fdv #manueladoriani #albertoremondini #radio #m2o #radiom2o #m2oradio #diretta #onair #everymorning #emsidesign #checoppia #radioallostatopuro
Read more
Entrata in pullman pensai alla giornata trascorsa nella mia nuova scuola,alle medie ed elementari ...
Media Removed
Entrata in pullman pensai alla giornata trascorsa nella mia nuova scuola,alle medie ed elementari non ero mai stata presa in considerazione e invece qui ho fatte amicizie. Tra i pensieri e sospiri arrivai alla fermata del bus e con la testa fra le nuvole mi scontrati ad un ragazzo alto,cresta ... Entrata in pullman pensai alla giornata trascorsa nella mia nuova scuola,alle medie ed elementari non ero mai stata presa in considerazione e invece qui ho fatte amicizie.
Tra i pensieri e sospiri arrivai alla fermata del bus e con la testa fra le nuvole mi scontrati ad un ragazzo alto,cresta da dio,occhi azzurri da perderti dentro, e fisico palestrato.
Il suo sguardo si incrociò con i miei insicuri occhi,non so che cosa mi stava succedendo ma dentro di me si formò una fiamma che non avevo mai provato.Tutto il pomeriggio pensai a lui,e se andava alla mia stessa scuola e se lo avrei più rivisto.
La mattina seguente lo incontrai alla fermat del bus, iniziò una conversazione
-"Hey tu sei la ragazza con la quale ieri mi ero scontrato"
"Emh....si,piacere Alice"
"Salve,Leo....incantato"
Arrosisco,per fortuna arriva il pullman e all'interno mi siedo vicino a lui,e scopro che ha 15 anni,fa la seconda superiore all'ITIS,la scuola vicino alla mia,ci scambiamo anche i numeri di telefono, e scesi dal bus mi scombina i capelli.
Forse mi sono innamorata?
Dopotutto è un ragazzo simpatico e Bono, perché non provarci e lanciarmi?ho deciso, cercherò di conoscerlo meglio e fargli capire i miei sentimenti.
A scuola Chiara,la mia compagna di banco chiede i numeri a tutti per creare il gruppo della classe e invita me e Laura (una sua amica Delle medie,alta,magra occhi verdi e capelli rossi e lisci)
di venire il pomeriggio da studiare con lei.
Fantastico!
Cosa posso desiderare di meglio?
Al più presto possibile avrò un tipo tutto mio,e sono "popolare" a scuola,mi sembra un sogno.
I giorni passavano, io e Leo diventammo molto amici,uscivamo insieme il pomeriggio,mi aiutava con i compiti e ogni sabato sera insieme alle mie due amiche andavo un po' nei negozi.
Passarono 6 mesi ed eravamo a fine febbraio,Leo mi chiede di fidanzarzi..Era il 22 febbraio,davanti scuola,io non lo risposi e scappai in classe.
Che cazzo ho fatto?
Perché non ho detto di sì?È meglio parlarne con Chiara e Laura e anche loro concordano a dargli una possibilità..
Finiscono le 5 ore ed lo incontro fuori scuola, mi avvicino,porto la sua mano vicino alla mia lasciandogli un biglietto,con su scritto si.
Read more
Brando ieri mattina prima di entrare a scuola per la prova di Italiano<span class="emoji emoji203c"></span>️ Vi ricordo di continuare ...
Media Removed
Brando ieri mattina prima di entrare a scuola per la prova di Italiano️ Vi ricordo di continuare ad usare l'hashtag #inboccaallupobrandopacitto e #inboccaallupocarminebuschini @bbbrranddooo #brandopacitto #braccialettirossi2 (mia se prendete citate.) Brando ieri mattina prima di entrare a scuola per la prova di Italiano‼️ Vi ricordo di continuare ad usare l'hashtag #inboccaallupobrandopacitto e #inboccaallupocarminebuschini
@bbbrranddooo #brandopacitto #braccialettirossi2 (📷mia se prendete citate.)
L’attesa per la notte di Santa Lucia. La letterina scritta mesi prima, la promessa di essere più ...
Media Removed
L’attesa per la notte di Santa Lucia. La letterina scritta mesi prima, la promessa di essere più ubbidienti e buoni, la lista dei regali desiderati. La preparazione del vassoio con il cibo e le bevande per Santa Lucia e per l’asinello. L’impazienza che non faceva dormire, il sonno che faceva ... L’attesa per la notte di Santa Lucia. La letterina scritta mesi prima, la promessa di essere più ubbidienti e buoni, la lista dei regali desiderati. La preparazione del vassoio con il cibo e le bevande per Santa Lucia e per l’asinello. L’impazienza che non faceva dormire, il sonno che faceva crollare prima che qualcuno potesse arrivare.
La gioia di svegliarsi presto la mattina e trovare i regali sotto l’albero, la carota smangiucchiata e il latte con i biscotti finito. La corsa a scuola per poter raccontare agli amici cosa fosse arrivato durante la notte, l’attesa per poter tornare a casa a giocare con i nuovi regali.

Il periodo più bello dell’anno.❤️ #santalucia ✨
Read more
- cos'hai fatto oggi? @eledelrio ho la scusa che lo faccio per te, ok? - ho svuotato una lavatrice, ...
Media Removed
- cos'hai fatto oggi? @eledelrio ho la scusa che lo faccio per te, ok? - ho svuotato una lavatrice, ho preparato la colazione e portato Diamara a scuola, ho preso la metro e ho messo il rossetto per andare all'università Bicocca ospite di Luca Conti nel corso di Web Marketing, tutto questo prima ... - cos'hai fatto oggi? @eledelrio ho la scusa che lo faccio per te, ok? - ho svuotato una lavatrice, ho preparato la colazione e portato Diamara a scuola, ho preso la metro e ho messo il rossetto per andare all'università Bicocca ospite di Luca Conti nel corso di Web Marketing, tutto questo prima del caffè e di arrivare in ufficio come tutti i giorni; cos'hai raccontato tu ieri, @dvalente10? io sempre le stesse cose, quelle che ho detto anche ieri a @giusivalentinicoach che è venuta a trovarmi per registrare una puntata del suo podcast (che visto che le ho raccontato una novità lo metterà online più in là, anzi ora vado a chiedere quand'è che posso raccontarla 'sta novità); Giusi mi ha chiesto come sono arrivata fin qui, e le solite cose che dico sempre sono che ci sono arrivata con la cura e l'attenzione, studiando, condividendo tanto ma non tutto, non facendo finta di essere chi non sono o di sapere cose che non so e ogni volta faccio un sacco di esempi, eccone due nuovi nuovi:
1. ieri ho ricevuto un invito da una che non so chi sia ma si premurava di chiedermi come sto e di raccontarmi che sta tornando dalla maternità, quindi sono andata a vedere fosse colpa della mia memoria e no: non mi aveva mai scritto prima, non ho neppure risposto alla mail, magari non era a me che voleva scrivere io come posso saperlo?
2. oggi ho ricevuto un altro invito, ne copio un pezzetto: ad accoglierti ci sarà una sorpresa golosa pensata per te, per allietare i tuoi momenti tra una lezione di swing e l’altra o durante una nuova ricerca di "purpi": @Filippog8 sabato mattina abbiamo un impegno, come potevo dire di no? - hai dei consigli da dare?
me lo hanno chiesto sia Luca stamattina che ieri Giusi, in verità anche @nicolespring nell'intervista per la scuola di @gioiacoach, insomma... io faccio sempre le stesse cose che consigli pensate che dia? sempre gli stessi e quindi anche oggi ho citato la massima de @lalui: non mettere in Rete mai nulla che non mostreresti anche a tua nonna.
Poi ho aperto la newsletter del Digital Update e @gluca e @alebegoli ci hanno scritto la frase migliore di sempre: insegniamo a rimanere aggiornati in un mondo che cambia, per imparare a imparare ❤
Read more
♡New year, new hair// L'ho fatto, si dice che tutto parte dalla chioma. Può sembrare un gesto semplice, ...
Media Removed
♡New year, new hair// L'ho fatto, si dice che tutto parte dalla chioma. Può sembrare un gesto semplice, ed in effetti lo è, in pochi secondi, zaaac ed eccoli tutti giù per terra. In realtá fino a qualche mese fa non avrei mai avuto il coraggio, ricordo ancora che soprattutto in passato temevo ... ♡New year, new hair// L'ho fatto, si dice che tutto parte dalla chioma. Può sembrare un gesto semplice, ed in effetti lo è, in pochi secondi, zaaac ed eccoli tutti giù per terra. In realtá fino a qualche mese fa non avrei mai avuto il coraggio, ricordo ancora che soprattutto in passato temevo i parrucchieri (da me nobilmente nominati "mani di forbici") perchè i miei capelli dovevano essere lunghi e loro li tagliavano più del dovuto《taglia solo un cm》dicevo, giuro che poi li misuravo con il metro per valutare la lealtá del mano di forbicione , le mie diventavano vere e proprie minacce, ero ossessionata da quei capelli che dovevano coprire le mie insicurezze. Adesso la folta e lunga chioma bionda non la sento più mia, mi sono stufata di essere la biondina dolce, cucciolina, che non farebbe del male neanche ad una mosca *gni gni gni*, adesso mi sento più me stessa, la Valeria che fino ai 6 anni mentre tutte le amichette volevano i capelli lunghi li voleva corti come la sua eroina preferita (non la droga, non la usate che vi danneggiate), la Valeria che quando si metteva una cosa in testa (non le mollettine, non mi piacevano, soprattutto quelle di Hello Kitty) nessuno poteva fermarla . Questo per dirvi, non temete di cambiare, fate qualcosa di drastico, qualcosa che stupisca in primis voi stessi, ahimè forse potreste pentirvene, ma la mia frase preferita cita "meglio un rimorso che un rimpianto". Detto, anzi scritto ciò, adesso spero che con questo nuovo look, quando saró in giro con mia madre di mattina non mi venga più chiesto 《stamattina niente scuola?》
Read more
AMORE ETERNO Capitolo 12 Harry riuscì ad uscire da camera sue solo due giorni dopo. La sveglia ...
Media Removed
AMORE ETERNO Capitolo 12 Harry riuscì ad uscire da camera sue solo due giorni dopo. La sveglia suono come sempre la mattina presto. Lui buttò giù le gambe dal letto e si alzò per andare a fare colazione. Sua madre, appena lo vide scendere dalle scale, gli fece un grande sorriso. -Tesoro come ... AMORE ETERNO
Capitolo 12
Harry riuscì ad uscire da camera sue solo due giorni dopo. La sveglia suono come sempre la mattina presto. Lui buttò giù le gambe dal letto e si alzò per andare a fare colazione. Sua madre, appena lo vide scendere dalle scale, gli fece un grande sorriso. -Tesoro come stai?- domandò. Harry la raggiunse e le dette un bacio sulla guancia. -Bene.- rispose lui. -Oggi vado a scuola. Cercherò di distrarmi da...- prese un respiro profondo. -Da quello che sta succedendo-
Dopo la colazione, salì al piano di sopra per lavarsi e indossare la divisa della scuola. Decise che doveva dire a Jordan che era fidanzato e che quel bacio era stato solo uno stupidissimo errore. Appena arrivato a scuola, andò al suo armadietto per posare lo zaino e prendere solo i libri che gli sarebbero serviti alla prima ora. Mentre guardava nello zaino per cercare il suo cellulare, qualcuno fece sbattere l'armadietto. Harry sobbalzò per lo spavento e l'altra persona,rise. -Jordan mi hai fatto prendere un colpo!- disse sorridendo appena e cercando di riprendere fiato. -Dove eri finito?- chiese il ragazzo con un sorriso mentre si avvicinava a Harry. -Sono stato poco bene- rispose mentre Jordan lo metteva con le spalle al muro, gli prendeva il mento tra l'indice e il pollice e si avvicinava alle labbra di Harry. Il più piccolo lo fermò prima che fosse troppo tardi. -Ho un fidanzato- disse mettendo una mano sul petto all'altro. Jordan si staccò e lo guardò in modo strano. -Tu cosa?- -Mi hai sentito. Io non so nemmeno perché non te l'ho mai detto. Però è così.- -Allora perché hai lasciato che ti baciassi? Stavamo per andare anche oltre al bacio.- Jordan pareva arrabbiato. -Lo so. Ma ho continuato a baciarti perché quando ho chiuso gli occhi, ho visto lui. Mi...mi manca da morire perché si è trasferito a New York- Harry piangeva e Jordan lo guardava allibito. In quel momento suonò la campanella. Harry si asciugò gli occhi e insieme a Jordan andarono in classe. Si andarono a sedere al proprio posto, ovvero vicini, come al solito. Harry aveva lo sguardo fisso in un punto, la testa sommersa dai pensieri. CONTINUA SOTTO!!
Read more
L' anno scorso Alberto ha avuto un'estate complicata. Era scontroso, irascibile e più oppositivo ...
Media Removed
L' anno scorso Alberto ha avuto un'estate complicata. Era scontroso, irascibile e più oppositivo del solito. C'era stato anche qualche episodio di letto bagnato, mai successo nemmeno a 3 anni. E poi è stato chiaro: era l'ansia per l'inizio delle elementari. Una volta iniziata la scuola ... L' anno scorso Alberto ha avuto un'estate complicata. Era scontroso, irascibile e più oppositivo del solito. C'era stato anche qualche episodio di letto bagnato, mai successo nemmeno a 3 anni. E poi è stato chiaro: era l'ansia per l'inizio delle elementari.
Una volta iniziata la scuola si è subito rasserenato.
Quest'anno sembrano meno agitati, ma abbandonare la serenità dell'estate, gli orari lenti e rilassati per tornare alle sveglie inesorabili alle 7 di mattina e alle lunghe giornate in classe non è semplice per un bambino.
@loacker_italia ha pensato di rendere più dolce il #backToScool creando dei golosissimi coni pieni di dolcezza 😍, partendo da una tradizione tedesca: ai bimbi di prima viene raccontato che sugli alberi del cortile della scuola nascono dei frutti speciali e golosi a forma di cono e quando sono maturi è tempo di iniziare la scuola. E così  il primo giorno di scuola i bambini possono raccogliere lo Schultüte, ricco di dolci e piccoli doni utili in classe, facendo attenzione a non romperlo. 
Mi piace moltissimo l'idea di rendere più dolce e giocoso l'inizio della scuola e ringrazio davvero Loacker per averci pensato! 
I Loacker School Cone sono disponibili nei @loackerstore di Bergamo, Bolzano, Trento Verona Innsbruck Brennero e Heinfels
. .
#loackerstore #loackerbacktoschool #loackersnacktoschool
#prodottofornitodaLoacker #ad  #Schultüte
#momtogs #darlingmovement #littlethingsogmylife
Read more
 #NataleStellato - Si vede la mia felicità nell'avere finalmente un family portrait fatto per benino, ...
Media Removed
#NataleStellato - Si vede la mia felicità nell'avere finalmente un family portrait fatto per benino, e per di più di Natale? Mi ci sono voluti giusto 13 anni e mezzo, capitemi. La cosa bella è che questa foto nasce da un imprevisto, uno dei miei soliti. Nasce tutto dal fatto che oggi è la Giornata ... #NataleStellato - Si vede la mia felicità nell'avere finalmente un family portrait fatto per benino, e per di più di Natale? Mi ci sono voluti giusto 13 anni e mezzo, capitemi. La cosa bella è che questa foto nasce da un imprevisto, uno dei miei soliti. Nasce tutto dal fatto che oggi è la Giornata delle Stelle di Natale, quindi ieri avevo in programma di scattare la mattina, come sempre, mentre i bimbi erano a scuola. Ma al momento di scattare... non trovo più l'obiettivo appena acquistato. Fermo tutto e inizio a cercarlo per ore. Nel frattempo arriva il momento di andare a prendere Andrea a scuola, cucinare (per l'ansia ho bruciato il sugo), ecc... Penso "ciao foto". Finito il pranzo, ritrovo l'obiettivo che era sempre stato sotto il mio muso.
E fu così che grazie a un imprevisto (e a un mezzo infarto) ho avuto il mio regalo di Natale: la foto di famiglia dei miei sogni 😭❤️ #StarsForEurope @thechristmasstar
.
.
.
.
.
.
.
.
#familyfirst #mylovelyson #mommy #mommylove #teramo #loveis #momandson #familygoals #abruzzo #mammeitaliane #seekthesemplicity #thewomoms #instamamme #mums #prettylittleiiinspo #cybercorner #hoquestacosacolnatale #teramo #familyportrait #xmasdecorations #mylovelydaughter #momfashion #mychristmastree
Read more
Corsi verso il bagno, con le mani cercai un fazzoletto, ma, come sempre, lo scordai. Quindi cercai ...
Media Removed
Corsi verso il bagno, con le mani cercai un fazzoletto, ma, come sempre, lo scordai. Quindi cercai la carta igienica nel bagno dei prof. Quando uscii trovai la ragazza, la stessa che aveva baciato Mattia, baciare un altro. Cercai di spiare ma, mentre mi asciugavo con la carta gli occhi, mi ... Corsi verso il bagno, con le mani cercai un fazzoletto, ma, come sempre, lo scordai. Quindi cercai la carta igienica nel bagno dei prof. Quando uscii trovai la ragazza, la stessa che aveva baciato Mattia, baciare un altro. Cercai di spiare ma, mentre mi asciugavo con la carta gli occhi, mi videro il braccio. Quando finirono di baciarsi, e quel misterioso ragazzo scomparve, lei si avvicinò a me con aria molto arrabbiata, mi prese per il collo e mi disse con semplici parole:
-Racconta quello che è successo a Mattia e sei morta.
Appena mi lasciò andare, corsi in classe e, mentre girai l'angolo, mi scontrai con Mattia, che vide il mio mascara colato e capì. Così me ne andai in classe. Non riuscivo ad ascoltare nulla. Ero semplicemente arrabbiata di tutto con tutti. Arrivata a casa buttai lo zaino nel soggiorno, mi sciolsi i capelli e, senza dire nulla ai miei genitori, mi chusi in camera tra le coperte e mi sfogai. In quel momento pensavo solo a come sarebbe stata la vita di tutti se io non ci fossi. Mi addormentai pensando a lui. A quel bacio. Alla ragazza misteriosa. Ormai non mangiavo più. Diventai magra come un cadavere e, come se non fosse abbastanza, Mattia, non mi cagava più. La mattina mi sbrigavo e partivo da sola fino alla scuola. -Ei ciao Aurora! Così mi salutò Sofia. -Ehm, ciao Sofi...
-Ancora pensi a lui?? Vabbe piuttosto, stamattina l'hai visto?
-No... perché tu l'hai visto??
-No! Strano non è da lui non venire a scuola, lo chiamo?
Pensai che forse sentire la sua voce mi avrebbe fatta sentire meglio. -Che dici se lo chiamiamo? Disse Sofia
Oddio come volevo sentire la sua voce...ero pazza di lui, ma lui in quel momento no.
-Aurora ci sei!??
-Ehm, si! Chiamalo...
Nel mentre Sofia cercò di chiamarlo, mi squillò il cellulare. Era....
E bene ragazzi questo capitolo è terminato. ♥♥♥
Read more
PRIMO CAPITOLO. "Sogni infranti." Erano le sette del mattino e suonò come tutti i giorni la maledettissima ...
Media Removed
PRIMO CAPITOLO. "Sogni infranti." Erano le sette del mattino e suonò come tutti i giorni la maledettissima sveglia per andare a scuola. Le mie giornate non hanno mai qualcosa di particolare che le distingue in realtà. La mattina vado a scuola, il pomeriggio studio e poi vado a danza, che ... PRIMO CAPITOLO. "Sogni infranti." Erano le sette del mattino e suonò come tutti i giorni la maledettissima sveglia per andare a scuola.
Le mie giornate non hanno mai qualcosa di particolare che le distingue in realtà. La mattina vado a scuola, il pomeriggio studio e poi vado a danza, che é praticamente la mia grande passione da quando ero bambina. Aspetto i weekend, come mai nessuna persona al mondo probabilmente, solo per rivedere e passare del tempo con le mie amiche che non riesco a vedere durante la settimana e boh, sono fantastiche. Una piú fantastica dell'altra e amo passare del tempo con loro.
Ritornando alla mia solita mattinata, andai a scuola e al ritorno, come prima cosa, controllai subito il canale Favijtv per vedere il nuovo video di Favi. É l'unico pensiero quando torno, dunque avrete capito quanto io ami quel ragazzo.
É l'unico sfogo della mia giornata, l'unica persona che riesce a farmi ridere fino a farmi male ai fianchi. Qualcosa di incredibile sul serio. Lui era qualcosa di incredibile.
Quel giorno però non aveva postato nulla, quindi andai a controllare sulla sua pagina facebook.
Bene, ecco le date del firmacopie.
Le lacrime mi rigarono subito il viso.
Nessuna data in Sicilia anche stavolta, nessuna speranza, niente di niente.
E, anche stavolta, non l'avrei potuto abbracciare.
Non so neanche spiegare il mio stato d'animo di quel momento.
Avevo solo il cuore a pezzi e i sogni infranti, di nuovo. Mi stavo quasi abituando a quella sensazione.
La cosa che mi dava ancora piú rabbia era il fatto che tutte le mie amiche non facevano altro che dirmi di continuare a sperarci. Solite frasi fatte, solite cazzate per tentare di farmi stare meglio.
E nulla, non mi sono neanche presentata.
Io sono Marie, ho 17 anni e il sogno di stare tra le braccia di un ventunenne.
#favij #fanfiction #favi #love #hero #idol
Read more
¶Scusate tanto il ritardo ma sono stata impegnatissima,vi amo¶Capitolo 7: Mi avvia verso l'auto ...
Media Removed
¶Scusate tanto il ritardo ma sono stata impegnatissima,vi amo¶Capitolo 7: Mi avvia verso l'auto tutta eccitata all'idea divederlo... Dad:Ambs ti senti bene...? Io:sì,certo che si papá E gli rivolsi un sorriso rassicuarante... A SCUOLA Laur:ma ciao ehhh....piaciuta la sorpresa??? Io:muori... Laur:oops....dai ... ¶Scusate tanto il ritardo ma sono stata impegnatissima,vi amo¶Capitolo 7:
Mi avvia verso l'auto tutta eccitata all'idea divederlo...
Dad:Ambs ti senti bene...?
Io:sì,certo che si papá
E gli rivolsi un sorriso rassicuarante...
A SCUOLA
Laur:ma ciao ehhh....piaciuta la sorpresa???
Io:muori...♥
Laur:oops....dai non dirmi che non ha fatto niente...
Io:bhe...ha prov....nono nn ha fatto niente...!!
L:ehmm...ok se lo dici tu Tata
Io:Tata?
L:Tata.
La guardai per 3 secondi sospertosa e poi cominciammo a ridere come due cretine...
Salutai Laur e mi avviai verso la classe.
Mi sedetti al mio posto.
Lo cercai con lo sguardo.
Ma niente.
Guardai il suo posto per tutta la mattina e le ore a seguire ma lui non c'era...
Tutta l'enfasi di stamattina era sparita...cazzo...quando ci sará qualcosa di bello per me?
Il pomeriggio a casa guardai il telefono per due ore e poi mi decisi a scrivergli
Chat:
Io:EHII:-)
L:ahmm...ciao
Io:come mai non eri a scuola??
L:problemi...miei nulla che ti interessi ok?
Io:ehmm..ok però calmati perchè mi tratti cosi?
L:nulla bhe io devo andare ciao...
Io:...
E chiusi la chat...
Mi misi sul letto e cercai di non pensarlo...
Di non pensare ai suoi capelli
Al suo odore.
Ai suoi occhi.
Alle sue labbra.
Illusa.
Sentii una lacrima scendermi lungo la guancia...
E poi un'altra.
E un'altra ancora.
E cosi via...
A cena non mangiai nulla
E dormii poco quella notte...
Stupida stupida Amber ma che pensavi?di piacergli davvero??
Illusa.
IL MATTINO
Andai a scuola a piedi...ero troppo triste per farmi vedere da mio padre
Arrivata a scuola...
CHE FARÀ ADESSO AMBS???
CHE PENSATE DI LUKE?!
IO PENSO CHE C'É QUALCOSA CHE NON VA...BHO•••
ARRIVIAMO A 15 LIKES...
VI AMO PIÙ DEL WI-FI😘😍🎶
Read more
Buongiorno tropicalss!❣ sono //spiaggia<span class="emoji emoji1f1fa1f1f8"></span> non postiamo da tanto perchè è difficile con la ...
Media Removed
Buongiorno tropicalss!❣ sono //spiaggia non postiamo da tanto perchè è difficile con la scuola, lo sport e tutto. ma ho trovato un momento della giornata per postare La mattina prima di andare a scuola Facciamo degli indovinelli il vincitore degli indovinelli avrá pubblicitá: ¿Ho ... Buongiorno tropicalss!❣
sono //spiaggia🇺🇸
non postiamo da tanto perchè
è difficile con la scuola, lo sport e tutto.
ma ho trovato un momento della giornata per postare💘
La mattina prima di andare a scuola💨
Facciamo degli indovinelli il vincitore degli indovinelli avrá pubblicitá:
¿Ho tre tipi di animali: pesci, tartarughe e qual è il terzo?
Read more
Caro Esserino<span class="emoji emoji2764"></span>, quasi per tutti oggi è un giorno come un altro ma non per noi perché oggi facciamo ...
Media Removed
Caro Esserino, quasi per tutti oggi è un giorno come un altro ma non per noi perché oggi facciamo 2 anni che ci conosciamo Sinceramente mi sembra di conoscerti da molto più tempo e credo che il rapporto che abbiamo raggiunto in questi 2 anni è dovuto al fatto che ci siamo sempre vicine anche ... Caro Esserino❤,
quasi per tutti oggi è un giorno come un altro ma non per noi perché oggi facciamo 2 anni che ci conosciamo❤
Sinceramente mi sembra di conoscerti da molto più tempo e credo che il rapporto che abbiamo raggiunto in questi 2 anni è dovuto al fatto che ci siamo sempre vicine anche quando eravamo lontane, ci siamo sostenute e comprese in tutte le occasioni, date consigli su tutto e sopratutto siamo arrivate ad un'intimità tale da fare tutte le nostre conversazioni in bagno😂
Giuro che mi pento tantissimo di averti giudicata senza conoscerti perché ho scoperto che sei una persona davvero fantastica, disposta a fare qualunque cosa per me: come correre per prendere Bisceglie presto, aspettarmi sempre la mattina anche quando io e la Sofy siamo in ritardo, tranquillizzarmi quando ho le crisi per la scuola, mi degni della foto di Giovanni Rana e mi aggiorni sempre sui suoi nuovi tortellini, ascolti tutte le mie cagate e mi sopporti mattino, pomeriggio e sera.
Mi sei stata vicina fin dal primo giorno che ci siamo conosciute e ti sei sempre preoccupata anche per le cose più banali e io te ne sono più che grata.
Beh che dire.. Sei una delle persone più importanti che ho❤
Ti voglio un sacco di bene 2001💩❤ P.S.
Le foto in metro sono le più belle ahahah
#auguri #a #noi #+2🎉
Read more
Era una domenica mattina normale di fine ottobre e incredibilmente stavo facendo i compiti di scuola. Accendo ...
Media Removed
Era una domenica mattina normale di fine ottobre e incredibilmente stavo facendo i compiti di scuola. Accendo la TV e sento Guido Meda che annunciava l'imminente partenza della Moto GP. Mollo i compiti e mi metto davanti alla TV pronto a tifare Rossi (al tempo alla ducati ) e Simoncelli ... Era una domenica mattina normale di fine ottobre e incredibilmente stavo facendo i compiti di scuola.
Accendo la TV e sento Guido Meda che annunciava l'imminente partenza della Moto GP.
Mollo i compiti e mi metto davanti alla TV pronto a tifare Rossi (al tempo alla ducati ) e Simoncelli (che la settimana precedente in Australia aveva fatto un gran 2º posto).
Poi la partenza E dopo pochi giri l'impatto. Le lacrime, immediate , nel vedere il tuo corpo senza casco e immobile in mezzo alla pista
Da allora c'è un angelo in più nel paradiso delle moto.
Grande e Indimenticabile #sic58❤️
Read more
Mi sembra ieri quando al mattino alle 7.43 ci aspettavamo sotto casa per andare a prendere il pullman, ...
Media Removed
Mi sembra ieri quando al mattino alle 7.43 ci aspettavamo sotto casa per andare a prendere il pullman, correndo perché passava alle 7.45, per andare a scuola, e già di prima mattina iniziavano le nostre chiacchierate interminabili. Mi sembra ieri quando ci facevamo infinite passeggiate ... Mi sembra ieri quando al mattino alle 7.43 ci aspettavamo sotto casa per andare a prendere il pullman, correndo perché passava alle 7.45, per andare a scuola, e già di prima mattina iniziavano le nostre chiacchierate interminabili. Mi sembra ieri quando ci facevamo infinite passeggiate lamentandoci del nostro paesino sperduto, quando aspettavamo ore e ore i treni in ritardo alla stazione e quando ci lamentavamo della nostra non voglia di studiare. Poi siamo cresciute un po’ e sono arrivati i tuoi 18 anni, e io e mia mamma ti aspettavamo a casa per fare i quiz insieme o fare qualsiasi altra cosa per passare il tempo. Ma in tutti questi anni, la cosa più bella che tu mi abbia scritto è stata “è nato lorenzino”. Io sono sicura che tu sarai una mamma bravissima, ti ammiro per tutta la forza e il coraggio che si nasconde dietro quel metro e 50 di altezza! Ti voglio un gran bene e da oggi in poi, ne voglio tanto anche al piccolino ❣️ 21/01/2018 👶🏻👣
Read more
@r0xyr0cks sono così emozionata.. Finalmente è arrivato il giorno che io aspettavo da tempo! 130.000 ...
Media Removed
@r0xyr0cks sono così emozionata.. Finalmente è arrivato il giorno che io aspettavo da tempo! 130.000 iscritti e più! ti voglio un mondo di bene e sono fiera di te, come il resto della tua community! Ci fai divertire un sacco e ti meriti tutto il nostro affetto.! Per me quel 13 all'inizio nel ... @r0xyr0cks sono così emozionata.. Finalmente è arrivato il giorno che io aspettavo da tempo! 130.000 iscritti e più! 😍 ti voglio un mondo di bene e sono fiera di te, come il resto della tua community! Ci fai divertire un sacco e ti meriti tutto il nostro affetto.! Per me quel 13 all'inizio nel numero significa molto, ma non parliamo di me, parliamo di quanto sei bella e del lavoro che fai per darci un sorriso! Avanti così roxy, sei un motivo per il quale io sorrido la mattina prima di andare a scuola e ripetere tutte quelle stupide formule di matematica e chimica 😂💋 GRAZIE MONDOO💖 #roxyrockstv #roxyrocks
Read more
||era la mia migliore amica, era la persona a cui tenevo di più, era tutto ciò che avevo. Non chiedevo ...
Media Removed
||era la mia migliore amica, era la persona a cui tenevo di più, era tutto ciò che avevo. Non chiedevo altro, solo un suo abbraccio, che mi scoinvolgesse la giornata. Adoravo svegliarmi la mattina, prepararmi di fretta e correre a scuola solo per vederla, solo per un suo sorriso. Era diventata ... ||era la mia migliore amica, era la persona a cui tenevo di più, era tutto ciò che avevo. Non chiedevo altro, solo un suo abbraccio, che mi scoinvolgesse la giornata. Adoravo svegliarmi la mattina, prepararmi di fretta e correre a scuola solo per vederla, solo per un suo sorriso. Era diventata la mia migliore amica, io il suo migliore amico. Io vivevo senza lei, ma lei no. Lei era tutto per me, giá detto, non ho detto però che io ero niente per lei. Ma tutto ha una fine, le persone, la magia, le amicizia, l'amore, la gioia, tutto. Purtroppo ne ho risentito di persona. Non ho più nulla. Nemmeno una ragione di vita. Mi sento sprofondare nell'immenso. Ho un pensiero fisso: "un granello di polvere nell'universo.", sarò solo questo. E spiegatemi cosa ha ancora senso senza di lei. Ora tutto è una merda. Uno schifo. "Fuori piove, dentro pure." ||
Read more
Resta Perché sei l'unico motivo per il quale io mi sveglio la mattina per andare a scuola e avere una mattina piena di risate ogni giorno è un giorno diverso ma un giorno migliore Mi hai sempre aiutata mi hai detto cosa era sbagliato e cosa era giusto ci sono stati giorni pieni di schiaffi ci ... Resta Perché sei l'unico motivo per il quale io mi sveglio la mattina per andare a scuola e avere una mattina piena di risate ogni giorno è un giorno diverso ma un giorno migliore
Mi hai sempre aiutata mi hai detto cosa era sbagliato e cosa era giusto
ci sono stati giorni pieni di schiaffi ci sono stati giorni pieni di pianti ci sono stati giorni pieni di risate ma questi sono veramente fantastici e spero si ripetano per tutta la vita perché non è semplice avere un'amica come te e penso che un'amicizia del genere non si possa cambiare per niente al mondo @giulia.bertini.02 ❤❤
Read more
Ho sempre fatto fatica a dormire. Ho perso due anni a scuola perché la mattina mi alzavo tardi ed ...
Media Removed
Ho sempre fatto fatica a dormire. Ho perso due anni a scuola perché la mattina mi alzavo tardi ed entravo sempre all’ora dopo. Odiavo la scuola. Fissavo i professori e pensavo “Non sto imparando niente”. Il primo libro che ho letto si chiamava “Ebano” di un giornalista polacco. Volevo ... Ho sempre fatto fatica a dormire.
Ho perso due anni a scuola perché la mattina mi alzavo tardi ed entravo sempre all’ora dopo.
Odiavo la scuola. Fissavo i professori e pensavo “Non sto imparando niente”.
Il primo libro che ho letto si chiamava “Ebano” di un giornalista polacco.
Volevo capire qualcosa del continente dei miei genitori. Sapere qualcosa che andasse al di là della schiavitù e delle solite cose che dicevano alla lavagna o al telegiornale gli adulti bianchi che lì non c’erano mai stati veramente.
Prima ero diverso.
Prima di conoscere lei, non avevo interessi.
Vivevo alla giornata.
Però questa cosa del sonno mi è rimasta.
Ultimamente penso sempre al futuro, a cosa resterà di noi.
Di me resteranno i libri e qualche fotografia.
Dovrò scrivere libri migliori e fare scatti più belli così da essere ricordato nel miglior modo possibile.
Read more
Se fossi uno scrittore di libri gialli scriverei la storia di Michelle Pfeiffer. Inventerei un ...
Media Removed
Se fossi uno scrittore di libri gialli scriverei la storia di Michelle Pfeiffer. Inventerei un delitto, torbide passioni ed un intrigo internazionale giocato fra Milano ed Amsterdam. Ci metterei un ispettore dai modi rudi e risoluti, un aiutante sciocco ma fedele, un capo intransigente ... Se fossi uno scrittore di libri gialli scriverei la storia di Michelle Pfeiffer. Inventerei un delitto, torbide passioni ed un intrigo internazionale giocato fra Milano ed Amsterdam. Ci metterei un ispettore dai modi rudi e risoluti, un aiutante sciocco ma fedele, un capo intransigente che pretende risultati, una donna misteriosa e tanto buon cibo italiano. Aggiungerei una sparatoria magari, una bella scopata, un paio di piste false e un colpo di scena finale. Una mattina, un signore accompagnando la figlia a scuola, ritrova la patente di Michelle accanto ad un cestino in una via secondaria e decide di portarla alla polizia anche se non è sulla strada per il suo lavoro. È il tassello che mancava per risolvere il caso. L’ispettore capisce tutto: una fuga, una lotta contro il tempo, una colluttazione e l’assassino viene catturato. Fine.
Ma io non sono uno scrittore di libri gialli. Sono il padre che accompagnava la figlia a scuola. Quindi se qualcuno conosce Michelle Pfeiffer le dica che ha perso la patente e che ce l’ha la polizia municipale di via Bezzecca a Milano. Grazie.
Read more
"Quando si è adolescenti spesso si è fragili e troppo sensibili, ognuno di noi è fatto a modo suo, ...
Media Removed
"Quando si è adolescenti spesso si è fragili e troppo sensibili, ognuno di noi è fatto a modo suo, segue un cammino diverso e lo vive in modo diverso. Spesso i diciott'anni sono associati alla fine di questa fase e spaventano, perché non è vero che non cambia nulla, cambia tutto, iniziando dalla ... "Quando si è adolescenti spesso si è fragili e troppo sensibili, ognuno di noi è fatto a modo suo, segue un cammino diverso e lo vive in modo diverso. Spesso i diciott'anni sono associati alla fine di questa fase e spaventano, perché non è vero che non cambia nulla, cambia tutto, iniziando dalla scuola. Come si fa a capire cosa fare della propria vita? E se poi uno si pente delle proprie scelte? E se poi non ne siamo all'altezza? Fa così strano pensare che tra pochi giorni abbandoneremo il liceo, la routine scolastica, quei banchi che hanno sopportato lacrime e risate, i compagni di classe. E l'ansia, le litigate, i ritardi e i filoni, il cazzeggio nei corridoi, le note disciplinari più assurde, la cappa nei bagni, le corse per le scale, le notti in bianco per le interrogazioni, i caffè, i professori, i compiti in classe, i "non so un cazzo", le urla e i segreti, i gavettoni, le canzoni, l'occupazione, le assemblee, le ore di sostituzione, gli 1 e i 10, le gite, la Pasquetta il Natale e il Capodanno tutti insieme, i festini e le dormite, i giri in motorino, i primi patentati, i compleanni, i sorrisi, gli amori e le amicizie. Farà sempre parte di noi, certo, ma tornerei tanto indietro per ripercorrere tutto, per una come me sempre nostalgica e attaccata al passato è doloroso. La tristezza si mischia all'ansia per la maturità, alla stanchezza e alla voglia d'estate, un mix di emozioni che fanno male.. e io ora sono come il fumo della sigaretta che aspiravo ogni mattina prima di entrare a scuola. Grigia, inconsistente malinconia che vola via come questi anni, gli anni più belli della mia vita." #endofdays #maturandi2016 #neophobia ⌛🔚
Read more
Con oggi si conclude un’esperienza bellissima. Se penso a quella mattina di inizio Gennaio, quando ...
Media Removed
Con oggi si conclude un’esperienza bellissima. Se penso a quella mattina di inizio Gennaio, quando ho ricevuto la chiamata di convocazione, mi viene da ridere e sorridere. Non starò qui a dire che sono stata benissimo, che ho conosciuto belle persone che mi hanno fatto sentire subito a casa, ... Con oggi si conclude un’esperienza bellissima. Se penso a quella mattina di inizio Gennaio, quando ho ricevuto la chiamata di convocazione, mi viene da ridere e sorridere. Non starò qui a dire che sono stata benissimo, che ho conosciuto belle persone che mi hanno fatto sentire subito a casa, che a Terni si crepa di caldo e che le zanzare ti mangiano viva: a questo ci potete arrivare da soli!
Ma non sapete che in questi 7 mesi ho (in ordine sparso): riso come una matta; pianto di nascosto in bagno; pianto di nascosto in macchina; mangiato M&M’s e Fonzies alla macchinetta del 2°piano (e che quando toccava andare a piedi a quella del 3° piano ero praticamente già sul punto di morire di infarto) ; conosciuto ragazzi provenienti da Pakistan, India, Cuba, Filippine, Ecuador, Marocco, Albania, Perú, Romania, Cina, ecc ecc; percorso km e km in treno e/o in macchina cantando a squarciagola (e prendendo 3 multe nella stessa settimana); augurato la peste a Trenitalia minimo 70 volte; stampato pagelle, registri e verbali; telefonato a un paio di Ministeri; scoperto che la pizza margherita con la salsiccia è solo una delle mie fantasie erotiche; che il pesce a Terni è più buono di quanto immaginassi; ascoltato storie assurde perché il mondo è assurdo; inviato centinaia di circolari; imparato a riconoscere a occhi chiusi tutte le buche di Via Bramante; scoperto che gli scout sono ovunque (anche in borghese e fanno i professori); trovato un amico di serie A; preparato tutto l'occorrente per gli esami di maturità ripensando all’estate del 2002; perso una diottria per compilare tutta la roba dell’Alternanza Scuola Lavoro; ma soprattutto confuso un po’ il ruolo che avevo a scuola con quello di Capoclan... perché i ragazzi vanno ascoltati anche quando non hanno niente da dire!

Ma adesso la scuola è (davvero) finita, scappo dai “miei” ragazzi, preparo lo zaino e Buone Vacanze! ⭐️ #school #life #ipsiaterni #students #girlsandboys #terni #memories #experience #2018
Read more
Cap 2 #twitterNH La mattina dopo mi svegliai alle 6 e già è questa l'ora a cui mi devo svegliare se ...
Media Removed
Cap 2 #twitterNH La mattina dopo mi svegliai alle 6 e già è questa l'ora a cui mi devo svegliare se voglio arrivare in orario a scuola . come prima cosa accesi twitter e ovviamente cosa trovo? Only.One.only.Direction ha postato una foto dei biglietti e sotto ha scritto "grazie mamma ti AMO" ... Cap 2 #twitterNH
La mattina dopo mi svegliai alle 6 e già è questa l'ora a cui mi devo svegliare se voglio arrivare in orario a scuola . come prima cosa accesi twitter e ovviamente cosa trovo? Only.One.only.Direction ha postato una foto dei biglietti e sotto ha scritto "grazie mamma ti AMO" ma non è possibile!!!!
Decisi di fare colazione e dopo mi feci una doccia , indossai delle vans nere , jeans e una maglia nera mi truccai un po' e poi con le mie adorate cuffie uscì di casa prendendo lo zaino .
Arrivai alla fermata del pullman e in cinque minuti arrivò ,ok le 7 c'è la posso fare in un'ora ad attraversare mezza città!
Decisi di scrivere un DM a Niall , così per ringraziarlo di tutto e lo feci , dopo due minuti mi scrisse un "grazie , ti voglio bene anche io" . sono la ragazza più felice del mondo , stavo urlando quindi decisi di farmi i restanti 15min a piedi e di corsa . arrivai a scuola in anticipo di molto forse perché stavo correndo perché ero emozionata o forse perché mi stava inseguendo un vespa , ma visto che la prima è più dignitosa tengo quella! Arrivata a scuola un gruppo di ragazzi mi indicò sussurrando qualcosa in cui c'era la parola Niall...wow sono informato! Decisi di fermarmi e rispondere a Niall
Dopo vari tentativi inviai un "grazie a te , veramente sono la ragazza più felice del mondo" non aspettandomi un risposta . dopo 3 min mi vennero i sensi di colpa e se ho sbagliato la frase? Ma non poeti cambiare dovetti dirigermi in classe , che la tortura abbia inizio
.
.
.
Spero che vi piaccia, la pagina di twitter è inventata o almeno credo
Read more
Oggi vi racconto una storia, una storia che trasforma la paura in coraggio e il coraggio in opportunità. ...
Media Removed
Oggi vi racconto una storia, una storia che trasforma la paura in coraggio e il coraggio in opportunità. Qualche anno fa ho provato a fare un’immersione in mare ma ai primi metri sott’acqua ho avuto un attacco di panico. Era come se quell’enorme massa d’acqua mi schiacciasse, non respiravo, ... Oggi vi racconto una storia, una storia che trasforma la paura in coraggio e il coraggio in opportunità. Qualche anno fa ho provato a fare un’immersione in mare ma ai primi metri sott’acqua ho avuto un attacco di panico. Era come se quell’enorme massa d’acqua mi schiacciasse, non respiravo, ero immobilizzata. Da allora non ho neanche più fatto snorkeling: l’idea di stare sotto la superficie del mare mi creava malessere: Egitto, Thailandia, Caraibi, ecc mi sono persa un mondo. A giugno, durante un viaggio di lavoro, mi si è ripresentata la possibilità di immergermi. Ho detto di sì, ho detto di no, ho detto di sì, ho detto di no. Tipico atteggiamento di quando non sai come affrontare una delle tue paure più grandi. La mattina della prima immersione - durante la preparazione - sono stata malissimo, sia psicologicamente che fisicamente: tachicardia, respiro corto, crampi allo stomaco, vomito. Vomito. Vomito. La mia mente stava mandando messaggi chiari al mio organismo: “ehi! L’ultima volta ricordi cosa è successo? Meglio evitare.” Ma io no. Testarda. Sono uscita in mare aperto e mi sono detta che non volevo più avere paura. Primo tentativo: fallito; secondo tentativo: fallito; terzo, quarto: fallito. “Adesso basta! Respira, ce la puoi fare”, mi sono detta. E via... non sapevo quanta dell’acqua che avevo nella maschera era di mare e quante erano lacrime. So solo che ho anche imparato a svuotare la maschera a dieci metri sotto l’acqua. La storia però non finisce così: MI SONO ISCRITTA AD UNA SCUOLA DI DIVING 💙 ho deciso di prendere il brevetto. Nei prossimi mesi mi dividerò tra la piscina di Milano e il mare della Liguria. Non mi sembra vero e anche solo a pensarci mi viene un nodo alla gola. Lo ripeterò sempre e per sempre: LA PAURA SI NUTRE DI PRIME VOLTE ANDATE MALE, oltre quel muro invalicabile ci sembrerà di camminare in discesa perché le salite non le sentiremo più. Diamoci sempre una seconda possibilità, anche quando fa male, anche quando si tratta di fare i conti con la nostra mente. Se vuoi, puoi 💪🏼🧜🏼‍♀️ #diving #youCan #dontbeafraid #youcandoit
Read more
comunque ti volevo dire che non sono la tua padrona, perché non ti possiedo. sei tu che hai scelto ...
Media Removed
comunque ti volevo dire che non sono la tua padrona, perché non ti possiedo. sei tu che hai scelto me e continui a scegliere me ogni sera quando entri sotto le coperte e appoggi quelle zampotte ghiacciate sulle mie cosce, quando appoggi la testa sul cuscino e con quegli occhioni mi guardi e sospiri ... comunque ti volevo dire che non sono la tua padrona, perché non ti possiedo. sei tu che hai scelto me e continui a scegliere me ogni sera quando entri sotto le coperte e appoggi quelle zampotte ghiacciate sulle mie cosce, quando appoggi la testa sul cuscino e con quegli occhioni mi guardi e sospiri come a dirmi “finalmente”, quando la mattina non mi fai appoggiare i piedi per terra, che arrivi con gli occhi che sorridono.
quando ti avvicini e capisco che vuoi combinare qualcosa, ma come si fa ad alzarti la voce, un mio ‘no’ non lo sentirai mai!
quante volte mi è bastato averti tra le braccia ed è sempre passato tutto, quante volte ti ho tenuto la zampa quando pensavo che sarebbe potuto tutto finire, quante volte ho saltato scuola e impegni per portarti in clinica, perché ero io che dovevo sentire quale sarebbero stati gli esiti, e quante volte mi accogli tu dopo giorni che non torno a casa, o come mi accogli quando esco per poche ore?
ti continuerò a portare ovunque, a non riuscire a mangiare un gelato intero perché il cono va a te, a Imola la sera, a girare in macchina e continuerò a far sedere sempre tutti dietro pur di averti accanto, continuerò a difenderti quando mamma e papà ti diranno i 3mila ‘no’ quotidiani, ti difenderò sempre dal vento, dai tuoni, dalla pioggia e dai rumori, cercherò ancora di lottare contro mamma quando ti dirà ‘dai entra nella doccia’, dividerò sempre tutto quello che mangio con te!
Ma per favore non crescere più, fai finta che non hai ancora imparato ad amare abbastanza così resterai con me per sempre!
#seimiasorella #questoèilmiofioreperte
Read more
03/07/2016 <Un'ossessione è qualcuno che rimane nella tua testa più di quanto è stato nella tua ...
Media Removed
03/07/2016 · Buongiorno splendori! · Finalmente ho finito la scuola-lavoro quindi forse riesco a cominciare delle vacanze decenti! *^* · Questo non implica che io non abbia fatto niente ... 03/07/2016
<Un'ossessione è qualcuno che rimane nella tua testa più di quanto è stato nella tua vita.>
·
Buongiorno splendori!❤
·
Finalmente ho finito la scuola-lavoro quindi forse riesco a cominciare delle vacanze decenti! *^*
·
Questo non implica che io non abbia fatto niente in questi giorni però u.u
·
Infatti sabato 25 sono andata al "mare" a Cesenatico con i miei soliti compagni di classe ed è stata una bella giornata rilassante e divertente! c:
Abbiamo preso il treno alla mattina e siamo stati tutto il giorno in spiaggia.
Al pomeriggio abbiamo anche preso un pedalò! ^-^
Prese le piadine per la cena, abbiamo ripreso il treno e siamo tornati a Bologna per le nove di sera.
·
Il lunedì successivo (quello appena passato), dopo scuola-lavoro, io Cip e Ciop ci siamo trovate in stazione a Bologna e siamo andate ai gardens (giardini margherita).
Purtroppo non ci siamo state molto perché alle 18 c'era la partita dell'Italia contro la Spagna e non ce la potevamo perdere assolutamente!!
·
Da martedì ho cominciato un work out per migliorare il mio corpo! ^^
Infatti, come sapete, io sono un po' sotto peso e spero che con questo lavoro io riesca ad aumentare la mia massa muscolare quel tanto che basta per entrare nella norma. c:
·
Mercoledì sera sono uscita con i ragazzi del gruppo, cosa che per via della scuola-lavoro accadeva molto di rado, però devo dire che non è stata una gran serata...
·
Infatti, il giorno dopo molti ragazzi, compreso Pinolo, partivano per la notte rosa e quindi non hanno fatto che parlare di tipe e hanno nominato alcune ragazze anche del paesopolo e dintorni per cui io avevo già notato che Pinolo nutrisse un certo interesse...
Inutile dirvi che questo mi ha infastidito un "po'"...
·
Quindi ho passato i tre giorni (giovedi, venerdì e sabato(anche se lui al pomeriggio era già a casa)) in cui era via nell'ansia più totale...
E lo so lo so che non ho il diritto perché non stiamo insieme ma a me stava sulle scatole lo stesso...
·
CONTINUA SOTTO!
Read more
"Hai presente quando inizia a piacerti un ragazzo? Quando lo inizi a sognare la notte, quando vuoi ...
Media Removed
"Hai presente quando inizia a piacerti un ragazzo? Quando lo inizi a sognare la notte, quando vuoi il suo sguardo sempre su di te, quando vuoi essere te la causa del suo sorriso, quando la mattina ti svegli e vai a scuola solo per lui, e non c'è un perché, avviene tutto così, all'improvviso, e ... "Hai presente quando inizia a piacerti un ragazzo? Quando lo inizi a sognare la notte, quando vuoi il suo sguardo sempre su di te, quando vuoi essere te la causa del suo sorriso, quando la mattina ti svegli e vai a scuola solo per lui, e non c'è un perché, avviene tutto così, all'improvviso, e ti travolge la vita, come un tornado che travolge mille paesi. Ma i suoi sguardi non sono per te, i suoi sorrisi non sono causati da una tua battuta squallida, e non sei la ragione per cui la mattina si alza presto e viene a scuola. Ma poi ti innamori, diventa lui la forza di gravità che ti tiene attaccata alla terra. Ma lui non se ne accorge. Non se ne accorge quando arrossisci perché gli sei vicina, quando ti ha sfiorata per sbaglio o quando vuole chiederti qualcosa, anche la più grande stronzata del mondo. Non capisce che il suo sorriso è la ragione del tuo vivere e i suoi occhi sono quel mare piacevole e calmo in cui ti tuffi e dal quale non hai intenzione di uscire. E allora lo ammiri da lontano, bello come il sole, con la speranza che ti veda, non che ti guardi, ma che ti veda e capisca che sei lì ad aspettarlo. E resti li, con il cuore in mano e sperando che si accorga di qualcosa, aspettando che la vita ti ridia indietro quello che hai donato a lui: l'amore"
Read more
Capitolo 4: La mattina seguente mi svegliai di malavoglia,misi degli shorts,una maglia nera ...
Media Removed
Capitolo 4: La mattina seguente mi svegliai di malavoglia,misi degli shorts,una maglia nera a pancia di fuori,delle supersar con le strisce nere e un cappello nero con la scritta 'Play Dirty'. Mi misi un filo di eyeliner,un rossetto rosa chiaro. Scesi e trovai mia zia intenta a prepararmi ... Capitolo 4:
La mattina seguente mi svegliai di malavoglia,misi degli shorts,una maglia nera a pancia di fuori,delle supersar con le strisce nere e un cappello nero con la scritta 'Play Dirty'. Mi misi un filo di eyeliner,un rossetto rosa chiaro.
Scesi e trovai mia zia intenta a prepararmi la colazione.
<<Scusa zia,ma non ho molta fame.>>
<<Abby,non mangiare non sará la soluzione a tutti i tuoi problemi.>>
<<Zia. Non. Ho. Fame.>>
<<Fai come vuoi>>
Cosí me ne andai.
Arrivata a scuola trovai Giulia limonare con Matteo,cosí decisi di non disturbarli e andai verso il mio armadietto.
Presi i libri necessari e misi quelli che sarebbero serviti le ore dopo.
Ad un certo punto colui che dev essere il mio nuovo 'vicino di aramdietto' arrivó.
I nostri occhi si scontrarono e lo vidi. Era lui. Andrea.
<<Allora vai a scuola!>>
<<Se lo capisci solo ora allora sei messa male>>
<<Fanculo.>> detto questo me ne andai.
Finite le cinque ore avevo appuntamento davanti all'ingresso di scuola con Giulia per andare a mangiare qualcosa.
<<Ciao tata>> mi salutó Giulia con un super sorriso
<<Ciao Giú.>>
<<Ti dispiace se viene anche Matteo con suo cugino?>>
<<No,tranquilla.>>
Di lontananza vidi arrivare Matteo e Andrea,allora in quel momento collegai
<<Giú,suo cugino è Andrea,vero?>>
<<Si,perchè?>>
<<Niente>>
<<Ciao bellissima,ciao Abby.>> ci salutó Matteo
Quando arrivammo al bar del centro commerciale Andrea andó da un gruppo di ragazze che lo guardavano e inizió a fare lo scemo.
<<Scusalo,fa sempre cosí.>> si scusò Matteo
<<Non importa,per me non conta niente.>>
Dopo un po'venne da noi al tavolo.
<<Scusate,ma le ragazze attendevano il grande Andrea.>>
Cosí io alzai gli occhi al cielo.
Quando arrivò il cameriere mi fissava,cosí Giulia mi tiró una spallata e Andrea si spazientí.
<<Scusa amico,potresti concentrarti sul lavoro e non sulla mia ragazza>>
Il cameriere tutto rosso se ne andò.
<<Ma perchè non ti fotti? Prima cosa non sono la tua ragazza come una di quelle tue puttanelle,e seconda cosa,non ti immischiare nella mia vita privata.
Scusa eh Matteo.>>
Detto questo mi alzai e andai dal cameriere.
POV'S ANDREA.
Si alzó e andó da quello stupido cameriere. Continuo sotto👇
Read more
Ragazzi scusate a tutti per l'assenza di questi giorni, siamo andate al mare con delle nostre amiche ...
Media Removed
Ragazzi scusate a tutti per l'assenza di questi giorni, siamo andate al mare con delle nostre amiche e non abbiamo potuto postare. E inoltre abbiamo perso moltissimi seguaci..bhe spero che questo #sevivessiconiragazzi vi piaccia.️ Nessuno sapeva di me. Nessuno sapeva come ero dentro, ... Ragazzi scusate a tutti per l'assenza di questi giorni, siamo andate al mare con delle nostre amiche e non abbiamo potuto postare. E inoltre abbiamo perso moltissimi seguaci..bhe spero che questo #sevivessiconiragazzi vi piaccia.❤️ Nessuno sapeva di me. Nessuno sapeva come ero dentro, tutti si limitavano alle apparenze, come quando si giudica un libro dalla copertina. All'inizio non ti importa molto di ciò che pensa la gente, fino a quando non si tratta di sentimenti.
Ero una ragazza fin troppo popolare a scuola, sai, quella tipica ragazza a cui tutti andavano dietro e che tutte volevano avere come amica solo perché portava scarpe firmate, abiti super alla moda e abitava in una villa milionaria. Effettivamente non posso lamentarmi delle mie condizioni economiche. La mia vita poteva apparire perfetta quanto volete, ma prima o poi arriva sempre quel giorno in cui vorresti che i fatti tuoi non venissero sbandierati ai quattro venti o vorresti essere così invisibile da scomparire.
Quel lunedì mattina mi svegliai a fatica, rotolandomi nel mio letto matrimoniale. Mi vestii velocemente e mi truccai accuratamente. Subito iniziarono ad arrivare messaggi e il mio iPhone rischiava il surriscaldamento come tutte le mattine. 'Passo a prenderti, che ne dici?' Zayn, il figo della scuola, nonché capitano della squadra di calcio e campione di basket. Non poco atletico. 'No, mi accompagna l'autista' risposi velocemente al messaggio, feci colazione e chiamai Greg.
Arrivai a scuola con i soliti rigorosi 10 minuti di ritardo e appena scesi dall'auto Emma, Claudia e Virginia mi vennero incontro quasi fossero un branco di galline. "Eii T/N!" Emma. "Come stai tesoro?" Claudia. "Ti vedo stanca, tutto bene?" Virginia. "Tutto apposto ragazze, come sempre." Risposi mentre le superavo per incamminarmi verso il cancello della scuola. "T/N!" Zayn. In tre secondi aveva le mani sul mio sedere e non era poi poi così delicato. Tolsi l'enorme mano di Zayn dal mio lato B ed entrai in classe. "Wooo T/N, ci sei alla festa di stasera?" Chiese Thomas, anche lui palpeggiatore di sederi professionista con licenza e laurea.
Continua sotto👇🏻❤️
Read more
Erano passati 2 mesi da quando ero ricoverata in ospedale,inutile spiegarvi come sia andata,tutti ...
Media Removed
Erano passati 2 mesi da quando ero ricoverata in ospedale,inutile spiegarvi come sia andata,tutti i giorni solita routine. Mattina :colazione, dalle 9 alle 11 lezioni con la prof, dalle 11:30 alle 12:30 visite dai parenti. Poi pranzo, una dormita,visite dalle amiche dalle 15 alle 16, ... Erano passati 2 mesi da quando ero ricoverata in ospedale,inutile spiegarvi come sia andata,tutti i giorni solita routine.
Mattina :colazione, dalle 9 alle 11 lezioni con la prof, dalle 11:30 alle 12:30 visite dai parenti.
Poi pranzo, una dormita,visite dalle amiche dalle 15 alle 16, e altri parenti alle 18 alle 19, cena e poi andare a dormire.
Solo certe cose erano diverse:
dei giorni potevo piangere dalla mattina alla sera,altri potevo essere arrabbiata, altri per pochi minuti felici, e altri ancora potevo non provare nulla.
Era un galera,come una punizione,il medico quando mi disse di avere questa malattia, mi promise che entro 2 mesi avrei riavuto la mia vita, ma come ben sembra dovrò starci a vita.
Una mattina mi sentivo più strana del solito,sentivo il bisogno di sentire qualcuno a me caro,che però non mi calcolava più:Leo.
Mi ricordavo di quando ci incontriammo,le nostre camminate,alla pizzeria,quella volta che per la prima mi fece bere,le risate,le notti in bianco.
Basta.
Digito il numero,mi fermo,piango,ehi come mi succede?forse ero triste,o felice,non lo sapevo,ci provai,chiamata in corso
"Che c'è ali?"
E lì inizia a piangere,cercai di smettere di singhiozzare ma inutilmente, ero strafelice di sentire la sua voce, anche se scocciata.
"Alice che succede? perché piangi?ti sei fatta male?"
"No, volevo solo sentirti"
"... perché piangi, e perché mi hai chiamato?"
"No nulla, vieni all'ospedale di Santa Rita,svelto, porta anche le valige e vieni a prendermi"
Gli chiusi il telefono in faccia.
Dopo una mezz'oretta,mi affaccia dalla finestra e lo vidi,
Era venuto per me,la sua faccia sconvolta,mi aveva lasciato che io ero a scuola,ora invece avevo tubi ovunque, un camice ed ero in una clinica.
"ALICE CHE CAZZO SUCCEDE?"
"Sali"
Poi all'improvviso sentii dei passi svelti diregersi verso di me, mi inizia ad agitare, il cuore mi batteva a mille, la porta si stava per aprire a apparve un ragazzo alto, biondo con cresta,occhi azzurri, Leo.
Si inginocchiò a me è inizio a piangere.
"Ali che fai?, Che fai qui"
Non sapevo come dirglielo, glielo avevo tenuto nascosto 2 mesi,piansi anch'io e cercai di spiegare la mia "malattia"
"Perché non me lo hai detto prima?"
Read more
Paola: "Ciao, mi chiamo Paola. E tu?" Jakim: "Io mi chiamo Jakim... piacere di conoscerti, Paola! ...
Media Removed
Paola: "Ciao, mi chiamo Paola. E tu?" Jakim: "Io mi chiamo Jakim... piacere di conoscerti, Paola! Quanti anni hai?" Paola: "Otto anni." Jakim: "Come me, allora... Mi parli di te?" Paola: "Io ho una bella casa, ho una cameretta tutta per me. Sono fortunata, sai? Il dottore abita nel mio palazzo ... Paola: "Ciao, mi chiamo Paola. E tu?" Jakim: "Io mi chiamo Jakim... piacere di conoscerti, Paola! Quanti anni hai?" Paola: "Otto anni." Jakim: "Come me, allora... Mi parli di te?" Paola: "Io ho una bella casa, ho una cameretta tutta per me. Sono fortunata, sai? Il dottore abita nel mio palazzo e se ho la febbre è tutto per me. Faccio la terza elementare, vado in palestra a fare minibasket, ho molti giochi nella mia camera. La mamma dice che ne ho troppi e a volte me ne butta via un po'. Non sempre mi va di mangiare... il mio papà mi sgrida perché deve buttare via il pane che non mangio. E il tuo papà che dice se non mangi?" Jakim: "Io non ho papà. Io veramente ho fame... e mangio di tutto... quando ce n'è. La mamma è spesso triste perché non mangio... perché non mi può portare da mangiare. Mentre tu non vuoi mangiare, io non posso mangiare. Ogni mattina, quando mi sveglio, non so se mangerò. Da poco ho cominciato a lavorare, ma con la mia paga dobbiamo pagare i debiti. Mia mamma ha potuto tirare avanti la famiglia grazie ad un prestito e non finiamo mai di pagarlo." Paola: "Certe volte mi arrabbio con la mamma perché non mi compra le merendine che piacciono a me. Con papà ho fatto quest'estate i capricci: lui voleva andare in montagna mentre io volevo andare al mare in vacanza. A me non piace andare in vacanza in montagna! Che noia! Dimmi Jakim... a scuola come va?" Jakim: "Da noi è tutto distrutto, la scuola è stata colpita con il cannone, non ci siamo potuti più andare. Era sempre più bello andare a scuola ... ora invece lavoro quattordici ore al giorno in una fabbrica di mattoni... e sono fortunato. I miei amici più grandi devono fare i soldati, mio cugino ha messo un piede su una mina e... poverino, l'ho visto mentre gridava e pregava... Mi hanno detto che era una mina italiana: ma perché avete costruito quelle mine? Ho visto tanti compagni morire. Anche il maestro è partito per la guerra. Chi ci insegnerà a leggere e a scrivere ora? Sai che usa una pistola costruita proprio nella tua nazione?" Paola: "Che brutta vita fate... perché sei nato proprio lì?" Jakim: "Mica l'ho scelto io... è il caso, è come la lotteria: io sono nato in Africa, tu sei
Read more
03/05/2016 <Una delle migliori sensazioni al mondo è quando abbracci qualcuno e lui ricambia ...
Media Removed
03/05/2016 · Buon pomeriggio splendori · Nonostante oggi pomeriggio io abbia dormito un'oretta sul divano sono stanchissima... · Sta notte ho dormito malissimo! Ho ... 03/05/2016
<Una delle migliori sensazioni al mondo è quando abbracci qualcuno e lui ricambia stringendoti più forte.>
·
Buon pomeriggio splendori❤
·
Nonostante oggi pomeriggio io abbia dormito un'oretta sul divano sono stanchissima...
·
Sta notte ho dormito malissimo!
Ho fatto un sacco di incubi, svegliandomi ogni tre per due...
·
E tutto questo perché?
Perché sono infoiata dura con Teen Wolf!
·
Quel telefilm ha una grafica orribile, ma ha anche degli attori stupendi e una storia che prende un casino!
E io ho passato tutta la notte a sognare le possibili versioni degli episodi successivi a quello che ho visto!
Con annesse apparizioni dell'Alfa e squarciamenti vari -.-'
·
Tutta colpa di mia cugina! u.u
Una fanatica di serie TV e libri che adoro con tutta me stessa!❤
·
La scorsa settimana ci siamo riuscite ad organizzare e sabato mi è venuta a prendere davanti a scuola! c:
·
Siamo andate a mangiare e siamo rimaste nel locale un paio d'ore a chiacchierare!
Poi siamo andate alla Feltrinelli e anche lì ci siamo state un casino! ^^
·
Poi visto che io dovevo comprare un libro per la scuola e non volevo spendere troppo mi ha portata in un negozio chiamato "Libraccio" dove vendono libri usati scontatissimi!
E lì oltre ad aver trovato il libro per la scuola, ho trovato i libri di una serie che ho letto e che costavano 14€ l'uno a 1,77€!! >//<
Quanti soldi avrei potuto risparmiare! T^T
·
Da lì poi siamo andate a prendere un gelato e l'autobus.
Siamo arrivate a casa sua e con i suoi siamo venute a casa mia dove lei è rimasta a dormire! ^^
·
Abbiamo chiacchierato fino a tardi, alla mattina abbiamo fatto un po' di compito e dopo pranzo la mia nuova dipendenza ha avuto inizio con la mia prima visione del primo episodio di Teen Wolf!
·
Per merenda abbiamo fatto i pancake e poi ci siamo guardate un altro episodio che però non siamo riuscite a finire di vedere insieme perché mio zio è venuta a prenderla... :c
·
Non vedo l'ora di passare un altro weekend insieme a lei!❤
È una delle persone più dolci e disponibili che io conosca! ^^
Le voglio un mondo di bene!❤
·
Non voglio diventare smielata quindi vi saluto!
·
Un bacio! ^*^
·
~Vì <3
Read more
CAPITOLO 1 *Driindriin* Merda.È arrivato il fatidico giorno.Non voglio andare a scuola e se ...
Media Removed
CAPITOLO 1 *Driindriin* Merda.È arrivato il fatidico giorno.Non voglio andare a scuola e se i miei nuovi compagni di classe fossero presuntuosi?Nah non ci voglio pensare. Mi alzai,andai in bagno,mi lavai e mi vestii semplice dei jeans neri e una maglietta a maniche corte a righe e le vans ... CAPITOLO 1
*Driindriin*
Merda.È arrivato il fatidico giorno.Non voglio andare a scuola e se i miei nuovi compagni di classe fossero presuntuosi?Nah non ci voglio pensare. Mi alzai,andai in bagno,mi lavai e mi vestii semplice dei jeans neri e una maglietta a maniche corte a righe e le vans nere, mascara e tirai i miei capelli biondicci in una coda alta.E scesi al piano di sotto per mangiare qualcosa..
Mamma:"tesoro cosa vuoi per colazione?"
io:"dammi una kinder fetta al latte e un succo non ho fame."
Mamma:"Fede va che devi starci fino a mezzogiorno in quella scuola."
ecco avete scoperto il mio nome Federica abito a Roma da poco prima abitavo a Milano,frequento il liceo Artistico e devo andare in seconda superiore.Ho abbandonato Milano per inseguire il mio sogno:La danza.
Mamma:"Fede hai 10 minuti dai sbirgati!"
mangiai di fretta salii mi lavai i denti misi il profumo presi il telefono,lo zaino e andai in macchina.
Mamma:"Ricordati di essere sorridente,gentile e simpatica."
io:"Perchè di solito non lo sono?"
Mamma:"avrei qualcosa da ridire ma lasciamo stare ahah dai ecco arrivata!"
Entrai dal portone della scuola e andai in segreteria ero al secondo piano e sta cosa già non mi andava bene. Perchè uno alla mattina deve andare a scuola?uff. Arrivai davanti alla mia classe quando bussai mi aprì un professore vecchiotto.
Prof:"Buongiorno tu sei?"
io:"Prof non so se questa sia la mia classe" dissi indicando gli studenti all'interno che erano tutti maschi
x:"che classe cerchi bellezza?"
Prof:"Pierozzi,se ne stia zitto. che classe sta cercando signorina?"
io:"201"
x:"è questa di fronte!"
Prof:"Pierozzi in presidenza"
x:"maddaii è il primo giornoo!"
Prof:"ok saró buono.. comunque l'accompagno io"
mi portó alla porta della mia classe dove poi entrai,mi sedetti vicino ad una certa Sofia(?) mi presentai a tutti.Quando arrivó l'intervallo uscii con la mia nuova compagna di classe
Sofia:"ei hai già fatto conquiste!"
io:"perchè?"mi guardai intorno e notai il ragazzo di stamattina che mi fissava
Sofia:"Francesco guarda lì come ti guarda.. magari lo facesse pure con me.."
io:"magari guarda te..Ma a te piace?"
CONTINUO NEI COMMENTI💙
Read more
Avere vent'anni significa alzarsi la mattina e chiedersi se la vita sta andando come vorremmo, ...
Media Removed
Avere vent'anni significa alzarsi la mattina e chiedersi se la vita sta andando come vorremmo, se abbiamo fatto la scelta giusta, se vale la pena fare ciò che stiamo facendo e se vale la pena combattere per i nostri obiettivi.
A venti anni non si hanno certezze e non si hanno persone che ci indicano ... Avere vent'anni significa alzarsi la mattina e chiedersi se la vita sta andando come vorremmo, se abbiamo fatto la scelta giusta, se vale la pena fare ciò che stiamo facendo e se vale la pena combattere per i nostri obiettivi.
A venti anni non si hanno certezze e non si hanno persone che ci indicano (e obbligano talvolta) cosa fare. Siamo noi che, nel bene e nel male, decidiamo cosa fare, dove andare, con chi stare, quali obiettivi raggiungere e come raggiungerli, soprattutto. Questo può essere considerato bello e anche giusto, ma io non so se sono ancora pronta. Vorrei tornare ad avere sedici anni, andando a scuola, uscendo con i miei amici non pensando al futuro. Un futuro che mi sembrava troppo lontano, ma che, in realtà, è arrivato in pochissimo tempo.
Avere vent'anni significa crescere, significa prendere in mano la propria vita e fare le giuste cazzate, ovviamente, ma sempre assumendosi le proprie responsabilità. 
Avere vent'anni significa avere dei momenti di crisi, avere dei momenti in cui ci può sembrare di aver buttato via la nostra vita, momenti in cui non siamo contenti di noi stessi e momenti in cui vorremmo soltanto andarcene e abbandonare tutto. Ma a vent'anni non è troppo tardi, a vent'anni siamo ancora in grado di fare la “scelta giusta” e di cambiare radicalmente la nostra vita. Possiamo ancora cambiare e migliorare.
Io mi auguro soltanto di vivere quest’età con grande leggerezza, senza avere troppa nostalgia per il passato e cercando di non pensare troppo al futuro. Vorrei vivere tutto alla giornata, ma, d'altronde, cosa si può pretendere da una ragazzina che, già all'ultimo giorno di scuola della seconda superiore, invece di festeggiare, piangeva pensando che alla fine della scuola sarebbero mancati soltanto tre anni?
Cosa si può pretendere da una ragazzina che già a quindici anni piangeva e stava male all'idea che a diciotto avrebbe dovuto decidere “cosa fare da grande”? Non riesco proprio a vivere alla giornata senza pensare al tanto temuto futuro, ma ci proverò.
A vent'anni voglio prendere tutto con leggerezza, continuare a sognare rimanendo coi piedi per terra come ho sempre fatto, non accontentarmi mai di niente che non mi renda felice.
Read more
“Per circa 13 anni ho sempre passato gli ultimi mesi di scuola con il sorriso, con la spensieratezza ...
Media Removed
“Per circa 13 anni ho sempre passato gli ultimi mesi di scuola con il sorriso, con la spensieratezza tipica di una persona che ha davanti a sé l'estate. Però giorno per giorno noto come quel banco, che mi stava stretto, adesso diventa sempre più spazioso come ad abbracciarmi ogni mattina. ... “Per circa 13 anni ho sempre passato gli ultimi mesi di scuola con il sorriso, con la spensieratezza tipica di una persona che ha davanti a sé l'estate. Però giorno per giorno noto come quel banco, che mi stava stretto, adesso diventa sempre più spazioso come ad abbracciarmi ogni mattina. Come la spalla del mio compagno di banco adesso sia più comoda nelle ore di latino e di come il caffè schifoso della macchinetta della scuola abbia quella dolcezza e gusto unico, un pò nostalgico, del “caffè della scuola”. Mi sono reso conto che i professori che tanto ho odiato in questi anni adesso sono come dei secondi genitori. Mi sono reso conto che quelle squallide mura impregnate delle maledizioni, delle risate, delle grida di tanti e tanti alunni che come me sono passati li dentro, adesso sembrano più colorate e accoglienti. Mi sono reso conto di quanto io sia cambiato, di come sia entrato così immaturo e adesso stia uscendo “un pò meno immaturo” di prima. Mi sono reso conto che 5 anni passano troppo in fretta, che se penso al mio primo anno mi sembra una vita fa. Mi sono reso conto che c'è un pò di me lì dentro, negli occhi di tutti i miei compagni di classe, in quella “scuola di merda” nominata miliardi di volte. E alla fine mi sono reso conto che, forse, è davvero arrivata la fine.” ❤️💯 #lamiafamiglia #100 #loveuall
Read more
Ciao lei è la mia amica Anna. Anna porta sempre i suoi occhiali (tranne quando li perde). Anna è molto ...
Media Removed
Ciao lei è la mia amica Anna. Anna porta sempre i suoi occhiali (tranne quando li perde). Anna è molto buona e generosa ma solo con le persone che le stanno simpatiche, in caso contrario meglio starle alla larga. (Io le sto simpatica). Anna è una persona un po’ pigra infatti la mattina non viene ... Ciao lei è la mia amica Anna. Anna porta sempre i suoi occhiali (tranne quando li perde). Anna è molto buona e generosa ma solo con le persone che le stanno simpatiche, in caso contrario meglio starle alla larga. (Io le sto simpatica). Anna è una persona un po’ pigra infatti la mattina non viene mai a scuola in bici. Anna parla davvero tantissimo e spesso con un tono di voce leggermente alto, soprattutto se è arrabbiata. Anna mangia spesso i Chupa Chups. Anna oggi compie 18 anni. Anna probabilmente domani verrà arrestata. Io voglio tanto bene a Anna. ❤️❤️❤️❤️
Read more
Capitolo 2 R:stai più attento quando cammini!! ?:perdonami non volevo...comunque piacere ...
Media Removed
Capitolo 2 R:stai più attento quando cammini!! ?:perdonami non volevo...comunque piacere mi chiamo Kendall... R:io Riley. K:posso offrirti qualcosa,per farmi perdonare... R:va bene️ Entrammo in un bar,e Kendall mi offrì una cioccolata calda[...] R:mmm,buonissima. K:allora ... Capitolo 2
R:stai più attento quando cammini!!
?:perdonami non volevo...comunque piacere mi chiamo Kendall...
R:io Riley.
K:posso offrirti qualcosa,per farmi perdonare...
R:va bene☺️
Entrammo in un bar,e Kendall mi offrì una cioccolata calda[...]
R:mmm,buonissima.
K:allora Riley...da quando ti trovi qui a Los Angeles??
R:due ore...
K:DUE ORE!?!? Wow...quindi non conosci la città....
R:no anzi...ti andrebbe di farmela vedere???
K:certo!!!
Kendall pagò la cioccolata e uscimmo.
Mi portò in giro per tutta la città,trascorremmo tutto il pomeriggio fuori,gli raccontai di Miami,della mia passione per la danza,di Austin,di Emily e del motivo per il quale mi sono trasferita a Los Angeles,poi mi riaccompagnò a casa[...]
R:grazie per questa bellissima giornata Kendall.
K:di niente,è stato un piacere...potremmo rincontrarci un giorno.
R:certo!!!
[...]
La mattina dopo,qualcuno bussò alla porta e io andai ad aprire. Era Kendall.
R:hey!
K:hey,sai pensavo alla tua passione per la danza e al fatto che hai dovuto lasciarla perché dovevi trasferirti...
R:si...e allora??
K:beh,c'è una scuola di danza a cinque minuti da qui,stanno facendo le audizioni per il gruppo che parteciperà alle nazionali,tieni,questo è il volantino*me lo dà*. Le audizioni si terranno oggi dalle 16:30.
*lo abbracciai*
R:grazie Kendall!!!! Ti andrebbe di accompagnarmi???
K:certo!!! Allora ti vengo a prendere alle 16:00.
R:certo!!!
[...] Arrivò il pomeriggio,io ero pronta e Kendall bussò alla porta.
K:andiamo??
R:certo...
Arrivammo lì,la scuola era grandissima,vedevo i ballerini riscaldarsi,erano bravissimi e non se ce l'avrei fatta...
[...]dopo un'ora toccò a me...
R:Kendall aspettami fuori..
K:certo!😊
Entrai e la musica partì,ballai come non avevo mai fatto,volevo veramente entrare in quella scuola,così almeno non abbandonavo la danza...
Dopo un'ora diedero il risultati,guadai il mio nome e...
Read more
Istituto di Moda Mara Scalon è una scuola di formazione professionale che propone dei corsi da stilista, ...
Media Removed
Istituto di Moda Mara Scalon è una scuola di formazione professionale che propone dei corsi da stilista, figurinista, modellista, design della moda, costumista teatrale, taglio, confezione e cucito.  I corsi sono composti da pochi alunni, in modo tale che questi vengano seguiti meglio ... Istituto di Moda Mara Scalon è una scuola di formazione professionale che propone dei corsi da stilista, figurinista, modellista, design della moda, costumista teatrale, taglio, confezione e cucito. 
I corsi sono composti da pochi alunni, in modo tale che questi vengano seguiti meglio dall'insegnante. Gli allievi possono iscriversi in qualsiasi periodo dell' anno in modo da soddisfare al meglio le loro esigenze; proprio per questo motivo la scuola è anche aperta il sabato mattina e nel mese di Agosto, così anche chi lavora ha la possibilità di assecondare la sua passione in questo settore.
I prezzi sono molto competitivi e la scuola è situata in un posto strategico vicino alla stazione di Porta Susa che agevola gli spostamenti anche per chi proviene da Lombardia e Liguria.
Storicità e alta esperienza sono i tratti distintivi di questo istituto di moda che dal 1960 ha ricevuto diversi riconoscimenti e certificazioni.
Le riviste del settore parlano molto bene di questa scuola in particolare la famosa rivista Vogue la classifica tra le scuole con il sistema informativo d'alto livello nella moda. 
Per altre info vi consiglio di visitare il sito: http://l12.eu/marascalon-2186-au/93XEWY5QDTZJQ3GKIW09
#istitutodimoda  #istitutodimodamarascalon  #corsidimodamarascalon  #ad  #piemonte #igerspiemonte #portasusa #stilista #cucitosartoriale #fashiondesign #fashion #costumistateatrale #figurista #corsidimoda #scuoladimoda #moda #design #italy #consiglio #scuola #marascalon #dress #glam #model #wondergirlteampic #outfit #mode #style
Read more
E ti diranno un sacco di cose. Te ne diranno tante. Tutte giuste. Tutte vere. Ti diranno di non ...
Media Removed
E ti diranno un sacco di cose. Te ne diranno tante. Tutte giuste. Tutte vere. Ti diranno di non scappare dal dolore. Di vivertelo tutto. Di farci amicizia. Che si può morire in mille modi ma di certo non si può morir d’amore. Ti diranno di non restare sola di uscire di segnarti in ... E ti diranno un sacco di cose.
Te ne diranno tante.
Tutte giuste.
Tutte vere.
Ti diranno di non scappare dal dolore.
Di vivertelo tutto.
Di farci amicizia.
Che si può morire in mille modi
ma di certo
non si può morir d’amore.
Ti diranno di non restare sola
di uscire
di segnarti in palestra
cambiare taglio
di iscriverti a una scuola di ballo.
Conoscere gente.
Che lì ci si diverte solo
senza il bisogno
di pensare a niente.
Ti diranno che è andata
come doveva andare.
E di prenderti le gocce.
E di dormire.
Possibilmente per un po’
anche di smettere di sognare.
Che il più coraggioso
in fin dei conti resta sempre
e il più vigliacco, invece
decide di mollare.
E la mattina di svegliarti presto.
Andare a correre.
Sentirti bella.
Leggere un libro.
Leggerne tanti.
Che le risposte sono tutte lì.
Anche se adesso ti senti piccola.
In mezzo a un mondo di giganti.
Ti diranno un sacco di cose.
Te ne diranno tante.
Tutte giuste.
Tutte vere.
Ma non serviranno a niente.
Starà soltanto a te decidere.
Quando sarà il momento giusto
per dire: adesso basta.
E poi, ricominciare a vivere.

#crampiolo #alpedevero #devero #ossola #aprile2017 #amicomio #neve #lagodellefate #facciamoliduepassi #cieloblu #bluesky #baceno #valdossola
#visitpiemonte #piemonteitalia #yallerspiemonte
Read more
Dal momento in cui ho iniziato la scuola credo che non aspettassi altro che quel famoso ‘’ultimo ...
Media Removed
Dal momento in cui ho iniziato la scuola credo che non aspettassi altro che quel famoso ‘’ultimo giorno di scuola”. Ora che sta arrivando è più triste di quanto mi aspettassi.
“Un giorno rimpiangerai la scuola”, mi sono sempre sentita dire quando dicevo che la scuola non mi sarebbe mancata. ... Dal momento in cui ho iniziato la scuola credo che non aspettassi altro che quel famoso ‘’ultimo giorno di scuola”. Ora che sta arrivando è più triste di quanto mi aspettassi.
“Un giorno rimpiangerai la scuola”, mi sono sempre sentita dire quando dicevo che la scuola non mi sarebbe mancata. Quando, però, si arriva al termine di questi 5 anni si provano diverse sensazioni: la felicità di aver concluso è molta, perché non sempre la strada è stata spianata, ma la nostalgia di tutti quei momenti è ancor di più. Mi mancherà la routine quotidiana, lo svegliarmi presto la mattina, fare le corse con mio fratello per non arrivare tardi, arrivare a scuola struccata e spettinata.
Mi mancheranno nonostante tutto i miei compagni di classe: abbiamo litigato, ci siamo odiati e amati, ci siamo presi per il culo. Mi mancherà sentire le loro voci, le loro risate,le urla,i rimproveri,le polemiche,i guai combinati,le imitazioni,la sfacciataggine,l’arroganza e il vittimismo,le foto insieme,le merende condivise,l’ansia prima di un compito o un interrogazione. Mi mancherà soprattutto chi mi è stato sempre accanto,chi mi ha capita,mi ha rassicurata sempre.
E quando mi dicevano che avrei rimpianto la scuola, avevano maledettamente ragione.
Grazie di tutto!❤️ -💯
Read more
C’erano una volta due bambine, due piccole sognatrici. La mattina alle 7,30 il loro appuntamento ...
Media Removed
C’erano una volta due bambine, due piccole sognatrici. La mattina alle 7,30 il loro appuntamento era sotto casa di @georgettepol per andare a scuola assieme. Fino all’inizio delle lezione erano un vortice di allegria, chiacchiere, e sognavano ad occhi aperti. A fine lezione si aspettavano ... C’erano una volta due bambine, due piccole sognatrici. La mattina alle 7,30 il loro appuntamento era sotto casa di @georgettepol per andare a scuola assieme. Fino all’inizio delle lezione erano un vortice di allegria, chiacchiere, e sognavano ad occhi aperti. A fine lezione si aspettavano per ripercorrere la strada che le avrebbe riportate a casa giusto il tempo di mangiare qualcosa e i loro pomeriggi erano fatti per trascorrerli ancora una volta assieme. Poi la vita le ha portate distanti ma solo fisicamente. Dopo 25 anni quelle due bambine sono diventate donne e nulla è cambiato, o forse sì. Qualche loro sogno si è realizzato ma ancora oggi passano i loro pomeriggi a chiacchierare e porsi nuove sfide da realizzare con la tenacia di chi non molla mai ⭐️❤️ #friends #love #fashion #instagood
Read more
Ho un sogno che un giorno i bambini diventeranno bambini in tutte le parti del mondo. Ho un sogno ...
Media Removed
Ho un sogno che un giorno i bambini diventeranno bambini in tutte le parti del mondo. Ho un sogno che un giorno i bambini africani avranno la possibilità di giocare e studiare come bambini. Ho un sogno che un giorno loro deporranno le armi perché non ne avranno più bisogno. Ho un sogno che ... Ho un sogno che un giorno i bambini diventeranno bambini in tutte le parti del mondo.
Ho un sogno che un giorno i bambini africani avranno la possibilità di giocare e studiare come bambini.

Ho un sogno che un giorno loro deporranno le armi perché non ne avranno più bisogno.
Ho un sogno che un giorno loro verranno ascoltati, tollerati e che potranno anche decidere cosa fare da grandi.
Nel mio sogno vedo che i bambini africani non
moriranno più di fame, sete e malattie banali.
Nel mio sogno vedo che questi bambini andranno a scuola la mattina anziché andare nei vari cantieri.
Nel mio sogno vedo che questi bambini lasceranno le grotte, i tombini e le strade per andare a dormire nelle case.

Ho un sogno che un giorno loro non avranno più bisogno di camminare per chilometri in cerca d’acqua sporca da bere.
Ho un sogno che un giorno i loro piedi saranno
protetti dalle scarpe e i loro corpi coperti dai vestiti.

Nel mio sogno vedo che i bambini africani avranno la possibilità di vaccinarsi contro le malattie infantili.
Nel mio sogno vedo che i loro destini non saranno più decisi dalle tragedie causate dai grandi.

Nel mio sogno vedo che i bambini africani avranno la possibilità di riuscire un giorno a sognare!👱🏻❤👦🏾 •

#africa #toptags #african #travel #traveling #gapyear #holiday #vacation #travelling #sun #hot #love #ilove #instatravel #tourist #traveler #instalive #instalife #tourism #volunteer #volunteering #african_portraits #amazing #beautiful #afrique #travelingram
Read more
Dopo avergli dato il biglietto,lui mi sorrise io ricambiai, e me ne andai. Arrivata a casa stavo ...
Media Removed
Dopo avergli dato il biglietto,lui mi sorrise io ricambiai, e me ne andai. Arrivata a casa stavo per aprire la porta,ma sentì mia madre urlare contro mio padre, che cosa stava succedendo? Cercsi di origliare, e sentì mamma accusare il babbo di averla tradita per 5 mesi,con una sua amica ... Dopo avergli dato il biglietto,lui mi sorrise io ricambiai, e me ne andai.
Arrivata a casa stavo per aprire la porta,ma sentì mia madre urlare contro mio padre,
che cosa stava succedendo?
Cercsi di origliare, e sentì mamma accusare il babbo di averla tradita per 5 mesi,con una sua amica di vecchia data.
Poi dei passi avvicinarsi alla porta,la chiave infilarsi nella fessura e vidi mio padre uscire con 3 valige da casa e dirigersi verso la sua macchina,e mia madre guardarlo e scappare via,in lacrime, per poi andare a chiudersi in bagno.
Non capì che cosa era successo ma sta di fatto che mia madre non volle dirmi nulla.
La mattina seguente,non trovai mio padre a letto,e neanche in cucina a mangiarsi il suo solito cornetto.
Chiesi spiegazioni e insistendo,mia madre mi disse che l'aveva tradita, e che lo aveva cacciatl di casa,e che tra una settimana faranno le carte del divorzio.
La mia rabbia si trasformò in lacrime pungenti,che scendevano sul mio viso una dopo l'altra,e senza pensarci troppo uscii di casa,per dirigermi a scuola.
La mia vista era offuscata dalle milioni lacrime che scendevano,non mi accorsi neanche dei mille sguardi rivolti verso me, e mentre mi chiedevo perché era succeso a me sentii la mano di Leo sulla mia spalle,e un filo della sua voce chiedermi perché io stessi piangendo.
Come facevo a dire il mostro che era mio padre?dopo vari sforzi c'è la feci e lui mi porto in un bar a bere un po',era per me la prima volta infatti non sapì reggere bene.
Avevo saltato scuola e mi ritirai a casa solo la sera,e mia madre era lì,in camera sua a parlare con il suo avvocato dicendo che volevo subito la separazione.
E da quella sera iniziò il problema,fuori di me presi il temperino,gli tolsi la lamette e la feci avvicinare al mio braccio sanguinante.
Quella sera non ero io,era un lato di me mai preso in considerazione,mi sentivo bene quando quella maledetta lametta affondava nel mio braccio, e il sangue cadeva sul pavimento.
Ecco la nuova Alice, l'autolesionista forse?Non lo sapevo, ma di certo quella parte oscura di me aveva preso il sopravvento.
La mattina seguente
a scuola nessuno si accorse di niente,ma sentivo il bisogno di confidarmi con qualcuno.
Read more
È arrivato settembre e Checco tra pochi giorni inizierà ad andare al nido. In tutta verità, non ho ...
Media Removed
È arrivato settembre e Checco tra pochi giorni inizierà ad andare al nido. In tutta verità, non ho alcuna esigenza di portarlo a scuola perché lavoro raramente di mattina e quando sono a lavoro lui può tranquillamente venire con me. “L’esigenza” della scuola nasce perché certe volte in casa ... È arrivato settembre e Checco tra pochi giorni inizierà ad andare al nido. In tutta verità, non ho alcuna esigenza di portarlo a scuola perché lavoro raramente di mattina e quando sono a lavoro lui può tranquillamente venire con me. “L’esigenza” della scuola nasce perché certe volte in casa lo vedo annoiato, per quanti giochi possiamo fare insieme e per quanto tempo posso dedicargli, mi rendo conto che ha proprio bisogno di stare con altri bambini e socializzare. Quando ne incontra qualcuno lui impazzisce e non riesce a contenere la felicità, per cui anche se mi costerà non poche lacrime, tra qualche giorno inizieremo l’inserimento (il mio si intende!😂 devono darmi il tempo di abituarmi gradualmente!) a voi com’è andata i primi giorni? Più o meno traumatico?
Read more
“Sei Pugliese? Bella la Puglia! Sono stato in Salento una volta. (sempre e solo lì andate). Tu ...
Media Removed
“Sei Pugliese? Bella la Puglia! Sono stato in Salento una volta. (sempre e solo lì andate). Tu di dove sei? Ti manca la Puglia?” No, non mi manca per nulla il cielo azzurro la mattina. Non mi manca il sole che entra prepotente e ti inonda. Non mi manca incazzarmi per 3 secondi, poi sorridere. Non ... “Sei Pugliese? Bella la Puglia!
Sono stato in Salento una volta. (sempre e solo lì andate).
Tu di dove sei? Ti manca la Puglia?” No, non mi manca per nulla il cielo azzurro la mattina.
Non mi manca il sole che entra prepotente e ti inonda.
Non mi manca incazzarmi per 3 secondi, poi sorridere.
Non mi manca mangiare bene dai nonni.
Non mi manca sentire il clacson quando scatta il verde.
Non mi manca riabbracciare gli amici con cui ho condiviso sogni e speranze.
Non mi manca ritrovarli con gli stessi occhi, ma più grandi e più felici
Non mi manca il mio letto, il mio comodino.
Non mi manca la solita strada per tornare dal mare.
Non mi manca conoscere le strade a memoria.
Non mi manca il cornetto alle 4 di notte.
Non mi manca la mia famiglia, con mamma che mi accoglie come se fossi stato in guerra
Non mi manca il tramonto con i piedi nella sabbia
Non mi manca arrivare alle 22 e non sapere ancora dove cenare
Non mi manca cercare i negozi dove sei cresciuto per vedere se resistono
Non mi manca passare davanti alla mia vecchia scuola e ricordare.
Non mi manca il dialetto.
Non mi manca il mare
Non mi manca il mare DI NOTTE
Non mi manca il mare d'inverno
Non mi manca non sapere dove fotografare perchè è tutto troppo bello.

Vaglielo a spiegare che non ti stai piangendo addosso.
Vaglielo a spiegare che ora sei felice anche dove ti trovi. A Milano, Roma, Venezia.
Vaglielo a spiegare che ora sei felice, anzi felicissimo.
Vaglielo a spiegare, però, che vivi con il cuore rotto a metà per essere andato via.
Vaglielo a spiegare che sotto sotto sogni di farcela per ritornare.

Vaglielo a spiegare che alcuni popoli la chiamano “saudade: L’atteggiamento di nostalgico rimpianto, ritenuto caratteristica spirituale del popolo portoghese, spec. nelle sue manifestazioni letterarie e musicali.
Vaglielo a spiegare che sei pugliese.

Vaglielo a spiegare che sei innamorato e che non vuoi fare polemica ma solo dirlo ad alta voce.
Anzi, non glielo spiegare.

Sorridi, chiudi gli occhi e tuffati.

#taranto
Read more
‘sono giorni difficili, anzi, difficili è forse fin troppo ridicola come parola perché minimizza ...
Media Removed
‘sono giorni difficili, anzi, difficili è forse fin troppo ridicola come parola perché minimizza la concezione del dolore, ed è sbagliato. ma sai, mi sono resa conto che le cose sbagliate che facciamo sono infinite, le cose sbagliate che accadono, sono infinite... è tutto un immenso uragano ... ‘sono giorni difficili, anzi, difficili è forse fin troppo ridicola come parola perché minimizza la concezione del dolore, ed è sbagliato.
ma sai, mi sono resa conto che le cose sbagliate che facciamo sono infinite, le cose sbagliate che accadono, sono infinite... è tutto un immenso uragano di azioni momenti ed immagini, e non sempre comprende solo cose belle.
e vorremmo che il momento in cui questo uragano ci travolge portandoci nel male non arrivi mai, ma è impossibile che accada.
è che è successo tutto come in un battito di ciglia, veloce come il vento.. troppo veloce.
non ho avuto neanche il tempo di prendere un bel respiro che tutto quello per cui stavo e stavamo lottando... era già andato perso. sai, se ci penso ora sembra ancora un incubo dal quale non sono riuscita a svegliarmi... e invece quando provo a stringere forte gli occhi e a riaprirli mi rendo conto che questa realtà è quella che è da considerare la mia nuova vita. Una pagina bianca che dà inizio ad un altro capitolo... o forse oserei dire ad un altro grande libro che racchiude la mia intera vita.
non sto permettendo a nessuno di leggerne le prime pagine, forse più in là permetterò a chi son certa tenga davvero a me di partecipare a scriverne il continuo...
e mi dispiace di starmi isolando così, ma non c’è nessuno che possa capirmi davvero... perché il dolore è così soggettivo, così complesso e articolato che arriva nella vita delle persone e la stravolge ogni volta in modo del tutto differente.
ti chiedo scusa se andrà avanti con mie continue sparizioni per i prossimi mesi ma... sta per iniziare la scuola e già dal primo giorno il dolore si rafforzerà. ogni mattina il non vederla in cucina a prepararmi la colazione mi farà iniziare la giornata con un vuoto al petto che difficilmente si riempirà... ma sappi che sei con me amore mio.’ -Fiby (o almeno credo)
Read more
Me lo ricordo ancora benissimo, una mattina a scuola mi chiesero cosa avrei voluto fare dopo averla ...
Media Removed
Me lo ricordo ancora benissimo, una mattina a scuola mi chiesero cosa avrei voluto fare dopo averla terminata, ed io risposi convinto “svegliarmi la mattina e fare canzoni”. Ovviamente suscitò subito incredulità e stupore generale, ma io, una volta uscito dalle superiori, tutti i giorni ... Me lo ricordo ancora benissimo, una mattina a scuola mi chiesero cosa avrei voluto fare dopo averla terminata, ed io risposi convinto “svegliarmi la mattina e fare canzoni”.
Ovviamente suscitò subito incredulità e stupore generale, ma io, una volta uscito dalle superiori, tutti i giorni ho iniziato a comporre musica per davvero!
È una strada un po’ incerta e imprevedibile, tutti i Dj e produttori lo sanno, nessuno ti assicura niente e tutto ciò che fai devi spingerlo da solo o con l’aiuto di pochi fidati. Ma non ho mai smesso neanche un giorno di dubitare in ciò, ed oggi mi ritrovo con tantissime soddisfazioni e risultati.
Ogni canzone che creo ha un suo singolare percorso, alcune arrivano in posti del mondo dove non avrei mai immaginato, altre fanno di meno, ma poi senza accorgertene ti creano nuovi contatti e nuove opportunità. Per me comunque ogni canzone è come se fosse un figlio e sono attaccatissimo ad ognuna di esse.
Quest’estate vi stiamo riempiendo di musica, ieri è uscito il pezzo con Entics, Venerdì uscirà un remix ufficiale per Federico Scavo, Rapido Y Lento con Max Brigante, Didy e Vaizar sta spaccando in tutto il mondo ed è presente in playlist di Spotify molto influenti! Per non parlare del Remix di Canta Canta di Shorty o del pezzo con Walshy Fire & TY1! 🔥
Ovviamente abbiamo ancora tanta musica da far uscire, e non vedo l’ora! 🙏🏻
Mettimi a fare musica e mi renderai un ragazzo felice! 😊
Read more
 #20AnniSenzaLucio (1943-1998) Le frasi più belle di #LucioBattisti, scelte da me: ~ E ricoprir ...
Media Removed
#20AnniSenzaLucio (1943-1998) Le frasi più belle di #LucioBattisti, scelte da me: ~ E ricoprir di terra una piantina verde sperando possa nascere un giorno una rosa rossa. E di notte passare con lo sguardo la collina per scoprire dove il sole va a dormire. Domandarsi perché quando ... #20AnniSenzaLucio (1943-1998)
Le frasi più belle di #LucioBattisti, scelte da me:
~
E ricoprir di terra una piantina verde sperando possa nascere un giorno una rosa rossa.
E di notte passare con lo sguardo la collina per scoprire dove il sole va a dormire.
Domandarsi perché quando cade la tristezza in fondo al cuore come la neve non fa rumore.
(Emozioni)
~
Sogno di abbracciare un amico vero, che non voglia vendicarsi su di me di un suo momento amaro.
(Una giornata uggiosa)
~
In un mondo che prigioniero è, respiriamo liberi io e te. E la verità si offre nuda a noi e limpida è l'immagine ormai.
(Il mio canto libero)
~
Io non conosco quel sorriso sicuro che hai, non so chi sei, non so più chi sei, mi fai paura oramai.
(La canzone del sole)
~
Come può uno scoglio arginare il mare. Anche se non voglio, torno già a volare. Le distese azzurre e le verdi terre. Le discese ardite e le risalite, su nel cielo aperto e poi giù il deserto, e poi ancora in alto con un grande salto.
(Io vorrei... Non vorrei... Ma se vuoi...)
~
Conosci me la mia lealtà tu sai che oggi morirei per onestà.
Conosci me il nome mio tu sola sai se è vero o no che credo in Dio.
(Pensieri e parole)
~
A te che sei il mio presente a te la mia mente e come uccelli leggeri fuggon tutti i miei pensieri per lasciar solo posto al tuo viso che come un sole rosso acceso arde per me.
(La luce dell'est)
~
Per te che di mattina svegli il tuo bambino e poi lo vesti e lo accompagni a scuola e al tuo lavoro vai. Per te che un errore ti è costato tanto che tremi nel guardare un uomo e vivi di rimpianto.
(Anche per te)
~
Fiumi azzurri e colline e praterie dove corrono dolcissime le mie malinconie. L'universo trova spazio dentro me. Ma il coraggio di vivere, quello, ancora non c'è.
(I giardini di marzo)

#Battisti
Read more
Agosto definitivamente accantonato è tempo di salutare l’estate (o quantomeno iniziare a farlo). Lo ...
Media Removed
Agosto definitivamente accantonato è tempo di salutare l’estate (o quantomeno iniziare a farlo). Lo ammetto: non ho mai amato il mese di Settembre e non lo amo tutt'ora, mi ha sempre resa nervosa ed impaziente, come quando aspetti qualcosa che sembra non voler arrivare. Negli ultimi anni ... Agosto definitivamente accantonato è tempo di salutare l’estate (o quantomeno iniziare a farlo).
Lo ammetto: non ho mai amato il mese di Settembre e non lo amo tutt'ora, mi ha sempre resa nervosa ed impaziente, come quando aspetti qualcosa che sembra non voler arrivare. Negli ultimi anni ho imparato però a sfruttarlo come trampolino di lancio verso nuovi obiettivi. Il mio modo per superare la crisi del rientro e procedere a vele spiegate.
Come?
Con una lista di cose che non vedo l'ora di fare: un nuovo taglio di capelli (si accettano idee), un po’ di shopping (ieri nelle stories avete visto una piccola preview), il mio amato crossfit che riprendo questa mattina e..beh, il resto lo trovate oggi sul blog {link in bio}.😁
Il tutto in attesa di pomeriggi di tisane calde fumanti, smalti color autunno, castagne, bicchieri di vino rosso, torte di mele, cardigan chiari e avvolgenti e camini accesi 🍁 .
È tempo di prepararci all'autunno; quindi, Settembre preparati, perché ti affronterò a testa alta e con la forza di un caterpillar 💪🏻!
Anche voi avete i vostri trucchetti magicu per il "back to school"? Svelateli qui sotto 🙏🏻, nella nostra prima chiacchierata della stagione 🤗. Buon primo giorno di scuola #TeamClosette e se ve lo state chiedendo la risposta è sì, mi sono accorta di avere il vestito storto 😂ma era la foto più “adatta” a questo post e col Photoshop non vado molto d’accordo! Ci vediamo nei commenti 😎
Read more
Il medico mi si avvicinò con in mano dei fogli,non poco più lontano mia madre che piangeva e Leo con ...
Media Removed
Il medico mi si avvicinò con in mano dei fogli,non poco più lontano mia madre che piangeva e Leo con Delle mie amiche ad origliare alla porta. Il dottore mi fece una ramanzina, e dalle analisi sembrava che il mio corpo aveva qualcosa che non andava bene,non volle dirmi cosa o perché ma mi confortò ... Il medico mi si avvicinò con in mano dei fogli,non poco più lontano mia madre che piangeva e Leo con Delle mie amiche ad origliare alla porta.
Il dottore mi fece una ramanzina, e dalle analisi sembrava che il mio corpo aveva qualcosa che non andava bene,non volle dirmi cosa o perché ma mi confortò dicendo che non era nulla di grave.
Passai tutta la giornata in quella dannata stanza,mia madre però ancora non mi aveva sgridato o tirato un ceffone, e questo da una parte mi preoccupava perché lei era stata sempre abbastanza severa, ma da un'altra parte ero felice.
Ogni tanto passava una infermiera a controllarmi,a portarmi il pranzo,e io non potetti uscire dal letto tutta la mattinata,il taglio era stato molto profondo, e poiché ero svenuta dovevano ricoverarmi fino al pomeriggio seguente.
Mi sentivo in trappola,come una tigre alla zoo,osservata da tutti,ero a disagio,mia madre certe volte mi portava dell'acqua o merendine prese alla macchinetta e con Delle scuse mi chiedeva perché lo avessi fatto,ma io non rispondevo e abbassavo lo sguardo.
L'unica cosa confortante era il mio ragazzo che stette tutte le ore di ricevimento vicino a me,anche senza parlarci,mi stringeva forte la mano, e certe volte gli scendevano Delle lacrime.
La notte dormii pochissimo, e pensavo a cosa avrei potuto dire quando sarei tornata in classe,forse nessuno mi avrebbe parlato,mi avrebbero allontanato tutti.
Era popolare a scuola,ma avevo rovinato tutto,per problemi familiari,era stato il primo anno scolastico in cui ero notata da molta gente, e sicuramente da quel momento in poi tutto sarebbe cambiato, e forse non avrei avuto più la mia reputazione.
La mattina,appena svegliata mi sentivo intontita,e la ferita al braccio fascista,ma mi faceva male,chiesi quando sarei potuta uscire,mi dissero solo "presto".
Ero triste,insicura di me, perché non volevano dirmi i risultati dalle analisi?forse avevo una malattia?
Perché mia madre piangeva? perché non mi aveva fatto la solita ramanzina?Cosa dirò alla mia futura sorellina?che ero autolesionista?che forse morirò per colpa di una malattia?
E tra i pensieri,sentii arrivare dal telefono una chiamata
Read more
Loading...
Load More
Loading...